Pace Almanacco Aprile

Aprile

Aprile 1
Aprile 2
Aprile 3
Aprile 4
Aprile 5
Aprile 6
Aprile 7
Aprile 8
Aprile 9
Aprile 10
Aprile 11
Aprile 12
Aprile 13
Aprile 14
Aprile 15
Aprile 16
Aprile 17
Aprile 18
Aprile 19
Aprile 20
Aprile 21
Aprile 22
Aprile 23
Aprile 24
Aprile 25
Aprile 26
Aprile 27
Aprile 28
Aprile 29
Aprile 30

cicerowhy


Aprile 1. In questo giorno a 2018, gli Stati Uniti hanno tenuto la prima Giornata dei libri commestibili. Il presidente Donald Trump aveva stabilito la Giornata il 1 ° aprile 2017 per ordine esecutivo. L'International Edible Book Festival è stato fondato nel 2000 ed è stato celebrato in paesi come Australia, Brasile, India, Italia, Giappone, Lussemburgo, Messico, Marocco, Paesi Bassi, Russia e Hong Kong. È stato celebrato anche a livello locale negli Stati Uniti: dal 2004 in Ohio, a Los Angeles nel 2005, a Indianapolis nel 2006 e in Florida come parte della National Library Week. I consiglieri di Trump hanno sostenuto che il Giorno del libro commestibile fosse una grande opportunità per dare a un evento spensierato uno scopo patriottico. Potrebbe diventare il punto focale del calendario per la Guerra alle Fake News e per celebrare l'eccezionalismo americano. Trump è stato particolarmente ispirato quando ha saputo che la Perkins Library dell'Hastings College nel Nebraska aveva celebrato la Giornata del libro commestibile nel 2008 come parte della Banned Books Week. L'ordine esecutivo di Trump ha stabilito le regole da seguire.

  1. Si terrà ogni anno ad aprile 1.
  2. Non deve essere un giorno festivo ma un evento di social media.
  3. I cittadini devono unirsi prima o dopo il lavoro, o durante le pause sanzionate.
  4. I cittadini devono elencare i testi che scelgono di mangiare quel giorno su Twitter.
  5. La NSA raccoglierà e classificherà tutti i testi elencati per azioni future.

Come ha detto Trump quando ha annunciato la Giornata del Libro Nazionale dai gradini della Biblioteca del Congresso, "Questo giorno è il giorno perfetto per tutti quegli spacciatori di notizie false là fuori a mangiare le loro parole e ottenere con il programma e fare di nuovo l'America. ”


Aprile 2. In questo giorno in 1935, migliaia di studenti statunitensi hanno scioperato contro la guerra. Gli studenti universitari nel periodo tra 1930 e 1934 sono cresciuti sentendo gli orrori della prima guerra mondiale in tutta la Francia, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, convinti che la guerra non abbia giovato a nessuno, pur temendo un altro. In 25,000, una protesta degli Stati Uniti che includeva gli studenti 1935 si è tenuta in ricordo del giorno in cui gli Stati Uniti sono entrati nella prima guerra mondiale. In 700, negli Stati Uniti è stato avviato un "Student Strike Against War Committee" che attirava un movimento ancora più grande di studenti 175,000 della Kentucky University uniti da 140 in tutti gli Stati Uniti e da migliaia di altri in tutto il mondo. Gli studenti dei campus 31 dei paesi 300 hanno lasciato le loro classi quel giorno sentendosi: "la protesta contro il massacro è stata più vantaggiosa di un'ora di lezione". Mentre crescevano preoccupazioni sulle occupazioni della Germania, guai tra Giappone e Unione Sovietica, Italia ed Etiopia, la pressione costruito per gli studenti a parlare. A KU, Kenneth Born, un membro del gruppo di discussione, ha messo in discussione il $ XNUMX miliardo speso per la prima guerra mondiale, sostenendo che "il razionalismo potrebbe portare a una soluzione migliore". Mentre era sul podio, la folla è stata esposta ai lacrimogeni, tuttavia Born ha persuaso gli studenti a rimanere dichiarando: "Affronterai peggio di questo in guerra". Charles Hackler, uno studente di giurisprudenza, descrisse le manifestazioni come promemoria del fatto che "la guerra non era inevitabile", definendo l'attuale ROTC "propaganda di guerra per capitalisti, commercianti di munizioni e altri profittatori di guerra ". Poiché molti di questi stessi studenti sono stati costretti a combattere e morire in Europa, Asia e Africa durante la seconda guerra mondiale, le loro parole sono diventate sempre più toccanti.


Aprile 3. In questo giorno in 1948, il Marshall Plan è entrato in vigore. Dopo la seconda guerra mondiale, le Nazioni Unite hanno iniziato a fornire aiuti umanitari ai paesi devastati in tutta Europa. Gli Stati Uniti, che non avevano subito danni significativi, hanno offerto assistenza finanziaria e militare. Il presidente Truman ha quindi nominato l'ex capo di stato maggiore dell'esercito americano George Marshall, noto per la sua diplomazia come Segretario di Stato. Marshall e il suo staff hanno escogitato il "Piano Marshall", o Piano europeo di ripresa, per ripristinare le economie europee. L'Unione Sovietica fu invitata ma rifiutò temendo il coinvolgimento degli Stati Uniti nelle sue decisioni finanziarie. Sedici nazioni accettarono e godettero di una potente ripresa economica tra il 1948 e il 1952 che portò all'Alleanza del Nord Atlantico e successivamente all'Unione Europea. Dopo aver ricevuto il Premio Nobel per la Pace per il suo lavoro, George Marshall ha condiviso queste parole con il mondo: “Ci sono stati notevoli commenti sull'assegnazione del Premio Nobel per la Pace a un soldato. Temo che questo non mi sembri così straordinario come appare evidentemente agli altri. Conosco moltissimo gli orrori e le tragedie della guerra. Oggi, in qualità di presidente dell'American Battle Monuments Commission, è mio dovere supervisionare la costruzione e la manutenzione dei cimiteri militari in molti paesi oltremare, in particolare nell'Europa occidentale. Il costo della guerra nelle vite umane è costantemente diffuso davanti a me, scritto ordinatamente in molti registri le cui colonne sono lapidi. Sono profondamente commosso nel trovare un modo o un metodo per evitare un'altra calamità della guerra. Quasi ogni giorno sento le mogli, o le madri, o le famiglie dei caduti. La tragedia delle conseguenze è quasi costantemente davanti a me. "


Aprile 4. In questa data in 1967, Martin Luther King pronunciò un discorso prima che 3,000 si riunisse nella interdenominazionale Riverside Church a New York City. Intitolato "Oltre il Vietnam: un tempo per rompere il silenzio", il discorso ha segnato una transizione nel ruolo del re dal leader dei diritti civili a un profeta del vangelo sociale. In esso, non solo ha presentato un programma completo per porre fine alla guerra, ma, con gli stessi toni misurati e non retorici, ha scandagliato una "malattia molto più profonda all'interno dello spirito americano" di cui la guerra era un sintomo. Dobbiamo, ha insistito, "subire una rivoluzione radicale di valori .... Una nazione che continua anno dopo anno a spendere più soldi per la difesa militare che per i programmi di sollevamento sociale si sta avvicinando alla morte spirituale. "A seguito del discorso, King fu ampiamente rimproverato dall'establishment americano. Il New York Times ha affermato che "la strategia di unire il movimento per la pace e i diritti civili potrebbe rivelarsi disastrosa per entrambe le cause" e critiche simili sono arrivate dalla stampa nera e dalla NAACP. Eppure, nonostante i crolli e la possibile retribuzione razzista, King non si è ritirato. Ha intrapreso un corso radicale e ha iniziato a progettare la Campagna per i poveri, un progetto per unire tutti i diseredati d'America, indipendentemente dalla razza o dalla nazionalità, nella causa comune della dignità umana. Ha riassunto il suo nuovo atteggiamento con queste parole: "La croce può significare la morte della tua popolarità". Anche così, "Prendi la tua croce e limitala a sopportarla. È così che ho deciso di andare. Come può, non importa adesso. "Un anno dopo il discorso, proprio al giorno, fu assassinato.


Aprile 5. In questo giorno del 1946, il generale Douglas MacArthur parlò del divieto di guerra incluso nell'articolo 9 della nuova Costituzione giapponese. L'articolo 9 include un linguaggio quasi identico a quello del Patto Kellogg-Briand di cui molte nazioni sono parte. "Sebbene tutte le disposizioni di questa proposta di nuova costituzione siano importanti e conducano individualmente e collettivamente al fine desiderato come espresso a Potsdam", ha detto, "desidero menzionare in particolare quella disposizione che riguarda la rinuncia alla guerra. Tale rinuncia, sebbene per alcuni aspetti una sequenza logica per la distruzione del potenziale bellico del Giappone, va ancora oltre nella sua rinuncia al diritto sovrano di ricorrere alle armi nella sfera internazionale. Il Giappone proclama in tal modo la sua fede in una società di nazioni mediante regole giuste, tolleranti ed efficaci di moralità sociale e politica universale e ad essa affida la sua integrità nazionale. Il cinico può vedere tale azione come una dimostrazione ma una fede infantile in un ideale visionario, ma il realista vedrà in essa un significato molto più profondo. Capirà che nell'evoluzione della società è diventato necessario per l'uomo rinunciare a determinati diritti. . . . La proposta . . . ma riconosce un ulteriore passo nell'evoluzione dell'umanità. . . . dipendente da una leadership mondiale a cui non manca il coraggio morale per attuare la volontà delle masse che aborriscono la guerra. . . . Raccomando quindi la proposta del Giappone di rinunciare alla guerra all'attenta considerazione di tutti i popoli del mondo. Indica la strada, l'unica via. "


Aprile 6. In questo giorno in 1994, i presidenti di Ruanda e Burundi sono stati assassinati. Le prove evidenziano il capo di guerra addestrato dagli Stati Uniti e addestrato dagli Stati Uniti Paul Kagame - in seguito presidente del Ruanda - come il colpevole. Questa è una buona giornata per ricordare che mentre le guerre non possono impedire i genocidi, possono causarle. Il segretario generale delle Nazioni Unite Boutros Boutros-Ghali ha detto che "il genocidio in Ruanda era al cento per cento la responsabilità degli americani!" Questo perché gli Stati Uniti hanno appoggiato un'invasione del Ruanda in ottobre 1, 1990, da un esercito ugandese guidato da addestrati dagli Stati Uniti assassini e ha sostenuto il loro attacco al Ruanda per tre anni e mezzo. Il governo ruandese, in risposta, non seguì il modello dell'internamento giapponese dei giapponesi durante la seconda guerra mondiale. Né ha fabbricato l'idea di traditori in mezzo a loro, in quanto l'esercito invasore aveva in realtà cellule attive 36 in Ruanda. Ma il governo ruandese ha arrestato gli 8,000 e li ha trattenuti per alcuni giorni a sei mesi. La gente è fuggita dagli invasori, creando un'enorme crisi di rifugiati, l'agricoltura rovinata, l'economia distrutta e la società distrutta. Gli Stati Uniti e l'Occidente armarono i guerrieri e fecero pressione addizionale attraverso la Banca Mondiale, il FMI e l'USAID. Tra i risultati c'era una maggiore ostilità tra Hutu e Tutsi. Alla fine il governo sarebbe caduto. Prima verrebbe il massacro noto come il genocidio ruandese. E prima sarebbe arrivato l'omicidio di due presidenti. L'uccisione di civili in Ruanda è continuata da allora, sebbene l'uccisione sia stata molto più pesante nel vicino Congo, dove il governo di Kagame ha preso la guerra - con aiuti e armi e truppe statunitensi.


Aprile 7. In questo giorno a 2014, il presidente dell'Ecuador, Rafael Correa, ha detto all'esercito statunitense di lasciare il suo paese. Correa era preoccupato per il "numero molto elevato" di ufficiali militari statunitensi che si intromettono negli affari dell'Ecuador. Tutti i 20 dipendenti militari statunitensi, ad eccezione dell'addetto militare statunitense, sono stati colpiti. Questo è stato l'ultimo passo fino ad oggi negli sforzi dell'Ecuador per riconquistare la sovranità esclusiva degli Stati Uniti nella condotta della loro sicurezza interna. Il primo passo era stato fatto nel 2008, quando Correa aveva epurato i suoi stessi militari le cui forze sarebbero state infiltrate e influenzate dalla CIA. Poi, nel 2009, l'Ecuador ha sfrattato le truppe statunitensi di stanza lì quando si è rifiutato di rinnovare un contratto di locazione gratuito per 10 anni in scadenza su una base militare statunitense nella città di Manta, sulla costa del Pacifico dell'Ecuador. L'aeronautica militare americana si riferiva eufemisticamente a questa base come alla sua "posizione operativa avanzata" più a sud, presumibilmente intesa a fermare il traffico di droga dalla Colombia. Prima della chiusura, Correa ha fatto un'offerta per mantenere aperta la base. "Rinnoveremo la base a una condizione", ha detto, "che ci permettano di mettere una base a Miami, una base ecuadoriana". Ovviamente gli Stati Uniti non erano interessati a quella proposta. L'ipocrisia della posizione degli Stati Uniti è stata riassunta dalla membro dell'Assemblea nazionale ecuadoregna Maria Augusta Calle, la quale il New York Times riferito come dicendo: "È una questione di dignità e sovranità. Quante basi straniere ci sono negli Stati Uniti? " Naturalmente conosciamo la risposta. Ma alla domanda se le basi statunitensi nei paesi di altre persone possano essere chiuse, la storia dell'Ecuador fornisce una risposta stimolante.


Aprile 8. In questo giorno in 1898, è nato Paul Robeson. Il padre di Paul è sfuggito alla schiavitù prima di stabilirsi a Princeton e di laurearsi alla Lincoln University. Nonostante la segregazione a livello nazionale, Paul ha conseguito una borsa di studio accademica presso la Rutgers University dove si è laureato come Valedictorian prima di passare alla Columbia Law School. Il razzismo ha ostacolato la sua carriera, così ne ha trovato un altro nel teatro che promuove la storia e la cultura afro-americana. Paul divenne noto per i ruoli premiati in opere come Otello, Imperatore Jonese Tutti i God's Chillun Got Wingse per la sua splendida interpretazione di Fiume Old Man in Showboat. Le sue esibizioni in tutto il mondo hanno lasciato il pubblico in cerca di bis. Robeson ha studiato lingue e ha cantato canzoni sulla pace e la giustizia in 25 paesi. Ciò ha portato ad amicizie con il leader africano Jomo Kenyatta, l'India Jawaharlal Nehru, WEB Du Bois, Emma Goldman, James Joyce ed Ernest Hemingway. Nel 1933, Robeson ha donato i proventi del suo Tutto il Chillun di Dio ai rifugiati ebrei. Nel 1945, chiese al presidente Truman di approvare una legge contro il linciaggio, mise in dubbio la guerra fredda e chiese perché gli afroamericani dovessero combattere per un paese con un razzismo così dilagante. Paul Robeson fu poi etichettato come comunista dal Comitato per le attività antiamericane della Camera, interrompendo di fatto la sua carriera. Ottanta dei suoi concerti sono stati cancellati e due sono stati attaccati mentre la polizia di stato stava a guardare. Robeson ha risposto: "Canterò dove le persone vogliono che io canti ... e non sarò spaventato dalle croci che bruciano a Peekskill o altrove". Gli Stati Uniti hanno revocato il passaporto di Robeson per 8 anni. Robeson ha scritto un'autobiografia Qui mi alleno prima della sua morte, che sembra aver seguito droga ed elettroshock per mano della CIA.


Aprile 9. In questo giorno in 1947, il primo viaggio in libertà, "Journey of Reconciliation", è stato sponsorizzato da CORE and FOR. Dopo la seconda guerra mondiale, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che la segregazione sui treni interstatali e sugli autobus era incostituzionale. Poiché la sentenza è stata ignorata in tutto il Sud, la Fellowship of Reconciliation (FOR), e un gruppo di otto afroamericani e otto bianchi del Congresso per l'uguaglianza razziale (CORE), compresi i capigruppo Bayard Rustin e George House, hanno iniziato a salire sugli autobus e seduti insieme. Salirono a bordo di autobus Greyhound e Trailways a Washington DC, dirigendosi verso Pietroburgo, dove il Greyhound si diresse poi verso Raleigh e le tracce per Durham. L'autista del Greyhound chiamò la polizia mentre raggiungevano Oxford quando Rustin rifiutò di spostarsi dalla parte anteriore dell'autobus. La polizia non ha fatto nulla come autista e Rustin ha discusso per 45 minuti. Entrambi gli autobus sono arrivati ​​a Chapel Hill il giorno seguente, ma prima di partire per Greensboro ad aprile 13, quattro riders (due afroamericani e due bianchi) sono stati costretti a entrare nella vicina stazione di polizia, arrestati e assegnati un bond 50 ciascuno. L'incidente ha attirato l'attenzione di molti nella zona tra cui diversi tassisti. Uno di loro ha colpito in testa il cavaliere James Peck mentre sbarcava per pagare i legami. Martin Watkins, un veterano della guerra dei disabili bianchi, è stato picchiato dai tassisti per aver parlato con una donna afro-americana a una fermata dell'autobus. Tutte le accuse contro gli attaccanti bianchi sono state eliminate poiché le vittime sono state accusate di incitamento alla violenza. Il lavoro innovativo di questi difensori dei diritti civili alla fine ha portato al Freedom Rides di 1960 e 1961.


Aprile 10. In questa data in 1998, l'accordo del Venerdì Santo è stato firmato nell'Irlanda del Nord, ponendo fine a 30 anni di conflitti settari nell'Irlanda del Nord conosciuti come "The Troubles". Il conflitto risolto dall'accordo risale alla metà degli anni '1960, quando i protestanti dell'Irlanda del Nord raggiunsero una maggioranza demografica che consentì loro di controllare le istituzioni statali in modi che svantaggiavano la minoranza cattolica romana della regione. Alla fine degli anni '60, un movimento attivo per i diritti civili a favore della popolazione cattolica portò a bombardamenti, omicidi e rivolte tra cattolici, protestanti e polizia e truppe britanniche che continuarono fino all'inizio degli anni '1990. Ancora all'inizio del 1998, le prospettive di pace nell'Irlanda del Nord rimasero scarse. Lo storicamente protestante Ulster Unionist Party (sostenitori dell'unione con la Gran Bretagna) si rifiutava ancora di negoziare con lo Sinn Fein, l'ala politica principalmente cattolica e irlandese-repubblicana dell'Esercito repubblicano irlandese (IRA); e la stessa IRA non era disposta a deporre le armi. Tuttavia, i colloqui multipartitici in corso, iniziati nel 1996, che hanno coinvolto rappresentanti dell'Irlanda, vari partiti politici dell'Irlanda del Nord e il governo britannico, alla fine hanno dato i loro frutti. È stato raggiunto un accordo che richiedeva un'Assemblea eletta dell'Irlanda del Nord responsabile della maggior parte delle questioni locali, una cooperazione transfrontaliera tra i governi dell'Irlanda e dell'Irlanda del Nord e una consultazione continua tra i governi britannico e irlandese. Nel maggio 1998, l'accordo è stato approvato in modo schiacciante in un referendum tenuto congiuntamente in Irlanda e Irlanda del Nord. E il 2 dicembre 1999, la Repubblica d'Irlanda ha rimosso le sue rivendicazioni territoriali costituzionali sull'intera isola d'Irlanda e il Regno Unito ha ceduto il dominio diretto dell'Irlanda del Nord.


Aprile 11. In questo giorno in 1996, il trattato di Pelindaba è stato firmato al Cairo, in Egitto. Una volta attuato, il trattato renderebbe l'intero continente africano una zona senza armi nucleari; completerebbe anche una serie di quattro di tali zone che coprono l'intero emisfero meridionale. Quarantotto nazioni africane hanno firmato il trattato, che impone a ciascuna delle parti di non "condurre ricerche, sviluppare, fabbricare, immagazzinare o acquisire in altro modo, possedere o avere il controllo su qualsiasi dispositivo esplosivo nucleare con qualsiasi mezzo". Il trattato vieta anche i test di dispositivi esplosivi nucleari; richiede lo smantellamento di tali dispositivi già fabbricati e la conversione o la distruzione di qualsiasi impianto progettato per crearli; e vieta lo scarico di materiale radioattivo nella zona coperta dal trattato. Inoltre, gli stati nucleari sono invitati a non "usare o minacciare di usare" armi nucleari contro qualsiasi stato in una zona senza armi nucleari. Il prossimo giorno, aprile 12, 1996, un comunicato stampa emesso dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite riassumeva l'importanza del trattato di Pelindaba, che finalmente è entrato in vigore alcuni 13 anni dopo, in luglio 15, 2009, quando fu ratificato da un richiesto 28th Stato africano. Sebbene il Consiglio di sicurezza avesse sperato di garantire la rapida attuazione del Trattato, ha riconosciuto che la sua accettazione in linea di principio da parte di più di 40 paesi africani, nonché da quasi tutti gli stati dotati di armi nucleari, costituiva "un contributo importante alla ... pace internazionale e sicurezza." Il suo comunicato stampa concludeva: "Il Consiglio di sicurezza coglie questa occasione per incoraggiare tali sforzi regionali ... a livello internazionale e regionale volti a raggiungere l'universalità del regime di non proliferazione nucleare".


Aprile 12. In questa data in 1935, alcuni studenti universitari di 175,000 in tutta l'America si sono impegnati in scioperi in classe e manifestazioni pacifiche in cui si sono impegnati a non partecipare mai a un conflitto armato. Le mobilitazioni studentesche contro la guerra simili a quelle di 1935 si sono svolte anche negli Stati Uniti in 1934 e 1936, aumentando in numeri da 25,000 in 1934 a 500,000 in 1936. Poiché molti studenti universitari consideravano la minaccia di guerra posta dal fascismo in Europa come emergente dal caos prodotto dalla prima guerra mondiale, ognuna delle manifestazioni si svolse in aprile per celebrare il mese in cui gli Stati Uniti entrarono nella prima guerra mondiale. Credere che solo le grandi imprese e gli interessi corporativi avevano beneficiato di quella guerra, gli studenti detestavano ciò che vedevano come l'insensato massacro di milioni e cercavano di rendere palese la loro riluttanza a prendere parte a un'altra guerra senza senso all'estero. È interessante notare, tuttavia, che la loro fervente opposizione alla guerra non era basata su opinioni politiche antimperialiste o isolazioniste, ma principalmente su un pacifismo spirituale che era o personale o derivato dall'appartenenza a un'organizzazione che lo promuoveva. Un singolo aneddoto sembra giustamente illuminare questo. In 1932, Richard Moore, uno studente dell'Università della California a Berkeley, si era immerso nelle attività contro la guerra. "La mia posizione", spiegò in seguito, "era una: non credo nell'uccidere, e due: non ero disposto a sottomettermi a un'autorità superiore, che fosse Dio o gli Stati Uniti d'America". l'autenticità può anche spiegare perché centinaia di migliaia di giovani uomini del tempo credevano che la guerra potesse essere eliminata se tutti i giovani si rifiutassero semplicemente di combattere.


Aprile 13. In questa data in 1917, il presidente Woodrow Wilson istituì la commissione per l'informazione pubblica (CPI) per ordine esecutivo. Nato da un'idea di George Creel, un giornalista di muckraking dell'epoca che è stato nominato presidente, il CPI mirava a condurre una campagna di propaganda sostenuta per costruire un sostegno sia nazionale che internazionale per l'entrata in ritardo dell'America nella prima guerra mondiale, solo una settimana prima. Per svolgere la sua missione, l'IPC fondeva tecniche pubblicitarie moderne con una comprensione sofisticata della psicologia umana. In ciò che si avvicinava alla censura, implementava "linee guida volontarie" per controllare i resoconti dei media sulla guerra e allagava i canali culturali con materiale favorevole alla guerra. La divisione di notizie dell'IPC distribuiva alcuni comunicati stampa 6,000 che ogni settimana riempivano più di colonne di giornali 20,000. La sua divisione di Syndicated Features ha reclutato importanti saggisti, romanzieri e scrittori di racconti per trasmettere la linea ufficiale del governo in forma facilmente digeribile a dodici milioni di persone ogni mese. La Divisione della pubblicità pittorica intonacava potenti manifesti, in colori patriottici, su cartelloni pubblicitari in tutto il paese. Gli studiosi furono reclutati per sfornare opuscoli come Pratiche di guerra tedesche più Conquista e Kultur. E la Division of Films ha generato film con titoli come The Kaiser: The Beast of Berlin. Con la creazione del CPI, gli Stati Uniti sono diventati la prima nazione moderna a diffondere la propaganda su una scala molto ampia. In tal modo, ha impartito un'importante lezione: se anche un governo nominalmente democratico, per non dire uno totalitario, è determinato ad andare in guerra, potrebbe benissimo cercare di unificare una nazione divisa dietro di essa attraverso una campagna completa e prolungata di propaganda fraudolenta .


Aprile 14. In questa data in 1988, il parlamento danese ha approvato una risoluzione in cui insiste che il suo governo informi tutte le navi da guerra straniere che cercano di entrare nei porti danesi che devono dichiarare affermativamente prima di farlo, se portino o meno armi nucleari. Nonostante la politica della Danimarca 30 anni prima che le armi nucleari siano bloccate ovunque sul suo territorio, compresi i suoi porti, la politica è stata sistematicamente aggirata dall'accettazione da parte della Danimarca di uno stratagemma impiegato dagli Stati Uniti e da altri alleati della NATO. Conosciuto come NCND, "né a confermare né a negare", questa politica ha effettivamente consentito alle navi della NATO di trasportare armi nucleari nei porti danesi a volontà. La nuova, restrittiva, risoluzione, tuttavia, presentava problemi. Prima del suo passaggio, l'ambasciatore americano in Danimarca aveva detto ai politici danesi che la risoluzione poteva benissimo impedire a tutte le navi da guerra della NATO di visitare la Danimarca, mettendo così fine alle esercitazioni in mare e compromettendo la cooperazione militare. Poiché più del 60 per cento dei danesi voleva il loro paese nella NATO, le minacce venivano prese sul serio dal governo danese di centro-destra. Ha chiesto un'elezione a maggio 10, che ha portato a mantenere i conservatori al potere. A luglio 2, quando una nave da guerra americana si avvicinò a un porto danese rifiutò di divulgare la natura degli armamenti della nave, una lettera gettata a bordo della nave che lo informava della nuova politica danese fu rimpatriata senza troppe cerimonie a riva. A giugno 8, la Danimarca ha raggiunto un nuovo accordo con gli Stati Uniti che consentirebbe nuovamente alle navi della NATO di entrare nei porti danesi senza confermare o negando di trasportare armi nucleari. Per contribuire a placare il sentimento antinucleare a casa, la Danimarca ha contemporaneamente informato i governi della NATO del suo lungo divieto di armi nucleari sul suo territorio in tempo di pace.


Aprile 15. In questo giorno in 1967 il più grande aguerra del Vietnam dimostrazioni nella storia degli Stati Uniti, fino a quel momento, ha avuto luogo a New York, a San Francisco e in molte altre città degli Stati Uniti. A New York, la protesta è iniziata a Central Park e si è conclusa presso la sede delle Nazioni Unite. Hanno partecipato più di 125,000 persone, tra cui il dottor Martin Luther King Jr., Harry Belafonte, James Bevel e il dottor Benjamin Spock. Sono state bruciate oltre 150 carte draft. Altri 100,000 hanno marciato da Second e Market Street nel centro di San Francisco allo stadio Kezar nel Golden Gate Park, dove l'attore Robert Vaughn e Coretta King hanno parlato contro il coinvolgimento dell'America nella guerra del Vietnam. Entrambe le marce facevano parte della mobilitazione primaverile per porre fine alla guerra vietnamita. Il gruppo organizzativo della Mobilitazione Primavera si è riunito per la prima volta il 26 novembre 1966. Era presieduto dall'attivista per la pace veterano AJ Muste e includeva David Dellinger, l'editore di Liberazione; Edward Keating, l'editore di Bastioni; Sidney Peck, della Case Western Reserve University; e Robert Greenblatt, della Cornell University. Nel gennaio 1967 nominarono il reverendo James Luther Bevel, stretto collega di Martin Luther King, Jr., direttore della Mobilitazione Primavera. Alla fine della marcia di New York, Bevel annunciò che la prossima tappa sarebbe stata Washington DC. Il 20-21 maggio 1967, 700 attivisti contro la guerra si riunirono lì per la Spring Mobilization Conference. Il loro scopo era valutare le manifestazioni di aprile e tracciare un percorso futuro per il movimento contro la guerra. Hanno anche creato un comitato amministrativo - il Comitato nazionale di mobilitazione per porre fine alla guerra in Vietnam - per pianificare eventi futuri.

peacethroughpeace


Aprile 16. In questo giorno in 1862, il presidente Abraham Lincoln ha firmato un disegno di legge che termina la schiavitù a Washington, DC Questo è il Giorno dell'emancipazione a Washington, DC La fine della schiavitù a Washington, DC, non ha comportato alcuna guerra. Mentre la schiavitù altrove negli Stati Uniti è stata finita con la creazione di nuove leggi dopo aver ucciso tre quarti di un milione di persone in numerosi grandi campi, la schiavitù a Washington, DC, è stata finita nel modo in cui è finita in gran parte del resto del mondo, vale a dire andando avanti e semplicemente creando nuove leggi. La legge che pose fine alla schiavitù in DC utilizzava l'emancipazione compensata. Non compensava le persone che erano state ridotte in schiavitù, ma piuttosto le persone che le avevano rese schiave. La schiavitù e la servitù erano globali e furono in gran parte terminate entro un secolo, molto più spesso attraverso l'emancipazione compensata che con la guerra, comprese le colonie di Gran Bretagna, Danimarca, Francia e Paesi Bassi, e nella maggior parte del Sud America e dei Caraibi. In retrospettiva sembra certamente vantaggioso porre fine alle ingiustizie senza uccisioni di massa e distruzione, che oltre al suo male immediato tende anche a non riuscire a porre fine completamente a un'ingiustizia e tende a generare risentimento e violenza di lunga durata. Il 20 giugno 2013, il Atlantic Magazine ha pubblicato un articolo intitolato "No, Lincoln non potrebbe avere comprato gli schiavi". Perché no? Bene, i proprietari di schiavi non volevano vendere. È assolutamente vero. Non lo fecero, per niente. Ma L' Atlantico si concentra su un altro argomento, vale a dire che sarebbe stato troppo costoso, costando fino a $ 3 miliardi (in denaro 1860s). Tuttavia, se leggi attentamente, l'autore ammette che la guerra costa più del doppio di quella somma.


Aprile 17. In questo giorno in 1965, si è tenuta la prima marcia su Washington contro la guerra in Vietnam. Gli Studenti per una Società Democratica (SDS) hanno iniziato la marcia attirando 15,000-25,000 studenti da tutta la nazione, il Women's Strike for Peace, il Comitato di coordinamento non violento degli studenti, Bob Moses del Mississippi Freedom Summer e cantanti Joan Baez e Phil Ochs. Le domande poste allora dal presidente della SDS Paul Potter sono ancora attuali: “Che tipo di sistema è che giustifica gli Stati Uniti o qualsiasi paese che si impadronisce dei destini del popolo vietnamita e li usa spietatamente per i propri scopi? Che tipo di sistema è che privano le persone del Sud dei diritti civili, lascia milioni e milioni di persone in tutto il paese impoverite ed escluse dal mainstream e dalla promessa della società americana, che crea burocrazie senza volto e terribili e rende quelle il luogo in cui le persone trascorrono le loro vite e fanno il loro lavoro, che costantemente antepone i valori materiali ai valori umani - e persiste ancora nel definirsi libero e persiste ancora nel trovarsi idoneo a controllare il mondo? Che posto c'è per gli uomini comuni in quel sistema e come devono controllarlo ... Dobbiamo nominare quel sistema. Dobbiamo nominarlo, descriverlo, analizzarlo, capirlo e cambiarlo. Perché è solo quando quel sistema viene cambiato e portato sotto controllo che può esserci speranza di fermare le forze che creano una guerra in Vietnam oggi o un omicidio nel sud domani o tutte le incalcolabili, innumerevoli atrocità più sottili su cui si lavora. gente dappertutto, sempre. "


Aprile 18. In questo giorno in 1997, l'azione del "Choose Life" ha avuto luogo presso la fabbrica di armi Bofors a Karlskoga, in Svezia. Il nome "vomeri" si riferisce al testo del profeta Isaia che disse che le armi sarebbero state trasformate in vomeri. Le azioni dei vomeri divennero note all'inizio degli anni '1980, quando diversi attivisti danneggiarono i coni delle testate nucleari. Bofors era un esportatore di armi in Indonesia. Come raccontato dall'attivista Art Laffin, due attivisti per la pace svedesi, Cecelia Redner, un prete della chiesa svedese, e Marja Fischer, una studentessa, sono entrati nella fabbrica di armi Bofors a Kariskoga, Svezia, hanno piantato un albero di mele e hanno tentato di disarmare una nave canone esportato in Indonesia. Cecilia è stata accusata di aver tentato di commettere danni dolosi e Marija di aver assistito. Entrambi sono stati anche accusati di aver violato una legge che protegge le strutture "importanti per la società". Entrambe le donne sono state condannate il 25 febbraio 1998. Hanno sostenuto, a causa delle ripetute interruzioni del giudice, che, secondo le parole di Redner, "Quando il mio paese sta armando un dittatore non mi è permesso essere passivo e obbediente, poiché mi renderebbe colpevole al crimine di genocidio a Timor orientale. So cosa sta succedendo e non posso incolpare solo la dittatura indonesiana o il mio stesso governo. La nostra azione di vomeri è stata per noi un modo per assumerci la responsabilità e agire in solidarietà con il popolo di Timor orientale ". Fischer ha aggiunto: "Abbiamo cercato di prevenire un crimine, e questo è un obbligo secondo la nostra legge". Redner è stato condannato a multe e 23 anni di istruzione correttiva. Fischer è stato condannato a multe e due anni di sospensione della pena. Nessuna condanna al carcere è stata inflitta.


Aprile 19. In questo giorno in 1775, la rivoluzione statunitense è diventata violenta con battaglie a Lexington e Concord. Questa svolta seguì il crescente uso di tecniche nonviolente spesso associate a epoche successive, comprese le principali proteste, i boicottaggi, la promozione della produzione locale e indipendente, lo sviluppo di comitati di corrispondenza e l'acquisizione del potere locale in gran parte del Massachusetts rurale. La violenta guerra per l'indipendenza dalla Gran Bretagna è stata guidata principalmente dai più ricchi proprietari terrieri maschi bianchi nelle colonie. Mentre il risultato includeva quella che per il momento era una Costituzione e un Bill of Rights rivoluzionari, la rivoluzione faceva parte di una guerra più ampia tra i francesi e gli inglesi, non avrebbe potuto essere vinta senza i francesi, trasferì il potere da un'élite all'altra, costituì nessun atto populista di equalizzazione, ha visto ribellioni di contadini poveri e persone schiavizzate così frequentemente come prima e ha visto persone sfuggire alla schiavitù per sostenere la parte britannica. Una delle motivazioni della guerra fu il mantenimento della schiavitù, in seguito alla crescita di un movimento di abolizione britannico e alla sentenza del tribunale britannico che liberò un uomo di nome James Sommerset. "Dammi la libertà o dammi la morte" di Patrick Henry non fu scritto solo decenni dopo la morte di Henry, ma possedeva le persone come schiave e non correva il rischio di diventarlo. Una motivazione per la guerra era il desiderio di espandersi verso ovest, massacrando e derubando i popoli nativi. Come molte guerre americane da allora, la prima è stata una guerra di espansione. La finzione che la guerra fosse inevitabile o desiderabile è aiutata dall'ignorare il fatto che Canada, Australia, India e altri luoghi non avevano bisogno di guerre.


Aprile 20. In questa data in 1999, due studenti della Columbine High School di Littleton, in Colorado, hanno fatto una sparatoria, uccidendo persone 13 e ferendo più di altri 20 prima di girare le pistole su se stessi e di suicidarsi. All'epoca, questo è stato il peggior tiro alla scuola superiore nella storia degli Stati Uniti e ha provocato un dibattito nazionale sul controllo delle armi, sulla sicurezza scolastica e sulle forze che hanno guidato i due uomini armati, Eric Harris, 18 e Dylan Klebold, 17. Affrontando il problema del controllo delle armi, la National Rifle Association intraprese una campagna pubblicitaria che sembrò accettare come ragionevole l'estensione dei controlli istantanei di background già richiesti nei negozi di armi e pegni a spettacoli di armi, dove le armi degli assassini erano state acquistate fraudolentemente da un amico. Dietro le quinte, tuttavia, l'NRA ha intrapreso uno sforzo di lobbista da $ 1.5-milione che è riuscito a uccidere un disegno di legge con un requisito del genere quindi in attesa al Congresso. Sono stati fatti anche sforzi per rafforzare la sicurezza scolastica attraverso l'uso di telecamere di sicurezza, metal detector e guardie addizionali di sicurezza, ma si sono dimostrati inefficaci nell'eliminare la violenza. Tra i molti tentativi di comprendere la psicopatologia degli assassini, il film documentario di Michael Moore Bowling for Columbine ha suggerito con forza una connessione culturale tra le azioni degli assassini e la propensione alla guerra americana, rappresentata sia dalle scene di guerra che dalla vicina presenza di Lockheed Martin, un importante produttore di armi. Un recensore del film di Moore suggerisce che queste raffigurazioni, e un'altra che illustra gli effetti della povertà nell'abbattere la coesione familiare, indicano chiaramente sia le fonti sottostanti del terrorismo nella società statunitense sia l'unico modo in cui può essere efficacemente sradicato.


Aprile 21. In questa data in 1989, alcuni studenti universitari cinesi 100,000 si sono riuniti a Pechino Piazza Tiananmen per commemorare la morte di Hu Yaobang, deposto capo riformatore del Partito Comunista Cinese, e per esprimere il loro scontento con il governo autocratico della Cina. Il giorno successivo, durante una cerimonia commemorativa ufficiale tenuta a Hu nella Grande Sala del Popolo di Tiananmen, il governo ha rifiutato la richiesta degli studenti di incontrare il premier Li Peng. Ciò ha portato a un boicottaggio studentesco delle università cinesi, a richieste diffuse di riforme democratiche e, nonostante gli avvertimenti del governo, a una marcia studentesca in piazza Tiananmen. Nelle settimane successive, lavoratori, intellettuali e dipendenti pubblici si sono uniti alle manifestazioni studentesche e verso la metà di maggio centinaia di migliaia di manifestanti hanno affollato le strade di Pechino. A maggio 20, il governo ha dichiarato la legge marziale in città, chiamando truppe e carri armati per disperdere la folla. A giugno 3, le truppe, con l'ordine di liberare con la forza piazza Tiananmen e le strade di Pechino, hanno ucciso centinaia di manifestanti e arrestato migliaia di persone. Tuttavia, la richiesta pacifica dei dimostranti di riforme democratiche di fronte alla repressione brutale ha suscitato sia simpatia che indignazione dalla comunità internazionale. Il loro coraggio è stato reso leggendario dalla proliferazione dei media lo scorso giugno 5th di una fotografia ormai iconica che mostra un uomo solitario con la camicia bianca, soprannominato "Tank Man", in piedi con risoluta sfida davanti a una colonna di carri armati militari disperdenti la folla. Tre settimane dopo, gli Stati Uniti e altri paesi hanno imposto sanzioni economiche alla Cina. Sebbene le sanzioni abbiano ritardato l'economia del paese, il commercio internazionale è stato ripreso alla fine del 1990, in parte a causa del rilascio da parte della Cina di diverse centinaia di dissidenti detenuti.


Aprile 22. Questa è la Giornata della Terra, e anche il compleanno di Immanuel Kant. J. Sterling Morton, un giornalista del Nebraska che sostenne la piantumazione di alberi nelle praterie dello stato nel 1872, designando il 10 aprile come il primo "Arbor Day". Arbor Day divenne una festa legale dieci anni dopo, e fu spostato al 22 aprile in onore del compleanno di Morton. La giornata è stata celebrata a livello nazionale come l '"era del disboscamento" causata dall'espansione degli Stati Uniti tra il 1890 e il 1930 che ha disboscato le foreste. Nel 1970, un crescente movimento di base per proteggere l'ambiente dall'inquinamento fu sostenuto dal governatore del Wisconsin Gaylord Nelson e dall'attivista di San Francisco John McConnell. La prima marcia della "Giornata della Terra" ebbe luogo durante l'equinozio di primavera di quell'anno, il 21 marzo 1970. Gli eventi della Giornata della Terra continuano a svolgersi negli Stati Uniti sia il 21 marzo che il 22 aprile. Anche Immanuel Kant, lo scienziato e filosofo tedesco, nacque il 22 aprile 1724. Kant fece diverse importanti scoperte scientifiche, ma è noto soprattutto per i suoi contributi alla filosofia. La sua filosofia era incentrata su come costruiamo autonomamente i nostri mondi. Secondo Kant le azioni delle persone dovrebbero essere vincolate a leggi morali. La conclusione di Kant su ciò che è veramente necessario per ciascuno di noi per sperimentare un mondo migliore è lottare per il massimo bene per tutti. Questi pensieri sono in linea con coloro che sostengono la conservazione della Terra, così come coloro che lavorano per la pace. Nelle parole di Kant, "Affinché la pace regni sulla Terra, gli esseri umani devono evolversi in nuovi esseri che hanno imparato a vedere tutto prima".


Aprile 23. In questo giorno del 1968, gli studenti della Columbia University hanno sequestrato edifici per protestare contro la ricerca di guerra e la distruzione di edifici ad Harlem per una nuova palestra. Le università di tutti gli Stati Uniti sono state sfidate dagli studenti che hanno messo in discussione il ruolo dell'educazione in una cultura che promuove gli orrori della guerra, una bozza senza fine, il razzismo dilagante e il sessismo. La scoperta da parte di uno studente di articoli che mostravano il coinvolgimento della Columbia con l'Institute for Defense Analysis del Dipartimento della Difesa che ha condotto ricerche per la guerra in Vietnam, insieme ai suoi legami con il ROTC, ha portato alla protesta da Students for a Democratic Society (SDS). Erano stati raggiunti da molti, tra cui la Student Afro-American Society (SOS) che si opponeva anche a una palestra segregata costruita dalla Columbia nel Morningside Park e che aveva sfollato centinaia di afroamericani che vivevano al di sotto di Harlem. La polizia reattiva portò a uno sciopero studente-facoltà che chiuse la Columbia per il resto del semestre. Mentre le proteste alla Columbia hanno portato alle percosse e agli arresti degli studenti 1,100, più di 100 altre manifestazioni universitarie si sono svolte negli Stati Uniti in 1968. Questo è stato l'anno in cui gli studenti hanno assistito all'assassinio di Martin Luther King e Robert F. Kennedy e di diverse migliaia di manifestanti contro la guerra, picchiati, gassati e imprigionati dalla polizia alla Convention nazionale democratica di Chicago. Alla fine, le loro proteste hanno ispirato cambiamenti tanto necessari. La ricerca di guerra classificata non fu più condotta alla Columbia, il campus della ROTC lasciò i reclutatori militari e della CIA, l'idea della palestra fu abbandonata, un movimento femminista e furono introdotti studi etnici. E infine, la guerra in Vietnam, così come il progetto, si è conclusa.


Aprile 24. In questa data in 1915, diverse centinaia di intellettuali armeni furono arrestati, arrestati ed esiliati dalla capitale turca, Costantinopoli (ora Istanbul), nella regione di Ankara, dove alla fine molti furono uccisi. Guidato da un gruppo di riformatori noti come "Giovani turchi", che erano saliti al potere in 1908, il governo musulmano dell'impero ottomano considerava i non turchi cristiani una minaccia alla sicurezza dell'impero. Secondo la maggior parte degli storici, si è quindi proposto di "Turkificare", o di pulire etnicamente, il califfato espellendo o uccidendo sistematicamente la sua popolazione cristiana armena. In 1914, i Turchi entrarono nella prima guerra mondiale dalla parte della Germania e dell'Impero austro-ungarico e dichiararono guerra santa a tutti i cristiani non uniti. Quando gli armeni organizzarono battaglioni di volontari per aiutare l'esercito russo a combattere i turchi nella regione del Caucaso, i Giovani Turchi spinsero per la rimozione di massa di civili armeni dalle zone di guerra lungo il fronte orientale. Gli armeni ordinari furono inviati su marce morte senza cibo o acqua, e altre decine di migliaia furono massacrate da squadre assassine. Con 1922, meno di 400,000 di un originale due milioni di armeni è rimasto nell'impero ottomano. Dalla sua resa nella prima guerra mondiale, il governo turco ha sostenuto con veemenza che non ha commesso un genocidio contro gli armeni, ma necessari atti di guerra contro le persone che considerava una forza nemica. In 2010, tuttavia, un pannello del Congresso degli Stati Uniti ha finalmente riconosciuto l'uccisione di massa come genocidio. L'azione ha contribuito a focalizzare l'attenzione su quanto facilmente la sfiducia o la paura dell'Altro, in conflitti interni o internazionali, possono degenerare in una punizione odiosa che supera tutti i confini morali.


Aprile 25. In questo giorno in 1974 la Rivoluzione dei garofani ha rovesciato il governo del Portogallo, una dittatura autoritaria che era in vigore da 1933 - il più lungo regime autoritario sopravvissuto nell'Europa occidentale. Quello che era iniziato come un colpo di stato militare, organizzato dal Movimento delle forze armate (un gruppo di ufficiali militari che si opponeva al regime), divenne rapidamente una rivolta popolare incruenta poiché la gente ignorava la chiamata a rimanere nelle proprie case. La Rivoluzione dei Garofani prende il nome dai garofani rossi - erano di stagione - messi nelle museruole dei fucili dei soldati dalle persone che si univano a loro per le strade. Il colpo di stato fu provocato dall'insistenza del regime nel mantenere le sue colonie, dove combattevano gli insorti dal 1961. Queste guerre non erano popolari né tra il popolo né tra molti militari. I giovani stavano emigrando per evitare la coscrizione. Il 40% del bilancio del Portogallo è stato consumato dalle guerre in Africa. Molto rapidamente dopo il colpo di stato, l'indipendenza fu concessa alle ex colonie portoghesi di Guinea Bisau, Capo Verde, Mozambico, São Tomé e Príncipe, Angola e Timor orientale. Gli Stati Uniti hanno svolto un ruolo ambiguo nella Rivoluzione dei garofani. Henry Kissinger era fortemente contrario a sostenerlo, nonostante la forte raccomandazione dell'ambasciatore statunitense. Ha insistito sul fatto che fosse un'insurrezione comunista. Fu solo dopo una visita in Portogallo di Teddy Kennedy e la sua forte raccomandazione di sostenere la rivoluzione che gli Stati Uniti decisero di farlo. In Portogallo, per celebrare l'evento, il 25 aprile è ora una festa nazionale, nota come Freedom Day. La Rivoluzione dei garofani dimostra che non devi usare violenza e aggressività per raggiungere la pace.


Aprile 26. In questa data in 1986, il peggior incidente nucleare del mondo è avvenuto nella centrale nucleare di Chernobyl vicino a Pripyat, in Ucraina, nell'Unione Sovietica. L'incidente si è verificato durante un test per vedere come avrebbe funzionato la centrale se avesse perso potenza. Gli operatori delle piante hanno commesso diversi errori durante la procedura, creando un ambiente instabile nel reattore N. 4 che ha provocato un incendio e tre esplosioni che hanno fatto saltare il tetto in acciaio 1,000-ton del reattore. Quando il reattore si sciolse, le fiamme spararono ai piedi 1,000 nel cielo per due giorni, emettendo materiale radioattivo che si diffuse nell'Unione Sovietica occidentale e in Europa. Tanti residenti 70,000 nella zona hanno sofferto gravi avvelenamenti da radiazioni, da cui sono morte migliaia di persone, così come è stato stimato un addetto alla pulizia di 4,000 nel sito di Chernobyl. Ulteriori conseguenze includono il trasferimento forzato permanente dei residenti 150,000 in un raggio di 18-mile intorno a Chernobyl, un drammatico aumento dei difetti alla nascita nella zona e una decuplicazione superiore del cancro della tiroide in Ucraina. Dopo il disastro di Chernobyl, gli esperti hanno espresso opinioni ampiamente contrastanti sulla fattibilità dell'energia nucleare come fonte di energia. Per esempio, Il New York Times riferito immediatamente dopo il disastro nucleare di 2011 di marzo alla centrale nucleare giapponese di Fukushima Daiichi che "i giapponesi hanno già preso precauzioni che dovrebbero impedire che l'incidente diventi un'altra Chernobyl, anche se vengono emesse ulteriori radiazioni." D'altra parte, Helen Caldicott, fondatrice di Medici per la responsabilità sociale, argomentati in un 2011 di aprile di stima ha affermato che "non esiste una dose sicura di radiazioni" e che, quindi, non si dovrebbe usare l'energia nucleare.


Aprile 27. In questa data in 1973, il governo britannico completò l'espulsione forzata dell'intera popolazione indigena di Diego Garcia e di altre isole dell'arcipelago di Chagos nell'Oceano Indiano centrale. A partire da 1967, i tre o quattromila isolani nativi, noti come "Chagossians", furono trasportati in squallidi stive di navi a Mauritius, un'ex colonia britannica autogestita nell'Oceano Indiano situata a qualche miglia Xnumx fuori dalla costa sud-est dell'Africa. Le espulsioni erano state stipulate in un accordo 1,000 in base al quale il Regno Unito aveva affittato le isole, conosciute ufficialmente come il Territorio britannico dell'Oceano Indiano, negli USA per essere utilizzato come base militare geopoliticamente strategica. In cambio, gli inglesi hanno ricevuto delle interruzioni di costo sulle forniture statunitensi per il sistema Polaris ICBM lanciato da sottomarini. Anche se l'accordo si rivelò vantaggioso per entrambi i paesi, i Chagos Islanders deportati a Mauritius lottarono potentemente per sopravvivere. A 1966 è stato assegnato un compenso monetario distribuito di 650,000 in sterline inglesi, ma un potenziale diritto al ritorno a Diego Garcia è rimasto sepolto da petizioni e cause legali. Finalmente, a novembre 1977, il governo britannico emise un editto schiacciante. Citando "fattibilità, difesa e interessi di sicurezza e costi per i contribuenti britannici", il governo ha dichiarato che gli abitanti del luogo sgomberati dalle loro case quasi mezzo secolo prima non potevano essere autorizzati a tornare. Invece, ha esteso di altri 2016 anni il contratto di locazione degli Stati Uniti del suo territorio sull'Oceano Indiano per l'uso come base militare, e ha promesso ai deportati Chagossiani un altro 20-milione di sterline in compensazione. La UK Chagos Support Association, da parte sua, ha definito la sentenza britannica una "decisione insensata e senza cuore che fa vergognare la nazione".


Aprile 28. In questa data in 1915, il Congresso Internazionale delle Donne, composto da alcuni delegati 1,200 dei paesi 12, si è riunito a L'Aia, nei Paesi Bassi, per sviluppare strategie per aiutare a porre fine alla guerra che infuria in Europa e istituire un programma per prevenire guerre future di studiando e proponendo modi per eliminare le loro cause. Per portare avanti il ​​loro primo obiettivo, i delegati della convenzione hanno emesso risoluzioni e inviato rappresentanti alla maggior parte delle nazioni belligeranti nella prima guerra mondiale, ritenendo che, in quanto donne, la loro azione pacifica avrebbe avuto un effetto morale positivo. Ma, per il continuo lavoro di studio e di eliminazione delle cause della guerra, hanno creato una nuova organizzazione chiamata Women's International League for Peace and Freedom (WILPF). La prima presidente internazionale del gruppo, Jane Addams, è stata personalmente ricevuta dal presidente Woodrow Wilson a Washington, che ha basato nove dei suoi famosi Fourteen Points per negoziare la fine della prima guerra mondiale sulle idee promulgate da WILPF. Con sede a Ginevra, in Svizzera, la Lega oggi lavora a livello internazionale, nazionale e locale, e con sezioni nazionali in tutto il mondo, per organizzare riunioni e conferenze che studiano e affrontano questioni vitali del giorno. Tra questi, sul lato interno, sono i pieni diritti per le donne e la giustizia razziale ed economica. A livello globale, l'organizzazione lavora per far avanzare la pace e la libertà, inviare missioni a paesi in conflitto e, con organismi e governi internazionali, per risolvere pacificamente i conflitti. Per i loro sforzi in queste attività, due dei leader della Lega hanno vinto il Nobel per la pace: Jane Addams in 1931 e, in 1946, la prima segretaria internazionale del WILPF, Emily Greene Balch.


Aprile 29. In questa data in 1975, mentre il Vietnam del Sud stava per cadere nelle forze comuniste, più di 1,000 americani e 5,000 vietnamiti furono evacuati in elicottero dalla capitale, Saigon, sulle navi statunitensi nel Mar Cinese Meridionale. L'uso di elicotteri era stato dettato dal pesante bombardamento dell'aeroporto Tan Son Nhut di Saigon all'inizio della giornata. Benché di enorme portata, l'operazione è stata infatti messa in ombra dal volo estemporaneo di un altro vietnamita del Sud 65,000 che, in pescherecci, chiatte, zattere fatte in casa e sampan, sperava di arrivare alle navi da guerra 40 statunitensi che facevano un cenno all'orizzonte. Le evacuazioni seguite da oltre due anni hanno firmato un accordo di pace a gennaio 1973 da rappresentanti degli Stati Uniti, Vietnam del Sud, Vietcong e Vietnam del Nord. Ha chiesto un cessate il fuoco in tutto il Vietnam, il ritiro delle forze statunitensi, il rilascio di prigionieri di guerra e l'unificazione del Vietnam del Nord e del Sud con mezzi pacifici. Sebbene tutte le truppe statunitensi abbiano lasciato il Vietnam entro marzo 1973, alcuni dipendenti civili del Dipartimento della Difesa di 7,000 sono stati trattenuti per aiutare le forze del Vietnam del Sud a respingere le violenze del cessate il fuoco da parte dei vietnamiti del nord e del Vietong che presto si sono nuovamente trasformate in guerra su vasta scala. Quando la guerra finì con la caduta di Saigon ad aprile 30, 1975, il colonnello vietnamita nord Bui Tin fece notare ai restanti vietnamiti del sud: "Non hai nulla da temere. Tra i vietnamiti non ci sono vincitori né vinti. Solo gli americani sono stati sconfitti. "Era a costo, tuttavia, di 58,000 americani morti e della vita di ben quattro milioni di soldati e civili vietnamiti.


Aprile 30. In questo giorno in 1977, persone 1,415 sono state arrestate in una protesta emblematica di una centrale nucleare in costruzione a Seabrook, nel New Hampshire. Attivando uno dei più grandi arresti di massa nella storia degli Stati Uniti, lo stallo di Seabrook ha contribuito a innescare una reazione nazionale contro il nucleare e ha svolto un ruolo significativo nel frenare le ambizioni dell'industria nucleare statunitense e dei responsabili politici federali di costruire centinaia di reattori in tutto il paese. Inizialmente previsto che due reattori arrivassero online da 1981 ad un costo inferiore a $ 1 miliardi, l'installazione di Seabrook è stata ridotta a un unico reattore che costa $ 6.2 miliardi e non è stato commercializzato online fino a 1990. Nel corso degli anni, lo stabilimento di Seabrook ha mantenuto un eccezionale record di sicurezza. Ha anche svolto un ruolo importante nell'aiutare lo stato del Massachusetts a rispettare i tagli obbligatori delle emissioni di carbonio. Ciononostante, i sostenitori del potere anti-nucleare citano una serie di ragioni per continuare la tendenza ad arrestare i reattori nucleari, piuttosto che a costruire di più. Questi includono costi di costruzione e manutenzione estremamente elevati; il crescente appeal delle fonti energetiche rinnovabili pulite alternative; le conseguenze catastrofiche di un reattore accidentale si dissolvono; la necessità di garantire strategie di evacuazione funzionanti; e, forse più importante, il problema costante dello smaltimento sicuro delle scorie nucleari. Tali preoccupazioni, portate alla consapevolezza del pubblico in parte come retaggio della protesta Seabrook, hanno notevolmente diminuito il ruolo delle centrali nucleari nella produzione di energia degli Stati Uniti. Con 2015, un numero di picco di reattori 112 negli Stati Uniti negli 1990 era stato tagliato a 99. Altri sette sono stati programmati per lo spegnimento nel decennio successivo.

Questo Almanacco della Pace ti consente di conoscere passi importanti, progressi e battute d'arresto nel movimento per la pace che si sono verificati in ogni giorno dell'anno.

Acquista l'edizione cartaceao PDF.

Vai ai file audio.

Vai al testo.

Vai alla grafica.

Questo Almanacco della Pace dovrebbe rimanere buono per ogni anno fino a quando tutta la guerra non sarà abolita e la pace sostenibile stabilita. I profitti delle vendite delle versioni stampate e PDF finanziano il lavoro di World BEYOND War.

Testo prodotto e modificato da David Swanson.

Audio registrato da Tim Pluta.

Articoli scritti da Robert Anschuetz, David Swanson, Alan Knight, Marilyn Olenick, Eleanor Millard, Erin McElfresh, Alexander Shaia, John Wilkinson, William Geimer, Peter Goldsmith, Gar Smith, Thierry Blanc e Tom Schott.

Idee per argomenti presentati da David Swanson, Robert Anschuetz, Alan Knight, Marilyn Olenick, Eleanor Millard, Darlene Coffman, David McReynolds, Richard Kane, Phil Runkel, Jill Greer, Jim Gould, Bob Stuart, Alaina Huxtable, Thierry Blanc.

Musica utilizzato su autorizzazione di "La fine della guerra" di Eric Colville.

Musica audio e missaggio di Sergio Diaz.

Grafica di Parisa Saremi.

World BEYOND War è un movimento globale non violento per porre fine alla guerra e stabilire una pace giusta e sostenibile. Miriamo a creare consapevolezza del sostegno popolare per porre fine alla guerra e sviluppare ulteriormente tale supporto. Lavoriamo per far avanzare l'idea di non solo prevenire una particolare guerra, ma di abolire l'intera istituzione. Ci sforziamo di sostituire una cultura di guerra con una di pace in cui i mezzi non violenti di risoluzione dei conflitti prendano il posto dello spargimento di sangue.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Premi per l'abolizione della guerra 2024
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua