Julian Assange: un appello di avvocati internazionali

Prigione di Belmarsh, dove Julian Assange è attualmente in prigione.

Prigione di Belmarsh, dove Julian Assange è attualmente in prigione.

Di Fredrik S. Heffermehl, 2 di dicembre, 2019

Da Transcend.org

Assange: la legge del potere o il potere della legge?

A: Il governo del Regno Unito
Cc: I governi di Ecuador, Islanda, Svezia, Stati Uniti

2 dic 2019 - Il procedimento in corso contro il cittadino australiano Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, attualmente tenuto nella prigione di Belmarsh vicino a Londra, mostra una grave erosione dei principi di diritti umani, lo stato di diritto e la libertà democratica di raccogliere e condividere informazioni. Vorremmo unirci alla straordinaria linea di precedenti proteste nel caso.

Quindici anni fa, il mondo era scioccato da gravi elusioni del diritto a un giusto processo e un processo equo quando, nell'ambito della guerra al terrorismo degli Stati Uniti, la CIA ha ignorato le autorità locali per rapire persone in voli segreti da giurisdizioni europee verso paesi terzi dove furono sottoposti a torture e violenti interrogatori. Tra quelle manifestazioni di protesta c'era l'International Bar Association con sede a Londra; vedere il suo rapporto, Rendimenti straordinari, Gennaio 2009 (www.ibanet.org). Il mondo dovrebbe resistere a tali tentativi di esercitare una giurisdizione superiore e mondiale e interferire, influenzare o minare la protezione dei diritti umani in altri paesi.

Tuttavia, da quando WikiLeaks ha rilasciato prove dei crimini di guerra statunitensi in Iraq e in Afghanistan, gli Stati Uniti hanno punito per nove anni Julian Assange e lo hanno privato della sua libertà. Per evitare l'estradizione negli Stati Uniti, Assange è stato costretto a chiedere asilo nell'ambasciata londinese dell'Ecuador nell'agosto 2012. Ad aprile 2019, in Ecuador - in violazione delle leggi internazionali sull'asilo - ha consegnato Assange alla polizia britannica e i suoi documenti di difesa legale privata agli agenti statunitensi.

Dopo aver esposto gli abusi e la proiezione di potere degli Stati Uniti come una minaccia alla legge e all'ordine internazionali, Assange stesso ha sperimentato la piena spinta delle stesse forze. L'estorsione di altri paesi per far piegare loro e ai loro sistemi giudiziari significa minare e violare i trattati sui diritti umani. I paesi non devono permettere alla diplomazia e alla cultura del potere dell'intelligence di contaminare e corrompere la giusta amministrazione della giustizia in conformità con la legge.

Grandi nazioni come la Svezia, l'Ecuador e la Gran Bretagna hanno ottemperato servilmente ai desideri degli Stati Uniti, come documentato in due rapporti 2019 di Nils Meltzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti. Tra le altre cose, Melzer conclude che,

"In 20 anni di lavoro con vittime di guerra, violenza e persecuzioni politiche non ho mai visto un gruppo di Stati democratici riunirsi per isolare, demonizzare e abusare deliberatamente un singolo individuo per così tanto tempo e con così poca considerazione per la dignità umana e lo stato di diritto ".

L'alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani / gruppo di lavoro sulla detenzione arbitraria aveva già fatto parte di 2015, e di nuovo in 2018, chiedendo il rilascio di Assange dalla detenzione arbitraria e illegale. La Gran Bretagna è obbligata a rispettare i diritti del CCPR e le sentenze dell'ONU / WGAD.

Assange è in salute precaria e senza gli strumenti, il tempo o la forza per una corretta difesa dei suoi diritti. Le prospettive di un processo equo sono state minate in molti modi. Da 2017 in poi, l'ambasciata ecuadoriana ha lasciato una ditta spagnola nominata Undercover Global inviare trasmissioni audio e video in tempo reale di Assange direttamente alla CIA, violando persino il privilegio di avvocato-cliente intercettando i suoi incontri con avvocati (Il Paese 26 sett. 2019).

La Gran Bretagna dovrebbe seguire l'orgoglioso esempio dell'Islanda. Quella piccola nazione ha difeso con fermezza la sua sovranità contro un tentativo americano in 2011 di esercitare un'indebita giurisdizione, quando ha espulso un'enorme squadra di investigatori dell'FBI che era entrata nel paese e aveva iniziato a indagare su Wikileaks e Assange senza il permesso del governo islandese. Il trattamento di Julian Assange è al di sotto della dignità della grande nazione che ha dato al mondo la Magna Carta in 1215 e Habeas Corpus. Per difendere la sua sovranità nazionale e obbedire alle proprie leggi, l'attuale governo britannico deve liberare Assange immediatamente.

Firmato da:

Hans-Christof von Sponeck (Germania)
Marjorie Cohn, (USA)
Richard Falk (Stati Uniti)
Martha L. Schmidt (Stati Uniti)
Mads Andenaes (Norvegia)
Terje Einarsen (Norvegia)
Fredrik S. Heffermehl (Norvegia)
Aslak Syse (Norvegia)
Kenji Urata (Giappone)

Indirizzo di contatto: Fredrik S. Heffermehl, Oslo, fredpax@online.no

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

Termine è esaurito. Ricarica CAPTCHA.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Cerca in WorldBeyondWar.org

Iscriviti a notizie contro la guerra e email di azione

Traduci in qualsiasi lingua