Kafka sull'acido: il processo a Julian Assange

Julian Assange

Di Felicity Ruby, 19 settembre 2020

Da Resistenza popolare

Julian Assange ha bisogno di svegliarsi prima dell'alba per andare dalla prigione di Belmarsh al tribunale di Old Bailey, dove il 7 settembre è ripresa l'udienza per l'estradizione per quattro settimane. Si veste per il tribunale solo per essere perquisito prima di essere collocato in un furgone Serco della bara ventilata per un viaggio di 90 minuti attraverso Londra nel traffico delle ore di punta. Dopo aver atteso ammanettato nelle celle di detenzione, viene messo in una scatola di vetro in fondo all'aula. Quindi viene costretto a tornare sul furgone Serco per essere perquisito a Belmarsh per affrontare un'altra notte da solo nella sua cella.

L'ultimo atto di teatro legale è iniziato con la risistemazione di Julian nelle celle dell'Old Bailey, prima di vedere i suoi avvocati per la prima volta in sei mesi. Nonostante tutte le scadenze per i documenti siano trascorse da tempo, nonostante l'udienza di estradizione sia in corso da febbraio (con le udienze di maggio rinviate a settembre a causa del COVID-19), e dopo la difesa aveva presentato tutte le loro argomentazioni e una serie di prove, gli Stati Uniti hanno emesso un altro atto d'accusa, per il quale Julian doveva essere nuovamente arrestato.

Il primo atto d'accusa è stato aperto dagli Stati Uniti, come ha detto Julian, il giorno in cui l'Ecuador lo ha espulso dalla sua ambasciata, il 11 aprile 2019. L'accusa era di cospirazione per commettere intrusione informatica. Il secondo atto d'accusa arrivò poche settimane dopo 23 maggio 2019, aggiungendo altre diciassette accuse sotto gli Stati Uniti Legge sullo spionaggio, la prima volta che la legge è stata usata contro un giornalista o un editore. Il terzo atto d'accusa e sostitutivo è stato emesso tramite comunicato stampa in data 24 giugno 2020, con gli Stati Uniti che non si preoccupano di notificarlo adeguatamente alla corte fino al 15 Agosto. Comprende le stesse accuse, ma, avendo beneficiato di tutte le prove e gli argomenti presentati dalla difesa, introduce anche nuovo materiale e descrizione per rafforzare la narrativa secondo cui il lavoro di Assange sta hackerando piuttosto che un'attività giornalistica o editoriale, sostenendo l'associazione con ' Anonimo'. Inoltre criminalizza l'assistenza di Assange a Edward Snowden e aggiunge nuovo materiale da risorse dell'FBI e ladro, truffatore e pedofilo condannato. Sigurdur "Siggi" Thordarson.

Assange ha visto la nuova accusa solo poco prima di essere nuovamente arrestato. Non avendo ricevuto istruzioni da lui né preparato prove o testimoni sul nuovo materiale, la squadra di difesa ha chiesto l'udienza per mettere da parte il nuovo materiale e continuare o per essere aggiornato in modo che potesse essere preparata una difesa sul nuovo atto d'accusa. Agitando tutto questo rifiutandosi di cancellare il nuovo materiale o di concedere un aggiornamento ̶ Il magistrato Vanessa Baraitser ha messo il turbo alla tradizione scritta molto tempo fa da Charles Dickens in Un racconto di due città, dove ha descritto la Old Bailey come "un'illustrazione scelta del precetto che" Qualunque cosa sia, è giusto "".

Quindi, è iniziato il teatro tecnico. Fino a questa udienza, il Ministero della giustizia del Regno Unito si era occupato del COVID-19 utilizzando un kit di teleconferenza degli anni '1980 che annunciava ogni volta che qualcuno entrava o usciva dalla conferenza, senza la funzione di silenziamento centrale, il che significa che tutti erano soggetti al rumore di fondo di dozzine di case e uffici. La tecnologia durante questa sessione è migliorata solo marginalmente, con lo streaming video sfocato disponibile per i giornalisti approvati al di fuori del Regno Unito. I loro flussi di twitter si lamentano costantemente delle persone che non sono in grado di sentire o vedere, di essere trattenute in sale d'attesa limbo o di vedere solo nei salotti dell'equipaggio del supporto tecnico. In questo caso la giustizia aperta è aperta solo per quanto riguarda i thread di Twitter di persone come @MaryKostakidis e @AndrewJFowler, digitando durante la notte di Antipodean o gli esaurienti e avvincenti post del blog di Craig Murray, sono disponibili.  Ruptly flussi dall'esterno dell'aula fornendo aggiornamenti dal Non estradare Assange team della campagna, che anche produrre video per decodificare il legalese del procedimento.

Una quarantina di organizzazioni, compresa Amnesty International, avevano ricevuto l'accreditamento per osservare a distanza il procedimento. Tuttavia, questo è stato revocato senza preavviso o spiegazione, lasciando solo Reporter Senza Frontiere (RSF) ad osservare per conto delle organizzazioni della società civile. Direttore delle campagne di RSF Rebecca Vincent ha dichiarato,

Non abbiamo mai affrontato barriere così estese nel tentativo di monitorare qualsiasi altro caso in qualsiasi altro paese come abbiamo fatto con i procedimenti nel Regno Unito nel caso di Julian Assange. Ciò è estremamente preoccupante in un caso di così grande interesse pubblico.

A Kristinn Hrafnsson, caporedattore di WikiLeaks, è stato inizialmente offerto un posto in una stanza che guardava gli altri giornalisti dall'alto in basso, senza la vista dello schermo. Forse a causa della sua eloquente protesta televisiva, gli fu permesso di entrare in aula nei giorni successivi, ma John Pilger, il padre di Julian, John Shipton e Craig Murray ogni giorno salgono cinque rampe di scale fino alla galleria di osservazione, poiché gli ascensori Old Bailey non funzionano convenientemente .

Nonostante questa festa di impegno pubblicitario e di tempo perso, e nonostante l'accusa chiedesse risposte Sì o No a domande lunghe e complesse in riferimento a centinaia di pagine fornite ai testimoni la notte prima della loro apparizione, i primi quattro testimoni chiamati dalla difesa di Julian hanno fatto un ottimo lavoro nell'enfatizzare la natura politica delle accuse e la natura giornalistica del lavoro di Assange e WikiLeaks. Le dichiarazioni degli esperti che ciascuno di loro ha fornito sono state tutte preparate in base alla precedente accusa.

Il primo testimone è stato l'avvocato britannico-americano e fondatore di Reprieve Clive Stafford Smith, che ha avviato numerosi casi legali e sui diritti umani contro azioni illegali come rapimenti, consegne, attacchi con droni e torture in cui le pubblicazioni di WikiLeaks avevano reso giustizia ai suoi clienti. La sua familiarità con il sistema giudiziario britannico e statunitense ha fatto sì che Stafford Smith potesse affermare con sicurezza che, sebbene non vi sia alcuna difesa dell'interesse pubblico consentita dal Regno Unito Legge sui segreti ufficiali, tale difesa è consentita nei tribunali statunitensi. Durante il controinterrogatorio, l'accusa, il QC James Lewis, ha chiarito la linea argomentativa degli Stati Uniti, che è che Assange è accusato di pubblicare nomi, a cui Stafford Smith ha detto che si sarebbe mangiato il cappello se questo fosse tutto ciò che è stato introdotto al processo negli Stati Uniti . In fase di riesame, l'accusa è stata riesaminata per confermare che non si riferisce solo ai nomi ma anche alla "comunicazione intenzionale di documenti relativi alla difesa nazionale" e che anche altri conteggi non si limitano ai nomi editoriali.

Il secondo testimone era giornalista accademico e investigativo Mark Feldstein, Chair of Broadcast Journalism presso la Maryland University, la cui testimonianza dovette essere interrotta a causa di drammi tecnici e ricominciata il giorno successivo. Feldstein ha commentato un gran numero di pubblicazioni WikiLeaks che dimostrano la gamma di questioni e paesi che ha coperto, affermando che la raccolta di informazioni classificate è una `` procedura operativa standard '' per i giornalisti, aggiungendo che la richiesta di informazioni è `` non solo coerente con la pratica giornalistica standard, ma lo sono la sua linfa vitale, soprattutto per i giornalisti investigativi o di sicurezza nazionale '. Ha continuato: "La mia intera carriera è stata praticamente la richiesta di documenti o registri segreti". Le prove di Feldstein includevano riferimenti a Nixon (comprese le citazioni che includevano parolacce; niente ti sveglia alle 3 del mattino come sentire la parola "succhiacazzi" pronunciata a una corte britannica confusa e confusa). Feldstein ha affermato che l'amministrazione Obama si era resa conto che era impossibile accusare Assange o WikiLeaks senza accusare anche il New York Times e altri che avevano pubblicato il materiale WikiLeaks in questione, con Lewis che ribatteva che l'amministrazione Obama non aveva cessato il gran giurì e che aveva ricevuto passivamente informazioni, mentre Assange aveva cospirato con Chelsea Manning per ricevere informazioni. Craig Murray osserva che Lewis ha pronunciato da cinque a dieci volte più parole di questo testimone.

Il terzo testimone era Professor Paul Rogers della Bradford University, autore di molti libri sulla guerra al terrorismo e responsabile dell'addestramento delle forze armate nella legge e nell'etica dei conflitti per il Ministero della Difesa britannico per circa quindici anni. Rogers ha fornito una testimonianza sulla natura politica del lavoro di Assange e WikiLeaks e sul significato delle rivelazioni per la comprensione delle guerre in Afghanistan e Iraq. Ha notato che Assange non era anti-statunitense in quanto tale, ma si opponeva a qualche politica statunitense che lui e molti altri cercavano di riformare. Descrivendo l'ostilità dell'amministrazione Trump alla trasparenza e al giornalismo, ha definito l'accusa politica. Quando interrogato, Rogers ha rifiutato di essere ridotto a risposte Sì o No, poiché "queste domande non consentivano risposte binarie".

Trevor Timm, co-fondatore della Freedom of the Press Foundation, ha poi parlato. La sua organizzazione ha aiutato organizzazioni di media come il New York Times, le Custode e l'ABC per utilizzare il software sviluppato da Aaron Swartz chiamato SecureDrop, basato sul dropbox anonimo sperimentato da WikiLeaks in modo che le fughe di notizie possano essere fornite ai giornalisti in modo anonimo. Timms ha affermato che l'attuale atto d'accusa contro Assange era incostituzionale per motivi del Primo Emendamento (libertà di parola) e che il Legge sullo spionaggio è stato redatto così ampiamente che avrebbe persino rappresentato una minaccia per gli acquirenti e i lettori di giornali contenenti informazioni trapelate. Nel controinterrogatorio, Lewis ha nuovamente alluso al fatto che non tutte le prove sono state messe a disposizione del tribunale britannico e che sono detenute dal gran giurì degli Stati Uniti. Timm ha affermato più volte che innumerevoli decisioni giudiziarie nel corso dei secoli negli Stati Uniti avevano confermato il Primo Emendamento.

Presidente del consiglio di amministrazione di grazia Eric Lewis—Un avvocato statunitense con trentacinque anni di esperienza che ha rappresentato Guantanamo e detenuti afgani in cerca di riparazione per tortura — ha ampliato le sue cinque dichiarazioni alla corte in risposta alle varie accuse. Ha confermato che i documenti di WikiLeaks sono stati essenziali nei casi giudiziari. Ha anche detto che, se Assange fosse stato mandato negli Stati Uniti, sarebbe stato prima detenuto nel carcere di Alexandria City in base a misure amministrative speciali, e dopo la condanna avrebbe trascorso nella migliore delle ipotesi vent'anni nella prigione di massima sicurezza ADX Florence in Colorado. e nel peggiore dei casi trascorre il resto della sua vita in cella per ventidue o ventitré ore al giorno, incapace di incontrare altri prigionieri, esercitandosi una volta al giorno mentre è ammanettato. L'accusa è diventata molto arrabbiata durante il controinterrogatorio di questo testimone, lamentandosi con il magistrato che, nonostante avesse quattro ore, aveva bisogno di più tempo poiché il testimone si rifiutava di dare risposte "Sì" o "No". Ha rifiutato di controllare il testimone, che stava dando risposte pertinenti, al quale il procuratore Lewis ha risposto che questo "non sarebbe accaduto in un tribunale reale". Si è scusato per il suo linguaggio intemperante dopo una pausa.

Il giornalista John Goetz ha testimoniato di lavorare nel consorzio con altri media partner e WikiLeaks mentre era a Der Spiegel nel 2010 sui rilasci dell'Afghan War Diary, Iraq War Logs e cavi diplomatici. Ha affermato che Assange e WikiLeaks avevano protocolli di sicurezza meticolosi e avevano intrapreso un grande sforzo per cancellare i nomi dai documenti. Ha testimoniato di essere un po 'irritato e infastidito dalle misure di sicurezza "paranoiche" su cui Assange ha insistito, che in seguito si rese conto che erano giustificate. Ha sottolineato più volte che i cavi diplomatici sono diventati disponibili solo perché Custode i giornalisti Luke Harding e David Leigh hanno pubblicato la password in un libro, e comunque il sito Cryptome le aveva pubblicate tutte per prime. La difesa ha tentato di far testimoniare Goetz di aver partecipato a una cena alla quale Assange avrebbe detto: “Sono informatori; meritano di morire ', che semplicemente non disse. L'accusa si è opposta a questa linea di interrogatorio e il giudice ha accolto questa obiezione.

L'informatore del Pentagon Papers Daniel Ellsberg ha recentemente compiuto ottantanove anni, ma ha compiuto imprese tecnologiche per apparire come testimone per molte ore. Aveva letto per intero le 300 pagine fornite dall'accusa la notte prima della sua comparsa. Ha osservato che Assange non sarebbe stato in grado di sostenere che le sue rivelazioni fossero di interesse pubblico perché tale difesa non esiste ai sensi del Legge sullo spionaggio, la stessa legge in base alla quale Ellsberg aveva affrontato dodici accuse e 115 anni, accuse che sono state ritirate quando è stato rivelato che il governo aveva raccolto prove su di lui illegalmente. Ha affermato che "il pubblico americano aveva urgente bisogno di sapere cosa veniva fatto di routine in loro nome, e non c'era altro modo per loro di apprenderlo se non tramite divulgazione non autorizzata". Ha ricordato alla corte che, a differenza di Assange, non aveva cancellato un solo nome di un informatore o agente della CIA dai Pentagon Papers, e che Assange si era avvicinato alla Difesa e ai Dipartimenti di Stato per redigere più completamente i nomi.

Altri testimoni saranno chiamati dalla difesa nelle prossime settimane sono delineati qui by Kevin Gosztola.

Prima che l'udienza riprenda, Reporter senza frontiere ha tentato di consegnare una petizione forte di 80,000 a 10 Downing Street, e sono stati respinti. Inoltre, sono stati pubblicati diversi importanti articoli sui media, anche nel Regno Unito Domenica Times, che metteva il caso in prima pagina e includeva un file pezzo di rivista a colori sulla compagna e sui figli di Julian. Un editoriale di di stima di Domenica ha presentato la causa contro l'estradizione di Assange. Amnesty International ha condotto una campagna video che includeva l'ex ministro degli esteri Bob Carr ed ex senatore Scott Ludlam e ha aggiunto oltre 400,000 firme al loro file petizione. Emesso l'esperto internazionale di diritti umani di Amnesty un pezzo d'opinione, facendo eco alle opinioni avanzate anche da Ken Roth, capo di Human Rights Watch, in varie interviste.  Alice Walker e Noam Chomsky ha mostrato come "Julian Assange non è sotto processo per la sua personalità, ma ecco come il governo degli Stati Uniti ti ha fatto concentrare su questo". Uno dei più vecchi amici di Julian, Dott. Niraj Lal, ha scritto un pezzo commovente sulla filosofia fondante di WikiLeaks e sulla vita di Julian come studente di fisica.

Sono stati rilasciati anche diversi documentari; uno che delinea le questioni relative alla libertà di stampa in gioco La guerra al giornalismo: il caso di Julian Assange lanciato la settimana prima del processo, e c'è un eccellente documentario televisivo pubblico tedesco. Fran Kelly ha intervistato l'avvocato australiano di Assange Jennifer Robinson su RN Breakfast, e Robinson ha chiesto ancora una volta al governo australiano di agire per conto di un cittadino.

Il silenzio del governo australiano è stato rotto da molte azioni dei cittadini nel corso di una campagna che dura da dieci anni. I manifestanti hanno scalato il Parlamento, ha organizzato veglie settimanali fuori dalla stazione di Flinders Street e dal municipio di Sydney con pioggia, grandine o sole negli ultimi due anni, con arresti per occupazione del consolato britannico portando alle udienze in tribunale il 7 settembre di quest'anno. Ogni anno, Il compleanno di Julian è caratterizzato da stravaganti arrangiamenti di candele fuori dal Parlamento e altrove, con i Verdi ' supporto costante infine essere affiancato da altri nella formazione del Porta Assange a casa del gruppo parlamentare nell'ottobre 2019, un gruppo ormai forte di ventiquattro. È stata una petizione presentato al nostro parlamento e nell'aprile 2020 aveva 390,000 firme, la quarta petizione più grande mai presentata. Nel maggio 2020, oltre 100 politici australiani ed ex politici, scrittori ed editori, difensori dei diritti umani e professionisti legali hanno scritto al ministro degli Esteri australiano Marise Payne chiede al governo di porre fine al suo silenzio ufficiale. E l'unione di Assange è rimasta forte, con il MEAA che ha emesso un breve video sull'importanza del caso, ricordando ai membri la sua difesa pubblica e privata per conto di Assange presso il governo e l'Alto Commissario del Regno Unitoe continuando a rilasciare la sua tessera stampa. Nella prima settimana delle audizioni, il MEAA ha tenuto un briefing con Kristinn Hrafnsson teletrasportato da Londra per i membri australiani.

Le voci che sostengono Assange da tutto lo spettro politico e tra un coro più ampio di società civile e organizzazioni dei media, si stanno facendo più forti. La marea sta cambiando, ma cambierà nel tempo?

 

Felicity Ruby è una dottoranda presso la Sydney University e co-editrice di a Un'Australia segreta rivelata da WikiLeaks Exposés, che uscirà il 1 ° dicembre 2020.

Risposte 3

  1. L'intera corte dei canguri è una parodia della giustizia che avrebbe potuto essere evitata se l'Australia si fosse fatta avanti per proteggere i suoi cittadini. Sfortunatamente l'Australia è una piccola sussidiaria dell'Impero americano ed è stata privata di qualsiasi potere sovrano per fare qualsiasi cosa per opporsi ai suoi padroni a Washington. Se sei un australiano dovresti essere al Parlamento federale a manifestare per proteggere Assange ma anche per proteggere la sovranità australiana!

  2. La testimonianza di Re Stafford Smith: "sebbene non vi sia alcuna difesa dell'interesse pubblico consentita dall'Ufficial Secrets Act del Regno Unito, tale difesa è consentita nei tribunali statunitensi"

    Questo non è ciò che hanno riferito Consortium News o Craig Murray, se ricordo bene, e tu lo contraddisci nel tuo resoconto della testimonianza di Ellsberg. Penso che tu l'abbia invertito; si prega di controllare.

  3. Se tutte le persone - no, fa che anche la maggior parte delle persone - degli Stati Uniti sapessero quello che Julian Assange stava cercando di dirci, la rivolta in questo paese sarebbe abbastanza forte da porre fine all'imperialismo statunitense e democratizzare il nostro paese.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il limite di tempo è scaduto. Ricarica il CAPTCHA.

Traduci in qualsiasi lingua