Studiosi internazionali, giornalisti, sostenitori della pace e artisti chiedono la fine della costruzione della nuova base marina a Okinawa

Di Okinawa Interest Group, 6 gennaio 2024

Al presidente Joe Biden e ai cittadini degli Stati Uniti

Al Primo Ministro Kishida Fumio e ai cittadini del Giappone

Dieci anni fa, 103 studiosi internazionali, giornalisti, artisti e sostenitori della pace, tra cui il linguista Noam Chomsky e l’ex colonnello e diplomatico dell’esercito americano Ann Wright, pubblicarono un documento dichiarazione opporsi alla costruzione di un'altra base del Corpo dei Marines degli Stati Uniti sul Capo di Henoko, nella parte settentrionale dell'isola di Okinawa. Eppure, anche adesso, i governi degli Stati Uniti e del Giappone persistono con questo costoso progetto di discarica nonostante l’opposizione della maggioranza degli abitanti di Okinawa, danneggiando incautamente l’insostituibile ecosistema. Sfortunatamente, il lato Henoko della costruzione, che rappresenta circa un quarto della superficie totale da bonificare, è quasi completo. Ora stanno per avviare la bonifica del nord, la profonda e preziosamente diversificata Oura Bay.

I piani per costruire la base di Henoko erano sul tavolo da disegno fin dagli anni '1960. Sono stati rivitalizzati in un accordo Giappone-USA del 1996 (SACO) come “struttura sostitutiva” per la stazione aerea Futenma del Corpo dei Marines, situata pericolosamente nel mezzo della congestionata città di Ginowan. Più di un quarto di secolo dopo, i due governi non hanno ancora restituito il territorio occupato dalla base di Futenma al popolo a cui appartiene, e ci sono stati addirittura rapporti che gli Stati Uniti mirano a mantenere entrambe le basi dopo la costruzione della nuova base.

Noi, firmatari di questa petizione, che sosteniamo il diritto di Okinawa all'autodeterminazione, alla democrazia e all'autonomia, rinnoviamo il nostro sostegno al popolo di Okinawa che rifiuta un'ulteriore militarizzazione di Okinawa, una colonia militare di fatto degli Stati Uniti e del Giappone da sempre dalla fine della seconda guerra mondiale.

Okinawa, in precedenza il Regno indipendente delle Ryukyu, fu annessa con la forza all'Impero del Giappone nel 1879 dopo tre secoli di dominazione del Giappone feudale. Gli abitanti della catena di isole Ryukyu furono assimilati con la forza in Giappone, privati ​​della loro lingua, dei loro nomi, delle loro tradizioni e della loro dignità di popoli sovrani e autonomi, proprio come molti popoli indigeni in tutto il mondo che furono colonizzati dalle potenze imperiali occidentali.

Verso la fine della guerra Asia-Pacifico, il Giappone utilizzò Okinawa come “pedina sacrificale”, mantenendo lì la battaglia nel tentativo di proteggere la “terra dell’imperatore” e mobilitando l’intera popolazione delle isole. La guerra tra Giappone e Stati Uniti uccise oltre 120,000 abitanti di Okinawa, ovvero più di un quarto della popolazione. L’esercito americano prese poi il controllo delle isole come bottino di guerra, e quasi ottant’anni dopo occupa ancora la terra, l’aria e il mare di Okinawa, causando enormi violazioni dei diritti umani tra cui stupri e omicidi, incidenti mortali con aerei e veicoli e degrado ambientale. come la contaminazione dell’acqua da parte di PFAS.

Il 20 dicembre 2023, l’Alta Corte di Fukuoka, filiale di Naha, ha ordinato alla Prefettura di Okinawa di approvare il cambiamento nel metodo di costruzione del governo per far fronte al morbido fondale oceanico “simile alla maionese” che avrebbe richiesto costi, tempi lunghi e “impossibile" (secondo esperti) rinforzo del terreno per consentire la bonifica della parte di Oura Bay della nuova base. Il governatore di Okinawa Denny Tamaki, che ha vinto le elezioni governative del 2018 e del 2022 su una piattaforma di opposizione alla base di Henoko, ha respinto l'ordinanza del tribunale il 25 dicembre e ha presentato ricorso alla Corte Suprema il 27 dicembre.

Il 28 dicembre, il governo giapponese ha approvato la modifica del piano per conto della Prefettura di Okinawa, in un PRIMO esercizio straordinario di “esecuzione per procura” (daishikkō) ai sensi della legge sull'autonomia locale rivista nel 1999.

In una parola, la Corte ha effettivamente consentito allo Stato di farsi giustizia da sé e di calpestare il diritto all'autonomia del governo locale. Si prevede che il governo giapponese avvierà i lavori di bonifica della baia di Oura il 12 gennaio 2024.

An Tempi di Okinawa editoriale il 28 dicembre ha sostenuto:

L’esecuzione per procura ai sensi della Legge sull’autonomia locale non ha precedenti in Giappone. Con il pretesto di “eliminare il pericolo della stazione aerea di Futenma il prima possibile”, il governo giapponese è ricorso a tattiche forti che violano l’autonomia locale.

La Ryukyu Shimpo, si chiedeva un altro giornale di Okinawa nel suo numero del 27 dicembre editoriale:

Le persone in altre prefetture approverebbero una situazione del genere che si verificasse nelle loro stesse comunità? … sono indifferenti perché pensano che questa sentenza senza precedenti contro Okinawa [esecuzione per procura] non potrebbe accadere altrove?

È l’indifferenza coloniale. Al resto del Giappone non importa, e la stragrande maggioranza dei cittadini statunitensi non è a conoscenza di ciò che il proprio governo sta facendo a Okinawa.

Presidente Biden e Primo Ministro Kishida, e cittadini degli Stati Uniti e del Giappone, dobbiamo porre fine alla discriminazione e alla colonizzazione militare di Okinawa. Il primo passo è annullare la costruzione della nuova base a Henoko, nella baia di Oura, che costerà oltre 6.5 miliardi di dollari e richiederà più di 10 anni per essere completata.

È giunto il momento di fare la cosa giusta.

 

1 Mariko Abe Capo della divisione Conservazione ed Istruzione, The Nature Conservation Society of Japan Giappone
2 Amy Antonucci Piccolo agricoltore e attivista USA
3 ellen Barfield Veterani per la pace, Parlano le famiglie dei militari, Lega dei resistenti alla guerra USA
4 Walden Bello Co-presidente del consiglio di amministrazione, Focus sul Sud del mondo Filippine/

Tailandia

5 Max Blumenthal The Grayzone USA
6 Jacqueline Cabasso Direttore esecutivo/Fondazione giuridica degli Stati occidentali USA
7 Helen Caldicott Fondatore di Medici per la Responsabilità Sociale, Premio Nobel per la Pace 1985 Australia
8 Marilyn Carlisle Azione Pace USA
9 Sunghee Choi Attivista per la pace di Gangjeong Corea del Sud
10 Rachel Clark Membro associato / Veterani per la pace / Interprete, Coordinatore globale USA
11 Gerry Condon Consiglio di amministrazione / Veterani per la pace USA
12 Marie Croce Soto Storico di Vieques, Porto Rico e degli Stati Uniti Porto Rico/Stati Uniti
13 Ludo De Brabander Vrede vzw – Portavoce Belgio
14 Ariel Dorfmann Autore USA
15 Alexis Dudden Professore di Storia / Università del Connecticut USA
16 Mark Ealey Traduttore Nuova Zelanda
17 Carezza Maggiore Veleni militari USA
18 Joseph Essertier Coordinatore, Giappone per a World BEYOND War Giappone
19 Corazon Fabros Co-presidente, Ufficio internazionale per la pace Philippines
20 Thomas fase Giornalista e scrittore Italy
21 John Feffer Direttore, Politica estera in primo piano USA
22 Norma Settore Professore Emerita, Lingue e Civiltà dell'Asia Orientale, Università di Chicago USA
23 Margaret Fiori Direttore, Resistenza popolare USA
24 Takashi Fujitani Professore, Università di Toronto Canada
25 Bruce Gagnon Coordinatore della Rete globale contro le armi e l'energia nucleare nello spazio USA
26 Joseph Gerson Presidente, Campagna per la pace, il disarmo e la sicurezza comune USA
27 Aaron Buone Politologo, storico USA
28 David Hartsough Incontro degli amici di San Francisco USA
29 chris Hedges Giornalista e scrittore vincitore del premio Pulitzer USA
30 Laura Hein Professore di Storia alla Northwestern University USA
31 Martha Hennessy Cattolico USA
32 Miho hiki All'inizio Educatore infanzia Giappone
33 Yunshin HONG Università di Okinawa/Professore assistente Giappone
34 Peter Hulm Vicedirettore, Global Insights Svizzera
35 Masamichi (Marrone) Inoue Professore, Università del Kentucky USA
36 Akemi Johnson scrittore USA
37 Erin Jones Traduttore/Ricercatore indipendente USA
38 John Junkermann Regista di documentari Giappone
39 Mariko torta Centro di amicizia di Lillooet Canada
40 Kyle Kajihiro Professore assistente, Università delle Hawai'i a Manoa Hawaii
41 Kristine karch No internazionale alla NATO Germania
42 Rosmarino Kean Gruppo di lavoro sulla giustizia razziale del Massachusetts Peace Action USA
43 Claudia Junghyun Kim Città Università di Hong Kong 香港
44 Yeonghwan Kim Il Centro per la verità e la giustizia storica Corea del Sud
45 Ulla Klötzer Donne per la Pace – Finlandia Finlandia
46 Gioia Kogawa scrittore Canada
47 Ryuko Kubota University of British Columbia Canada
48 Jeremy Kuzmarov Caporedattore, CovertAction Magazine USA
49 Peter Kuznick Professore di Storia, Università americana USA
50 Heok-Tae Kwon Università di Sungkonghoe Corea
51 Judith Lungo Consulente scientifico/squadra di aiuto USA
52 Donald Lathrop Cittadini del Berkshire per la pace e la giustizia USA
53 Nydia foglia Educatore in pensione USA
54 Andrea LeBlanc Settembre 11th Families for Peaceful Tomorrows USA
55 Steven Leeper Villaggio della Cultura della Pace Giappone
56 Jon Letman Giornalista indipendente USA
57 Madeleine Lewis Artista USA
58 Carlo Douglas lumi Professore, Tsuda College (in pensione); Coordinatore, Veterans For Peace – Ryukyu/Okinawa Chapter Kokusai (VFP-ROCK) Giappone
59 Catherine Lutz Brown University USA
60 Kyo Maclear Scrittore e formatore Canada
61 Kathie Malley-Morrison Professoressa Emerita dell'Università di Boston, membro di Mass Peace Action USA
62 Kazumi Marthiensen Artista Canada
63 Abby martyn Giornalista, The Empire Files USA
64 Kevin martyn Presidente, Azione per la Pace USA
65 Wendy Matsumura Professore associato/Università della California, San Diego USA
66 Gava McCormack Professore emerito, Università Nazionale Australiana Australia
67 Mairead Maguire Premio Nobel per la pace, co-fondatore di Peace People Ireland Irlanda del Nord
68 Nikki Meith Zoologo, ambientalista, scrittore ambientale, editore, designer Svizzera
69 martyn Melkoniano Professore di Economia USA
70 Susan Mirsky Dialoghi di Newton su pace e guerra USA
71 Yuki Miyamoto Professore, Università DePaul USA
72 haruko Moritaki Alleanza di Hiroshima per l’abolizione delle armi nucleari (HANWA) Giappone
73 Tessa Morris-Suzuki Professore Emerita, Università Nazionale Australiana Australia
74 Katherine muzik Biologo marino, autore USA
75 Christopher Nelson University of North Carolina a Chapel Hill USA
76 KJ noh Puntare sulla pace USA
77 Richard Ochs Membro del consiglio / Azione per la pace del Maryland USA
78 Midori Ogasawara Professore assistente, Dipartimento di Sociologia, Università di Victoria Canada
79 Satoko Oka Norimatsu Direttore del Centro Filosofia della Pace Canada/Giappone
80 Natsu Potenza di Onoda Georgetown University USA
81 Non qui ōshiro Università di Erlangen-Norimberga Corea del Sud
82 shoko ōshiro Docente Okinawa
83 Hideko otake Coordinatore, stand con Okinawa NY USA
84 Shinaco Oyakawa ACSIL (L'Associazione di studi completi per l'indipendenza dei Lew Chewan) Ryukyu
85 Noriko Oyama Appello per la pace di Okinawa, VFP Rock USA
86 Rosemarie Pace Pax Christi USA
87 Koohan Paik-Mander scrittore USA
88 Tony Palomba Comitato direttivo, Cittadini di Watertown per la pace, la giustizia e l'ambiente USA
89 Thea Panetto Arlington Uniti per Giustizia e Pace (MA) USA
90 Matthew Penney Professore Associato Canada
91 Margaret Potenziata Co-presidente, Storici per la pace e la democrazia USA
92 John Prezzo Ricercatore associato, Centro per gli studi globali, Università di Victoria Canada
93 mazin Qumsiyeh Professore e direttore del Palestine Institute for Biodiversity and Sustainability Palestina
94 Steve Rabson Brown University USA
95 John Raby Copresidente di Peace Action Maine USA
96 William Ramsey scrittore USA
97 Wyatt Canna Caporedattore, The Grayzone USA
98 Jon Reinsch scrittore USA
99 Giorgio Ricchezze Professore, Università Seijo Giappone
100 Jun Sasamoto Avvocato Giappone
101 Susan Schnall Presidente, Consiglio di amministrazione di Veterans For Peace USA
102 Mark Selden Cornell University USA
103 Tim Shorrock Giornalista indipendente USA
104 Stefano Slaner Sostieni l'azione di pace del Massachusetts USA
105 Steven Starr Università del Missouri, professore assistente clinico USA
106 Vicky Steinitz Docente in pensione, UMass Boston USA
107 Oliver pietra Filmmaker USA
108 Doug Strabile Tecnologo dell'apprendimento Giappone
109 David Swanson Direttore esecutivo, World BEYOND War USA
110 Hiroko Takahashi Professore di Storia, Università di Nara Giappone
111 Roy Tamashiro Professore emerito, Webster University USA
112 Yuki Tanaka Storico Australia
113 Kaia Vereide Comitato di Solidarietà tra le isole per la pace del mare Jeju Corea del Sud/Stati Uniti
114 Paki Wieland CODEPINK USA
115 Charmaine Willis Professore assistente in visita, Skidmore College USA
116 Lawrence Wittner Professore emerito di Storia, Università statale di New York/Albany USA
117 ellen Woodsworth Copresidente WILPF Canada / Relatore e consulente intersezionale sulle città / Matriarch Women Transforming Cities International Society Ex consigliere comunale di Vancouver Canada
118 Ann Wright Colonnello dell'esercito americano in pensione ed ex diplomatico americano / Veterani per la pace USA
119 Sho Yamagushiku scrittore Canada
120 Lisa Yoneyama Università di Toronto Canada
121 Hideki Yoshikawa Direttore del progetto di giustizia ambientale di Okinawa Giappone
122 Ayaka Yoshimizu Professore assistente di insegnamento, Università della British Columbia Canada
123 Geoffrey giovane Candidato alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. USA

L'elenco completo degli oltre 400 firmatari al 5 gennaio 2024 (15:37 PST) è qui.

Risposte 3

  1. Non è sufficiente fermare la costruzione di questa base, chiudere tutte le basi in Giappone e nel mondo, porre fine a questa follia, a questa minaccia sempre crescente per tutta l'umanità, dite a Biden, dite al Congresso, chiudete tutte le basi, iniziate a cercare la pace, la vera pace. non quello di qualche vincitore che impone le proprie opinioni agli altri - non siamo stufi di tutto questo colonialismo - questo impero che ci toglie le libertà - quale impero valorizza la libertà??? e porta sofferenza/morte a milioni di persone - quindi alcuni guadagnano $$$$ $-non siamo stanchi di ascoltare le stesse bugie delle stesse persone-che cosa ci ha portato???la guerra genera altra guerra-porre fine a questa follia adesso

  2. Il Giappone non dovrebbe lasciarsi trascinare nello sciocco e fuorviante militarismo degli Stati Uniti e non dovrebbe proporsi come obiettivo con più basi militari statunitensi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Muoviti per la sfida della pace
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua