L'attaccante della fame giapponese chiede la fine delle basi statunitensi a Okinawa

Jinshiro Motoyama
Jinshiro Motoyama, nativo di Okinawa, è in sciopero della fame fuori dall'ufficio del primo ministro giapponese, Fumio Kishida, a Tokyo. Fotografia: Philip Fong/AFP/Getty

di Justin McCurry, Il guardiano, Maggio 14, 2022

All'inizio di questa settimana, Jinshiro Motoyama ha messo uno striscione fuori dall'ufficio del primo ministro giapponese, si è seduto su una sedia pieghevole e ha smesso di mangiare. È stato un gesto drammatico, ma l'attivista 30enne crede che siano necessarie misure disperate per porre fine al lungo Presenza militare statunitense nella sua città natale, Okinawa.

Situata a circa 1,000 miglia a sud di Tokyo, nel Mar Cinese Orientale, Okinawa è una macchia nell'oceano che comprende lo 0.6% della superficie totale del Giappone ma ospita circa il 70% delle basi militari statunitensi in Giappone e più della metà dei suoi 47,000 soldati.

Come l'isola, teatro di uno dei battaglie più sanguinose della guerra del Pacifico, si prepara domenica a celebrare i 50 anni da quando è stata restituita alla sovranità giapponese dal controllo statunitense del dopoguerra, Motoyama non ha voglia di festeggiare.

"Il governo giapponese vuole che ci sia un'atmosfera celebrativa, ma ciò non è possibile se si considera che la situazione sulle basi statunitensi è ancora irrisolta", ha detto ai giornalisti venerdì, quinto giorno della sua fame, lo studente laureato 30enne colpire.

Ha riconosciuto che 1.4 milioni di persone di Okinawa sono diventate più benestanti - sebbene l'insieme delle isole sia ancora la più povera delle 47 prefetture del Giappone - nell'ultimo mezzo secolo, ma ha affermato che l'isola è ancora trattata come un avamposto quasi coloniale.

“Il problema più grande dal ritorno a Giappone, e dalla fine della seconda guerra mondiale, è la presenza di Militare degli Stati Uniti basi, che sono state costruite in modo sproporzionato ad Okinawa”.

 

segno - non più noi basi
Una protesta contro una base militare statunitense si svolge a Nago, in Giappone, nel novembre 2019. Fotografia: Jinhee Lee/Sopa Images/Rex/Shutterstock

Il dibattito sull'impronta militare statunitense è dominato dal futuro di Futenma, una base aerea del corpo dei marines degli Stati Uniti situata nel mezzo di una città densamente popolata, in una località al largo di Henoko, un villaggio di pescatori nella remota metà settentrionale dell'isola principale di Okinawa.

I critici affermano che la base di Henoko distruggerà il delicato ecosistema marino della zona e minaccerà la sicurezza di circa 2,000 residenti che vivono vicino al sito.

Opposizione al Militare degli Stati Uniti la presenza a Okinawa è aumentata dopo il rapimento e lo stupro nel 1995 di una ragazza di 12 anni da parte di tre militari statunitensi. L'anno successivo, il Giappone e gli Stati Uniti hanno deciso di ridurre l'impronta degli Stati Uniti trasferendo il personale e l'hardware militare di Futenma a Henoko. Ma la maggior parte degli abitanti di Okinawa vuole che la nuova base venga costruita altrove in Giappone.

Il governatore anti-base di Okinawa, Denny Tamaki, ha promesso di combattere la mossa di Henoko, una posizione sostenuta da oltre il 70% degli elettori in un 2019 non vincolante a livello di prefettura referendum che Motoyama ha aiutato a organizzare.

In un breve incontro questa settimana con il primo ministro giapponese, Fumio Kishida, Tamaki lo ha esortato a risolvere la controversia sulla base di Henoko attraverso il dialogo. "Spero che il governo... riconosca pienamente le opinioni degli abitanti di Okinawa", ha detto Tamaki, figlio di una donna giapponese e di un marine statunitense che non ha mai incontrato.

In risposta, il capo segretario di gabinetto, Hirokazu Matsuno, ha affermato che il governo mirava a ridurre il carico dell'isola, ma ha insistito sul fatto che non c'era alternativa alla costruzione di una nuova base a Henoko.

Motoyama, che chiede la fine immediata dei lavori di costruzione delle basi e una sostanziale riduzione della presenza militare statunitense, ha accusato il governo giapponese di ignorare la volontà democratica del popolo di Okinawa.

 

Jinshiro Motoyama
Jinshiro Motoyama parla in una conferenza stampa a Tokyo sollecitando la fine della costruzione di una nuova base militare a Henoko. Fotografia: Rodrigo Reyes Marin/Aflo/Rex/Shutterstock

"Ha semplicemente rifiutato di accettare il risultato del referendum", ha detto. “Per quanto tempo ancora la gente di Okinawa dovrà sopportare questa situazione? Se il problema della base militare non sarà risolto, il ritorno e la tragedia della seconda guerra mondiale non saranno mai veramente finiti per il popolo di Okinawa”.

Alla vigilia dell'anniversario della fine dell'occupazione americana di Okinawa, l'opposizione locale alla presenza militare statunitense resta alta.

Un sondaggio del quotidiano Asahi Shimbun e delle organizzazioni dei media di Okinawa ha rilevato che il 61% della popolazione locale desiderava meno basi statunitensi sull'isola, mentre il 19% si è detto soddisfatto dello status quo.

I sostenitori di un ruolo continuato per la "fortezza di Okinawa" sottolineano i rischi per la sicurezza posti da una Corea del Nord armata di armi nucleari e da una Cina più assertiva, la cui marina ha recentemente aumentato le sue attività nelle acque vicino a Okinawa, con aerei da combattimento che decollano e atterrano sull'aereo vettore Liaoning ogni giorno per più di una settimana.

Teme in Giappone che la Cina possa tentare di riconquistare Taiwan o rivendicare con la forza la contestata Isole Senkaku – situato a meno di 124 km di distanza – sono aumentati dall'invasione russa dell'Ucraina.

I parlamentari del partito liberaldemocratico al potere in Giappone hanno chiesto al Paese di acquisire missili in grado di colpire obiettivi in ​​territorio nemico, armi che potrebbero essere schierate su una delle più piccole di Okinawa”frontline” isole.

Le crescenti tensioni nella regione hanno reso Okinawa un bersaglio, non una pietra angolare di deterrenza, secondo Masaaki Gabe, professore emerito all'Università di Ryukyus, che aveva 17 anni quando l'occupazione statunitense terminò. "Okinawa sarà la prima linea in caso di guerra o conflitto tra Giappone e Cina", ha detto Gabe. “Dopo 50 anni, la sensazione di insicurezza continua ancora”.

 

famiglia al memoriale di guerra a Okinawa
La gente ricorda le vittime della battaglia di Okinawa a Itoman, Okinawa, durante la seconda guerra mondiale. Fotografia: Hitoshi Maeshiro/EPA

Motoyama acconsentì. "Credo ci sia il rischio che Okinawa possa tornare ad essere teatro di una battaglia", ha detto riferendosi a un'invasione delle truppe statunitensi nell'aprile 1945 in cui morirono 94,000 civili - circa un quarto della popolazione di Okinawa - insieme a 94,000 soldati giapponesi e 12,500 soldati statunitensi.

Le richieste dei residenti di Okinawa di alleggerire il loro fardello spostando alcune strutture militari statunitensi in altre parti del Giappone sono state ignorate. Il governo ha anche rifiutato di modificare l'accordo sullo status delle forze tra Giappone e Stati Uniti, che secondo i critici protegge il personale di servizio statunitense di cui è accusato reati gravi, compreso lo stupro.

Jeff Kingston, direttore degli studi asiatici presso la Temple University Japan, ha affermato di dubitare che molti abitanti di Okinawa avrebbero celebrato gli ultimi 50 anni sotto la sovranità giapponese.

"Non sono contenti del ritorno perché l'esercito americano rimane trincerato", ha detto. “La gente del posto non pensa alle basi come scudi ma piuttosto come obiettivi. E i problemi legati alla criminalità e all'ambiente legati alle basi significano che gli americani continuano a non accettare il loro benvenuto".

Motoyama, che non ha avuto contatti con i funzionari del governo giapponese, ha detto che avrebbe continuato il suo sciopero della fame fino all'anniversario di domenica, nonostante le critiche sui social media secondo cui era inutile.

"Voglio che la gente pensi al motivo per cui devo farlo", ha detto. “Per quanto la gente di Okinawa faccia sentire la propria voce a voce alta, qualunque cosa faccia, viene ignorata dal governo giapponese. Nulla è cambiato in 50 anni”.

Reuters ha contribuito al reporting.

Una Risposta

  1. Grazie WBW per aver condiviso questo esempio di resistenza ad Okinawa, l'ex regno di Liu Chiu (Ryūkyū) che fu colonizzato dal Giappone imperiale che rimane una colonia militare simile al regno hawaiano. Tuttavia, per favore, fallo bene: identifichi questo protettore della terra e dell'acqua di Uchinānchu (Okinawan) come giapponese! Sì, potrebbe essere un cittadino giapponese, ma è più o meno allo stesso modo in cui i popoli della First Nation, hawaiani, ecc. possono anche essere etichettati come "cittadini americani", contro la loro volontà. Per favore onora le identità e le lotte indigene non identificandole dal loro colonizzatore. In questo caso, gli abitanti di Okinawa hanno subito le occupazioni militari sia del Giappone che degli Stati Uniti, e ora queste due nazioni di coloni sono in collusione con la continua occupazione militare, ora espandendosi con l'aumento delle forze di "autodifesa" giapponesi in tutto l'arcipelago in preparazione per guerra con la Cina e guerra civile con Taiwan (i taiwanesi moderni non sono gli aborigeni dell'isola, ma i coloni di rifugiati politici).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Traduci in qualsiasi lingua