Gli attivisti statunitensi si uniranno alle proteste contro le armi nucleari statunitensi dispiegate nei Paesi Bassi e in Germania

armi nucleari

Da NukeWatch, 28 luglio 2023

LUCK, Wisconsin - Una delegazione di attivisti per la pace statunitensi si recherà nei Paesi Bassi e in Germania questo agosto per unirsi alle proteste internazionali sulle armi nucleari incentrate sulla rimozione delle armi nucleari statunitensi ancora di stanza presso la base aerea olandese di Volkel, 85 miglia a sud di Amsterdam, e presso la base aerea tedesca di Büchel, a sud-est di Colonia. Il gruppo di 11 attivisti antinucleari proviene da Arizona, California, Connecticut, Iowa, Maryland, Massachusetts, Missouri e New York.

Entrambe le basi aeree Volkel e Büchel mantengono ciascuna circa 15-20 bombe all'idrogeno statunitensi conosciute come B61* come parte del cosiddetto programma di "condivisione nucleare" della NATO in cui i caccia stranieri e i loro piloti provano regolarmente attacchi contro la Russia usando l'H USA -bombe. In modo allarmante, nel bel mezzo della guerra in corso in Ucraina, l'operazione "Air Defender 2023", il più grande nucleare mai realizzato dalla NATOesercizio di attacco all'orecchio, si è svolto dal 14 al 23 giugno nei cieli sopra la Germania. Gli aerei da guerra coinvolti nella pratica includevano F-35, F-15 e F-16 statunitensi provenienti da Stati Uniti, Turchia e Grecia; Eurofighter dalla Spagna e dal Regno Unito; Tornado tedeschi; F/A-18 statunitensi e finlandesi; Gripen ungheresi; e jet da attacco al suolo A-10 statunitensi, secondo la CNN. I jet A-10 sparano i controversi proiettili tossici e radioattivi noti come munizioni all'uranio impoverito.

Coordinato dalla comunità dei lavoratori cattolici di Amsterdam, il Peace Camp Volkel si svolge dal 4 al 10 agosto ed è incentrato sul "clima e un futuro senza armi nucleari". I partecipanti provenienti da tutta Europa e dagli Stati Uniti condurranno corsi di formazione sulla nonviolenza, blocchi, azioni "go-in" e altre proteste. Il 10 agosto, gli attivisti statunitensi viaggeranno da Volkel a Kail, in Germania, per quattro giorni di azioni di protesta dirette alla base dell'aeronautica di Büchel, che come Volkel sta attualmente subendo importanti lavori di costruzione in preparazione della consegna di armi sostitutive, il nuovo B61- 12 bomba a gravità, ora in produzione negli Stati Uniti.

La maggior parte dei delegati statunitensi ai due campi della pace ha lavorato per anni in campagne contro la guerra e per il disarmo, e molti sono stati imprigionati negli Stati Uniti per azioni nonviolente intraprese contro il sistema bellico. Ellen Grady, di Ithaca, New York e membro della delegazione, ha dichiarato: "Dobbiamo assumerci una certa responsabilità per queste armi nucleari statunitensi di stanza in Europa, perché minacciano la violenza genocida e destabilizzano la guerra sconsiderata e in espansione in Ucraina".

Gli undici partecipanti statunitensi sono: JACKIE ALLEN, di Hartford, Connecticut; VERA ANDERSON, 35 anni, di New York, NY; MARK COLVILLE di New Haven, Connecticut; SUSAN CRANE, 75 anni, di Redwood City, California; DENNIS DuVALL, 81 anni, di Radeberg, Germania (ex Prescott, Arizona); JENN GALLER, 27 anni, di Baltimora, MD; ELLEN GRADY, 60 anni, di Ithaca, New York; THEO KAYSER, 33 anni, di St Louis, Missouri; ERIC MARTIN 38, di Los Angeles, California; SUSAN SCHALLER, 69 anni, di Boston, Massachusetts; e BRIAN TERRELL, 67 anni, di Maloy, Iowa.

Precedenti campi internazionali che hanno coinvolto azioni di "go-in" presso la base di Büchel hanno portato ad accuse di violazione di domicilio e una serie di processi e appelli in cui i resistenti hanno tentato di mettere sotto processo la "condivisione nucleare". Gli oppositori sostengono che la difesa della "prevenzione del crimine" giustifica le loro azioni alla luce del Trattato di non proliferazione del 1970 che vieta qualsiasi trasferimento di armi nucleari tra i firmatari del trattato, inclusi Stati Uniti, Paesi Bassi e Germania. Tra i delegati di quest'anno, la sig.ra Crane sarà a settembre la quinta resistenza nucleare a presentare ricorso dalla Germania alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasberg riguardo a presunti errori dei tribunali tedeschi che si sono rifiutati di prendere in considerazione gli argomenti difensivi offerti dai resistenti. La Corte europea deve ancora pronunciarsi su nessuno dei precedenti appelli.

_________________________

* De Morgen (Anversa), 16 luglio 2019, (De Morgen ha ottenuto e pubblicato un rapporto ufficiale della NATO trapelato dettagliando le posizioni e il numero di armi nucleari statunitensi attualmente di stanza in cinque stati della NATO.)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Premi per l'abolizione della guerra 2024
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua