Ambiente

Crollo del clima e responsabilità dei militari

Di Ria Verjauw, maggio 5, 2019

"Una nazione che continua anno dopo anno a spendere di più per la difesa militare che per i programmi di sollevamento sociale si sta avvicinando alla morte spirituale". - Martin Luther King

Foto: Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti

Tutto è interconnesso: conflitti armati - violazioni dei diritti umani - inquinamento ambientale - cambiamenti climatici - ingiustizia sociale .. ....

I cambiamenti climatici e l'inquinamento ambientale sono inevitabilmente parte della guerra moderna. Il ruolo dei militari nel cambiamento climatico è enorme. Il petrolio è indispensabile per la guerra. Il militarismo è l'attività più esaustiva del petrolio sul pianeta. Qualsiasi discorso sul cambiamento climatico non include l'esercito non è altro che l'aria calda.

Mentre molti di noi riducono la nostra impronta di carbonio attraverso una vita più semplice, l'esercito è immune alle preoccupazioni sul cambiamento climatico. L'esercito non denuncia i cambiamenti climatici emissioni a qualsiasi organismo nazionale o internazionale, grazie alle contrattazioni degli Stati Uniti durante i negoziati 1997 sul primo accordo internazionale per limitare le emissioni di riscaldamento globale, il Protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici.

È frustrante vedere che quasi nulla viene menzionato sull'enorme contributo inquinante del militarismo, né durante i numerosi dibattiti e dimostrazioni sul cambiamento climatico, né nei media. Durante le conferenze ambientali c'è silenzio sugli effetti inquinanti dei militari.

In questo articolo si evidenzia solo l'impatto delle azioni militari statunitensi. Ciò non significa che altri stati e produttori di armi siano meno responsabili per l'enorme danno arrecato al nostro clima e all'ambiente. Gli Stati Uniti sono uno dei molti attori nell'influenza globale degli atti militari sul nostro clima e ambiente.

I militari statunitensi rappresentano il 25% del consumo totale di petrolio degli Stati Uniti, che è esso stesso 25% del consumo mondiale totale. La sesta flotta statunitense è una delle entità più inquinanti del Mediterraneo. L'US Air Force (USAF) è il singolo maggior consumatore di carburante per aerei nel mondo.

In 1945 le forze armate statunitensi hanno costruito una base aerea a Dhahran, in Arabia Saudita, l'inizio di assicurare l'accesso permanente americano al petrolio del Medio Oriente appena scoperto. Il presidente Roosevelt aveva negoziato a quid pro quo con la famiglia saudita: protezione militare in cambio di petrolio a basso costo per i mercati e le forze armate statunitensi. Eisenhower aveva una grande preveggenza riguardo all'aumento post-Seconda Guerra Mondiale di un'industria permanente basata sulla guerra che dettava la politica nazionale e la necessità di vigilanza e impegno dei cittadini per frenare il complesso "militare-industriale". Eppure, ha preso una decisione fatale sulla politica energetica, che ha messo gli Stati Uniti e il mondo su un percorso dal quale dobbiamo trovare la via del ritorno.

Il rapido aumento delle emissioni di gas serra che crea l'attuale crisi climatica è iniziato intorno a 1950; nel periodo immediatamente successivo alla seconda guerra mondiale. Questa non è una coincidenza. Il petrolio era stato importante nella prima guerra mondiale, ma il controllo dell'accesso alle forniture di petrolio era cruciale nel secondo. Gli alleati non avrebbero vinto se non fossero stati in grado di tagliare l'accesso tedesco al petrolio e di mantenerlo per sé. La lezione per gli Stati Uniti, in particolare dopo la guerra, era che il continuo accesso e monopolio del petrolio mondiale era essenziale se doveva essere la superpotenza mondiale. Ciò ha reso il petrolio una priorità militare centrale e ha anche consolidato la posizione dominante del settore petrolifero / automobilistico negli Stati Uniti. Questi erano i presupposti per un sistema che dipendesse dalle tecnologie di emissione di gas a effetto serra per la produzione militare e domestica; la fonte del cambiamento climatico che stiamo affrontando ora.

Verso la fine degli 1970, l'invasione sovietica dell'Afghanistan e la rivoluzione iraniana hanno minacciato l'accesso degli Stati Uniti al petrolio in Medio Oriente, portando alla dottrina guerrafondaio 1980 del Presidente Carter. La Carter Doctrine sostiene che qualsiasi minaccia per l'accesso degli Stati Uniti al petrolio del Medio Oriente sarebbe contrastata "con ogni mezzo necessario, compresa la forza militare". Carter ha inserito i denti nella sua dottrina creando la Joint Task Force di Rapid Deployment, il cui scopo erano le operazioni di combattimento nel Area del Golfo Persico, se necessario. Ronald Reagan aumentò la militarizzazione del petrolio con la formazione del Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), di cui Ragione d'essere doveva garantire l'accesso al petrolio, diminuire l'influenza dell'Unione Sovietica nella regione e controllare i regimi politici nella regione per gli interessi di sicurezza nazionale. Con la crescente dipendenza dal petrolio dall'Africa e dalla regione del Mar Caspio, da allora gli Stati Uniti hanno aumentato le proprie capacità militari in quelle regioni.

Il Protocollo di Kyoto 1992 ha esplicitamente escluso le emissioni di gas serra derivanti dall'azione militare dai suoi obiettivi di emissione. Gli Stati Uniti hanno chiesto e ottenuto l'esenzione dai limiti di emissione sui carburanti "bunker" (olio combustibile denso e pesante per le navi militari) e tutte le emissioni di gas serra derivanti dalle operazioni militari in tutto il mondo, comprese le guerre. George W. Bush strappò gli Stati Uniti dal Protocollo di Kyoto come uno dei primi atti della sua presidenza, sostenendo che avrebbe stretto l'economia statunitense con controlli delle emissioni di gas serra troppo costosi. Successivamente, la Casa Bianca ha avviato una campagna neo-luddista contro la scienza del cambiamento climatico.

L'esclusione automatica delle emissioni di gas serra dall'azione militare è stata eliminata nell'accordo 2015 di Parigi sul clima. L'amministrazione di Trumps si è rifiutata di firmare l'accordo e non è ancora obbligatorio per i paesi firmatari tracciare e ridurre le loro emissioni di carbonio militari.

Quando il Consiglio Scientifico della Difesa degli Stati Uniti ha dichiarato in 2001 che i militari avrebbero bisogno di sviluppare armi più efficienti dal punto di vista petrolifero o sistemi di supporto migliori per essere in grado di rifornirsi, "i generali sembrano aver scelto una terza opzione: catturare l'accesso a più petrolio ”. Ciò indica la verità fondamentale sui militari e sui cambiamenti climatici: che la moderna modalità di guerra è emersa ed è possibile solo con l'uso dissoluto del combustibile fossile.

La sicurezza petrolifera comprende sia la protezione militare contro il sabotaggio agli oleodotti e le petroliere, sia le guerre nelle regioni ricche di petrolio per assicurare l'accesso a lungo termine. Quasi le basi militari statunitensi 1000 tracciano un arco dalle Ande al Nord Africa attraverso il Medio Oriente fino all'Indonesia, alle Filippine e alla Corea del Nord, travolgendo tutte le principali risorse petrolifere - tutte correlate, in parte, alla forza di proiezione per il bene della sicurezza energetica. Inoltre, le "emissioni a monte" dei gas serra derivanti dalla fabbricazione di equipaggiamenti militari, prove, infrastrutture, veicoli e munizioni utilizzati nella protezione dell'approvvigionamento petrolifero e dalle guerre petrolifere dovrebbero essere incluse nell'impatto ambientale complessivo dell'uso della benzina.

All'inizio della guerra in Iraq a 2003 di marzo, l'esercito stimò che avrebbe bisogno di più di 40 milioni di litri di benzina per tre settimane di combattimento, superando la quantità totale utilizzata da tutte le forze alleate nei quattro anni della World War 1. Tra gli armamentari dell'esercito c'erano i carri armati 2000 fermi della M-1 Abrams sparati per la guerra e che bruciavano galloni di carburante 250 all'ora. L'Iraq ha la terza più grande riserva di petrolio. Non c'è dubbio che la guerra in Iraq è stata una guerra per il petrolio.

La guerra aerea in Libia ha dato il nuovo Comando Africa USA (AFRICOM) - a sua volta un altro estensione della Dottrina Carter - alcuni riflettori e muscoli. Alcuni commentatori hanno concluso che la guerra della NATO in Libia è un intervento militare umanitario giustificabile. La guerra aerea in Libia ha violato la Risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Costituzione degli Stati Uniti e la legge sui poteri di guerra; e stabilisce un precedente. La guerra aerea in Libia è un'altra battuta d'arresto per la diplomazia non militarizzata; ha emarginato l'Unione Africana e ha dato il via a un maggiore intervento militare in Africa quando sono in gioco gli interessi statunitensi.

Se confrontiamo le figure:

  1. I costi totali previsti per la guerra in Iraq (stimati $ 3 trilioni) copriranno "tutti gli investimenti globali nella generazione di energia rinnovabile "necessaria da ora a 2030 per invertire le tendenze del riscaldamento globale.
  2. Tra 2003-2007, la guerra ha generato almeno 141 milioni di tonnellate di equivalente di anidride carbonica (CO2e), più ogni anno della guerra di quanto 139 dei paesi del mondo distribuiscano ogni anno. Ricostruendo scuole, case, imprese, ponti, strade e ospedali iracheni polverizzati dalla guerra, e nuovi muri e barriere di sicurezza richiederanno milioni di tonnellate di cemento, una delle più grandi fonti industriali di emissioni di gas serra.
  3. In 2006, gli Stati Uniti hanno speso di più per la guerra in Iraq di quanto il mondo intero abbia speso per investimenti in energie rinnovabili.
  4. Con 2008, l'amministrazione Bush aveva speso 97 volte di più sul militare che sul cambiamento climatico. Come candidato presidenziale, il presidente Obama si è impegnato a spendere $ 150 miliardi per dieci anni sulla tecnologia e le infrastrutture energetiche verdi - meno di quanto gli Stati Uniti stessero spendendo in un anno della guerra in Iraq

La guerra non è solo uno spreco di risorse che potrebbero essere utilizzate per affrontare il cambiamento climatico, ma è essa stessa una causa significativa di danno ambientale. Le forze armate hanno notevoli impronte di carbonio.

L'esercito americano ammette di attraversare barili 395,000 (1 USA barrel = 158.97liter) di petrolio ogni giorno. Questa è una cifra stupefacente che, tuttavia, potrebbe essere una sottostima considerevole. Una volta preso in considerazione tutto il consumo di petrolio da parte di appaltatori militari, fabbricazione di armi e tutte quelle basi segrete e operazioni omesse dalle figure ufficiali, il reale utilizzo quotidiano sarà probabilmente più vicino a un milione di barili. Per mettere le cifre in prospettiva, il personale militare statunitense in servizio attivo costituisce circa il 0.0002% della popolazione mondiale, ma fa parte di un sistema militare che genera circa il 5% delle emissioni mondiali di gas serra.

Gran parte di queste emissioni provengono dall'infrastruttura militare che gli Stati Uniti mantengono in tutto il mondo. Il costo ambientale della guerra è considerevolmente più alto.

Il danno ambientale causato dalla guerra non è limitato ai cambiamenti climatici. Gli effetti del bombardamento nucleare e dei test nucleari, l'uso dell'Agent Orange, dell'uranio impoverito e di altre sostanze chimiche tossiche, così come le mine antiuomo e l'ordinanza inesplosa che si protraggono nelle zone di conflitto molto dopo la guerra, hanno meritato ai militari una meritata reputazione come "Il più grande singolo assalto all'ambiente". È stato stimato che il 20% di tutto il degrado ambientale in tutto il mondo è dovuto a attività militari e correlate.

Coincidente con queste tragedie ambientali intensificate dal riscaldamento globale, è il compromesso in corso nel bilancio federale statunitense tra difesa militarizzata e sicurezza umana e ambientale autentica. Gli Stati Uniti contribuiscono oltre all'30 per cento dei gas di riscaldamento globale nell'atmosfera, generati dal 5% della popolazione mondiale e dal militarismo statunitense. I pezzi della torta del budget federale degli Stati Uniti che finanzia istruzione, energia, ambiente, servizi sociali, alloggi e nuova creazione di posti di lavoro, presi insieme, ricevono meno fondi del bilancio militare / della difesa. L'ex segretario al lavoro Robert Reich ha definito il bilancio militare un programma di lavoro sostenuto dai contribuenti e sostiene la necessità di ridefinire la spesa federale in materia di posti di lavoro nel settore dell'energia verde, dell'istruzione e delle infrastrutture: la vera sicurezza nazionale.

Giriamo la marea. Movimenti per la pace: inizia a fare ricerche per esaminare le emissioni di CO2 dei militari e avvelenare il nostro pianeta. Attivisti per i diritti umani: pronuncia chiaramente contro la guerra e la distruzione. Perciò faccio un forte richiamo a tutti gli attivisti per il clima di tutte le età:

'Difendi il clima diventando un attivista per la pace e anti-militarista'.

Ria Verjauw / ICBUW / Leuvense Vredesbeweging

fonti:

ufpj-peacetalk- Perché fermare le guerre è essenziale per fermare il cambiamento climatico | Elaine Graham-Leigh

Elaine Graham-Leigh, libro: 'Una dieta di austerità: classe, cibo e cambiamenti climatici'

https://www.ewg.org/research/update-mapping-expanding-pfas-crisis

https://www.militarytimes.com/news/your-military/2018/04/26/dod-126-bases-report-water-contaminants-harmful-to-infant-development-tied-to-cancers/

http://www.bandepleteduranium.org/en/index.html

https://truthout.org/articles/the-military-assault-on-global-climate/

Ian Angus, Di fronte all'Antropocene -Monthly Review Premere 2016), p.161

Dona a World BEYOND War

Commenti

  1. Grazie per questo importante contributo al discorso sulla crisi climatica. Il punto sollevato da Ria Verjauw, secondo cui qualsiasi discussione sulla crisi climatica che omette il ruolo e il contributo dell'esercito è gravemente carente, è quella che faccio anche in un articolo che si integra bene con lei: "Una scomoda verità" Al Gore perse ”. Non possiamo decarbonizzare con successo se non lo smilitarizziamo! http://bit.ly/demilitarize2decarbonize (con note a piè di pagina) https://www.counterpunch.org/2019/04/05/an-inconvenient-truth-that-al-gore-missed/ (senza note)

  2. "Tutto è interconnesso" all'apertura dell'articolo. Quindi, per favore, prendi in considerazione:
    Non solo il DOD ha vaste richieste e utilizzi petroliferi-chimici, ma richiede l'uso di terra / acqua dolce, così come le acquisizioni e le relazioni con aziende animali industriali concentrate o commerciali e le operazioni di alimentazione che riguardano l'ambiente, dal rilascio di metano, dalla perdita di biodiversità, dalla deforestazione, dall'uso di acqua dolce e dall'inquinamento da letame: https://en.m.wikipedia.org/wiki/Concentrated_animal_feeding_operation con il sostegno dell'USDA che mantiene la catena di approvvigionamento "alimentare" per nutrire tutto il personale militare e gli appaltatori statunitensi attraverso un'infrastruttura di massa, complice quindi ancora di più morti di animali, produzione di gas serra, distruzione di habitat e biodiversità. Le soluzioni immediate ovvie sono di porre fine al supporto per tutte le guerre, ridurre il budget dei DOD, bloccare le perdite, ridurre le basi militari, le operazioni CAFO degli animali e promuovere il veganismo etico per ridurre rapidamente la domanda di animali come risorsa. Includere e illuminare la massiccia portata dell'ingiustizia animale significa invitare i diritti degli animali e gli animali come abolizionisti delle risorse per unirsi agli attivisti pacifisti e della giustizia ambientale per costruire coalizioni più potenti. Vedi qui alcune figure:

    -snip http://blogs.star-telegram.com/investigations/2012/08/more-government-pork-obama-directs-military-usda-to-buy-meat-in-lean-times.html
    Il Dipartimento della Difesa acquista annualmente circa:

    194 milioni di chili di manzo (costo stimato $ 212.2 milioni)

    164 milioni di chili di maiale ($ 98.5 milioni)

    1500,000 chili di agnello ($ 4.3 milioni)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Termine è esaurito. Ricarica CAPTCHA.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.