Il governo degli Stati Uniti ha rinchiuso questa famiglia californiana, quindi ha insistito affinché si unisse all'esercito

Di David Swanson, World BEYOND WarGiugno 14, 2022

Il governo degli Stati Uniti ha portato via una famiglia dalla sua casa, dal lavoro, dalle scuole e dagli amici, ha rinchiuso tutti i suoi membri e poi ha iniziato a ordinare ai membri maschi della famiglia della giusta età di arruolarsi nell'esercito americano e andare direttamente in guerra.

Questo non è stato il mese scorso. Era il 1941. E non era un caso. La famiglia era di origine giapponese e l'incarcerazione fu accompagnata dall'accusa di essere creature subumane ma anche di traditori sleali. Niente di tutto ciò lo rende accettabile o irrilevante. La rilevanza è dimostrata dallo stato d'animo interrogativo in cui hai appena letto il titolo sopra. La famiglia era del sud del confine? Erano musulmani? Erano russi? Le pratiche malvagie e abusive esistono da molto prima dell'abuso dei giapponesi-americani durante la seconda guerra mondiale e sono ancora in circolazione oggi.

Questa settimana, il New York Times, ha pubblicato alcune nuove fotografie da Guantanamo e rivendicato che si trattava di qualcosa di nuovo, anche se per decenni le persone avevano visto fotografie molto simili e molto famose di prigionieri in arancione a Guantanamo, i manifestanti avevano indossato l'arancione e messo le foto su poster giganti, violenti combattenti anti-americani avevano indossato l'arancione. I terroristi avevano affermato di agire in risposta agli oltraggi a Guantanamo. Naturalmente, qualcuno vuole solo generare clic sul file New York Times sito web, ma non c'è mai una sanzione per aver cancellato gli orrori o per averli trattati come eccezionali.

Ritorno alla famiglia in California. Un libro di memorie appena pubblicato di Yoshito Kuromiya, con una prefazione di Lawson Inada, Prefazione di Eric Muller e curato da Arthur Hansen, è intitolato Beyond The Betrayal: The Memoir of a Japanese American Draft Resister of Conscience della seconda guerra mondiale. Kuromiya racconta come la sua famiglia sia stata strappata alle loro vite in California e rinchiusa in un campo oltre il filo spinato nel Wyoming. Nel campo, insegnanti bianchi - e quindi affidabili e ammirevoli - hanno istruito i giovani membri del gruppo inferiore sulle glorie della Costituzione degli Stati Uniti e su tutte le meravigliose libertà che crea. E a Yoshito fu ordinato di arruolarsi nell'esercito americano e uccidere o morire nella seconda guerra mondiale (non sono richieste piena umanità e affidabilità).

Oltre il tradimento

Poiché il titolo del libro rivela piuttosto, Yoshito Kuromiya ha rifiutato. Molti rifiutarono insieme e molti obbedirono insieme. C'è stato un bel dibattito, come puoi immaginare. Si dovrebbe andare a uccidere e morire nell'orribile stupidità della guerra? E si dovrebbe farlo per un governo che ti tratta come ha fatto questo? Non è mai cristallino per me, e forse non lo è mai stato per l'autore, se si è opposto a tutte le guerre. Scrive di quanto sarebbe stato orribile partecipare. Scrive anche che potrebbe essersi unito all'omicidio insensato in altre circostanze. Eppure anche lui, anni dopo, esprime il suo sostegno al rifiuto di Ehren Watada di partecipare alla guerra in Iraq. Forse anche quelle erano solo le circostanze sbagliate. Ma Kuromiya scrive che si rammarica di non aver stabilito all'epoca della seconda guerra mondiale il diritto legale di rifiutare la guerra, e non può ignorare quale colpo fatale sarebbe stato per l'istituzione della guerra. Né poteva essere inconsapevole di aver resistito all'unica guerra delle innumerevoli guerre statunitensi negli ultimi 75 anni che la maggior parte delle persone cercherà persino di difendere come moralmente giustificabile.

Il libro di memorie di Kuromiya ci fornisce un contesto. Racconta l'immigrazione e le lotte dei suoi genitori prima della seconda guerra mondiale. Dice che era sempre stato geograficamente contenuto dalla povertà, prima di essere contenuto da guardie e recinzioni. Dopo la guerra, descrive il capovolgimento delle cose, con la fuga dei bianchi dai quartieri in cui i giapponesi americani sono riusciti a trasferirsi. Racconta anche le divergenze di opinione tra i prigionieri e tra le guardie. Descrive la prigione nello Stato di Washington in cui lui e altri obiettori di coscienza furono mandati, compresi gli aspetti relativamente positivi di essa, e comprese le guardie carcerarie che avrebbero dovuto rimanere lì più a lungo dei prigionieri.

Kuromiya e i suoi compagni di resistenza andarono in tribunale e furono condannati da un giudice razzista, e quindi avevano qualsiasi prospettiva per una sentenza favorevole terminata dalla grazia di Truman dei resistenti alla leva. Il governo degli Stati Uniti in seguito ha ammesso di aver sbagliato a incarcerare tutte quelle famiglie. C'è un monumento a Washington, DC, che giura che non lo rifaranno più. Ma il governo non ha mai ammesso che ci fosse qualcosa di sbagliato in una bozza. In effetti, se non fosse stato per repubblicani buffoni sessisti, i Democratici avrebbero da tempo aggiunto le donne alla bozza di registrazione. Né il governo degli Stati Uniti, per quanto ne so, ha ammesso pubblicamente qualcosa di particolarmente sbagliato sulla combinazione di rinchiudere le persone e poi arruolarle. In effetti, consente ancora ai tribunali di dare ai detenuti la possibilità di scegliere l'esercito rispetto ad altre punizioni, consente agli immigrati di negare la cittadinanza a meno che non si arruolano nell'esercito, consente a chiunque non abbia accesso all'istruzione a meno che non si uniscano all'esercito per acquisire fondi per il college, e cerchiamo di i bambini crescono in quartieri così pericolosi che i militari sembrano un'opzione più sicura.

Il resoconto di Kuromiya di ciò che ha affrontato non è quello che leggerai in un testo di storia approvato dal consiglio scolastico. È una testimonianza in prima persona di ciò che è accaduto senza alcun effetto annacquato dalla grandezza eroica di FDR o dalla malvagità dei nazisti. Né vengono omessi i pensieri scomodi di Kuromiya. Si chiede perché i tedeschi e gli italoamericani non siano stati trattati come lo erano i giapponesi americani. Riconosce che il governo degli Stati Uniti ha preso provvedimenti per entrare in guerra con il Giappone, lasciando il lettore a chiedersi se quella capacità di vedere oltre parte della propaganda, per non parlare della capacità di vedere i giapponesi come esseri umani, possa aver influenzato le azioni di Kuromiya — e chiedersi cosa avrebbero potuto significare abilità simili se più diffuse.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il limite di tempo è scaduto. Ricarica il CAPTCHA.

Traduci in qualsiasi lingua