Gli Stati Uniti devono impegnarsi nella riduzione degli armamenti se vogliono che la Corea del Nord lo faccia

Donald Trump saluta mentre lascia Marine One alla Casa Bianca dopo aver trascorso il fine settimana al Vertice del G20 e aver incontrato Kim Jong Un, il 30 giugno 2019 a Washington, DC

Di Hyun Lee, Truthout, 29 dicembre 2020

Copyright, Truthout.org. Ristampato con autorizzazione.

Per decenni, i responsabili politici degli Stati Uniti si sono chiesti: "Come possiamo convincere la Corea del Nord a rinunciare alle armi nucleari?" e sono saliti a mani vuote. Mentre l'amministrazione Biden si prepara a entrare in carica, forse è il momento di porre una domanda diversa: "Come raggiungere la pace con la Corea del Nord?"

Ecco il dilemma che deve affrontare Washington. Da un lato, gli Stati Uniti non vogliono consentire alla Corea del Nord di avere armi nucleari perché ciò potrebbe incoraggiare altri paesi a fare lo stesso. (Washington è già impegnata a cercare di fermare l'ambizione nucleare dell'Iran, mentre un numero crescente di voci conservatrici in Giappone e Corea del Sud chiede anche l'acquisizione delle proprie bombe.)

Gli Stati Uniti hanno cercato di convincere la Corea del Nord a rinunciare alle sue armi nucleari attraverso pressioni e sanzioni, ma quell'approccio ha fallito, rafforzando la determinazione di Pyongyang di affinare la sua tecnologia nucleare e missilistica. La Corea del Nord afferma che l'unico modo in cui rinuncerà alle sue armi nucleari è se gli Stati Uniti "abbandonano la loro politica ostile" - in altre parole, intraprendono passi reciproci verso la riduzione degli armamenti - ma finora Washington non ha fatto mosse né indicato alcuna intenzione di muovendosi verso quell'obiettivo. In effetti, l'amministrazione Trump ha continuato a farlo condurre esercitazioni di guerra congiunte con la Corea del Sud e rafforzamento dell'applicazione di sanzioni contro la Corea del Nord nonostante la sua impegno a Singapore per fare pace con Pyongyang.

Entra Joe Biden. Come risolverà il suo team questo dilemma? Ripetere lo stesso approccio fallito e aspettarsi un risultato diverso sarebbe - beh, sai come dice il proverbio.

I consiglieri di Biden concordano sul fatto che l'approccio "tutto o niente" dell'amministrazione Trump - chiedendo in anticipo che la Corea del Nord rinunci a tutte le sue armi - è fallito. Invece, raccomandano un "approccio al controllo degli armamenti": prima di congelare le operazioni nucleari di plutonio e uranio della Corea del Nord e poi di compiere passi incrementali verso l'obiettivo finale della denuclearizzazione completa.

Questo è l'approccio preferito del candidato al segretario di stato Anthony Blinken, che sostiene un accordo provvisorio per limitare le armi nucleari della Corea del Nord per guadagnare tempo per elaborare un accordo a lungo termine. Dice che dovremmo coinvolgere gli alleati e la Cina per fare pressione sulla Corea del Nord: "spremere la Corea del Nord per portarla al tavolo dei negoziati. " "Dobbiamo tagliare le sue varie strade e l'accesso alle risorse", dice, e sostiene di dire ai paesi con lavoratori ospiti nordcoreani di rimandarli a casa. Se la Cina non collaborerà, Blinken suggerisce che gli Stati Uniti la minacciano con una difesa missilistica più avanzata ed esercitazioni militari.

La proposta di Blinken è appena diversa dall'approccio fallito del passato. È ancora una politica di pressione e isolamento per arrivare all'obiettivo finale di disarmare unilateralmente la Corea del Nord - l'unica differenza è che l'amministrazione Biden è disposta a impiegare più tempo per arrivarci. In questo caso, la Corea del Nord probabilmente continuerà a spingere in avanti sulle sue armi nucleari e sulla capacità missilistica. A meno che gli Stati Uniti non cambino drasticamente la loro posizione, una rinnovata tensione tra Stati Uniti e Corea del Nord è inevitabile.

Invece di concentrarsi su come convincere la Corea del Nord a rinunciare alle sue armi nucleari, chiedere come raggiungere la pace permanente in Corea potrebbe portare a una serie di risposte diversa e più fondamentale. Tutte le parti - non solo la Corea del Nord - hanno la responsabilità di compiere passi verso la reciproca riduzione degli armamenti.

Dopotutto, gli Stati Uniti hanno ancora 28,000 soldati in Corea del Sud e, fino a poco tempo fa, conducevano regolarmente massicce esercitazioni di guerra che includevano piani per attacchi preventivi contro la Corea del Nord. Le precedenti esercitazioni di guerra congiunte hanno incluso bombardieri B-2 volanti, progettati per sganciare bombe nucleari e costano ai contribuenti statunitensi circa $ 130,000 l'ora per volare. Sebbene gli Stati Uniti e la Corea del Sud abbiano ridotto i loro esercizi dal vertice Trump-Kim nel 2018, il comandante delle forze armate statunitensi in Corea, il generale Robert B. Abrams, ha detto per la ripresa delle esercitazioni di guerra congiunta su larga scala.

Se l'amministrazione Biden andasse avanti con le esercitazioni di guerra del prossimo marzo, rinnoverebbe la pericolosa tensione militare nella penisola coreana e danneggerebbe ogni possibilità di impegno diplomatico con la Corea del Nord nel prossimo futuro.

Come raggiungere la pace nella penisola coreana

Per ridurre la minaccia di una guerra nucleare con la Corea del Nord e preservare la possibilità di riprendere i colloqui in futuro, l'amministrazione Biden può fare due cose nei suoi primi 100 giorni: una, continuare la sospensione della guerra congiunta su larga scala USA-Corea del Sud. trapani; e due, avviare una revisione strategica della sua politica della Corea del Nord che inizia con la domanda: "Come si arriva a una pace permanente nella penisola coreana?"

Una parte essenziale per stabilire una pace permanente è porre fine alla guerra di Corea, che ha fatto rimase irrisolto per 70 annie sostituire l'armistizio (un cessate il fuoco temporaneo) con un accordo di pace permanente. Questo è ciò che i due leader coreani hanno deciso di fare nel loro storico vertice di Panmunjom nel 2018, e l'idea ha il sostegno di 52 membri del Congresso degli Stati Uniti che hanno co-sponsorizzato la Risoluzione 152 della Camera, chiedendo una fine formale della guerra di Corea. Settant'anni di guerra irrisolta non solo hanno alimentato una perpetua corsa agli armamenti tra le parti in conflitto, ma hanno anche creato un confine impenetrabile tra le due Coree che ha tenuto lontane milioni di famiglie. Un accordo di pace che impegni tutte le parti in un processo graduale di deposizione delle armi creerebbe condizioni pacifiche affinché le due Coree riprendano la cooperazione e riuniscano famiglie separate.

Molte persone negli Stati Uniti pensano che la Corea del Nord non voglia la pace, ma guardare indietro alle sue dichiarazioni passate rivela il contrario. Ad esempio, in seguito alla guerra di Corea, che si era conclusa con un armistizio nel 1953, la Corea del Nord faceva parte della Conferenza di Ginevra, convocata dalle Quattro Potenze - Stati Uniti, ex URSS, Regno Unito e Francia - per discutere del futuro della Corea. Secondo un rapporto declassificato della delegazione degli Stati Uniti, l'allora ministro degli Esteri nordcoreano Nam Il dichiarò in questa conferenza che "il compito principale è raggiungere l'unità coreana convertendo [l'armistizio] in una duratura riunificazione pacifica [della] Corea su principi democratici". Ha incolpato gli Stati Uniti "per le responsabilità nella divisione della Corea e per aver tenuto elezioni separate sotto la 'pressione della polizia'". (Gli ufficiali statunitensi Dean Rusk e Charles Bonesteel avevano diviso la Corea lungo il 38 ° parallelo nel 1945 senza consultare alcun coreano, e Gli Stati Uniti avevano spinto per elezioni separate nel sud anche se la maggior parte dei coreani desiderava una Corea unificata e indipendente). Tuttavia, ha continuato Nam, "l'armistizio del 1953 ora ha aperto [la] via all'unificazione pacifica". Ha raccomandato il ritiro di tutte le forze straniere entro sei mesi e un "accordo sulle elezioni in tutta la Corea per stabilire un governo che rappresenti l'intero paese".

La Conferenza di Ginevra purtroppo si è conclusa senza un accordo sulla Corea, in gran parte a causa dell'opposizione degli Stati Uniti alla proposta di Nam. Di conseguenza, la zona demilitarizzata (DMZ) tra le Coree si è rafforzata fino a diventare un confine internazionale.

La posizione di base della Corea del Nord - che l'armistizio dovrebbe essere sostituito da un accordo di pace che "apre la strada all'unificazione pacifica" - è stata costante negli ultimi 70 anni. Questo è ciò che l'Assemblea popolare suprema della Corea del Nord propose al Senato degli Stati Uniti nel 1974. Questo è ciò che era contenuto in una lettera della Corea del Nord consegnata dall'ex leader dell'Unione Sovietica Mikhail Gorbachev al presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan nel loro vertice a Washington nel 1987. Anche questo è ciò che i nordcoreani hanno ripetutamente sollevato nei loro negoziati sul nucleare con le amministrazioni Bill Clinton e George W. Bush.

L'amministrazione Biden dovrebbe guardare indietro - e riconoscere - gli accordi che gli Stati Uniti hanno già firmato con la Corea del Nord. Il comunicato congiunto USA-RPDC (firmato dall'amministrazione Clinton nel 2000), la dichiarazione congiunta dei sei partiti (firmata dall'amministrazione Bush nel 2005) e la dichiarazione congiunta di Singapore (firmata dal presidente Trump nel 2018) hanno tutti tre obiettivi in ​​comune : stabilire relazioni normali, costruire un regime di pace permanente nella penisola coreana e denuclearizzare la penisola coreana. Il team di Biden ha bisogno di una road map che delinei chiaramente la relazione tra questi tre importanti obiettivi.

L'amministrazione Biden affronta certamente molte questioni urgenti che richiederanno la sua attenzione immediata, ma garantire che il rapporto USA-Corea del Nord non scivoli indietro fino al rischio che ci ha portato sull'orlo dell'abisso nucleare nel 2017 dovrebbe essere una priorità assoluta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Premi per l'abolizione della guerra 2024
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua