Video del dibattito sull'Ucraina a Madison, Wisconsin, il 12 novembre

Di David Swanson, World BEYOND WarNovembre 12, 2023

AUDIO:

VIDEO:

Video del notiziario televisivo.

Notizie.

TESTO:

Niente nella mia vita ha contribuito ad aumentare il rischio di un’apocalisse nucleare tanto quanto la guerra in Ucraina. Niente sta facendo di più per impedire la cooperazione globale sul clima, sulla povertà o sui senzatetto. Poche cose stanno causando così tanti danni diretti in quelle aree, devastando il ambiente, sconvolgente grano spedizioni, creando milioni di rifugiati. Anche se per anni le vittime dell'Iraq sono state oggetto di accesi dibattiti da parte dei media americani, la cosa è ampiamente accettata vittime in Ucraina sono già a mezzo milione. Non c’è modo di contare con precisione quante vite avrebbero potuto essere salvate nel mondo investendo centinaia di miliardi in qualcosa di più saggio di questa guerra, ma una piccola parte di queste avrebbe potuto essere salvata. pose fine alla fame sulla terra. La guerra se ne va per coloro che sono sopravvissuti a terre piene di macerie, bombe inesplose e bombe a grappolo, veleni di ogni tipo, povertà, traumi, odio e risentimento. Le famiglie ucraine e russe piangono la perdita dei propri cari costretti alla guerra o accusati del crimine di opposizione alla guerra.

Russia e Ucraina con successo negoziare scambi di prigionieri, ritorno di bambini, ritorno di cadaveri, passaggio sicuro per le navi, anche se ciascuna parte afferma che l'altra è un mostro con cui non si può parlare e che deve essere ucciso.

Sia la Russia che l’Ucraina sostengono che il compromesso è tradimento – potete immaginare se lo insegnassimo nelle scuole materne invece che nei parlamenti – e che la vittoria totale è proprio dietro l’angolo. Ma la terra conquistata da entrambe le parti dal 1° gennaio non è sufficiente a seppellire i cadaveri generati dalla conquista, e non credetemi: il comandante in capo ucraino, generale Valery Zaluzhny, la definisce una situazione di stallo simile alla Prima Guerra Mondiale. . Ciò può finire in due modi: con la guerra nucleare che minaccia tutta la vita sulla Terra o con la negoziazione.

La negoziazione è dannosa per i profitti delle armi, imbarazzante per i politici che hanno trascorso anni a denunciarla ed è emotivamente difficile, ma non intellettualmente difficile. I termini fondamentali di un accordo si trovano nell’accordo di Minsk II prebellico, nella proposta russa del dicembre 2021, nell’accordo quasi raggiunto prima del sabotaggio occidentale nella primavera del 2022, e in dozzine di proposte di pace da parte dei governi di tutto il mondo. il mondo. I termini includono: rimozione di tutte le truppe straniere, neutralità per l’Ucraina, smilitarizzazione, revoca delle sanzioni e autonomia per Crimea e Donbass. Il principale punto critico per l’Occidente, ironicamente, è la democrazia. Da quando la Crimea ha votato a stragrande maggioranza per unirsi alla Russia in seguito al colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti nel 2014, centinaia di commentatori occidentali l’hanno definito l’atto peggiore del secolo, peggiore della guerra all’Iraq, eppure nessuno ha sostenuto un nuovo voto no. non importa come condotto. Si supponeva che le persone nell’Ucraina orientale avessero autonomia. Negarglielo in nome della guerra per il Rules Based Order è un disastro. Farlo con infinite spedizioni gratuite di armi per le quali il pubblico americano non ha mai votato e che in alcuni sondaggi rifiuterebbe se ne avesse la possibilità si fa beffe della parola democrazia.

In qualità di principale oppositore dei trattati fondamentali sui diritti umani, principale oppositore dei tribunali internazionali, principale abusatore del diritto di veto alle Nazioni Unite e principale trafficante di armi alle dittature e alle cosiddette democrazie, il governo degli Stati Uniti ha ampio spazio per passare alla promozione della democrazia e pace con l’esempio invece che con i bombardamenti.

Stati Uniti e altri Occidentale diplomatici, spie e teorici previsto per 30 anni che l’espansione della NATO avrebbe portato alla guerra con la Russia. Il presidente Barack Obama ha rifiutato di armare l’Ucraina, prevedendo che così facendo ci avrebbe portato dove siamo ora – come Obama ancora visto nell’aprile 2022. Prima della cosiddetta “Guerra non provocata” ci sono stati commenti pubblici da parte di funzionari statunitensi che sostenevano che le provocazioni non avrebbero provocato nulla. "Non credo a questa argomentazione secondo cui, fornendo agli ucraini armi difensive, provocheremo Putin", ha detto il senatore Chris Murphy (D-Conn.) Si può ancora leggere un RAND rapporto sostenere la creazione di una guerra come questa attraverso il tipo di provocazioni che i senatori affermavano non avrebbe provocato nulla. E lo fanno con lo scopo che vari membri del Congresso vi dicono che la guerra è in corso: danneggiare la Russia.

Provocata o no, si assiste ad un’invasione orrenda, omicida e criminale – prevedibilmente e assurdamente controproducente dal punto di vista della pretesa russa di respingere la NATO. Potrebbe essere vero che se la situazione fosse stata sull’altro piede, che se la Russia avesse messo basi missilistiche con capacità nucleare vicino al confine americano, gli Stati Uniti avrebbero fatto qualcosa di altrettanto malvagio. Recentemente gli Stati Uniti hanno fatto cose ancora più malvagie in Iraq e Afghanistan con scuse fittizie. Quando i sovietici lanciarono i missili su Cuba, gli Stati Uniti quasi distrussero il mondo. Ma poi ha risolto la questione attraverso un compromesso, anche se fingeva pubblicamente di averlo fatto attraverso il machismo, insegnando a quelli di noi che devono ancora venire la lezione sbagliata. E non c’è dubbio che entrambe le parti abbiano costruito per anni questa catastrofe. Zelenskyj è stato eletto per la pace, e poi vittima di bullismo da parte della destra, con gli Stati Uniti che hanno accettato o sostenuto il passaggio all’ostilità. Ma una volta avvenuta un’invasione brutale, cosa si può fare?

Una cosa che si sarebbe potuta fare è negoziare la pace. Secondo Media ucraini, affari esteri, Bloomberg e israeliani, Tedesco, funzionari turchi e francesi, Stati Uniti e Regno Unito hanno esercitato pressioni sull’Ucraina affinché impedisse un accordo di pace nei primi giorni dell’invasione. Da allora, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno fornito montagne di armi gratuite per far andare avanti la guerra. I governi dell’Europa orientale si sono espressi preoccupazione che se gli Stati Uniti rallentassero o interrompessero il flusso di armi, l’Ucraina potrebbe essere disposta a negoziare nuovamente la pace.

Un’altra cosa che si sarebbe potuta fare è la resistenza non armata. Colpi di stato e dittatori sono stati estromessi in modo nonviolento in dozzine di luoghi. Un esercito disarmato ha contribuito a liberare l’India. Nel 1997 le forze di pace disarmate di Bougainville riuscirono laddove quelle armate avevano fallito. Nel 2005 in Libano la dominazione siriana si è conclusa con una rivolta nonviolenta. Nel 1923 l'occupazione francese di parte della Germania terminò grazie alla resistenza nonviolenta. Tra il 1987 e il 91 la resistenza non violenta scacciò l’Unione Sovietica da Lettonia, Estonia e Lituania – e quest’ultima stabilì piani per una futura resistenza non armata. L’Ucraina aveva posto fine in modo nonviolento al dominio sovietico nel 1990. Alcuni degli strumenti di resistenza non armata sono familiari dal 1968, quando i sovietici invasero la Cecoslovacchia.

Nei sondaggi in Ucraina, prima dell’invasione russa, non solo le persone sapevano cosa fosse la resistenza non armata, ma erano più favorevoli ad un’invasione che alla resistenza militare. Quando è avvenuta l’invasione, ci sono stati centinaia di episodi di ucraini che hanno usato la resistenza non armata, fermato i carri armati, ecc. Ma c’è stato quasi il silenzio dei media sui primi tentativi non organizzati e non supportati di resistenza non armata. E se l’attenzione rivolta agli eroi di guerra ucraini fosse rivolta agli eroi della resistenza ucraina disarmata? Cosa accadrebbe se il mondo delle persone che vogliono la pace fosse invitato a unirsi alla resistenza non armata, e i miliardi spesi per le armi fossero stati spesi per quello? E se agli ucraini fosse stato chiesto di ospitare protettori internazionali, persone come noi con e senza alcuna formazione, piuttosto che fuggire dal proprio paese o unirsi alla guerra?

Probabilmente le persone sarebbero state uccise e, per qualche motivo, quelle morti sarebbero state considerate molto peggiori. Ma molto probabilmente sarebbero stati molto meno. Il percorso scelto in Ucraina ha portato a mezzo milione di vittime, 10 milioni di rifugiati, a un aumento del rischio di guerra nucleare, a una rottura della cooperazione internazionale che ci condanna al collasso climatico, a una deviazione di risorse a livello globale verso il militarismo, l’ambientalismo distruzione, carenza di cibo e rischio di disastro in una centrale nucleare.

Se invece di far saltare gli oleodotti e vendere combustibili fossili, circa il 10% di quanto è stato speso fosse destinato all’energia verde in Ucraina, il futuro dell’umanità sarebbe più luminoso. A questo punto, alcune azioni osservabili devono precedere i negoziati. Entrambe le parti potrebbero annunciare un cessate il fuoco e chiedere che venga rispettato. Entrambe le parti potrebbero annunciare la volontà di concordare un accordo particolare. Se il cessate il fuoco non viene rispettato, il massacro potrà riprendere rapidamente. Se un cessate il fuoco serve per radunare truppe e armi per la prossima battaglia, ebbene, anche il cielo è azzurro e lo fa un orso nel bosco. Nessuno immagina che nessuna delle due parti sia in grado di chiudere così rapidamente il business della guerra. Per i negoziati è necessario un cessate il fuoco e per un cessate il fuoco è necessaria la fine delle spedizioni di armi. Questi tre elementi devono unirsi. Potrebbero essere abbandonati insieme se i negoziati fallissero. Ma perché non provarci?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Festival del cinema WBW 2024
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua