Una breve storia delle liste di uccisioni, da Langley a Lavender


I corpi dei palestinesi uccisi negli attacchi israeliani sono sepolti in una fossa comune a Khan Younis. Credito fotografico: Al-Jazeera

Di Medea Benjamin e Nicolas JS Davies, World BEYOND WarAprile 16, 2024

La rivista online israeliana +972 ha pubblicato a relazione dettagliata sull'uso da parte di Israele di un sistema di intelligenza artificiale (AI) chiamato “Lavender” per prendere di mira migliaia di uomini palestinesi nella sua campagna di bombardamenti a Gaza. Quando Israele attaccò Gaza dopo il 7 ottobre, il sistema Lavender aveva un database di 37,000 uomini palestinesi con sospetti legami con Hamas o con la Jihad islamica palestinese (PIJ).

Lavender assegna un punteggio numerico, da uno a cento, a ogni uomo a Gaza, basandosi principalmente sui dati dei cellulari e dei social media, e aggiunge automaticamente quelli con punteggi più alti alla sua lista di presunti militanti uccisi. Israele utilizza un altro sistema automatizzato, noto come “Dov'è papà?”, per richiedere attacchi aerei per uccidere questi uomini e le loro famiglie nelle loro case.

Il rapporto si basa su interviste con sei ufficiali dell’intelligence israeliana che hanno lavorato con questi sistemi. Come ha spiegato uno degli agenti a +972, aggiungendo un nome da un elenco generato da Lavender al sistema di localizzazione domiciliare di Where's Daddy, può mettere la casa dell'uomo sotto costante sorveglianza di droni e, una volta tornato a casa, verrà lanciato un attacco aereo.

Gli ufficiali hanno affermato che l'uccisione “collaterale” delle famiglie allargate degli uomini ha avuto poche conseguenze per Israele. "Diciamo che calcoliamo [che c'è un] Hamas [operativo] più 10 [civili in casa]", ha detto l'ufficiale. “Di solito, questi 10 saranno donne e bambini. È assurdo che la maggior parte delle persone che hai ucciso fossero donne e bambini."

Gli agenti hanno spiegato che la decisione di prendere di mira migliaia di questi uomini nelle loro case è solo una questione di opportunità. È semplicemente più facile aspettare che tornino a casa all’indirizzo registrato nel sistema e poi bombardino quella casa o condominio, piuttosto che cercarli nel caos della Striscia di Gaza devastata dalla guerra.

Gli ufficiali che hanno parlato con 972+ hanno spiegato che nei precedenti massacri israeliani a Gaza, non erano riusciti a generare obiettivi abbastanza velocemente da soddisfare i loro capi politici e militari, e quindi questi sistemi di intelligenza artificiale sono stati progettati per risolvere quel problema per loro. La velocità con cui Lavender può generare nuovi bersagli dà ai suoi guardiani umani solo una media di 20 secondi per rivedere e timbrare ogni nome, anche se sanno dai test del sistema Lavender che almeno il 10% degli uomini scelti per l'assassinio e i familicicidi hanno solo un collegamento insignificante o errato con Hamas o PIJ.

Il sistema IA Lavender è una nuova arma, sviluppata da Israele. Ma il tipo di liste di uccisioni che genera ha un lungo pedigree nelle guerre, nelle occupazioni e nelle operazioni di cambio di regime della CIA. Dalla nascita della CIA dopo la seconda guerra mondiale, la tecnologia utilizzata per creare liste di uccisioni si è evoluta dai primi colpi di stato della CIA in Iran e Guatemala, all'Indonesia e al programma Phoenix in Vietnam negli anni '1960, all'America Latina negli anni '1970 e anni ’1980 e alle occupazioni statunitensi dell’Iraq e dell’Afghanistan.

Proprio come lo sviluppo delle armi statunitensi mira ad essere all’avanguardia, o all’avanguardia, della nuova tecnologia, la CIA e l’intelligence militare statunitense hanno sempre cercato di utilizzare la più recente tecnologia di elaborazione dati per identificare e uccidere i loro nemici.

La CIA ha imparato alcuni di questi metodi dal tedesco intelligenza ufficiali catturati alla fine della seconda guerra mondiale. Molti dei nomi sulle liste di uccisioni naziste furono generati da un'unità di intelligence chiamata Fremde Heere Ost (Eserciti stranieri dell'est), sotto il comando del maggiore generale Reinhard Gehlen, capo dello spionaggio tedesco sul fronte orientale (vedi David Talbot, The Devil's Chessboard, p. 268).

Gehlen e l'FHO non avevano computer, ma avevano accesso a quattro milioni di prigionieri di guerra sovietici provenienti da tutta l'URSS, e non avevano alcun rimorso nel torturarli per apprendere i nomi degli ebrei e dei funzionari comunisti nelle loro città natali per compilare liste di uccisioni per la Gestapo e Einsatzgruppen.

Dopo la guerra, come i 1,600 scienziati tedeschi fuggiti dalla Germania nell'operazione Paperclip, gli Stati Uniti volò Gehlen e il suo staff senior a Fort Hunt in Virginia. Furono accolti da Allen Dulles, che presto sarebbe diventato il primo e tuttora il più longevo direttore della CIA. Dulles li rimandò a Pullach, nella Germania occupata, per riprendere le loro operazioni antisovietiche come agenti della CIA. L'Organizzazione Gehlen costituì il nucleo di quello che divenne il BND, il nuovo servizio di intelligence della Germania occidentale, con Reinhard Gehlen come direttore fino al suo pensionamento nel 1968.

Dopo un Colpo di stato della CIA rimosse il popolare primo ministro iraniano democraticamente eletto Mohammad Mosaddegh nel 1953, una squadra della CIA guidata dal maggiore generale statunitense Norman Schwarzkopf addestrò un nuovo servizio di intelligence, noto come SAVAK, nell'uso delle kill list e della tortura. SAVAK utilizzò queste capacità per epurare il governo e l'esercito iraniano dai sospetti comunisti e in seguito per dare la caccia a chiunque osasse opporsi allo Scià.

Nel 1975, Amnesty International stimato che l’Iran deteneva tra i 25,000 e i 100,000 prigionieri politici e aveva “il più alto tasso di condanne a morte nel mondo, nessun sistema valido di tribunali civili e una storia di torture che va oltre ogni immaginazione”.

In Guatemala, a Colpo di stato della CIA nel 1954 sostituì il governo democratico di Jacobo Arbenz Guzman con una brutale dittatura. COME la resistenza crebbe Negli anni '1960, le forze speciali statunitensi si unirono all'esercito guatemalteco in una campagna di terra bruciata a Zacapa, che uccise 15,000 persone e sconfisse alcune centinaia di ribelli armati. Nel frattempo, gli squadroni della morte urbani addestrati dalla CIA rapirono, torturarono e uccisero membri del PGT (Partito laburista guatemalteco) a Città del Guatemala, in particolare 28 importanti leader sindacali che furono rapiti e scomparsi nel marzo 1966.

Una volta repressa questa prima ondata di resistenza, la CIA creò un nuovo centro di telecomunicazioni e un'agenzia di intelligence, con sede nel palazzo presidenziale. Ha compilato un database di “sovversivi” in tutto il paese che includeva leader di cooperative agricole e sindacali, studenti e attivisti indigeni, per fornire elenchi sempre crescenti per gli squadroni della morte. La conseguente guerra civile divenne un genocidio contro gli indigeni di Ixil e degli altopiani occidentali che uccisero o fecero scomparire almeno 200,000 persone.

Questo modello si è ripetuto in tutto il mondo, ovunque leader popolari e progressisti abbiano offerto speranza al proprio popolo in modi che sfidavano gli interessi degli Stati Uniti. Come lo storico Gabriel Kolko ha scritto nel 1988, “L’ironia della politica statunitense nel Terzo Mondo è che, mentre ha sempre giustificato i suoi obiettivi e i suoi sforzi più ampi in nome dell’anticomunismo, i suoi stessi obiettivi li hanno resi incapaci di tollerare cambiamenti da qualsiasi parte che incidessero significativamente sui suoi obiettivi”. propri interessi”.

Quando il generale Suharto prese il potere in Indonesia nel 1965, l'ambasciata americana compilò un elenco di 5,000 comunisti da far scovare e uccidere dai suoi squadroni della morte. La CIA stimò che alla fine uccisero 250,000 persone, mentre altre stime arrivano fino a un milione.

Venticinque anni dopo, la giornalista Kathy Kadane indagato il ruolo degli Stati Uniti nel massacro in Indonesia, e ha parlato con Robert Martens, il funzionario politico che ha guidato la squadra Stato-CIA che ha compilato la lista delle vittime. "È stato davvero di grande aiuto per l'esercito", ha detto Martens a Kadane. “Probabilmente hanno ucciso molte persone e probabilmente ho molto sangue sulle mani. Ma non è tutto negativo: c'è un momento in cui devi colpire forte in un momento decisivo."

Kathy Kadane ha parlato anche con l'ex direttore della CIA William Colby, che era a capo della divisione Estremo Oriente della CIA negli anni '1960. Colby paragonò il ruolo degli Stati Uniti in Indonesia al Programma Phoenix in Vietnam, lanciato due anni dopo, sostenendo che erano entrambi programmi di successo per identificare ed eliminare la struttura organizzativa dei nemici comunisti dell'America.

Il Phoenix Il programma è stato progettato per scoprire e smantellare il governo ombra del Fronte di Liberazione Nazionale (NLF) in tutto il Vietnam del Sud. Il Combined Intelligence Center di Phoenix a Saigon ha inserito migliaia di nomi in un computer IBM 1401, insieme alle loro posizioni e ai loro presunti ruoli nell'NLF. La CIA attribuì al programma Phoenix l'uccisione di 26,369 funzionari dell'NLF, mentre altri 55,000 furono imprigionati o persuasi a disertare. Seymour Hersh ha esaminato i documenti del governo del Vietnam del Sud che indicano il bilancio delle vittime 41,000.

Potrebbe essere impossibile sapere quanti dei morti siano stati correttamente identificati come funzionari dell'NLF, ma gli americani che hanno preso parte alle operazioni di Phoenix hanno riferito di aver ucciso le persone sbagliate in molti casi. Il Navy SEAL Elton Manzione ha detto all'autore Douglas Valentino (Il Programma Phoenix) come uccise due giovani ragazze in un raid notturno in un villaggio, e poi si sedette su una pila di casse di munizioni con una bomba a mano e un M-16, minacciando di farsi esplodere, finché non ottenne una multa casa.

"L'intera aura della guerra del Vietnam è stata influenzata da ciò che accadeva nelle squadre di" cacciatori-assassini "di Phoenix, Delta, ecc.", ha detto Manzione a Valentine. “Quello fu il punto in cui molti di noi si resero conto che non eravamo più i bravi ragazzi con i cappelli bianchi che difendevano la libertà – che eravamo assassini, puri e semplici. Quella disillusione si ripercosse su tutti gli altri aspetti della guerra e alla fine la fece diventare la guerra più impopolare d’America”.

Anche se la sconfitta degli Stati Uniti in Vietnam e la “stanchezza della guerra” negli Stati Uniti portarono a un decennio successivo più pacifico, la CIA continuò a progettare e sostenere colpi di stato in tutto il mondo e a fornire ai governi post-colpo di stato liste di uccisioni sempre più computerizzate per consolidare il loro dominio.

Dopo aver sostenuto il colpo di stato del generale Pinochet in Cile nel 1973, la CIA ha svolto un ruolo centrale nell'Operazione Condor, un'alleanza tra governi militari di destra in Argentina, Brasile, Cile, Uruguay, Paraguay e Bolivia, per dare la caccia a decine di migliaia di loro e gli oppositori politici e i dissidenti degli altri, uccidendo e facendo sparire almeno 60,000 persone.

Il ruolo della CIA nell'operazione Condor è ancora avvolto nel segreto, ma Patrice McSherry, politologo presso l'Università di Long Island, ha indagato sul ruolo degli Stati Uniti e concluso, “L’operazione Condor ha avuto anche il sostegno segreto del governo degli Stati Uniti. Washington ha fornito a Condor intelligence e addestramento militare, assistenza finanziaria, computer avanzati, sofisticate tecnologie di localizzazione e accesso al sistema di telecomunicazioni continentale situato nella zona del Canale di Panama”.

La ricerca di McSherry ha rivelato come la CIA supportasse i servizi di intelligence degli stati Condor con collegamenti computerizzati, un sistema telex e macchine di codifica e decodifica appositamente costruite dal Dipartimento Logistico della CIA. Come ha scritto il suo libro, Stati predatori: operazione Condor e guerra segreta in America Latina:

“Il sistema di comunicazione sicuro del sistema Condor, Condortel,… ha consentito ai centri operativi Condor nei paesi membri di comunicare tra loro e con la stazione madre in una struttura statunitense nella zona del Canale di Panama. Questo collegamento con il complesso di intelligence militare statunitense a Panama è una prova fondamentale della sponsorizzazione segreta statunitense di Condor…”

L’operazione Condor alla fine fallì, ma gli Stati Uniti fornirono sostegno e formazione simili ai governi di destra in Colombia e America Centrale nel corso degli anni ’1980, in quanto gli alti ufficiali militari ha chiamato un “approccio silenzioso, mascherato e libero dai media” alla repressione e alle liste di eliminazione.

La US School of the Americas (SOA) ha addestrato migliaia di ufficiali latinoamericani all'uso della tortura e degli squadroni della morte, come ha affermato il maggiore Joseph Blair, ex capo dell'istruzione della SOA descritta a John Pilger per il suo film, La guerra che non vedi:

“La dottrina che veniva insegnata era che, se si vogliono informazioni, si ricorre all’abuso fisico, alla falsa incarcerazione, alle minacce ai familiari e all’uccisione. Se non riesci a ottenere le informazioni che desideri, se non riesci a far tacere la persona o a fermare quello che sta facendo, la uccidi – e la uccidi con uno dei tuoi squadroni della morte.

Quando c'erano gli stessi metodi trasferito all’occupazione militare ostile dell’Iraq da parte degli Stati Uniti dopo il 2003, Newsweek intitolato è “L’Opzione Salvador”. Un ufficiale statunitense ha spiegato a Newsweek che gli squadroni della morte statunitensi e iracheni stavano prendendo di mira civili iracheni e combattenti della resistenza. “La popolazione sunnita non paga alcun prezzo per il sostegno che dà ai terroristi”, ha detto. “Dal loro punto di vista, è gratuito. Dobbiamo cambiare questa equazione”.

Gli Stati Uniti hanno inviato in Iraq due veterani delle loro sporche guerre in America Latina per svolgere un ruolo chiave in quella campagna. Colonnello James Steele ha guidato il gruppo di consulenti militari statunitensi in El Salvador dal 1984 al 1986, addestrando e supervisionando le forze salvadoregne che hanno ucciso decine di migliaia di civili. Fu anche profondamente coinvolto nello scandalo Iran-Contra, sfuggendo per un pelo a una pena detentiva per il suo ruolo di supervisione delle spedizioni dalla base aerea di Ilopango in El Salvador ai Contras sostenuti dagli Stati Uniti in Honduras e Nicaragua.

In Iraq, Steele ha supervisionato l'addestramento dei commando speciali della polizia del ministero dell'Interno, ribattezzati polizia “nazionale” e successivamente “federale” dopo la scoperta del loro centro di tortura di al-Jadiriyah e di altre atrocità.

Bayan al-Jabr, comandante della milizia della Brigata Badr addestrata dall'Iran, è stato nominato ministro degli Interni nel 2005, e i miliziani Badr sono stati integrati nella squadra della morte della Brigata Wolf e in altre unità della polizia speciale. Il principale consigliere di Jabr lo era Steven Castel, ex capo dell'intelligence della Drug Enforcement Agency (DEA) statunitense in America Latina.

Gli squadroni della morte del Ministero dell’Interno hanno condotto una sporca guerra a Baghdad e in altre città, riempiendo l’obitorio di Baghdad di fino a 1,800 cadaveri al mese, mentre Casteel forniva ai media occidentali assurde storie di copertura, come quella secondo cui gli squadroni della morte erano tutti “ribelli” in rubare uniformi della polizia.

Nel frattempo le forze per le operazioni speciali americane conducevano raid notturni “uccidi o cattura” alla ricerca dei leader della Resistenza. Il generale Stanley McChrystal, comandante del Joint Special Operations Command dal 2003 al 2008, ha supervisionato lo sviluppo di un sistema di database, utilizzato in Iraq e Afghanistan, che compilava i numeri di cellulare estratti dai prigionieri catturati. telefono cellulare per generare un elenco di obiettivi in ​​continua espansione per raid notturni e attacchi aerei.

Il targeting dei cellulari invece che delle persone reali ha consentito l’automazione del sistema di targeting ed ha escluso esplicitamente l’utilizzo dell’intelligenza umana per confermare le identità. Due senior statunitensi comandanti ha detto al Washington Post che solo la metà dei raid notturni hanno attaccato la casa o la persona giusta.

In Afghanistan, nel 2009, il presidente Obama ha affidato a McChrystal la responsabilità delle forze americane e della NATO, e la sua “analisi dei social network” basata sul cellulare abilitato un aumento esponenziale dei raid notturni, da 20 raid al mese nel maggio 2009 fino a 40 al mese nell’aprile 2011.

Come con il sistema Lavender a Gaza, questo enorme aumento degli obiettivi è stato ottenuto prendendo un sistema originariamente progettato per identificare e rintracciare un piccolo numero di comandanti nemici senior e applicandolo a chiunque sospettato di avere legami con i talebani, sulla base dei dati del loro cellulare. .

Ciò portò alla cattura di un’infinita marea di civili innocenti, tanto che la maggior parte dei detenuti civili dovette essere rapidamente rilasciata per fare spazio a nuovi. L’aumento delle uccisioni di civili innocenti nei raid notturni e negli attacchi aerei ha alimentato la già feroce resistenza all’occupazione degli Stati Uniti e della NATO e alla fine ha portato alla sua sconfitta.

La campagna con i droni del presidente Obama per uccidere presunti nemici in Pakistan, Yemen e Somalia è stata altrettanto indiscriminata, con segnalazioni suggerendo che il 90% delle persone uccise in Pakistan erano civili innocenti.

Eppure Obama e la sua squadra di sicurezza nazionale continuavano a incontrarsi alla Casa Bianca ogni “martedì del terrore”. select chi i droni avrebbero preso di mira quella settimana, utilizzando una “matrice di disposizione” computerizzata e orwelliana per fornire copertura tecnologica alle loro decisioni di vita e di morte.

Osservando questa evoluzione di sistemi sempre più automatizzati per uccidere e catturare i nemici, possiamo vedere come, con l’evoluzione della tecnologia informatica utilizzata dai telex ai cellulari e dai primi computer IBM all’intelligenza artificiale, l’intelligenza e la sensibilità umana in grado di individuare gli errori , dare priorità alla vita umana e impedire l’uccisione di civili innocenti è stata progressivamente emarginata ed esclusa, rendendo queste operazioni più brutali e terrificanti che mai.

Nicolas ha almeno due buoni amici che sono sopravvissuti alle guerre sporche in America Latina perché qualcuno che lavorava nella polizia o nell'esercito ha saputo loro che i loro nomi erano su una lista di morte, uno in Argentina, l'altro in Guatemala. Se il loro destino fosse stato deciso da una macchina IA come Lavender, sarebbero entrambi morti da tempo.

Come per i presunti progressi in altri tipi di tecnologia bellica, come i droni e le bombe e i missili “di precisione”, le innovazioni che pretendono di rendere il targeting più preciso ed eliminare l’errore umano hanno invece portato all’omicidio di massa automatizzato di persone innocenti, in particolare donne e bambini. portandoci al punto di partenza da un olocausto all'altro.

Medea Benjamin e Nicolas JS Davies sono gli autori di Guerra in Ucraina: dare un senso a un conflitto senza senso, pubblicato da OR Books nel novembre 2022.

Medea Benjamin è la cofondatrice di CODEPINK per la pacee autore di numerosi libri, tra cui Inside Iran: The Real History and Politics della Repubblica islamica dell'Iran.

Nicolas JS Davies è un giornalista indipendente, ricercatore per CODEPINK e autore di Blood on Our Hands: The American Invasion and Destruction of Iraq.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Muoviti per la sfida della pace
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua