Keeping Alive Hope e Gettin 'on the Peace Train a Nagoya, in Giappone

Di Joseph Essertier, World BEYOND War.

NAGOYA, Giappone (27 maggio 2018) - Il 26 maggio 2018, 60 persone si sono riunite il 26 maggio 2018, a "Kibo no Hiroba" (Piazza della Speranza) accanto alla "Kibo no Izumi" (Fontana della speranza) nella città di Nagoya per una veglia a lume di candela a sostegno del processo di pace in corso in Corea. Questo evento è stato organizzato da "Korea Annexation 100 Years Tokai Area Action" (Kankoku Heigo 100-nen Tokai Kodo) Questo evento è stato organizzato da "Korea Annexation 100 Years Tokai Area Action" (Kankoku Heigo 100-nen Tokai Kodo) rappresentato da Yamamoto Mihagi , diversi residenti coreani (incluso Yi Doohee, un sudcoreano che vive in Giappone), e World BEYOND War, che è stato rappresentato dal tuo veramente. ("Tokai" si riferisce alla regione che circonda la città di Nagoya, la quarta città più grande del Giappone). Molti residenti di vari background culturali nella regione dei Tokai, per lo più giapponesi, hanno partecipato attivamente e generosamente all'evento. Alcuni viaggiavano da città che avrebbero richiesto un viaggio in treno di un'ora o due ore.

La gente in Giappone sta saltando sul "treno della pace" diretto alla fine della guerra di Corea. Come ha sottolineato Christine Ahn di Women Cross DMZ, il "treno della pace in Corea ha lasciato la stazione, indipendentemente dal fatto che gli Stati Uniti siano o no". (Vedi l'intervista a May 27 di Christine Ahn e Joe Cirincione su MSNBC a https://www.msnbc.com/am-joy/watch/north-korea-and-south-korea-leaders-meet-despite-trump-1242553923608). Ho sottolineato nel mio discorso che dal momento che il comportamento irregolare del presidente Trump - e in particolare, i suoi messaggi alla Corea del Nord - inevitabilmente causerà l'isolamento di Washington. È tempo che il Giappone scelga un nuovo leader, che rappresenti i loro interessi, che non segua ciecamente la guida di Washington nella politica internazionale e che lavori per la pace. Altrimenti, anche il Giappone sarà isolato. Come ha detto Joe Cirincione, la Washington di Trump sta giocando a una "diplomazia delle montagne russe" che innervosisce gli alleati degli Stati Uniti nell'Asia orientale.

I partecipanti hanno mostrato cartelli colorati e hanno tenuto discorsi appassionati, tutti compresi la richiesta unificata di pace nella penisola coreana. Alla fine, la pace può essere possibile, if lavoriamo tenacemente per questo, dopo 70 anni di dolore e sofferenza coreani che include: l'occupazione statunitense da 1945 a 1948; la guerra di Corea che finì in 1953; e la divisione del paese continuamente mantenuta in due parti. E tutto ciò è stato preceduto dalla sofferenza pre-1945 durante mezzo secolo di intrusione e brutale colonizzazione da parte dell'Impero del Giappone (1868-1947). In questa incarnazione, come l'Impero, Tokyo ha esacerbato il conflitto di classe sulla penisola e ha contribuito a preparare il terreno per la guerra di Corea. Quindi si può dire che questo vicino in particolare (ma anche, in misura minore ma significativa, altri stati potenti nella regione), ha molte responsabilità per la sofferenza coreana.

Tuttavia, è Washington, il lontano outsider, il non vicino, che non ha nulla da perdere con la guerra nella regione e come lo stato più potente lì negli ultimi sette decenni, che ha manipolato la Corea a proprio vantaggio attraverso il secolare strategia di divide et impera, quella che ha più sangue sulle mani. Pertanto, gli americani hanno la responsabilità più pesante di tutti, tra le parti coinvolte nella guerra di Corea, di esigere che l'assedio delle sanzioni economiche e le minacce di un secondo olocausto sulla penisola (simboleggiate dalle basi militari che violano la sovranità e il diritto all'autodeterminazione di tutti i coreani), finalmente cessano - una volta per tutte. Fortunatamente, sempre più americani amanti della pace si stanno interessando alla Corea, studiando la storia del "mondo" (che in realtà è storia americana) che i loro insegnanti di scuola superiore non hanno insegnato loro e chiedendo che il bullismo si fermi.

Messaggi specifici espressi durante la veglia a lume di candela in segni e discorsi hanno sostenuto la richiesta generale di pace nella penisola. I cartelli recitavano: "Tokyo deve impegnarsi in un dialogo con Pyongyang", "Sostenere il vertice USA-Corea del Nord di 12 giugno", "Sostituire l'armistizio di 1953 con un trattato di pace che pone fine alla guerra di Corea", "Fermare l'incitamento all'odio e altre discriminazioni contro i coreani che risiedono in Giappone "," Abolire le armi nucleari "e" Liberare l'Asia nord-orientale dalle basi militari statunitensi ".

I partecipanti giapponesi e coreani hanno espresso liberamente le loro opinioni nei discorsi. Le canzoni erano cantate in coreano, giapponese e inglese. I coreani condividevano con tutti la loro cultura e storie, comprese le canzoni coreane e un ballo. La strada era illuminata da candele che rappresentavano speranze per la pace e una video registrazione dell'ispirata interpretazione di "Imagine" di John Lennon di Watanabe Chihiro, una ragazza della scuola media giapponese, è stata proiettata su un proiettore per la strada. (https://www.youtube.com/watch?v=0SX_-FuJMHI)

Per chi conosce un po 'la storia della Corea e ha seguito la diplomazia delle montagne russe dello scorso anno - sotto la belligerante presidenza Trump e il governo che include i militaristi di prima classe John Bolton e Mike Pence - è ovvio che la pace avrebbe portato enormi miglioramenti in materia di diritti umani, libertà, democrazia e prosperità per tutti i coreani, nord e sud; così come la pace per il nordest asiatico nel suo insieme.

Tutti gli Stati, tra cui i Nuke Haves, devono firmare il Trattato sul Proibizionismo delle Armi Nucleari, la fruizione di diversi decenni di lotta popolare che risalgono alla Campagna del Regno Unito per il Disarmo Nucleare (CND) da cui è originato il simbolo di pace originale.

Sentendosi ispirato dai non violenti ma potenti Rivoluzionari a lume di candela della Corea del Sud, alcuni di noi hanno formato lo stesso simbolo di pace con le candele in una strada trafficata nel centro di Nagoya per trasmettere al popolo giapponese e al mondo il nostro sogno di pace e il nostro spero che il vertice di giugno 12 vada avanti. (https://mainichi.jp/articles/20180527/k00/00m/040/094000c).

Grazie a Gar Smith di World BEYOND War per la modifica utile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Traduci in qualsiasi lingua