Questa è una campagna per proteggere una bellissima montagna abitata in Montenegro dall'essere trasformata in una base militare. Il popolo del Montenegro, guidato dal Salva Sinjajevina campagna, hanno fatto tutto il possibile per prevenire le atrocità nelle cosiddette democrazie. Hanno conquistato l'opinione pubblica. Hanno eletto funzionari che promettono di proteggere le loro montagne. Hanno esercitato pressioni, organizzato proteste pubbliche e si sono trasformati in scudi umani. Non mostrano segni di intenzione di arrendersi, tanto meno di credere alla posizione ufficiale del Regno Unito secondo cui questo la distruzione delle montagne è ambientalismo, mentre la NATO lo è minaccioso usare Sinjajevina per l'addestramento alla guerra nel maggio 2023! Le persone che resistono a questo, e che hanno già ottenuto vittorie eroiche, hanno bisogno - ora più che mai - di sostegno finanziario e di altro tipo per trasportare rifornimenti, addestrare e organizzare resistenti nonviolenti disarmati e visitare Bruxelles e Washington per cercare di salvare le loro montagne.

 È utilizzato da più di 500 famiglie di agricoltori e da quasi 3,000 persone. Molti dei suoi pascoli sono governati in comune da otto diverse tribù montenegrine e l'altopiano di Sinjajevina fa parte della Riserva della Biosfera del Canyon del Tara e allo stesso tempo è delimitato da due siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.

Ora l'ambiente e i mezzi di sussistenza di quelle comunità tradizionali sono in pericolo imminente: il governo montenegrino, sostenuto da importanti alleati della NATO, ha istituito un campo di addestramento militare proprio nel cuore di queste terre comunitarie, nonostante migliaia di firme contro di esso e senza alcun impatto ambientale, salute o valutazioni di impatto socioeconomico. Minacciando gravemente gli ecosistemi unici e le comunità locali di Sinjajevina, il governo ha anche interrotto un parco regionale pianificato per la protezione e la promozione della natura e della cultura, la maggior parte del cui costo di progettazione di quasi 300,000 euro è stato pagato dall'UE, e che è stato incluso nel Piano territoriale ufficiale del Montenegro fino al 2020.

Il Montenegro vuole far parte dell'Unione europea e il commissario europeo per il vicinato e l'allargamento sta guidando queste conversazioni. Il Commissario deve sollecitare il governo montenegrino a rispettare gli standard europei, chiudere il campo di addestramento militare e creare un'area protetta in Sinjajevina, come prerequisiti per l'adesione all'UE.

Di seguito in questa pagina sono:

  • un modulo per fare una donazione a sostegno di questo sforzo.
  • una petizione su cui è importante continuare a raccogliere firme.
  • una raccolta di resoconti su quanto accaduto finora.
  • una playlist di video della campagna.
  • una galleria di immagini della campagna.

DONARE

Questo finanziamento estremamente necessario è condiviso tra due organizzazioni che lavorano insieme: Save Sinjajevina e World BEYOND War.

FIRMA LA PETIZIONE

Stare con le comunità locali di Sinjajevina e gli ecosistemi che preservano e:
• Garantire la rimozione del campo di addestramento militare a Sinjajevina in modo giuridicamente vincolante.
• Creare un'area protetta a Sinjajevina progettata e co-governata dalle comunità locali

COSA È SUCCESSO FINORA

VIDEO

IMMAGINI

Traduci in qualsiasi lingua