Russia, Israele e i media

Il mondo è, molto ragionevolmente, inorridito da ciò che sta accadendo in Ucraina. Apparentemente la Russia sta commettendo crimini di guerra e crimini contro l'umanità mentre bombarda residenze, ospedali e qualsiasi altro sito che i suoi aerei da guerra incontrano.

I titoli sono stridenti:

“La Russia bombarda cinque stazioni ferroviarie” (The Guardian).
“La Russia bombarda l'acciaieria ucraina” (Daily Sabah).
“La Russia usa le bombe a grappolo” (The Guardian).
“La Russia riprende i bombardamenti” (iNews).

Questi sono solo alcuni esempi.

Vediamo ora altri titoli:

"Gli attacchi aerei israeliani hanno colpito Gaza dopo il lancio di razzi" (Wall Street Journal).
"Gli attacchi aerei israeliani prendono di mira Gaza" (Sky News).
"L'IDF dice che ha colpito il deposito di armi di Hamas" (The Times of Israel).
"L'esercito israeliano lancia attacchi aerei" (New York Post).

È solo questo scrittore, o sembra che gli "attacchi aerei" sembrino molto più benigni delle "bombe"? Perché non dire 'Israel Bombs Gaza' invece di ricoprire di zucchero il bombardamento mortale di uomini, donne e bambini innocenti? Qualcuno troverebbe accettabile dire che "gli attacchi aerei russi hanno colpito l'acciaieria ucraina dopo la resistenza"?

Viviamo in un mondo in cui alle masse viene detto con chi e cosa preoccuparsi e, in generale, sono i bianchi. Alcuni esempi sono illustrativi:

  • Il corrispondente della CBS Charlie D'Agata: L'Ucraina “non è un luogo, con tutto il rispetto, come l'Iraq o l'Afghanistan, che ha visto infuriare conflitti per decenni. Questa è una città relativamente civile, relativamente europea – devo scegliere anche queste parole con attenzione – una città in cui non te lo aspetteresti, o speri che accada”.,
  • Un ex vice procuratore generale dell'Ucraina, ha dichiarato quanto segue: “'È molto emozionante per me perché vedo persone europee con gli occhi azzurri ei capelli biondi … che vengono uccise ogni giorno.' Piuttosto che mettere in discussione o contestare il commento, l'ospite della BBC ha risposto categoricamente: "Capisco e rispetto l'emozione".,
  • Sulla TV francese BFM, il giornalista Phillipe Corbé ha dichiarato questo sull'Ucraina: “Non stiamo parlando di siriani in fuga dai bombardamenti del regime siriano sostenuto da Putin. Stiamo parlando di europei che se ne vanno in auto che assomigliano alle nostre per salvarsi la vita".,
  • Un giornalista ITV non identificato che era segnalazione dalla Polonia ha osservato quanto segue: “Ora è successo loro l'impensabile. E questa non è una nazione in via di sviluppo, del terzo mondo. Questa è l'Europa!",
  • Peter Dobbie, un giornalista di Al Jazeera, ha detto: “Guardando loro, il modo in cui sono vestiti, sono ricchi... sono riluttante a usare l'espressione... gente della classe media. Questi non sono ovviamente rifugiati che cercano di allontanarsi dalle aree del Medio Oriente che sono ancora in un grande stato di guerra. Queste non sono persone che cercano di allontanarsi dalle aree del Nord Africa. Sembrano una qualsiasi famiglia europea a cui vivresti accanto".,
  • Scrivendo per il Telegraph, Daniel Hannan ha spiegato: “Sembrano così come noi. Questo è ciò che lo rende così scioccante. L'Ucraina è un paese europeo. La sua gente guarda Netflix e ha account Instagram, vota alle elezioni libere e legge giornali senza censure. La guerra non è più una cosa visitata da popolazioni povere e remote”.,

A quanto pare, vengono lanciate bombe su europei cristiani bianchi, ma vengono lanciati "attacchi aerei" sui musulmani mediorientali.

Uno degli articoli di cui sopra, da iNews, parla del bombardamento dell'acciaieria Azovstal a Mariupol, dove, secondo l'articolo, si sono rifugiati migliaia di civili ucraini. Ciò ha, giustamente, causato indignazione internazionale. Nel 2014, La BBC ha riferito del bombardamento israeliano di un centro profughi delle Nazioni Unite chiaramente segnalato. "L'attacco alla scuola nel campo profughi di Jabaliya, che ospitava più di 3,000 civili, è avvenuto mercoledì mattina (29 luglio 2014).", Dov'era allora la protesta internazionale?

Nel marzo del 2019, le Nazioni Unite hanno condannato l'attacco a un campo profughi a Gaza che ha ucciso almeno sette persone, tra cui una bambina di 4 anni. , Ancora una volta, perché il mondo lo ha ignorato?

Nel maggio del 2021, dieci membri di un'unica famiglia, tra cui due donne e otto bambini, sono stati uccisi da una bomba israeliana – oh! Mi scusi! Un “attacco aereo” israeliano – in un campo profughi a Gaza. Si deve supporre che, dal momento che non guardano Netflix e guidano "auto che assomigliano alle nostre", non ci si debba preoccupare di loro. Ed è improbabile che qualcuno di loro avesse gli occhi azzurri ei capelli biondi tanto ammirati dall'ex procuratore ucraino.

Il governo degli Stati Uniti ha pubblicamente chiesto un'indagine da parte della Corte penale internazionale (CPI) su possibili crimini di guerra commessi dalla Russia contro il popolo ucraino (un po' ironico, considerando che gli Stati Uniti si sono rifiutati di firmare lo Statuto di Roma che ha istituito la CPI, non volere che gli Stati Uniti siano indagati per i loro numerosi crimini di guerra). Eppure il governo degli Stati Uniti ha anche condannato l'indagine della CPI su possibili crimini di guerra commessi da Israele contro il popolo palestinese. Si noti, per favore, che gli Stati Uniti e Israele non si oppongono alle accuse contro Israele, ma solo all'indagine su tali accuse.

Non è un segreto che il razzismo è vivo e vegeto e prospera negli Stati Uniti. Non sorprende nemmeno che alzi la sua brutta testa a livello internazionale, come dimostrato in modo più esplicito dalle citazioni sopra menzionate.

Un altro concetto che non sorprende è l'ipocrisia statunitense; questo scrittore, insieme a molti altri, l'ha già commentato molte volte. Si noti che quando il "nemico" degli Stati Uniti (la Russia) commette crimini di guerra contro un paese europeo prevalentemente bianco, principalmente cristiano, gli Stati Uniti sosterranno quella nazione vittima con armi e denaro e sosterranno pienamente l'indagine della CPI. Ma quando un "alleato" degli Stati Uniti (Israele) commette crimini di guerra contro un paese del Medio Oriente a maggioranza musulmana, beh, questa è una storia completamente diversa. L'Israele sacro non ha il diritto di difendersi, si chiederanno i funzionari degli Stati Uniti, ingenuamente. Come ha affermato l'attivista palestinese Hanan Ashrawi, "i palestinesi sono le uniche persone sulla terra necessarie per garantire la sicurezza dell'occupante, mentre Israele è l'unico Paese che richiede protezione dalle sue vittime". È illogico che un autore del reato si "difenda" dalla sua vittima. È come criticare una donna che cerca di respingere il suo stupratore.

Quindi il mondo continuerà a sentire parlare di atrocità in Ucraina, come dovrebbe. Allo stesso tempo, i media in generale ignoreranno o addolciranno le stesse atrocità che Israele commette contro il popolo palestinese.

I popoli del mondo hanno due responsabilità in questo contesto:

1) Non innamorarti. Non dare per scontato che, poiché un popolo vittima non 'sembra una famiglia europea alla quale vivresti accanto', che sia in qualche modo meno importante, o che la sua sofferenza possa essere trascurata. Soffrono, si affliggono, sanguinano, provano paura e terrore, amore e angoscia, proprio come facciamo tutti noi.

2) Chiedi meglio. Scrivere lettere ai direttori di giornali, riviste e giornali e ai funzionari eletti. Chiedi loro perché si concentrano su una popolazione sofferente e non sulle altre. Leggi giornali indipendenti che riportano effettivamente le notizie, le circostanze che stanno accadendo in tutto il mondo, senza scegliere e scegliere cosa riferiranno in base alla razza e/o all'etnia.

È stato detto che se le persone si rendessero conto del potere che hanno, ci sarebbero cambiamenti importanti e positivi nel mondo. Prendi il tuo potere; scrivere, votare, marciare, manifestare, protestare, boicottare, ecc. per chiedere i cambiamenti che devono verificarsi. È responsabilità di ognuno di noi.

1. Bayoumi, Moustafa. “Sono 'civilizzati' e 'ci somigliano': la copertura razzista dell'Ucraina | Moustafa Bayoumi | Il guardiano." Il guardiano, The Guardian, 2 marzo 2022, https://www.theguardian.com/commentisfree/2022/mar/02/civilised-european-look-like-us-racist-coverage-ukraine. 
2. Ibidem
3. Ibidem 
4. Ibidem 
5. Ritman, Alex. "Ucraina: CBS, Al Jazeera criticato per rapporti razzisti e orientalisti - The Hollywood Reporter." The Hollywood Reporter, The Hollywood Reporter, 28 febbraio 2022, https://www.hollywoodreporter.com/tv/tv-news/ukraine-war-reporting-racist-middle-east-1235100951/. 
6. Bayumi. 
7. https://www.calendar-365.com/2014-calendar.html 
8. https://www.un.org/unispal/document/auto-insert-213680/ 

 

L'ultimo libro di Robert Fantina è Propaganda, Lies and False Flags: How the US Justify its Wars.

Risposte 2

  1. Paulo Freire: le parole non sono mai neutre. Ovviamente l'imperialismo occidentale è la cosa più parziale. Il problema è l'imperialismo occidentale da cui derivano tutti gli altri problemi (sessismo, razzismo). L'America non ha avuto problemi a uccidere brutalmente migliaia di bianchi quando hanno bombardato la Serbia con bombe a grappolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il limite di tempo è scaduto. Ricarica il CAPTCHA.

Traduci in qualsiasi lingua