Rottura: linee ferroviarie a Toronto chiuse da centinaia di persone che chiedono l’embargo sulle armi a Israele, fine del genocidio in Palestina

By World BEYOND WarAprile 16, 2024

Le linee ferroviarie di Osler St e Pelham Ave (vicino a Dupont e Dundas W) a Toronto sono state appena bloccate, interrompendo i servizi di trasporto merci critici dal Canada agli Stati Uniti in solidarietà con i palestinesi affamati a Gaza, e chiedendo al governo canadese di smettere di offuscare e fare ciò che è giusto: imporre un embargo immediato e globale sulle armi a Israele. Il commercio di armi tra Canada e Israele si basa sull'infrastruttura ferroviaria canadese per spedire armi ai porti aerei e marittimi per il trasferimento in Israele, e per spedire parti negli Stati Uniti, che vengono poi incorporate in sistemi d'arma come l'aereo da caccia F-35 della Lockheed Martin, prima anche essere esportato in Israele.

“Per mesi, mentre le richieste delle nostre famiglie e dei nostri amici a Gaza diventavano sempre più urgenti, abbiamo scritto, telefonato e presentato petizioni ai nostri parlamentari. Abbiamo tenuto seminari, incontri comunitari e municipi. Abbiamo volantino, marciato, picchettato e manifestato in ogni ufficio governativo che tu possa nominare. Eppure il governo canadese si è rifiutato di agire con decisione per salvare vite palestinesi e imporre un embargo totale sulle armi a Israele”, ha affermato Dalia Awwad del Movimento giovanile palestinese. “Quindi non abbiamo altra scelta che intensificare l’escalation e fermare noi stessi l’invio di armi da e verso Israele”.

La chiusura ferroviaria di oggi è stata effettuata da centinaia di persone a Toronto e non ha una data di fine definita. Segue le azioni svoltesi ieri in Canada, negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Queste azioni miravano a bloccare le arterie del capitalismo e a interrompere il business as usual in un sistema economico globale che sta facilitando la campagna genocida di Israele su Gaza, nonostante le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e le sentenze della Corte Internazionale di Giustizia.

Ieri a Mount Pearl, Terranova, i membri della comunità hanno chiuso l’ingresso al quartier generale globale di Kraken Robotics, una società che fornisce tecnologia alle società di armi israeliane Elbit Systems e Israel Aerospace Industries. Decine di attivisti pacifisti hanno bloccato la strada verso il porto di Halifax dove ha un ufficio la più grande compagnia di trasporti israeliana Zim Integrated Shipping Services (ZIM). Alla fine furono arrestate 21 persone. A Vancouver, uno dei porti più grandi del Canada e sito di spedizione per ZIM, Deltaport, è stato bloccato per diverse ore. Gli organizzatori hanno invitato i lavoratori portuali a rifiutarsi di caricare e scaricare merci israeliane e a trattare le spedizioni di armi da Israele come “carico caldo”, nella tradizione dei lavoratori portuali che si rifiutavano di caricare merci provenienti dal Sud Africa dell’apartheid. A Ottawa, attivisti sindacali e comunitari hanno bloccato l’accesso all’Export Development Canada, che facilita il commercio di armi tra Israele e Canada. Il porto di Montreal è stato chiuso per oltre un'ora e in altre parti di Montreal un sit-in ha costretto alla chiusura della Scotiabank, il più grande investitore straniero della Elbit. Blocchi stradali, ferroviari e di edifici governativi sono stati effettuati anche a Victoria BC, Peterborough ON e Rouyn-Noranda, Quebec. Ad Arlington, in Virginia, appena oltre il fiume da dove i legislatori statunitensi autorizzano i dollari delle tasse statunitensi a finanziare il genocidio israeliano, gli organizzatori hanno chiuso il produttore di armi Lockheed Martin, uno dei principali destinatari di quei dollari in quanto fornitore di aerei da combattimento F-35 all’esercito israeliano. . A Middletown, nel Connecticut, gli organizzatori hanno bloccato gli ingressi a una fabbrica della Pratt & Whitney, che fornisce motori per il programma F-35 della Lockheed. Nella Bay Area, i residenti hanno bloccato l'Interstate 880 e chiuso il Golden Gate Bridge, mentre persone di coscienza hanno bloccato diverse corsie dell'Interstate 190 a Chicago che portano all'aeroporto internazionale O'Hare.

“Stiamo guardando un genocidio trasmesso in diretta streaming sui nostri telefoni mentre il resto del mondo, compreso il Canada, partecipa e ne trae profitto. I nostri cuori sono spezzati e semplicemente non ce la facciamo più”, dice Gur Tsabar con la Coalizione per il genocidio degli ebrei. “La maggior parte del mondo sta dalla parte della Palestina, e oggi mettiamo nuovamente in gioco i nostri corpi per chiedere che il Canada faccia tutto e qualsiasi cosa per fermare le atrocità israeliane, a cominciare da un embargo bilaterale sulle armi nei confronti di Israele”.

Le azioni di oggi si ispirano a Shut Down Canada, l'ondata di disordini che ha attraversato il paese nel 2020, dopo che unità militarizzate dell'RCMP hanno attaccato i difensori della terra di Wet'suwet'en e li hanno sfrattati dal loro territorio sotto la minaccia delle armi mentre cercavano di fermare la costruzione del Gasdotto costiero GasLink. È stata una brutale violazione della sovranità di Wet'suwet'en e del diritto dei popoli indigeni al consenso libero, preventivo e informato.

“Nel 2020, quando l’RCMP ha invaso le nostre terre e violato la nostra sovranità, abbiamo chiesto azioni di solidarietà per chiudere il Canada. Dai porti di Vancouver ai binari di Tyendinaga, le comunità si sono sollevate per sconvolgere l'economia canadese e resistere alla violenza coloniale”, ha ricordato Capo Na'moks, capo ereditario di Wet'suwet'en. “Oggi la gente si sta sollevando ancora una volta. Siamo risoluti e solidali con la Palestina e con tutte le persone che resistono al genocidio. Da Wedzin Kwah al mare!”

“I popoli indigeni di Turtle Island sono stati in prima linea nel movimento di solidarietà con la Palestina, creando potenti collegamenti tra la violenza coloniale qui e la violenza coloniale a livello globale”, ha affermato Tori Cress di Keepers of the Water. “Proprio come Idle No More ha ispirato le persone in questi territori a resistere allo stato canadese, così anche le comunità ora stanno prendendo in mano la situazione”.

Un embargo globale e bilaterale sulle armi impedirebbe che armi, equipaggiamenti militari e componenti arrivino sia in Israele dal Canada sia in Canada da Israele. Proibirebbe l’esportazione e l’importazione di armi e materiali correlati da e verso Israele, compresi articoli “a duplice uso” che hanno funzioni sia militari che non militari. Colmerebbe anche la scappatoia che consente di esportare armi e componenti negli Stati Uniti, con scarsa tracciabilità o trasparenza, e poi assemblarli in sistemi d’arma destinati a Israele.

“Il nostro governo deve attuare un embargo sulle armi reale, globale e bilaterale nei confronti di Israele”, ha affermato Rachel Small World BEYOND War. “La chiusura delle ferrovie e tutte le azioni che vedete in tutto il Canada questa settimana sono un ulteriore modo per aumentare tale domanda. E siamo chiari. Vincere l’embargo sulle armi è solo il primo passo, è davvero il minimo indispensabile che il Canada dovrebbe fare in questo momento. Continueremo a presentarci finché Israele non smetterà di uccidere i palestinesi, finché non verranno consegnati gli aiuti, finché i prigionieri palestinesi non saranno rilasciati, finché Gaza non sarà ricostruita, finché l’occupazione e l’apartheid israeliano non esisteranno più, e finché non sarà realizzata una pace giusta. Non ci fermeremo finché la Palestina non sarà libera!”

BACKGROUND

Negli ultimi sei mesi, Israele ha attaccato incessantemente Gaza dal cielo, dalla terra e dal mare. IL
l’entità della distruzione è ben documentata: Israele ha ucciso più di 33,700 palestinesi,
e altre migliaia risultano disperse, sepolte sotto le macerie. Circa 14,000 delle persone uccise lo sono
bambini. 17,000 bambini sono separati dai genitori o non hanno un adulto che li accompagni.
Più di 76,000 palestinesi sono rimasti feriti o mutilati. Israele ha danneggiato il 60% del
edifici residenziali a Gaza, distrutte tutte le università, assediati e rasi al suolo gli ospedali
loro, hanno bombardato scuole, moschee e chiese. Ha preso di mira donne e bambini in cerca di
riparo; medici, infermieri e paramedici; professori universitari e giornalisti; e umanitario
operatori umanitari per assassinio extragiudiziale. Almeno 1.7 milioni di palestinesi a Gaza lo sono stati
sfollati dalle loro case, alcuni più volte, e molti ora trovano rifugio in tende
campi con infrastrutture sanitarie inadeguate e il grave rischio di malattie. La fornitura di
gli aiuti umanitari sono stati così ostacolati che la carestia ha preso il sopravvento nel nord di Gaza.

Il Canada è complice di questi crimini. Durante i primi e più mortali due mesi dell'assalto israeliano
a Gaza il governo Trudeau ha autorizzato la cifra record di 28.5 milioni di dollari in nuovi permessi di esportazione di armi
a Israele. I palestinesi e i loro alleati sono scesi in piazza a decine di migliaia, chiedendo
Il governo del Canada dovrà fare tutto il possibile per fermare gli omicidi indiscriminati, compresa l'imposizione di un'ammenda
embargo sulle armi a Israele. Ma il governo ha offuscato e indotto in errore il pubblico riguardo alla natura
e l’entità delle esportazioni canadesi verso Israele. Funzionari liberali, ministri e parlamentari lo hanno affermato falsamente
Il Canada non esporta armi in Israele o per le quali non è stato rilasciato alcun permesso di esportazione
Trasferimenti di armi canadesi a Israele dal 7 ottobre, o che il Canada esporta solo armi “non letali”
attrezzature in Israele.

In tutto il paese, sempre più persone hanno aggiunto la loro voce alla richiesta di un embargo sulle armi
hanno unito gli sforzi organizzativi per trasformarlo in realtà.

A marzo, l'NDP ha presentato una mozione al Parlamento che chiedeva il commercio di armi da parte del Canada
Israele verrà sospeso. I liberali di Trudeau, sperando di evitare una divisione nel proprio caucus, hanno negoziato
una versione annacquata della mozione, comprendente una clausola che “cesserebbe ulteriormente”.
autorizzazione e trasferimento delle esportazioni di armi a Israele per garantire il rispetto delle armi del Canada
regime di esportazione…” La mozione è stata approvata. Sebbene non fosse vincolante, il ministro degli Esteri Melanie Joly
dichiarò pubblicamente che intendeva onorarlo. Eppure quasi un mese dopo, un mese durante il quale
Israele ha continuato a condurre attacchi aerei e a commettere atrocità, uccidendo operatori umanitari
bambini sono morti di fame: non ci sono prove che abbia formalizzato la cessazione delle armi
autorizzazioni all'esportazione. Inoltre, sospendendo future autorizzazioni di esportazione e trasferimenti verso Israele
non è abbastanza lontano, data l’urgenza e la portata della devastazione a Gaza, e la
gravità delle violazioni del diritto internazionale umanitario da parte di Israele.

La gravità di queste violazioni è innegabile.

A gennaio, la Corte internazionale di giustizia (ICJ) ha ritenuto plausibile che Israele si stia impegnando
atti di genocidio a Gaza. La sentenza della Corte Internazionale di Giustizia avrebbe dovuto servire da avvertimento al Canada che come a
firmatario della Convenzione sul genocidio, ha dovuto adottare tutte le misure in suo potere per prevenirla
genocidio a Gaza.

A febbraio, gli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno avvertito che l’invio di armi, munizioni o
parti in Israele che verrebbero utilizzate a Gaza costituisce probabilmente una violazione del diritto umanitario internazionale.
A marzo, Francesca Albanese, Relatrice Speciale sulla situazione dei diritti umani nel
Territori palestinesi occupati dal 1967, ha pubblicato un rapporto in cui conclude che “esistono
fondati motivi per ritenere che la soglia indicante la commissione dei seguenti atti
si è verificato un genocidio contro i palestinesi a Gaza: uccisione di membri del gruppo; causando
gravi danni fisici o mentali ai membri dei gruppi; e deliberatamente infliggere al gruppo
condizioni di vita intese a provocarne la distruzione fisica totale o parziale”. Lei
ha ricordato agli Stati i loro “obblighi di far rispettare il divieto di genocidio” e ha raccomandato
che attuano un embargo sulle armi contro Israele.

All’inizio di aprile, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha invitato tutti gli Stati a fermarsi
“la vendita, il trasferimento e la diversione di armi, munizioni e altro equipaggiamento militare a Gaza”.
Ma il governo del Canada ha ritardato, ignorando il diritto internazionale, il diritto internazionale
esperti e le proprie leggi e costituenti. Ha continuato a estendere il sostegno a Israele
atti genocidi.

Secondo lo stesso governo canadese, un embargo sulle armi è una sanzione che “mira a
impedire che armi e attrezzature militari lascino o raggiungano un paese preso di mira”. Imponente
un embargo globale sulle armi nei confronti di Israele richiede che il governo del Canada lo faccia
fermare immediatamente il trasferimento di tutte le esportazioni di armi precedentemente approvate verso Israele, comprese quelle
numero da record approvato nell’ultimo trimestre del 2023. Deve fermare l’export di grandi dimensioni
quantità di armi e componenti canadesi a Israele attraverso gli Stati Uniti.

Un embargo sulle armi richiede anche che il Canada vieti l’importazione di armi e attrezzature militari
e tecnologia di sorveglianza da Israele. Il Canada è il sesto maggiore cliente di armi di Israele. In
Dicembre 2023, quando Israele aveva già massacrato quasi 20,000 palestinesi, il canadese
L'esercito ha annunciato un nuovo accordo con il colosso statale israeliano delle armi Rafael per l'acquisto di 43 dollari
Milioni di missili Spike LR2, missili che l'esercito israeliano sta attualmente utilizzando nei loro
attacchi a Gaza. Ciò significa che il governo sta acquistando le armi pubblicizzate come loro
“testato in battaglia” contro i civili palestinesi, e che i dollari dei contribuenti canadesi stanno finanziando quelli israeliani
macchina da guerra. Un embargo totale sulle armi includerà anche il divieto di importazione ed esportazione in Israele di armi
una gamma di tecnologie e attrezzature “dual-use”. Il governo ha una serie di leggi e politiche
strumenti a disposizione per attuare tali misure. Non deve ritardare ulteriormente.

Una Risposta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Muoviti per la sfida della pace
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua