Sotto i riflettori dei volontari: Chrystel Manilag

Chrystel Manilag, volontario della WBWOgni mese condividiamo le storie di World BEYOND War volontari in tutto il mondo. Vuoi fare volontariato con World BEYOND War? E-mail greta@worldbeyondwar.org.

Luogo:

Philippines

Come sei stato coinvolto con l'attivismo contro la guerra e World BEYOND War (SAM)?

World BEYOND War mi è stato presentato da un amico. Dopo aver partecipato ai webinar e essersi iscritti al Organizzazione del corso di formazione 101, mi ha parlato con passione della visione e della missione dell'organizzazione incentrata sullo sradicamento dell'istituzione della guerra. Mentre stavo visitando il sito web e sfogliando i suoi contenuti, la consapevolezza mi ha colpito come un secchio d'acqua fredda: avevo solo poche conoscenze sulla guerra e sulle basi militari e ho erroneamente sottovalutato la gravità della situazione. Sentendo un senso di responsabilità, sono stato motivato ad agire e ho deciso di fare domanda per uno stage. Crescere in un paese in cui i termini “attivismo” e “attivista” hanno connotazioni negative, stagista World BEYOND War divenne l'inizio del mio viaggio con l'attivismo contro la guerra.

In che tipo di attività hai collaborato durante il tuo tirocinio?

Durante il mio stage di 4 settimane presso World BEYOND War, ho avuto l'opportunità di lavorare per il Campagna senza basi, squadra degli articolie banca dati delle risorse. Nell'ambito della campagna No Bases, io e i miei co-tirocinanti abbiamo studiato l'impatto ambientale delle basi militari statunitensi e, successivamente, pubblicato un articolo e ha presentato i nostri risultati. Abbiamo anche lavorato con il signor Mohammed Abunahel nell'elenco delle basi all'estero, dove il mio compito era cercare risorse utili incentrate sulle basi militari statunitensi. Sotto il team degli articoli, ho aiutato a pubblicare World BEYOND War contenuti e articoli originali da istituzioni partner al sito Web WordPress. Infine, io e i miei co-tirocinanti abbiamo aiutato a migrare le risorse al nuovo database incrociando la musica/le canzoni sul sito web con quelle sul foglio di calcolo, controllando le incongruenze e compilando i dati mancanti lungo il percorso.

Qual è la tua migliore raccomandazione per qualcuno che vuole essere coinvolto nell'attivismo contro la guerra e nella WBW?

Se sei un principiante dell'attivismo contro la guerra come me, ti consiglio di seguirlo World BEYOND War sui social e iscrizione alle loro newsletter bimestrali per saperne di più sul movimento e per tenerti informato su ciò che sta accadendo nel mondo. Questo apre una finestra di opportunità per sviluppare la nostra passione nella lotta alla guerra e per essere coinvolti nell'organizzazione attraverso i loro eventi e corsi online. Se vuoi fare un ulteriore passo avanti, diventa un volontario o fai domanda per uno stage. La conclusione è che chiunque può unirsi al movimento purché tu abbia la passione e la determinazione per agire.

Cosa ti tiene ispirato a sostenere il cambiamento?

Il fatto stesso che il cambiamento possa essere raggiunto è ciò che continua a ispirarmi a sostenerlo. Niente è impossibile in questo mondo e c'è sicuramente qualcosa che ognuno di noi può fare per porre fine alla guerra e alla violenza. È questo senso di speranza che mi ha permesso di vedere la luce alla fine di questo tunnel oscuro – che un giorno le persone saranno unite e la pace prevarrà.

In che modo la pandemia di coronavirus ha avuto un impatto su di te e sul tuo tirocinio con WBW?

Se c'è stata una cosa buona che è emersa dalla pandemia di COVID-19, è stata l'opportunità di fare uno stage World BEYOND War. Poiché i tirocini di persona erano temporaneamente vietati per motivi di salute e sicurezza, sono stato in grado di massimizzare le mie risorse online che mi hanno portato a questa organizzazione globale. Per qualcuno che vive in un paese diverso, l'impostazione lavorativa che avevo World BEYOND War si è rivelato molto efficiente. Tutto si è svolto online e con orari di lavoro flessibili. Questo mi ha permesso di gestire efficacemente i miei doveri di stagista e le mie responsabilità di studente universitario laureato. Guardando indietro, ho capito che anche in situazioni come questa, la resilienza umana continua a darci forza per rialzarci e andare avanti.

Pubblicato il 1 giugno 2022.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il limite di tempo è scaduto. Ricarica il CAPTCHA.

Traduci in qualsiasi lingua