Ricordando la sofferenza e i contributi delle donne coreane

Le proteste a lume di candela che si rifiutano di uscire.

Di Joseph Essertier, marzo 12, 2018.

"Le caratteristiche tipiche ma non peculiari degli Stati Uniti, tra cui la violenza sessuale e il razzismo comuni e casuali, sono, attraverso la pornografia, promosse in tutto il mondo come sesso. Dal punto di vista delle donne americane, il traffico della pornografia internazionale significa che le donne americane sono violate, torturate e sfruttate in modo da poterne fare della pornografia, in modo che le donne nel resto del mondo possano essere violate e torturate e sfruttate attraverso il suo uso. In questo modo la misoginia dello stile americano colonizza il mondo a livello sociale come la legge dell'oscenismo in stile britannico, avendo colonizzato il mondo a livello legale, fa in modo che nulla venga fatto al riguardo. "

Catharine MacKinnon, Le donne sono umane? E altri dialoghi internazionali (2006)

Tre sporche P: patriarcato, prostituzione e pornografia

È difficile per chiunque mettersi nei panni di qualcun altro. Questa idea è così ampiamente compresa che è un cliché. Ma è particolarmente difficile per la maggior parte degli uomini immaginarsi nella situazione di una donna. Tuttavia, per chiunque riconosca il patriarcato come un problema nel mondo di oggi, uno sforzo deve essere fatto.

Fortunatamente, alcuni uomini oggi stanno tentando di superare gli inganni del patriarcato. Come hanno scritto le campane femministe, "Prendere la sessualità positiva e intrinseca dei maschi e trasformarla in violenza è il crimine patriarcale che si perpetua contro il corpo maschile, un crimine che masse di uomini devono ancora possedere la forza di denunciare. Gli uomini sanno cosa sta succedendo. Semplicemente gli è stato insegnato a non dire la verità dei loro corpi, la verità delle loro sessualità "(ganci a campana, La volontà di cambiare: uomini, mascolinità e amore, 2004). Cominciare a mettere in discussione la prostituzione e la pornografia e sfidare la legittimità del "lavoro sessuale" è probabilmente parte del processo che noi uomini dobbiamo affrontare, per il bene delle donne prima di tutto, ma anche per il bene di noi stessi, ragazzi e altri uomini. "Il femminismo è per tutti" reca il titolo di uno dei tanti libri dei ganci delle campane.

Considera le parole di un sopravvissuto coreano alla prostituzione civile:

Se pensi che la prostituzione sia il sesso, sei così molto ignorante. Fare sesso con 350 dal tuo fidanzato al di fuori dei giorni 365 di un anno sembra estenuante, quindi come potrebbe fare ogni giorno avere più clienti ogni giorno a fare sesso? La prostituzione è un chiaro sfruttamento delle donne svantaggiate. Sembra solo uno scambio equo perché i john [vale a dire gli acquirenti della prostituzione] pagano i servizi. E le prostitute a loro volta sono trattate come persone che meritano di essere aggredite e insultate. Non ti stiamo chiedendo di vederci come vittime. Non stiamo chiedendo la tua comprensione. Stiamo dicendo che la prostituzione non è solo un nostro problema. Se continui a pensare che lo sia, il problema non sarà mai risolto. (Questa e tutte le citazioni successive provengono dal libro di Caroline Norma se non diversamente specificato: Le donne giapponesi di conforto e schiavitù sessuale durante le guerre in Cina e nel Pacifico, Bloomsbury Academic, 2016).

E il problema con la prostituzione è giustamente espresso in modo così chiaro e coraggioso con le parole di Susan Kay:

Come lo stupratore, non si preoccupa dei suoi bisogni, desideri o desideri. Non deve trattarla come un essere umano perché è un oggetto da masturbarsi dentro e dentro. Quando vediamo la violenza smascherata e mettiamo da parte il denaro che viene usato come capro espiatorio, il suo sesso è un atto di stupro. ”

Questo descrive la maggior parte della prostituzione. Descrive anche la maggior parte della pornografia, il genere con attori umani reali (rispetto all'animazione). Anche se conosci un po 'delle ingiustizie della prostituzione, anche se ti consideri una femminista contraria al traffico sessuale, e anche se hai letto un po' della prostituzione e della pornografia in Giappone, probabilmente rimarrai scioccato da gran parte di ciò che impara in Caroline Norma's Le donne giapponesi di conforto e schiavitù sessuale durante le guerre in Cina e nel Pacifico, se sei abbastanza coraggioso da dare un'occhiata.

Uno dei suoi argomenti principali è che la schiavitù sessuale e la schiavitù sessuale dei militari sono storicamente molto legate, che questi due tipi di ingiustizie perpetrate contro i corpi, i cuori e le menti delle ragazze, delle adolescenti e delle donne si sostengono a vicenda. Il libro di Norma si concentra sulle donne giapponesi intrappolate nella prostituzione civile, e quelle intrappolate e incarcerate da un tipo di prostituzione militare chiamate "stazioni di conforto". Molte donne sono state vittime di entrambi i tipi di prostituzione. Le "stazioni di conforto" erano sparse nei territori dell'Impero del Giappone e vicino ai campi di battaglia delle terre che l'Impero era in procinto di conquistare. Il traffico sessuale delle "stazioni di conforto" che il governo ha istituito e gestito durante la Guerra dei Quindici anni (1931-45) rappresenta solo un modo in cui le donne giapponesi in passato sono state ridotte in schiavitù ai fini della gratificazione sessuale degli uomini giapponesi.

Ma il suo libro copre anche parte della storia della violenza contro le donne coreane in questo sistema di schiavitù sessuale militare. E questo mese, il Mese della storia delle donne negli Stati Uniti, vorrei offrire un piccolo campione di conclusioni importanti sulla storia delle donne coreane che si può trarre da questo libro, un prodotto di anni di ricerca sulla prostituzione, la pornografia e la tratta in Giappone e Corea del sud, così come in Australia.

Caroline Norma sui diritti civili e di guerra degli uomini giapponesi

Norma dimostra che, come i sistemi patriarcali di indottrinamento in altri paesi, il patriarcato giapponese ha intitolato gli uomini nel periodo Taisho (1912-26) il diritto di prostituire le donne in modo relativamente aperto. Dal mio punto di vista, come qualcuno che ha studiato letteratura giapponese e ha sempre trovato interessanti scrittori femministi giapponesi, questo non è sorprendente. Questo è il paese dei personaggi femminili delle bambole e del feticismo del famoso romanziere Tanizaki Jun'ichiro (1886-1965), del geisha storia, di pornografico animee della lotta femminista del periodo Meiji (1868-1912) per porre fine al concubinato, alla bigamia e alla prostituzione.

Ricordo che nei primi 1990 si vedevano spesso uomini che cavalcavano treni sempre moderni, meravigliosi, con un giornale o una rivista tenuti apertamente con le braccia tese in modo tale che foto o disegni pornografici offensivi potevano essere visti da altri passeggeri, anche bambini e giovani donne. Con l'avvento dei telefoni cellulari e con un livello piccolo ma significativo di sensibilizzazione, oggi ne vediamo molto meno, ma ricordo di essere rimasto scioccato molte volte, non tanto per le foto di donne nude che per le scene occasionali di sesso assalto e immagini sessualizzate di bambini e adolescenti in manga. La famosa femminista Ueno Chizuko, molto tempo fa, chiamava il Giappone una "società della pornografia".

Ma, anche se armato di tale conoscenza, l'immagine che Caroline Norma ritrae dei primi tempi della moderna industria giapponese della prostituzione è scioccante. Non ho letto molto sulla prostituzione americana, quindi è così No Way un confronto tra Stati Uniti e Giappone, ma solo prendendo i fatti per quello che sono, per esempio,

Mentre la maggior parte delle donne giapponesi trafficate nelle stazioni di conforto avevano già raggiunto l'età adulta, erano quasi sempre state prostituite prima di questo nell'industria del sesso civile sin dall'infanzia. Questo era particolarmente vero per le donne trafficate nelle stazioni di conforto dai luoghi delle "geishe". L'uso dei contratti di adozione da parte dei proprietari di sedi di geisha come asse centrale della loro attività di procurement ha reso la prostituzione delle ragazze minorenni una caratteristica particolarmente notevole di queste imprese, e le sedi di geisha erano un sito di origine comune per le donne giapponesi trafficate nelle stazioni di comfort.

I padri e le madri giapponesi che si trovavano di fronte a una povertà disperata sono stati ingannati dagli intermediari per abbandonare il controllo delle loro figlie sulla promessa del futuro lavoro di fabbrica della figlia o sulla "formazione" artistica come geisha. Lo sapevo già, ma non sapevo che da quando erano stati adottati, potevano essere abusati ancor più che in altri tipi di prostituzione.

La servitù indentificata era una strategia di approvvigionamento che ha portato al traffico di, in particolare, un'alta percentuale di ragazze minorenni nell'industria del sesso giapponese del periodo Taisho, in particolare in Kafes, geisha luoghi, e altri luoghi non-bordello che erano relativamente non regolamentati ... Kusuma nomina due ragioni per questa alta percentuale di ragazze minorenni nell'industria del sesso giapponese: i governi regionali hanno permesso alle ragazze dell'età 16 di lavorare a caffè luoghi e ragazze minorenni potrebbero essere legalmente venduti in luoghi di geisha con il pretesto di ricevere "formazione" artistica.

(Cosa furono allora chiamati Kafes [dalla parola inglese "cafés"] offriva agli uomini viali per prostituire ragazze e donne). Con il successivo sistema di "comfort women" degli ultimi 1930 e dei primi 1940, ci si aspetta storie dell'orrore, ma sono rimasto sorpreso dal fatto che la servitù a contratto e il traffico di bambini erano diffusi nel periodo Taisho (1912-26).

Apprendiamo che in seguito, negli 1930, questa industria è fondamentalmente adottata dal governo con solo piccole modifiche tali che l'esercito è in grado rapidamente di istituire un sistema di asservimento sessuale che dà ai soldati giapponesi l'accesso a una sorta di gratificazione sessuale prima e dopo vengono inviati ai campi di battaglia della morte e della distruzione nella "guerra totale", dove si scontrano con persone del calibro degli Stati Uniti, in quella che John Dower chiamava la "guerra senza pietà".

Era razzista e brutale sia dalla parte americana che da quella giapponese, ma gli Stati Uniti erano un paese più ricco con il vantaggio di una capacità distruttiva molto maggiore, quindi i tassi di incidenti erano molto più alti nella parte giapponese e i soldati giapponesi avevano una minore possibilità di sopravvivere di Soldati americani. Quella generazione di uomini perduti portò a un numero insolitamente elevato di suicidi tra le molte donne giapponesi non sposate - celibe perché tanti uomini giapponesi erano morti nella guerra che c'era una mancanza di partner maschi disponibili con cui potevano sposarsi - nei primi 1990 , che erano allora anziani e che sentivano, per qualsiasi motivo, che fossero un peso per i loro fratelli o altri membri della famiglia che dovevano sostenerli economicamente.

Il sistema delle "donne di conforto" iniziò con l'acquisto di vittime principalmente giapponesi prima di affidarsi molto più pesantemente al traffico di adolescenti e donne fuori dalla Corea e alle numerose stazioni di tortura per la schiavitù sessuale in tutto l'Impero. Il passaggio da un'industria della prostituzione civile, autorizzata e apertamente legale alla prostituzione militare del governo, cioè il traffico sessuale, che viene solitamente definito come il sistema delle "donne di conforto", è relativamente agevole. Anche il sistema era abbastanza aperto. Gli uomini si sono semplicemente allineati e pagati per fare sesso con le vittime intrappolate e incarcerate che il governo aveva fornito loro.

Il periodo Taisho è stato associato alla democratizzazione della società giapponese, come l'espansione del franchising nelle elezioni, ma durante questo periodo l'accesso ai bordelli è stato anche democratizzato, spiega la Norma. Uomo i diritti sono stati ampliati, mentre le donne giapponesi erano bloccate in una schiavitù patriarcale scaduta. Il numero di donne vittime di abusi, torture e violenze da quello che oggi conosciamo come PTSD, in case di prostituzione, è aumentato. (La mia definizione di patriarcato tratto dal Oxford Dictionary of English, cioè, un "sistema di società o di governo in cui gli uomini detengono il potere e le donne ne sono ampiamente escluse" e aggiungono a ciò il abitudini di pensare dietro quel sistema - i sistemi, le istituzioni e le ideologie).

Ecco un piccolo campione dei molti fatti e statistiche scioccanti: nel 1919 (cioè, l'anno stesso della dichiarazione di indipendenza della Corea e l'inizio del movimento del 1 ° marzo contro la dominazione straniera), la prostituzione fu legalizzata per tutta la Corea dai giapponesi colonizzatori governo. Negli anni '1920, la metà di tutte le donne prostituite in Corea erano giapponesi. Alla fine, le vittime coreane presto fecero impallidire il numero delle vittime giapponesi, ma i primi giorni della prostituzione sotto l'Impero del Giappone videro anche un numero enorme di donne prostituite giapponesi. Gli "imprenditori civili dell'industria del sesso" hanno spianato la strada al coinvolgimento militare in seguito e molti di questi imprenditori hanno utilizzato il capitale accumulato attraverso il traffico sessuale per creare società molto redditizie e "rispettabili" in altri settori. Le condizioni di fame nelle campagne nel 1929 (cioè l'anno del crollo del mercato azionario) fornirono migliaia di disgraziate donne coreane ai trafficanti di sesso. (Prendo in prestito questo termine "disgraziato" da Kropotkin. Ha spiegato come il capitalismo non può funzionare senza un rifornimento costante di persone disperate, che sono state messe in ginocchio in una condizione di miseria in cui possono essere costrette a un lavoro degradante che non avrebbero altrimenti si sono mai impegnati). Infine, "il numero di donne coreane prostituite è cresciuto di cinque volte tra il 1916 e il 1920". Questo libro è pieno di fatti storici che aprono gli occhi che cambieranno la nostra comprensione della guerra.

Chi era responsabile di questa violenza, oltre naturalmente agli uomini che frequentavano le stazioni, cioè gli uomini a cui era stato insegnato con indottrinamento patriarcale civile convenzionale che gli uomini avevano il diritto di accedere regolarmente ai corpi delle donne, per dominarli a loro piacimento? Molti storici punterebbero il dito contro il fedele servitore dell'imperatore, Tojo Hideki (1884-1948), uno dei criminali di guerra giustiziati. Secondo Yuki Tanaka, uno dei più illustri storici giapponesi della storia delle "donne di conforto", Tojo "portava la responsabilità finale per le prove delle donne di conforto" (Horror nascosti: crimini di guerra giapponesi nella seconda guerra mondiale, 1996).

I crimini di Tojo erano così indicibili che erano quasi alla pari con quelli del responsabile del nostro ramo esecutivo da 1945 a 1953, il presidente Harry S. Truman. Truman autorizzò il bombardamento atomico di Nagasaki tre giorni dopo il suo bombardamento su Hiroshima nel caso in cui nessuno avesse notato l'entità del danno a Hiroshima. Uno dei suoi consiglieri più fidati dopo quella guerra fu la mente della guerra di Corea e la massiccia espansione del complesso militare-industriale Dean Acheson (1893-1971).

Qualcuno pronto per la guerra di Corea 2.0 con una potenza nucleare? Se ciò che gli Stati Uniti hanno fatto in Giappone è stato negativo, si consideri cosa si farebbe con la Corea del Nord armata di armi nucleari. Pensa a cosa succederebbe quando le basi statunitensi in Corea del Sud e Okinawa furono colpite, o se Pechino si sentì minacciata dall'invasione americana della Corea del Nord (come avvenne durante l'ultima guerra di Corea) e intervenne nel conflitto. Considera cosa accadrebbe alle donne e alle ragazze in Corea quando i rifugiati fuggirono dalla Corea in Cina.

Diritto degli uomini militari e civili americanis

73 sono passati anni dalla fine della Guerra del Pacifico, dal momento che il traffico di droga militare del Giappone si è ridotto a un rivolo. A causa del fatto che l'Impero del Giappone ha documentato il suo impiego di trafficanti di sesso, non vi è alcun dubbio tra gli storici - di Giappone, Corea, Cina, Stati Uniti, Filippine e altri paesi - che il governo giapponese fosse uno degli agenti responsabile di questa atrocità della schiavitù sessuale militare. Ma storici, attivisti per i diritti delle donne e altri specialisti ora stanno anche iniziando a scavare materiali storici dalla fase successiva della tortura basata sulla patriarchia delle donne coreane, vale a dire quella del governo degli Stati Uniti e degli uomini americani, che durò anche più a lungo del Giappone traffico sessuale militare.

Fortunatamente, la prostituzione di persone da parte del personale militare statunitense è stata vietata dalle forze armate statunitensi in 2005, e negli ultimi anni sono stati compiuti progressi negli Stati Uniti in termini di lotta per porre fine alla violenza sessuale in generale. Un merito è dovuto alle sopravvissute "donne di conforto", attiviste femministe e storici che hanno lavorato in solidarietà con loro, molti dei quali coreani. Queste persone hanno aperto gli occhi su ciò che può accadere al traffico sessuale in condizioni di guerra, ma il libro di Norma ci mostra che può essere orribilmente distruttivo per gli esseri umani anche in condizioni civili.

Nel caso delle donne di conforto giapponesi, la schiavitù e la tratta generalmente sono iniziate quando le donne erano adolescenti. Ciò è coerente con ciò che sappiamo sul traffico sessuale in America oggi: “L'età media in cui le ragazze diventano vittime per la prima volta della prostituzione è compresa tra 12 e 14 anni. Non sono solo le ragazze per strada a essere colpite; ragazzi e giovani transgender si prostituiscono in media tra gli 11 ei 13 anni ". (https://leb.fbi.gov/2011/march/human-sex-trafficking"Ogni anno, i trafficanti di esseri umani generano miliardi di dollari di profitti vittimizzando milioni di persone negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Si stima che i trafficanti sfruttino 20.9 milioni di vittime, con una stima di 1.5 milioni di vittime nel Nord America, nell'Unione europea e in altre economie sviluppate insieme. "(" Human Trafficking, "National Human Trafficking Hotline, accesso a luglio 17, 2017:  https://humantraffickinghotline.org/type-trafficking/human-trafficking).

Quindi è vero che intorno a 100 anni fa il Giappone aveva un'enorme industria della prostituzione / tratta di esseri umani, ma dovrebbe preoccuparsi degli americani che ne abbiamo uno anche oggi. E questo è dopo decenni di educazione sul sesso, abusi sui minori, colpi di moglie, stupri, ecc. nella nazione più ricca della terra, dove i movimenti di femminismo e di difesa dei minori sono relativamente forti. A differenza del giapponese che ha smesso di impegnarsi in guerra in 1945, gli americani stanno ancora uccidendo un numero enorme di persone innocenti sui campi di battaglia. E le guerre del nostro governo stimolano l'intrappolamento e la riduzione in schiavitù delle donne per il bene dei soldati su vasta scala. Quindi abbiamo un'industria del traffico di esseri umani e abbiamo un traffico di sesso militare, proprio come ha fatto l'Impero del Giappone nei suoi ultimi anni. (Non tenterò di confrontare la portata della violenza sessuale - un promemoria ancora una volta che questo non è un paragone).

C'è una crescente consapevolezza del problema del traffico sessuale di filippine negli Stati Uniti e di come gli uomini che prostituiscono le filippine spesso / abitualmente violentemente li abusino. (Per un esempio di un rapporto delle Nazioni Unite scioccante vedi https://www.un.org/womenwatch/daw/vaw/ngocontribute/Gabriela.pdf). Il trattamento delle donne sudcoreane deve essere stato anche peggiore durante l'occupazione statunitense della Corea (1945-48), la guerra di Corea e negli anni immediatamente successivi alla guerra di Corea. La ricerca storica sulle atrocità commesse contro i coreani è solo agli inizi. Se e quando la pace arriverà nella penisola coreana, verranno pubblicate molte nuove ricerche in lingua inglese sulla Corea del Nord, certamente sulle atrocità degli Stati Uniti, probabilmente su altre atrocità commesse dalle Nazioni Unite e, naturalmente, sulle atrocità giapponesi del primo Novecento.

Nel caso delle ragazze e adolescenti giapponesi addestrati come geisha, che alla fine sono stati trafficati in "stazioni di comfort", avevano già sperimentato il solito dolore della prostituzione infantile prima di diventare "donne di conforto", tra cui "ossa rotte, contusioni, complicazioni riproduttive, epatite e malattie sessualmente trasmissibili ... [e] disagi psicologici inclusa la depressione , PTSD, pensieri suicidi, automutilazione e forti sentimenti di colpa e vergogna ". Questo è il tipo di sofferenza che devono affrontare le vittime del traffico sessuale negli Stati Uniti.

La pratica della prostituzione è "diffusa in tutto il mondo per indurre i tassi di stress post traumatico nelle donne superiori a quelli dei veterani di guerra, anche quando l'abuso sessuale della prima infanzia è scontato come variabile correlata." Questo è il tipo di dolore che i militari giapponesi visitato su donne coreane per due o tre decenni, e ciò che i militari americani hanno visitato sulle donne in Corea del Sud per circa sette decenni ora principalmente in aree vicine alle basi militari statunitensi.

È risaputo che i militari americani hanno prostituito le donne su vasta scala durante la guerra di Corea e la guerra del Vietnam, non solo in Corea e Vietnam, ma anche in Giappone, a Okinawa e in Tailandia. C'è meno consapevolezza del fatto che hanno preso cattive abitudini nelle zone di guerra e le hanno riportate negli Stati Uniti. L'aggressione sessuale contro le donne asiatiche "è esplosa" negli Stati Uniti dopo la guerra del Vietnam, secondo Katherine MacKinnon. Lei scrive,

Quando l'esercito ritorna, visita sulle donne a casa il livello crescente di aggressione che gli uomini hanno insegnato e praticato sulle donne nella zona di guerra. Gli Stati Uniti lo sanno bene dalla guerra in Vietnam. La violenza domestica degli uomini contro le donne è aumentata, compresa la capacità di infliggere torture senza lasciare segni visibili. L'aggressione sessuale contro le donne asiatiche attraverso la prostituzione e la pornografia è esplosa negli Stati Uniti durante questo periodo. Gli uomini americani hanno avuto un gusto particolare a violarli laggiù.

MacKinnon, Le donne sono umane?, Capitolo 18 (citato da Norma).

L'esperienza militare della guerra amplifica i problemi della violenza sessuale negli Stati Uniti. Anche senza alcuna guerra, le società spesso permetteranno orribili violenze sessuali commerciali, ma le guerre causano violenza sessuale. "La violenza sessuale casuale e il razzismo sono ora, attraverso la pornografia," promossi in tutto il mondo come sesso "." Sia gli Stati Uniti che il Giappone stanno promuovendo oggi la promozione della violenza e del razzismo come sesso attraverso le nostre enormi industrie della prostituzione e della pornografia civile.

Donne coreane che avanzano diritti umani e pace

I civili della Corea del Sud, compresi molti turisti sessuali, continuano a sfruttare l'industria del traffico sessuale che è stata amplificata dal colonialismo giapponese e dalle "basi campali" della base militare americana (aree attorno alle basi in cui la prostituzione femminile è stata tollerata in Corea del Sud a beneficio di Truppe americane). E l'asservimento globale alle donne, sfortunatamente, non sembra ridursi. Il traffico sessuale globale è un grande business in 2018, ma deve essere fermato. Se ti preoccupi delle vittime della guerra, allora dovresti preoccuparti anche della violenza sessuale. Entrambi hanno radici nel patriarcato, dove ai ragazzi viene insegnato che è il loro ruolo dominare attraverso la violenza, anche se molti ragazzi ne sono vittimizzati. Diciamo che basta abbastanza. Per favore, unisciti a noi per chiedere la fine di tutte le forme di violenza sessuale.

Immagina una donna vittima di traffico sessuale che canta la canzone di Tracy Chapman "Subcity" (1989) con le parole "Sono in balia del mondo, credo di essere fortunata ad essere viva". (https://www.youtube.com/watch?v=2WZiQXPVWho). Ho sempre immaginato questa canzone come una canzone su una donna afroamericana che viene gettata briciole dalla vasta ricchezza americana sotto forma di benessere del governo e buoni alimentari, ma ora durante il Mese della storia delle donne, con la pace in Corea che sembra più possibile che in qualsiasi momento in 2017, mentre ascolto questa canzone, immagino una donna coreana che in precedenza è stata vittima di traffico sessuale per amore della momentanea gratificazione dei soldati violenti. La sto immaginando che canta: “Potremmo non volere solo sussidi, ma un modo per guadagnarci da vivere onestamente. Vita? Questo non è vivere ”, nel senso che non vuole che le vengano lanciati soldi dopo che un uomo ha abusato di lei. Lei vuole viverenon come una creatura umiliata che sopravvive al di fuori di queste "dispense" dai perpetratori di violenza contro di lei e altre donne ma come un "autentico" essere umano nel senso della parola "autentico" espresso dalla rivoluzionaria femminista giapponese Hiratsuka Raicho, il fondatore del primo giornale femminista del Giappone Seito (Bluestocking) in 1911:

All'inizio, la donna era davvero il sole. Una persona autentica. Ora lei è la luna, una luna pallida e malata, dipendente da un altro, che riflette lo splendore di un altro. (In principio, la donna era il sole, traduzione di Teruko Craig, 2006)

Immagina un sopravvissuto sudcoreano del traffico sessuale dicendo: "Per favore, signor Presidente, i miei onesti saluti per avermi disprezzato": le parole da trasmettere al presidente Trump quando lo vedi.

Questo mese, visto che la pace sembra sempre più possibile e mentre lottiamo per aumentare il costo della violenza nella penisola coreana e proteggere la vita di bambini innocenti, donne e uomini, è il momento di piangere, lasciare che le lacrime flusso, nella nostra consapevolezza di ciò che le donne coreane hanno attraversato. Ma lascia che sia anche il momento di decidere di fare la nostra parte, di alzarsi e unirsi alle donne coreane che lavorano instancabilmente oggi per i diritti umani e la pace. Tutti possiamo acquisire sicurezza e coraggio dalle loro azioni e scritti, uomini e donne. Quell'espressione risoluta sul volto della "Statua della ragazza per la pace" di fronte all'ambasciata giapponese a Seul (chiamata anche "Statua della donna confortante") è ora un costante promemoria del perché speriamo nella pace e per la fine del traffico sessuale . Tra centinaia di anni, queste statue potrebbero ancora educare le persone e stimolare il coraggio. Proprio come la coscienza viene sollevata una persona alla volta, si moltiplica una per una, essendo ora apparsa a Glendale, in California; Brookhaven, Georgia; Southfield, Michigan; e Toronto, in Canada, per non parlare di altri posti al di fuori del Nord America.

La sopravvissuta giapponese delle "stazioni di conforto" Shirota Suzuko ha pubblicato la sua biografia su 1971. Purtroppo, non ha ottenuto l'attenzione internazionale o anche molta attenzione in Giappone, ma prima che morisse, lei Prima Fortunatamente confortato dalla consapevolezza che i sopravvissuti sudcoreani hanno pubblicamente pubblicato la loro storia, e che hanno catturato un riflettore internazionale che sarebbe stato usato per promuovere sia la lotta contro la guerra che l'interruzione della violenza sessuale. Il sopravvissuto sudcoreano Kim Hak-sun (1927-94) ha sicuramente alleviato il dolore di migliaia di sopravvissuti, di una dozzina di nazionalità, quando ha coraggiosamente reso pubblica la sua storia personale in 1991, di fronte al patriarcato confuciano dell'Asia orientale e al solito discriminazione verso le donne vittime del traffico sessuale - una sorta di discriminazione che l'America condivide con le società dell'Asia orientale, dove la vittima viene incolpata della violenza che le ha fatto.

Non ultimo tra i successi delle donne coreane è quello che hanno raggiunto l'anno scorso spalla a spalla con uomini sudcoreani nella Rivoluzione a lume di candela che ha posto fine alla regola dell'ex presidente Park Geun-hye, figlia degli Stati Uniti appoggiati il dittatore Park Chung-hee che ha governato il paese da 1963 a 1979. Milioni di donne coreane hanno contribuito a rendere possibile l'attuale momento di ravvicinamento ravvicinato tra Nord e Sud Corea. I sopravvissuti coreani e di altre stazioni di conforto - da altri paesi come Giappone, Cina, Filippine, Tailandia, Vietnam, Taiwan e Indonesia - possono anche essere ringraziati per aver reso felice il giorno in cui il presidente Moon Jae-in ha invitato il sopravvissuto e attivista per i diritti delle donne Lee Yong-soo a una cena di stato con il presidente Trump. Le donne sudcoreane stanno facendo progressi sociali che andranno a beneficio di milioni di donne in Corea e di milioni di donne al di fuori della penisola coreana in altri paesi.

Lee Yong-soo, una delle rare vittime di violenza sessuale sul palcoscenico internazionale, in realtà ha abbracciato il misogino più famoso del mondo e capo di un'istituzione nota per la violenza sessuale: l'esercito americano. Il suo unico gesto è stato un atto ricco di simbolismo che offre un possibile futuro di perdono, riconciliazione e pace nell'Asia orientale. Quella futura riconciliazione si realizzerà quando gli uomini verranno a patti con il patriarcato e con i modi in cui siamo stati indottrinati, ingannati e disciplinati fin dall'adolescenza a credere che dominare le donne, sessualmente e in altri modi ingiusti, sarà più soddisfacente e virile di amare le donne e lavorare in solidarietà con loro.

Christine Ahn, uno dei principali sostenitori americani per la pace nella penisola coreana, ha recentemente scritto che "come l'amministrazione Trump scoprirà presto, le donne coreane ei loro alleati sono in prima linea nel ridefinire i rapporti del loro paese con Washington e faranno in modo che siano ascoltato nelle strade, davanti alle ambasciate e attraverso i loro tascabili. "Sì. Oggi, quando esiste un grande potenziale per la pace nella penisola coreana, ricordiamo sia la sofferenza che i contributi delle donne coreane.

Una Risposta

  1. Tutti insieme ora, con lo spirito !:

    Lo striscione macchiato di sangue

    Oh, puoi vedere dalla triste situazione della nazione
    Quanto hai sbagliato a non essere all'altezza del tuo significato?
    Nelle strade buie e nei bar luminosi attraverso la notte pericolosa,
    Più di una volta, mentre guardiamo, gli uomini urlano silenziosamente.
    E la gente dispera, spera alla deriva nell'aria
    Per deliziare la destra tutti i nostri armadi sono spogli

    Oh, lo fa, quello striscione schizzato di sangue ondeggia ancora
    O la terra che non è libera, né la sua gente è così coraggiosa?

    Vai, Kaepernick, il mio cappello è pronto per te e quelli abbastanza coraggiosi da unirti a te.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Traduci in qualsiasi lingua