Lettera della coalizione delle potenze di guerra dello Yemen

Lettera della coalizione delle potenze di guerra dello Yemen ai membri del Congresso, del sottoscritto, 21 aprile 2022

20 aprile 2022 

Cari membri del Congresso, 

Noi, le sottoscritte organizzazioni nazionali, accogliamo con favore la notizia che le parti in guerra dello Yemen hanno concordato una tregua nazionale di due mesi, per fermare le operazioni militari, revocare le restrizioni sul carburante e aprire l'aeroporto di Sana'a al traffico commerciale. Nel tentativo di rafforzare questa tregua e incentivare ulteriormente l'Arabia Saudita a rimanere al tavolo dei negoziati, vi esortiamo a cosponsorizzare e sostenere pubblicamente i rappresentanti Jayapal e la prossima risoluzione sui poteri di guerra di DeFazio per porre fine alla partecipazione militare statunitense alla guerra della coalizione a guida saudita contro lo Yemen. 

Il 26 marzo 2022 ha segnato l'inizio dell'ottavo anno della guerra e del blocco a guida saudita sullo Yemen, che ha contribuito a causare la morte di quasi mezzo milione di persone e ha spinto altri milioni sull'orlo della fame. Con il continuo sostegno militare statunitense, negli ultimi mesi l'Arabia Saudita ha intensificato la sua campagna di punizioni collettive contro il popolo dello Yemen, rendendo l'inizio del 2022 uno dei periodi più mortali della guerra. All'inizio di quest'anno, attacchi aerei sauditi contro una struttura di detenzione per migranti e infrastrutture vitali per le comunicazioni hanno ucciso almeno 90 civili, ferito oltre 200 e innescato un blackout di Internet a livello nazionale. 

Mentre condanniamo le violazioni Houthi, dopo sette anni di coinvolgimento diretto e indiretto nella guerra in Yemen, gli Stati Uniti devono cessare di fornire armi, pezzi di ricambio, servizi di manutenzione e supporto logistico all'Arabia Saudita per garantire che la tregua temporanea sia rispettata e, si spera, esteso a un accordo di pace duraturo. 

La tregua ha avuto un impatto positivo sulla crisi umanitaria dello Yemen, ma i funzionari delle Nazioni Unite avvertono che milioni di persone hanno ancora bisogno di assistenza urgente. Nello Yemen oggi, circa 20.7 milioni di persone hanno bisogno di aiuti umanitari per sopravvivere, con un massimo di 19 milioni di yemeniti gravemente insicuri dal punto di vista alimentare. Un nuovo rapporto indica che 2.2 milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni dovrebbero soffrire di malnutrizione acuta nel corso del 2022 e potrebbero morire senza cure urgenti. 

La guerra in Ucraina ha solo esacerbato le condizioni umanitarie nello Yemen rendendo il cibo ancora più scarso. Lo Yemen importa oltre il 27% del suo grano dall'Ucraina e l'8% dalla Russia. Le Nazioni Unite hanno riferito che lo Yemen potrebbe vedere il suo numero di carestie aumentare "di cinque volte" nella seconda metà del 2022 a causa della carenza di importazioni di grano. 

Secondo i rapporti dell'UNFPA e dello Yemeni Relief and Reconstruction Fund, il conflitto ha avuto conseguenze particolarmente devastanti per donne e bambini yemeniti. Una donna muore ogni due ore per complicazioni legate alla gravidanza e al parto, e per ogni donna che muore durante il parto, altre 20 subiscono lesioni prevenibili, infezioni e disabilità permanenti. 

Nel febbraio 2021, il presidente Biden ha annunciato la fine della partecipazione degli Stati Uniti alle operazioni offensive della coalizione a guida saudita in Yemen. Eppure gli Stati Uniti continuano a fornire pezzi di ricambio, manutenzione e supporto logistico per gli aerei da guerra sauditi. Inoltre, l'amministrazione non ha mai definito cosa costituisse supporto "offensivo" e "difensivo", e da allora ha approvato oltre un miliardo di dollari in vendite di armi, inclusi nuovi elicotteri d'attacco e missili aria-aria. Questo sostegno invia un messaggio di impunità alla coalizione guidata dai sauditi per il bombardamento e l'assedio dello Yemen.

I rappresentanti Jayapal e DeFazio hanno recentemente annunciato i loro piani per introdurre e approvare una nuova risoluzione sui poteri di guerra dello Yemen per porre fine al coinvolgimento non autorizzato degli Stati Uniti nella brutale campagna militare dell'Arabia Saudita. Ciò è più essenziale che mai per mantenere lo slancio per la fragile tregua di due mesi e per evitare ricadute bloccando il sostegno degli Stati Uniti a eventuali rinnovate ostilità. I legislatori hanno scritto: "Come candidato, il presidente Biden si è impegnato a porre fine al sostegno alla guerra guidata dall'Arabia Saudita in Yemen, mentre molti che ora servono come alti funzionari nella sua amministrazione hanno ripetutamente chiesto di chiudere proprio le attività in cui sono impegnati gli Stati Uniti che consentono all'Arabia Saudita La brutale offensiva dell'Arabia. Chiediamo loro di portare a termine il loro impegno”. 

Il Congresso deve riaffermare i suoi poteri di guerra ai sensi dell'articolo I, porre fine al coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra e nel blocco dell'Arabia Saudita e fare tutto il possibile per sostenere la tregua nello Yemen. Le nostre organizzazioni attendono con impazienza l'introduzione della Risoluzione sui poteri di guerra dello Yemen. Esortiamo tutti i membri del Congresso a dire "no" alla guerra di aggressione dell'Arabia Saudita ponendo fine a tutto il sostegno degli Stati Uniti a un conflitto che ha causato un tale immenso spargimento di sangue e sofferenza umana. 

Cordiali saluti,

Corpo d'azione
American Friends Service Committee (AFSC)
Associazione degli avvocati musulmani americani (AMBA)
Rete per l'emancipazione musulmana americana (AMEN)
Antiwar.com
Divieto di droni assassini
Porta le nostre truppe a casa
Centro per la politica e la ricerca economica (CEPR)
Centro per la politica internazionale
Centro sulla coscienza e la guerra
Consiglio islamico della Valle Centrale
Chiesa dei fratelli, Office of Peacebuilding and Policy
Chiese per la pace in Medio Oriente (CMEP)
Squadre comunitarie di pacificatori
Veterinari interessati per l'America
Difesa dei diritti e dissenso
Iniziativa sulle priorità della difesa
Avanzamento della domanda
Democrazia per il mondo arabo adesso (DAWN)
Chiesa evangelica luterana in America
Libertà in avanti
Comitato degli amici sulla legislazione nazionale (FCNL)
Ministeri globali della Chiesa cristiana (Discepoli di Cristo) e Chiesa unita di Cristo
Alleanza per la salute internazionale
Storici per la pace e la democrazia
Consiglio ICNA per la giustizia sociale
Se non ora
Indivisibile
Centro Studi Islamofobia
Voce ebraica per l'azione di pace
Solo politica estera
La giustizia è globale
MADRE
Ufficio Maryknoll per le preoccupazioni globali
Vai avanti
Muslim Justice League
Musulmani per un futuro giusto
Consiglio Nazionale delle Chiese
Vicini per la pace
La nostra rivoluzione
Pax Christi USA
Azione Pace
Medici per responsabilità sociale
Presbyterian Church (USA)
Democratici progressisti d'America
Public Citizen
Quincy Institute for Responsible Statecraft
Ripensare la politica estera
RootsAction.org
Giustizia sicura
Sisters of Mercy of the Americas - Justice Team
Spin film
Movimento Sunrise
La Chiesa Episcopale
L'Istituto Libertario
La Chiesa metodista unita - Consiglio generale della Chiesa e della società
Unione delle donne arabe
Comitato Unitario di Servizio Universalista
Chiesa unita di Cristo, giustizia e ministeri della Chiesa locale
Uniti per la pace e la giustizia
Campagna statunitense per i diritti dei palestinesi (USCPR)
Veterani per la pace
Vinci senza guerra
World BEYOND War
Consiglio per la libertà dello Yemen
Fondazione per il rilievo e la ricostruzione dello Yemen
Comitato dell'alleanza yemenita
Associazione dei mercanti americani yemeniti
Movimento di Liberazione Yemenita

 

Un commento

  1. Barbara Deller dice:

    Grazie per i vostri sforzi per alleviare la sofferenza e la morte sponsorizzate dagli Stati Uniti in Yemen.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

Termine è esaurito. Ricarica CAPTCHA.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Cerca in WorldBeyondWar.org

Iscriviti a notizie contro la guerra e email di azione

Traduci in qualsiasi lingua