Le organizzazioni internazionali esortano l'UE a bloccare l'adesione del Montenegro fino a quando non smetterà di militarizzare la sua riserva della biosfera dell'UNESCO

Dalla campagna Save Sinjajevina (Associazione Save Sinjajevina, Diritti fondiari ora, World BEYOND War, Consorzio ICCA, Coalizione internazionale della terra, Rete di terre comuni, e altri partner associati), 25 giugno 2022

● Sinjajevina è il più grande pascolo di montagna dei Balcani, una Riserva della Biosfera dell'UNESCO e un ecosistema vitale con oltre 22,000 persone che vivono dentro e intorno ad esso. Il Salva la campagna di Sinjajevina nasce nel 2020 per proteggere questo paesaggio europeo unico.

● La NATO e l'esercito montenegrino hanno lanciato fino a mezza tonnellata di esplosivo su Sinjajevina senza alcuna valutazione pubblica ambientale, socioeconomica o sanitaria e senza consultare i suoi abitanti, mettendo a rischio il loro ambiente, il loro modo di vivere e persino la loro esistenza .

● Decine di organizzazioni locali e internazionali che sostengono la campagna "Salva Sinjajevina" chiedono che i diritti fondiari dei pastori tradizionali e l'ambiente siano garantiti, si tengono consultazioni con le comunità locali per creare un'area protetta a Sinjajevina, in linea con il europeo Affare verdee sollecitare l'UE a chiedere la rimozione del campo di addestramento militare a Sinjajevina come prerequisito per l'adesione del Montenegro all'adesione all'UE.

● Il 18 giugno 2022, pastori e agricoltori della regione hanno celebrato nella capitale la Giornata di Sinjajevina con la partecipazione di funzionari del governo locale e nazionale e della delegazione dell'UE in Montenegro (vedi  qui e in serbo qui). Tuttavia, questo sostegno non si è ancora concretizzato in un decreto che cancella il terreno militare né crea un'area protetta originariamente prevista per essere istituita entro il 2020.

● Il 12 luglio 2022, persone da tutto il mondo si riuniranno a Sinjajevina per alzare la voce a sostegno della sua protezione e promozione, nonché della cancellazione del terreno militare tramite una petizione globale e campo internazionale di solidarietà.

Gruppi locali e internazionali per l'ambiente e per i diritti umani hanno esortato il governo montenegrino e l'Unione europea a demolire il progetto di militarizzazione degli altopiani di Sinjajevina e ad ascoltare le richieste delle comunità locali che vivono in questo territorio. Tuttavia, a quasi tre anni dalla sua creazione, il governo del Montenegro non ha ancora cancellato il terreno militare.

Nel cuore del Montenegro, la regione di Sinjajevina ospita oltre 22,000 persone che vivono in piccole città e frazioni. Parte della Riserva della biosfera del bacino del fiume Tara e delimitata da due siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO, i paesaggi e gli ecosistemi di Sinjajevina sono stati modellati dai pastori nel corso dei millenni e continuano a essere modellati e conservati.

Le ripetute azioni del governo del Montenegro per convertire gran parte di questo tradizionale e unico territorio pastorale in un campo di addestramento militare, hanno portato le comunità locali e i gruppi della società civile a mobilitarsi, sulla base della ricerca scientifica, per la difesa di questi pascoli e culture di grande valore , per istituire un'area protetta di tipo partecipativo.

Diverse organizzazioni locali e internazionali hanno espresso solidarietà alle comunità locali di Sinjajevina. Milan Sekulovic, Presidente dell'Associazione Save Sinjajevina, sottolinea che “se il Montenegro vuole entrare a far parte dell'Unione Europea, deve rispettare e proteggere i valori europei, tra cui il Green Deal dell'UE, l'area Natura 2000 proposta dall'UE a Sinjajevina e la strategia dell'UE per la biodiversità e gli habitat naturali. Inoltre, la militarizzazione della regione è in diretta contraddizione con la raccomandazione di uno studio del 2016 cofinanziato dall'UE sostenere la creazione di un'area protetta a Sinjajevina entro il 2020”. Insieme ai suoi alleati in tutto il mondo, l'Associazione Save Sinjajevina ha lanciato a petizione rivolto a Olivér Várhelyi, Commissario dell'UE per il Vicinato e l'allargamento, esortando l'Unione europea ad abbandonare i piani per il campo di addestramento militare e ad aprire consultazioni con le comunità locali per creare un'area protetta come condizione preliminare per l'adesione del Montenegro all'UE.

“Oltre a perdere l'accesso ai pascoli tradizionali, temiamo che la militarizzazione del nostro territorio porti a inquinamento, riduzione della connettività ecologica e idrologica, danni alla fauna e alla biodiversità, nonché ai nostri animali e colture. Se le nostre risorse naturali, i prodotti tradizionali e i paesaggi perdono valore, fino a ventimila persone e le loro attività potrebbero essere gravemente colpite”, spiega Persida Jovanovic di una famiglia di agricoltori di Sinjajevina.

“Questa è una crisi in evoluzione nei territori della vita di Sinjajevina”, sottolinea Milka Chipkorir, Coordinatrice per la difesa dei territori della vita di il Consorzio ICCA, uno dei principali sostenitori della petizione. “Occupare terre private e comuni a Sinjajevina, dove un militare campo di prova è stato aperto nel 2019 mentre le persone erano ancora nei loro pascoli, minaccia gravemente le comunità di pastori e agricoltori e gli ecosistemi unici di cui si prendono cura attraverso il loro modo di vivere”.

“Sinjajevina non è solo una questione locale, ma anche una causa globale. Siamo molto preoccupati che i pascoli diventino inaccessibili a chi li ha gestiti in modo sostenibile per secoli, creando una biodiversità unica che senza di loro scomparirebbe. Garantire i diritti delle comunità locali ai loro territori è riconosciuta come la migliore strategia per proteggere la natura e invertire il degrado di tali ecosistemi”, ha aggiunto Sabine Pallas della International Land Coalition, una rete globale che promuove una governance del territorio incentrata sulle persone e che ha accolto favorevolmente il Save Associazione Sinjajevina come membro nel 2021.

David Swanson da World BEYOND War afferma che “per riconoscere l'eccezionale lavoro svolto dall'associazione Save Sinjajevina per difendere i diritti delle popolazioni locali come un passo avanti verso la costruzione della pace e della riconciliazione nella regione, abbiamo concesso loro il Premio abolitore della guerra del 2021".

Tutti i sostenitori della campagna Save Sinjajevina esortare il governo del Montenegro a ritirare immediatamente il decreto che istituisce un campo di addestramento militare ea creare un'area protetta co-progettata e co-governata con le comunità locali di Sinjajevina.

“I pastori di Sinjajevina dovrebbero sempre avere l'ultima parola su ciò che accade nei loro territori. Queste comunità locali hanno creato, gestito e conservato un paesaggio di valore unico, sempre più raro in Europa, e desiderano essere al centro degli sforzi di conservazione, promozione e governance del loro territorio. Invece, ora rischiano di perdere le loro terre e il loro stile di vita sostenibile. L'UE dovrebbe sostenere la sicurezza dei diritti fondiari per le comunità locali nell'ambito della loro Strategia 2030 sulla biodiversità", afferma Clémence Abbes, coordinatrice della campagna Land Rights Now, un'alleanza globale co-convocata dalla International Land Coalition, Oxfam e dalla Rights and Resources Initiative .

PROSSIMI APPUNTAMENTI DI LUGLIO

Martedì 12 luglio, il giorno di Petrovdan (il giorno di San Pietro), centinaia di persone provenienti da diversi paesi sono attese a Sinjajevina per conoscere lo stile di vita dei suoi abitanti e l'importanza dei suoi paesaggi attraverso la celebrazione sociale di questa giornata insieme a un'assemblea di contadini , workshop, talk e visite guidate.

Venerdì 15 luglio, i partecipanti si uniranno a una marcia a Podgorica (capitale del Montenegro) per consegnare migliaia di firme raccolte nella petizione al governo del Montenegro e alla delegazione dell'Unione europea nel paese.

Inoltre, World BEYOND War terrà la sua conferenza globale annuale online dall'8 al 10 luglio con relatori di Save Sinjajevina e un Summit dei giovani il 13 e 14 luglio ai piedi di Sinjajevina.

Petizione
https://actionnetwork.org/petitions/save-sinjajevinas-nature-and-local-ccommunities

Iscrizione al campo di solidarietà di Sinjajevina a luglio in Montenegro
https://worldbeyondwar.org/come-to-montenegro-in-july-2022-to-help-us-stop-this-military-base-for-good

Finanziamento collettivo
https://www.kukumiku.com/en/proyectos/save-sinjajevina

Twitter
https://twitter.com/search?q=sinjajevina​

Pagina web di Sinjajevina
https://sinjajevina.org

Sinjajevina Facebook (in serbo)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Traduci in qualsiasi lingua