La proliferazione nucleare non è la risposta all'aggressione russa

Foto: USAF

di Ryan Black, CounterPunchAprile 26, 2022

 

L'invasione criminale dell'Ucraina da parte della Russia ha rimesso a fuoco la pericolosa possibilità di una guerra nucleare. In risposta all'invasione, molti paesi stanno cercando di aumentare la spesa militare, con grande gioia degli appaltatori di armi. Ancora più allarmanti sono le richieste di maggiori investimenti nelle capacità nucleari da parte degli stati dotati di armi nucleari e le richieste di dispiegamento di armi nucleari statunitensi nei paesi che attualmente non le ospitano.

Tieni presente che una singola arma nucleare può devastare una città, uccidendo centinaia di migliaia o addirittura milioni di persone. Secondo NukeMap, uno strumento che stima l'impatto di un attacco nucleare, se la più grande bomba nucleare russa venisse sganciata su New York City, verrebbero uccise oltre otto milioni di persone e altri quasi sette milioni sarebbero feriti.


Tredicimila bombe nucleari nel mondo

Gli Stati Uniti hanno già un centinaio di armi nucleari in Europa. Cinque paesi della NATO - Italia, Belgio, Paesi Bassi, Turchia e Germania - prendono parte a un accordo di condivisione nucleare, ciascuno dei quali ospita venti armi nucleari statunitensi.

La Germania, oltre ad ospitare le armi nucleari americane, sta anche aumentando la sua spesa militare fino a raggiungere i 100 miliardi di euro. In un importante cambiamento nella politica tedesca, il paese si è impegnato a spendere più del 2% del suo PIL per l'esercito. Anche la Germania si è impegnata ad acquistare prodotti di fabbricazione statunitense Aerei F-35 — jet in grado di trasportare armi nucleari — per sostituire i propri caccia Tornado.

In Polonia, un paese che confina con l'Ucraina e l'alleata russa Bielorussia e non ha armi nucleari, il leader del partito nazionale-conservatore di diritto e giustizia al governo di destra dice ora sono "aperti" agli Stati Uniti che mettono lì armi nucleari.

La febbre nucleare non è solo in Europa. La Cina lo è accelerando il suo accumulo nucleare tra i crescenti timori di conflitti con gli Stati Uniti, con Taiwan un incombente punto critico. Secondo quanto riferito, la Cina prevede di costruirne cento a terra silos di missili nuclearie un rapporto del Pentagono afferma che ne avranno mille testate nucleari entro la fine del decennio. Ciò si aggiungerà alle quasi tredicimila armi nucleari già esistenti a livello globale. Anche la Cina è in via di completamento triade nucleare — la capacità di lanciare armi nucleari via terra, mare e aria — che, secondo la saggezza convenzionale, garantirebbe la sua strategia di deterrenza nucleare.

Inoltre, la Corea del Nord ha riavviato il suo programma ICBM e ha recentemente lanciato un missile di prova per la prima volta dal 2017. La Corea del Nord afferma che il missile è un "potente deterrente per la guerra nucleare", la stessa logica che ogni altro paese dotato di armi nucleari usa per costruire e mantenimento delle armi nucleari.

Gli alleati degli Stati Uniti nella regione non sono immuni dalle richieste di armi nucleari. L'influente ex primo ministro giapponese Shinzo Abe, che ha spinto a lungo per un Giappone più militarizzato, ha recentemente chiesto al paese di prendere in considerazione l'idea di ospitare armi nucleari statunitensi, nonostante il Giappone sia l'unico posto sulla Terra a conoscere in prima persona l'orrore causato direttamente dalle persone da un nucleare -attacco con armi. Fortunatamente, i commenti sono stati respinti dall'attuale leader Fumio Kishida, che ha definito l'idea "inaccettabile".

Ma troppi leader non resistono responsabilmente alla richiesta di più armi nucleari.


Minacce di guerra nucleare

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha molte qualità ammirevoli, ma sfortunatamente non sta aiutando a ridurre il rischio di una guerra nucleare. Oltre alle sue richieste per a Zona interdetta al volo, lui di recente detto 60 minuti: “Il mondo oggi dice che alcune persone si nascondono politicamente dietro affermazioni che 'non possiamo difendere l'Ucraina perché potrebbe esserci una guerra nucleare... credendo che non aiutando l'Ucraina, ti nasconderai dalle armi nucleari russe. Non ci credo.'”

Il presidente Zelensky sembra suggerire che, indipendentemente dal fatto che l'Occidente si impegni o meno in uno scontro militare diretto con la Russia, uno scontro nucleare è quasi una certezza.

Ha motivo di essere preoccupato. La Federazione Russa solo poche settimane fa ha affermato che l'uso di armi nucleari è un'opzione se la Russia affronta una crisi esistenziale. La Russia ha persino messo in standby i suoi sistemi missilistici. Zelensky ha detto CNN, "tutti i paesi del mondo" dovrebbero essere preparati alla possibilità che il presidente russo Vladimir Putin possa usare armi nucleari tattiche nella sua guerra contro l'Ucraina.

La situazione di Zelensky è inimmaginabile, senza dubbio. Ma il linguaggio che implica inevitabili attacchi nucleari e la necessità di un maggiore intervento militare spinge solo la Russia più vicina al lancio di un attacco nucleare e il mondo verso una guerra nucleare globale. Questo non è un percorso che l'Ucraina o il mondo dovrebbero voler intraprendere. Ciò che serve è più diplomazia.

Gli Stati Uniti non hanno migliorato le cose a lungo termine come leader mondiale nella proliferazione nucleare. E gli Stati Uniti si rifiutano di adottare "no first use" come politica ufficiale, assicurando al mondo un primo attacco offensivo con armi nucleari sul tavolo. Questa sembra essere la stessa politica nucleare condiviso dalla Russia — una politica che sta suscitando paura in tutto il mondo in questo momento, incluso quasi il 70% delle persone negli Stati Uniti che lo sono ora preoccupato per un attacco nucleare.

Questo è doppiamente allarmante considerando la storia degli Stati Uniti di fabbricare prove per entrare in guerra, come è successo con le bugie di George W. Bush sulle armi di distruzione di massa in Iraq e le falsificazioni Incidente nel Golfo del Tonchino che è stato usato come pretesto per intensificare la guerra del Vietnam.


Le armi nucleari non faranno pace

Il destino dell'umanità dipende dai nove paesi che possiedono armi nucleari e dai paesi con cui hanno condiviso, non avendo mai qualcuno al comando che decida che il loro paese sta affrontando una minaccia esistenziale, che il controllo non è mai affidato a mani irresponsabili o maliziose, che gli hacker non superano i sistemi di sicurezza del governo, o che uno stormo di uccelli non viene scambiato per un imminente attacco nucleare, innescando una risposta nucleare di falso allarme. E tieni presente che gli ICBM e i missili marittimi non possono essere richiamati. Una volta licenziati, non si torna indietro.

Questa strategia rischiosa e ad alto rischio, potenzialmente in grado di mettere fine al mondo, non è giustificabile in un'epoca in cui le minacce possono essere potenzialmente falsificate, non solo da stati canaglia, ma da persone normali e gruppi sciolti collegati in modo anonimo online.

La risposta alla minaccia delle armi nucleari non sono più armi nucleari. La risposta è un pianeta che si impegna in un vero disarmo con l'obiettivo di non avere armi nucleari. Il mondo non deve lasciare La guerra illegale della Russia in Ucraina essere causa di una maggiore proliferazione nucleare e di accresciuti pericoli di guerra nucleare.

 

L'AUTORE
Ryan Black è un attivista di Roots Action.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Traduci in qualsiasi lingua