La Dottrina Monroe ha plasmato il Nord America

Di David Swanson, World BEYOND WarGennaio 29, 2023

David Swanson è l'autore del nuovo libro La dottrina Monroe a 200 e con cosa sostituirla.

Spesso ci viene insegnato che la Dottrina Monroe non è stata applicata fino a decenni dopo la sua articolazione, o che non è stata applicata come licenza per l'imperialismo fino a quando non è stata alterata o reinterpretata dalle generazioni successive. Questo non è falso, ma è sopravvalutato. Uno dei motivi per cui è sopravvalutato è lo stesso motivo per cui a volte ci viene insegnato che l'imperialismo statunitense non è iniziato fino al 1898, e lo stesso motivo per cui la guerra in Vietnam, e successivamente la guerra in Afghanistan, sono state chiamate " la più lunga guerra degli Stati Uniti”. Il motivo è che i nativi americani non sono ancora trattati come persone reali, con nazioni reali, con le guerre contro di loro che sono guerre reali. La parte del Nord America che finì negli Stati Uniti è trattata come conquistata attraverso un'espansione non imperiale, o addirittura come non comportante affatto l'espansione, anche se la conquista effettiva fu estremamente mortale, e anche se alcuni di quelli dietro questa massiccia espansione imperiale intendeva includere tutto il Canada, il Messico, i Caraibi e l'America centrale. La conquista di gran parte (ma non di tutto) del Nord America fu l'implementazione più drammatica della Dottrina Monroe, anche se raramente si pensava che fosse correlata ad essa. La prima frase della Dottrina stessa si opponeva al colonialismo russo nel Nord America. La conquista statunitense di (gran parte) del Nord America, mentre veniva compiuta, veniva spesso giustificata come opposizione al colonialismo europeo.

Gran parte del merito o della colpa per aver redatto la Dottrina Monroe è attribuito al Segretario di Stato del presidente James Monroe, John Quincy Adams. Ma non c'è quasi nessuna particolare abilità artistica personale nel fraseggio. La questione di quale politica articolare è stata dibattuta da Adams, Monroe e altri, con la decisione finale, così come la selezione di Adams come segretario di stato, che spettava a Monroe. Lui ei suoi compagni “padri fondatori” avevano creato un'unica presidenza proprio per poter addossare la responsabilità a qualcuno.

James Monroe è stato il quinto presidente degli Stati Uniti e l'ultimo padre fondatore, seguendo il percorso di Thomas Jefferson e James Madison, suoi amici e vicini di casa in quella che oggi è chiamata Central Virginia, e ovviamente seguendo l'unica altra persona a correre incontrastata per un secondo mandato, un collega della Virginia della parte della Virginia in cui Monroe è cresciuto, George Washington. Anche Monroe generalmente cade nell'ombra di quegli altri. Qui a Charlottesville, in Virginia, dove vivo io, e dove vivevano Monroe e Jefferson, una statua di Monroe, una volta trovata nel mezzo dei terreni dell'Università della Virginia, è stata da tempo sostituita da una statua del poeta greco Omero. La più grande attrazione turistica qui è la casa di Jefferson, con la casa di Monroe che riceve una piccola parte dell'attenzione. Nel popolare musical di Broadway “Hamilton”, James Monroe non si trasforma in un afroamericano oppositore della schiavitù e amante della libertà e della melodia dello spettacolo perché non è affatto incluso.

Ma Monroe è una figura significativa nella creazione degli Stati Uniti come li conosciamo oggi, o almeno dovrebbe esserlo. Monroe era un grande sostenitore delle guerre e delle forze armate, e probabilmente il più grande sostenitore nei primi decenni degli Stati Uniti per le spese militari e l'istituzione di un esercito permanente di vasta portata - qualcosa a cui si opponevano i mentori di Monroe Jefferson e Madison. Non sarebbe una forzatura nominare Monroe il padre fondatore del complesso industriale militare (per usare la frase che Eisenhower aveva modificato da "complesso congressuale industriale militare" o, come gli attivisti per la pace hanno iniziato a chiamarlo in seguito alla variazione - una tra le tante - usato dal mio amico Ray McGovern, il complesso Military-Industrial-Congressional-Intelligence-Media-Academia-Think Tank, o MICIMATT).

Due secoli di sempre crescente militarismo e segretezza sono un argomento enorme. Anche limitando l'argomento all'emisfero occidentale, fornisco nel mio recente libro solo i punti salienti, più alcuni temi, alcuni esempi, alcuni elenchi e numeri, per accennare al quadro completo per quanto ne so. È una saga di azioni militari, inclusi colpi di stato e relative minacce, ma anche misure economiche.

Nel 1829 Simón Bolívar scrisse che gli Stati Uniti "sembrano destinati a tormentare l'America fino alla miseria in nome della libertà". Qualsiasi visione diffusa degli Stati Uniti come potenziale protettore in America Latina ebbe vita molto breve. Secondo un biografo di Bolívar, “C'era un sentimento universale in Sud America che questa repubblica primogenita, che avrebbe dovuto aiutare i più giovani, cercava invece solo di incoraggiare la discordia e fomentare difficoltà per intervenire al momento opportuno”.

Ciò che mi colpisce guardando ai primi decenni della Dottrina Monroe, e anche molto più tardi, è quante volte i governi dell'America Latina hanno chiesto agli Stati Uniti di sostenere la Dottrina Monroe e di intervenire, e gli Stati Uniti hanno rifiutato. Quando il governo degli Stati Uniti ha deciso di agire sulla Dottrina Monroe al di fuori del Nord America, era anche al di fuori dell'emisfero occidentale. Nel 1842, il Segretario di Stato Daniel Webster avvertì la Gran Bretagna e la Francia di allontanarsi dalle Hawaii. In altre parole, la Dottrina Monroe non veniva sostenuta difendendo le nazioni latinoamericane, ma veniva spesso impiegata per sabotarle.

David Swanson è l'autore del nuovo libro La dottrina Monroe a 200 e con cosa sostituirla.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Muoviti per la sfida della pace
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua