“Infrastrutture per la pace: cosa funziona?”

Di David Swanson, World BEYOND War, 9 dicembre 2023
Intervento alla Conferenza della GAMIP (Alleanza Globale per i Ministeri e le Infrastrutture per la Pace)

Mi dispiace di essere stato troppo occupato per avere delle diapositive qui, e sono fortunato ad avere solo le parole. Mi dispiace anche che ci siano così tanti David, il re David è una figura orribile con cui dare a tutti noi il nome, ma David Adams e molti altri David stanno riscattando il nome, credo.

Eccoci qui in un momento in cui i più ipocriti e autoproclamati supervisori di un ordine internazionale stanno apertamente e orgogliosamente commettendo un genocidio, dopo aver trascorso decenni a strombazzare il loro rifiuto del genocidio e persino usando il genocidio come giustificazione primaria per le guerre, come se la maggior parte delle guerre non fossero genocidi e ogni genocidio non fosse una guerra. Sembra un momento strano in cui parlare di infrastrutture per la pace e soprattutto di ciò che funziona, di ciò che riesce.

Ma se qualcosa fallisce, se qualcosa evidentemente non funziona, è la guerra. Lavorare per la pace non sempre porta la pace, ma fare la guerra per la pace non porta mai la pace, non crea mai i confini o i governi dichiarati come obiettivi. I principali guerrafondai non vincono mai alle loro condizioni o in alcun modo. Falliscono ancora e ancora, alle loro condizioni e alle nostre. In Ucraina, entrambe le parti alla fine ammettono il fallimento e tuttavia non sanno cosa fare al riguardo. In Israele e Palestina, chiunque non pensi che la guerra porti altra guerra sceglie di non pensare. I sostenitori della guerra non dovrebbero parlare di successo ai sostenitori della pace a meno che non siano pronti ad ammettere che i profitti delle armi e la crudeltà sadica sono gli obiettivi della guerra.

Non c’è dubbio che le istituzioni create per la pace o con il pretesto di essere per la pace possano essere abusate, che le leggi possano essere ignorate, che le leggi e le istituzioni possano persino diventare letteralmente incomprensibili per una società così spinta verso la guerra che la pace non ha senso per essa. Esso. Non c’è dubbio che, in definitiva, ciò che funziona è innanzitutto una società impegnata che educa e si attiva per la pace, e che ciò che è illegale non è ciò che è vietato su un pezzo di carta, a meno che quel pezzo di carta non porti all’azione.

Ma una società ha bisogno di infrastrutture, ha bisogno di istituzioni, ha bisogno di leggi, come parte della cultura della pace e come meccanismi per realizzare la pace. Quando le guerre vengono prevenute o messe fine, quando le basi vengono chiuse, quando le armi vengono smantellate, quando le nazioni denunciano guerre o propongono negoziati di pace, o processano i guerrafondai stranieri in contumacia, anche tutto ciò avviene attraverso istituzioni e infrastrutture. Ed è importante riconoscere che gli autoproclamati crociati a favore di un cosiddetto ordine basato su regole sono in realtà i valori anomali che si rifiutano di sostenere ciò che esiste in termini di un ordine reale basato su regole.

Gli Stati Uniti sono il principale paese che si oppone ai trattati fondamentali sui diritti umani e ai trattati sul disarmo, il principale violatore dei trattati sulla guerra e sul commercio delle armi, il principale oppositore e sabotatore dei tribunali internazionali. Israele è subito dietro. Chiamare democrazia uno stato di apartheid creato apertamente per un gruppo religioso o etnico non lo rende tale e non diminuisce la necessità di istituzioni effettivamente giuste e rappresentative. Inoltre, ciò non dovrebbe togliere nulla al fatto che la maggior parte dei governi del mondo non sono in guerra e non lo sono da decenni o secoli.

Sembrava che ieri le Nazioni Unite funzionassero davvero bene, come se dessero voce ai loro membri governativi, come se alcuni di quei governi, forse anche la maggioranza, parlassero a nome del loro popolo, e come un'istituzione presumibilmente creata per liberare il mondo da il flagello della guerra compirebbe l’ovvio passo, che dovrebbe essere ovvio, di sostenere e iniziare a lavorare per la fine di una particolare guerra. E poi è arrivato il veto degli Stati Uniti, senza sorprendere assolutamente nessuno, dato che ogni singolo osservatore sapeva fin dall’inizio che tutta la faccenda era una farsa, gli Stati Uniti hanno effettivamente bloccato questa particolare misura per mesi e hanno posto il veto sull’idea stessa di pace in Palestina o l’applicazione dello stato di diritto a Israele in decine di occasioni precedenti.

La cosa più comica mai realizzata da Volodymyr Zelenskyj non è stata la sitcom televisiva in cui interpretava la parte di un presidente davvero bravo. Non era il suo tour dei palazzi di marmo dell'Impero NATO vestito con abiti da battaglia per strofinare sangue glorioso e fumo sulle maniche di guerrieri da poltrona con aria condizionata. È stato lui a proporre, non troppe settimane fa, di eliminare il veto al Consiglio di Sicurezza dell'ONU. Era talmente convinto della propaganda statunitense che pensava che un ordine basato su regole in cui il governo russo non potesse porre il veto sulla volontà dei governi mondiali sarebbe stato accettabile per il principale veto mondiale a Washington. Ciò è comico perché non si tratta solo di ipocrisia, non è solo la disonestà del Segretario di Stato americano questa settimana che si oppone alla pulizia etnica se avviene in Sudan, o il cosiddetto Istituto di Pace degli Stati Uniti che oggi sul suo sito web si oppone al genocidio se fosse stato commesso. dall’Isis 10 anni fa in Iraq. Zelenskyj potrà anche essere un campione dell’ipocrisia, ma ha frainteso il suo ruolo in modo così drastico che ha spifferato ciò di cui abbiamo effettivamente bisogno e apparentemente non aveva idea che il suo trafficante d’armi a Washington si sarebbe opposto.

Abbiamo un disperato bisogno di riformare o sostituire le Nazioni Unite come minimo con un organismo in cui ogni governo nazionale sia paritario, e con un organismo che sostituisca il mantenimento della pace armato con un mantenimento della pace non armato. Quest’ultima è stata utilizzata con così tanto successo a Bougainville, mentre il mantenimento della pace armato non è riuscito a creare o mantenere la pace in dozzine di località in tutto il mondo, spesso peggiorando le cose, costando una fortuna e rafforzando la mentalità e le infrastrutture belliche. Abbiamo governi nazionali che giustificano i loro eserciti davanti ai loro cittadini impoveriti in gran parte sulla base del fatto che quegli eserciti svolgono il mantenimento della pace delle Nazioni Unite e indipendentemente dal fatto che funzioni o meno.

E come ha spiegato David Adams, la riforma o la sostituzione deve estendersi all’UNESCO.

Abbiamo bisogno che i governi nazionali diano alle persone ciò che realmente vogliono. Invece di agenzie di aggressione etichettate erroneamente come ministeri della difesa e dipartimenti della difesa, abbiamo bisogno di agenzie di difesa vere e proprie, note anche come pace. E non abbiamo bisogno di insistere affinché siano etichettati erroneamente o camuffati come dipartimenti di omicidio di massa. Possiamo accontentarci di chiamarli semplicemente, come sono, dipartimenti di pace. Ma chiamare qualcosa che, di per sé, non lo renderà tale. Come ha raccontato David Adams, il governo degli Stati Uniti ha risposto a una richiesta pubblica creando quello che chiama un Istituto statunitense per la pace. Quell’istituto fa alcune cose buone laddove queste non interferiscono con l’impero americano, ma non si è ancora opposto ad una sola guerra americana da nessuna parte. Abbiamo bisogno non solo di rami di governo che fingano di favorire la pace, ma che in realtà operino per la pace e abbiano il potere di modellare ciò che fanno quei governi. Nelle nazioni con culture e governi con bassi livelli di corruzione in grado di lavorare per la pace, un Dipartimento di Pace che lavora concentrandosi sulla pace è persino meglio di un Dipartimento di Stato o di Affari Esteri che fa la stessa cosa, che dovrebbe essere il suo lavoro. . C’è molto di più nel processo di pacificazione oltre alla semplice diplomazia, e molto di più del tipo di diplomazia portata avanti da ricchi pagatori di tangenti che lavorano sotto la direzione di militari e think tank finanziati dalle armi.

A proposito, quello di oggi New York Times elogia la Francia per aver accuratamente evitato qualsiasi azione diplomatica con la Russia quando alcune vittime russe della prima guerra mondiale furono trovate e sepolte in Francia. La diplomazia viene trattata come una malattia pandemica.

Su https://worldbeyondwar.org/constitutions è presente una raccolta di trattati, costituzioni e leggi contro la guerra. Penso che valga la pena guardarli, sia per capire quanto sia inutile la sola carta, sia per capire quali pezzi di carta potremmo scegliere di utilizzare meglio. Le leggi che vietano ogni guerra sono letteralmente incomprensibili per le persone che immaginano che non ci sia altra difesa contro la guerra se non la guerra. Puoi vederlo nelle costituzioni di alcune nazioni che vietano ogni guerra e stabiliscono i poteri dei vari funzionari nel dichiarare guerra. Come è possibile? Ebbene, perché la guerra (quando è vietata) è intesa come guerra cattiva o guerra di aggressione, e la guerra (quando è gestita e pianificata) è intesa come guerra buona e guerra difensiva. Questo non è nemmeno espresso a parole, quindi non c'è bisogno di spiegarlo o definirlo. Così andiamo avanti con le guerre, poiché ogni parte di ogni guerra crede di essere la parte buona e difensiva, mentre se i nostri trisavoli avessero bandito solo i duelli cattivi e aggressivi, lasciando al loro posto quelli buoni e difensivi, ci sarebbero legali e omicidi onorevoli in ogni riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Parliamo di alcune cose che funzionano.

La diplomazia funziona. Il fatto che le parti in guerra possano negoziare cessate il fuoco temporanei significa che potrebbero negoziarne anche di permanenti. Il fatto che le parti in guerra possano negoziare scambi di prigionieri, aiuti umanitari, rotte marittime, ecc., significa che possono negoziare la pace. O almeno significa che la scusa secondo cui l'altra parte è incapace di parlare perché è un mostro subumano è una bugia. Il compromesso negoziale viene fatto continuamente, di solito viene fatto solo quando coloro che detengono il potere si arrendono o si stancano di una guerra particolare; potrebbe essere fatto in qualsiasi momento durante o prima di una guerra.

Il disarmo funziona. La riduzione degli armamenti mediante accordo o esempio porta ad un ulteriore disarmo da parte di altri. Fallisce anche in quei casi, come in Libia, dove una nazione povera, ricca di risorse, sfida la banda degli omicidi basati su regole. Ma la maggior parte delle nazioni non affronta questo rischio. Ed è un rischio che possiamo lavorare per eliminare. Il disarmo fallisce anche per i governi oppressivi incapaci di continuare a opprimere la loro gente, ma per me va bene.

La chiusura delle basi funziona. Ospitare basi militari statunitensi nella tua nazione la rende un obiettivo e rende la guerra più, non meno probabile.

Abolire gli eserciti funziona. Il modello creato da nazioni come la Costa Rica è un successo che dovrebbe essere ampliato.

Lo spostamento dei soldi funziona. Le nazioni che investono di più nei bisogni umani e ambientali e meno nel militarismo ottengono vite più felici, più lunghe e meno guerre.

Trattare i crimini come tali piuttosto che come scuse per crimini peggiori funziona. E affrontare le cause profonde funziona. Piuttosto che Ricordatevi del Maine e all’inferno con la Spagna, dovremmo gridare Ricordatevi della Spagna e all’inferno con il dolore. Il terrorismo straniero è sempre concentrato praticamente interamente in nazioni impegnate in guerre e occupazioni straniere. L'11 marzo 2004, le bombe di Al Qaeda uccisero 191 persone a Madrid, in Spagna, poco prima delle elezioni in cui un partito stava conducendo una campagna contro la partecipazione della Spagna alla guerra guidata dagli Stati Uniti contro l'Iraq. Il popolo spagnolo votò al potere i socialisti, che entro maggio rimossero tutte le truppe spagnole dall'Iraq. Da quel giorno ad oggi non ci furono più bombe di terroristi stranieri in Spagna. Questa storia è in forte contrasto con quella della Gran Bretagna, degli Stati Uniti e di altre nazioni che hanno risposto alle contraccolpi con ulteriori guerre, producendo generalmente ulteriori contraccolpi. In genere si ritiene inappropriato prestare attenzione all’esempio spagnolo, e i media statunitensi hanno persino sviluppato l’abitudine di riferire su questa storia in Spagna come se fosse accaduto il contrario di quanto accaduto.

Anche i pubblici ministeri spagnoli hanno perseguito alti funzionari statunitensi per crimini, ma il governo spagnolo ha ceduto alle pressioni degli Stati Uniti, così come il governo dei Paesi Bassi e altri. In teoria la Corte Penale Internazionale è l’infrastruttura globale di cui abbiamo bisogno. Ma risponde alle pressioni occidentali e statunitensi e al veto imposto alle Nazioni Unite. Questo stato di cose sembra sconcertare un gran numero di persone che obiettano sempre: “Ma gli Stati Uniti non sono nemmeno un membro della Corte penale internazionale – come possono piegarsi alle pressioni degli Stati Uniti?” – di solito aggiungendo l’obbligatorio “Quanto ti paga Putin?” Ma non solo gli Stati Uniti non sono membri della Corte penale internazionale, ma hanno anche punito altri governi per aver sostenuto la Corte penale internazionale, hanno sanzionato membri del personale della Corte penale internazionale finché non ha ottenuto ciò che voleva, hanno di fatto bloccato le indagini su se stessi in Afghanistan e Israele. in Palestina, anche se chiedevano indagini sui russi, ma invece di sostenere qualsiasi tribunale internazionale, gli Stati Uniti questa settimana hanno aperto un procedimento giudiziario contro i russi in un tribunale americano in Virginia. La CPI ha dato spettacolo di indagare su persone in tutto il mondo, ma la qualifica principale per essere effettivamente perseguiti dalla CPI rimane essere africani. I governi di diversi paesi hanno accusato il governo israeliano di genocidio e hanno chiesto alla Corte penale internazionale di perseguire i funzionari israeliani, ma non trattengo il fiato.

Poi c’è la Corte internazionale di giustizia, che in passato si è pronunciata contro Israele, e se una nazione invoca la Convenzione sul genocidio, la corte sarà obbligata a pronunciarsi sulla questione. Se l’ICJ stabilisce che si sta verificando un genocidio, allora l’ICC non avrà bisogno di prendere tale decisione ma solo di considerare chi è responsabile. Questo è già stato fatto. La Bosnia-Erzegovina ha invocato la Convenzione sul genocidio contro la Serbia e la Corte internazionale di giustizia si è pronunciata contro la Serbia. Si sta verificando il crimine di genocidio. La distruzione intenzionale di un popolo, in tutto o in parte, è un genocidio. La legge deve essere utilizzata per prevenirlo, non solo per rivederlo a posteriori. Alcuni di noi in organizzazioni come RootsAction.org e World BEYOND War hanno generato molte migliaia di richieste ai governi che hanno accusato Israele di genocidio chiedendo loro di invocare effettivamente la Convenzione sul genocidio presso l’ICJ. Un’ipotesi è che l’inazione sia dovuta in gran parte alla paura. Questa è la mia ipotesi anche sul motivo per cui i giornalisti si inchinano tanto più davanti a Israele quanto più giornalisti vengono uccisi.

Quindi di cosa abbiamo bisogno? Parte della risposta sta in ciò di cui dobbiamo liberarci. La Costa Rica sta meglio senza un esercito. Ho letto un libro eccellente questa settimana dalla Nuova Zelanda intitolato Abolire l'esercito su quanto sarebbe meglio la Nuova Zelanda senza un esercito. L’argomento sembrava applicabile anche a quasi ovunque.

Ma parte della risposta è ciò che dobbiamo creare. E penso che Dipartimenti della Pace siano buoni titoli per gran parte di questo. Altri partecipanti a questo appello sanno più di me ciò che è già stato creato in luoghi come la Costa Rica che dispongono di infrastrutture per la pace, sia governative che educative. Abbiamo bisogno di dipartimenti di pace che abbiano il potere di opporsi pubblicamente agli atti guerrafondai compiuti da altri nei loro stessi governi e da potenti governi all’estero. Una cosa del genere non potrebbe esistere nel governo degli Stati Uniti senza mettere al bando la corruzione da parte dei trafficanti di armi, o ciò che negli Stati Uniti chiamano eufemisticamente contributi elettorali. E se si riuscisse a eliminare la corruzione, il Congresso degli Stati Uniti potrebbe lavorare per la pace. Ma sarebbero comunque necessarie varie agenzie per farlo, e altri governi hanno bisogno di quelle agenzie se non altro per opporsi alla guerra di governi come quello degli Stati Uniti o della Russia o di Israele o dell’Arabia Saudita, ecc.

All'interno o in aggiunta ad un Dipartimento di Pace dovrebbe esserci un Dipartimento di Difesa Civile Non Armata. Dovrebbero essere stabiliti piani, come in Lituania, ma non cooptati dai militari, come in Lituania, per addestrare intere popolazioni alla non cooperazione disarmata con l’occupazione. L'anno scorso, World BEYOND War ha tenuto la sua conferenza annuale su questo argomento e consiglio di guardarla su https://worldbeyondwar.org/nowar2023 e di condividerla con altri. Hai mai incontrato qualcuno che dicesse “Ma devi fare la guerra per difenderti! E che dire di Putin? o che mi dici di Hitler? o che ne dici di Netanyahu?” Se non hai sentito nessuno dire queste cose, fammi sapere su che pianeta vivi, perché mi piacerebbe trasferirmi lì.

Naturalmente, la ragione per cui i governi non addestreranno i loro cittadini alla difesa civile disarmata è che in tal caso dovrebbero rispondere ai loro cittadini.

All'interno o in aggiunta ad un Dipartimento di Pace dovrebbe esserci un Dipartimento di Riparazioni e Assistenza Globali. Le nazioni che hanno arrecato maggiori danni all’ambiente naturale hanno un debito nei confronti di quelle che hanno fatto di meno. Le nazioni che hanno più ricchezza, gran parte della quale sfruttata altrove, dovrebbero condividerla con gli altri. Condividere la ricchezza con gli altri costa decisamente meno del militarismo e fa di più per garantire la sicurezza e la protezione. Pur riconoscendo i problemi con il Piano Marshall, alcuni chiamano questo tipo di progetto un Piano Marshall globale.

All'interno o in aggiunta ad un Dipartimento di Pace dovrebbe esserci un Dipartimento di Difesa Effettiva Contro le Minacce Non Opzionali. Invece di cercare luoghi in cui impegnarsi in omicidi di massa, questo dipartimento cercherebbe modi per collaborare e cooperare a livello globale sulle minacce che dobbiamo affrontare, sia che lavoriamo per crearle o meno, come il collasso ambientale, i senzatetto, la povertà, le malattie, fame, ecc.

All’interno o in aggiunta ad un Dipartimento per la Pace dovrebbe esserci un Dipartimento per la Cittadinanza Globale. Si tratterebbe di un’agenzia incaricata di determinare se il suo governo sta facendo tutto il possibile per cooperare e sostenere un sistema globale di leggi e relazioni amichevoli. Quali trattati è necessario aderire o creare? Quali trattati devono essere rispettati? Quali leggi nazionali sono necessarie per rispettare gli obblighi derivanti dal trattato? Cosa può fare questo Paese per mantenere le nazioni canaglia, piccole o grandi, agli standard degli altri? Come si possono conferire poteri ai tribunali internazionali o utilizzare la giurisdizione universale? Resistere all’impero è un dovere di un cittadino globale nello stesso modo in cui pensiamo che votare o sventolare bandiere sia un dovere di un cittadino nazionale.

All'interno o in aggiunta ad un Dipartimento di Pace dovrebbe esserci un Dipartimento di Verità e Riconciliazione. Questo è qualcosa che funziona ed è necessario nella maggior parte dei luoghi della Terra. Dobbiamo ammettere ciò che è stato fatto, cercare di rimediare e provare a fare meglio in futuro. Nella nostra vita personale chiamiamo questa semplicemente onestà. Nella nostra vita pubblica è la chiave per ridurre i conflitti, risparmiare denaro, risparmiare vite umane e stabilire abitudini diverse dall’ipocrisia.

Il lavoro per creare il tipo di governo con tutte queste cose al suo interno deve essere svolto nel modo più strategico possibile per stabilire saldamente le strutture ideali. Occorre anche farlo nel modo più pubblico ed educativo possibile, perché abbiamo bisogno di una società capace di valorizzare e proteggere tali dipartimenti e funzioni.

Qualcos’altro che funziona, che alcuni di noi danno per scontato, è la libertà di parola, di stampa e di riunione. E in una certa misura abbiamo società capaci di valorizzare e proteggere queste cose. Fanno un'enorme differenza. Questo è ovviamente il motivo per cui i sostenitori della guerra stanno prendendo di mira la libertà di parola e in particolare le istituzioni educative come le università statunitensi, spingendo per un giro di vite sulla libertà di parola.

Perché abbiamo più attivismo contro una guerra a Gaza rispetto ad altre guerre? Non è solo la natura della guerra. Sono anche anni di lavoro educativo e organizzativo, portato avanti a causa di tante guerre contro la Palestina. Dobbiamo essere in grado di educare altrimenti saremo condannati.

Naturalmente non intendo dire che abbiamo bisogno della libertà di sostenere il genocidio contro gli ebrei. Penso che il divieto legale della propaganda di guerra dovrebbe essere effettivamente mantenuto, che le leggi contro l’istigazione alla violenza dovrebbero essere effettivamente rispettate e che il genocidio è allo stesso tempo guerra e violenza.

Naturalmente intendo dire che abbiamo bisogno della libertà di criticare il governo israeliano, quello degli Stati Uniti e ogni altro governo sulla Terra e di dire cose che non sono approvate dagli approfittatori di guerra.

Soprattutto, al di là di qualsiasi legge o agenzia, abbiamo bisogno di una cultura di pace, di scuole che istruiscano, di sistemi di comunicazione che non operino sotto l’influenza dei trafficanti di armi. Soprattutto, abbiamo bisogno di persone che si attivino, che scendano nelle strade e nelle suite, che chiudano le attività come al solito, e che comprendano che questo è il dovere civico dei buoni cittadini. Abbiamo visto barlumi di ciò in vari momenti della storia, compresi gli ultimi due mesi.

Parte del nostro attivismo dovrebbe consistere nel sostenere e costruire le infrastrutture che desideriamo e la società di cui abbiamo bisogno per implementarle. Negli Stati Uniti, nelle ultime settimane, abbiamo visto i principali sindacati manifestarsi contro gli omicidi di massa. Questa dovrebbe essere la norma. Coloro che hanno a cuore le persone dovrebbero vedere il lavoro e la pace come due parti di un unico movimento. Le organizzazioni dei lavoratori dovrebbero diventare infrastrutture per la pace, la giustizia e la sostenibilità. In genere non lo sono, ma si può immaginarlo e lavorare per renderlo reale.

Abbiamo bisogno di infrastrutture mediatiche per comunicare sulla pace e sull’attivismo per la pace. Nella maggior parte dei casi, i nostri media migliori sono troppo piccoli, i nostri media più grandi sono troppo corrotti e i nostri forum pubblici e i social media sono troppo censurati, dominati e algoritmizzati da signori supremi non rappresentativi. Ma ci sono barlumi di ciò che è necessario e siamo in grado di lavorare per fasi e osservare il progresso graduale verso ciò che è necessario in questo settore.

Possiamo trovare i modi di cui abbiamo bisogno per comunicare agli altri i fatti e i sentimenti necessari per spingerli ad agire. Possiamo istituire dipartimenti ombra per la pace e dimostrare cosa farebbero. Possiamo documentare gli orrori da cui dovremmo allontanarci e invece tenerli alla luce.

Immagina di vivere a Gaza e di ricevere una telefonata dall'esercito israeliano che ti dice che stai per essere ucciso. In realtà ci sono gruppi globali per i diritti umani che protestano quando tali avvertimenti non vengono forniti. Immagina di fuggire da un rifugio improvvisato in una scuola per non mettere in pericolo tutti i presenti, e di fuggire a casa di tua sorella. Immaginate di tenere con voi il cellulare per comunicare al mondo esterno quanto si fa in nome del bene e della democrazia. E poi immagina di far saltare in aria insieme a tua sorella e i suoi figli.

Immagina un gruppo di bambini piccoli per strada. Immaginateli molto simili ai bambini in un parco vicino a casa vostra. Immaginateli con nomi, giochi, risate e tutti i dettagli che si dice "umanizzino" qualunque diavolo si supponga che le persone siano prima di umanizzarsi. E poi immaginateli fatti a pezzi, la maggior parte uccisi sul colpo, ma alcuni di loro urlano e gemono di dolore, muoiono dissanguati o desiderano poterlo fare. E immagina che la scena si ripeta migliaia di volte. Tollerare questo è indecente. La decenza non significa parlare in un modo accettabile al Congresso degli Stati Uniti o all’Unione Europea. La decenza è rifiutare la parte dei carnefici.

Oltre cento anni fa in Europa un uomo di nome Bruce Bairnsfather scrisse un resoconto di qualcosa che suggeriva con quanta facilità le persone avrebbero potuto smettere di sostenere la follia del militarismo. Ha scritto:

“Era ormai vicino il giorno di Natale e sapevamo che sarebbe toccato a noi tornare di nuovo in trincea il 23 dicembre e che, di conseguenza, avremmo trascorso lì il nostro Natale. Ricordo che in quel momento ero molto sfortunato per questo, poiché qualsiasi cosa nella natura delle festività del giorno di Natale era ovviamente un colpo in testa. Ora, però, ripensandoci, non mi sarei perso quel giorno di Natale unico e strano per niente al mondo. Bene, come ho detto prima, siamo entrati di nuovo il 23. Il tempo era ormai diventato molto bello e freddo. L'alba del 24 portò una giornata perfettamente immobile, fredda e gelida. Lo spirito del Natale cominciò a permeare tutti noi; abbiamo cercato di ideare modi e mezzi per rendere il giorno dopo, Natale, in qualche modo diverso dagli altri. Cominciavano a circolare inviti da una ricovero all'altro per pasti vari. La vigilia di Natale era, in termini di tempo, tutto ciò che dovrebbe essere la vigilia di Natale. Quella sera mi era stato assegnato un appuntamento in un rifugio a circa un quarto di miglio a sinistra per avere una cosa piuttosto speciale nelle cene in trincea: non proprio così prepotenti e Maconochie come al solito. Una bottiglia di vino rosso e un miscuglio di cose in scatola provenienti da casa deputate in loro assenza. La giornata era stata completamente priva di bombardamenti e in qualche modo tutti sentivamo che anche i Boche volevano stare tranquilli. C'era una sorta di sentimento invisibile e intangibile che si estendeva attraverso la palude ghiacciata tra le due linee, che diceva: "Questa è la vigilia di Natale per entrambi, qualcosa in comune". Circa le 10:XNUMX Uscii dalla buca conviviale a sinistra della nostra fila e tornai alla mia tana. Quando arrivai al mio pezzo di trincea trovai diversi uomini in giro, e tutti molto allegri. C'erano un bel po' di canti e chiacchiere in corso, battute e battute durante la nostra curiosa vigilia di Natale, a differenza di qualsiasi precedente, erano dense nell'aria. Uno dei miei uomini si è rivolto a me e ha detto: "Li sente chiaramente, signore!" 'Sentire cosa?' ho chiesto. «I tedeschi laggiù, signore; "ascoltali mentre cantano e suonano in una band o qualcosa del genere." Ascoltavo; lontano, attraverso il campo, tra le ombre scure più in là, potevo sentire il mormorio delle voci, e un'esplosione occasionale di qualche canzone incomprensibile si diffondeva nell'aria gelida. Il canto sembrava essere più forte e distinto un po' alla nostra destra. Sono saltato nel mio rifugio e ho trovato il comandante del plotone. "Senti i Boches che fanno quel baccano laggiù?" Ho detto. "Sì", rispose; "Ci sono da un po' di tempo!" "Dai," dissi, "andiamo lungo il fosso fino alla siepe lì a destra, quello è il punto più vicino a loro, laggiù." Così inciampammo lungo il nostro fossato ormai duro e ghiacciato e, arrampicandoci sulla riva sovrastante, attraversammo il campo fino al prossimo pezzo di trincea sulla destra. Tutti stavano ascoltando. Un'orchestra Boche improvvisata suonava una versione precaria di "Deutschland, Deutschland, uber Alles", al termine della quale alcuni dei nostri esperti di armonica a bocca hanno risposto con brani di ragtime e imitazioni di motivi tedeschi. All'improvviso sentimmo un grido confuso dall'altra parte. Ci siamo tutti fermati ad ascoltare. Il grido arrivò di nuovo. Una voce nell'oscurità gridò in inglese, con un forte accento tedesco: "Vieni qui!" Un'ondata di allegria si diffuse lungo la nostra trincea, seguita da un rude scoppio di armoniche e risate. Poco dopo, in una pausa, uno dei nostri sergenti ripeté la richiesta: "Vieni qui!" "Tu vieni a metà strada, io vengo a metà strada", fluttuava fuori dall'oscurità. 'Dai su!' - gridò il sergente.

E ovviamente questo è successo in numerosi posti. Uomini accusati di essersi uccisi a vicenda fecero amicizia, realizzarono quella che oggi viene chiamata una pausa umanitaria e, soprattutto, una dimostrazione particolarmente chiara che un mondo diverso è possibile.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Festival del cinema WBW 2024
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua