La guerra ci impoverisce

È comune negli Stati Uniti sentire i sostenitori della guerra e delle spese militari, inclusi numerosi membri del Congresso, riferirsi alla spesa militare come a un programma di lavoro. Quanto vale questa affermazione per le vittime della guerra considerando. Il fatto è che si tratta di una falsa affermazione alle sue condizioni.

È comune pensare che, poiché molte persone hanno un lavoro nell'industria bellica, la spesa per la guerra e i preparativi per la guerra avvantaggia l'economia. In realtàspendere quegli stessi dollari in industrie pacifiche, nell'istruzione, nelle infrastrutture o persino nelle riduzioni delle tasse per i lavoratori produrrebbe più posti di lavoro e, nella maggior parte dei casi, pagherà meglio posti di lavoro - con un risparmio sufficiente per aiutare tutti a passare dal lavoro di guerra al lavoro di pace .

Tagli rari in alcune zone all'esercito degli Stati Uniti non hanno prodotto il danno economico previsto dalle compagnie armate.

La spesa militare è peggio di niente dal punto di vista economico.

La guerra ha un costo finanziario diretto enorme, la maggior parte dei quali è in fondi spesi per la preparazione alla guerra - o cosa si pensa come spesa militare ordinaria, non di guerra. Molto approssimativamente, il mondo spende $ 2 trilioni ogni anno per il militarismo, di cui gli Stati Uniti spendono circa la metà, o $ 1 trilioni. Questa spesa degli Stati Uniti rappresenta anche circa la metà del potere discrezionale del governo degli Stati Uniti bilancio ogni anno ed è distribuito attraverso diversi dipartimenti e agenzie. Gran parte del resto della spesa mondiale proviene dai membri della NATO e da altri alleati degli Stati Uniti, sebbene la Cina sia al secondo posto nel mondo.

Non tutte le ben note misure di spesa militare trasmettono accuratamente la realtà. Ad esempio, il Global Peace Index (GPI) classifica gli Stati Uniti vicino alla fine pacifica della scala sul fattore della spesa militare. Realizza questa impresa attraverso due trucchi. Innanzitutto, il GPI raggruppa la maggior parte delle nazioni del mondo fino all'estremità pacifica dello spettro piuttosto che distribuirle in modo uniforme.

In secondo luogo, il GPI tratta la spesa militare in percentuale del prodotto interno lordo (PIL) o delle dimensioni di un'economia. Ciò suggerisce che un paese ricco con un enorme esercito può essere più pacifico di un paese povero con un piccolo esercito. Questa non è solo una questione accademica, poiché i think tank di Washington spingono a spendere una percentuale più alta del PIL per le forze armate, esattamente come se si dovesse investire di più nella guerra ogni qualvolta sia possibile, senza attendere un bisogno difensivo. Il presidente Trump ha esortato le nazioni della NATO a spendere di più per il militarismo usando lo stesso argomento.

In contrasto con il GPI, il Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma (SIPRI) elenca gli Stati Uniti come il principale spender militare del mondo, misurato in dollari spesi. In effetti, secondo il SIPRI, gli Stati Uniti spendono tanto sulla preparazione di guerra e di guerra quanto sulla maggior parte del resto del mondo. La verità potrebbe essere ancora più drammatica. SIPRI afferma che la spesa militare USA in 2011 è stata di $ 711 miliardi. Chris Hellman del National Priorities Project dice che era $ 1,200 miliardo, o $ 1.2 trilioni. La differenza deriva dall'includere la spesa militare trovata in ogni dipartimento del governo, non solo "Difesa", ma anche Sicurezza interna, Stato, Energia, Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, Central Intelligence Agency, National Security Agency, Veterans Administration , interesse per i debiti di guerra, ecc. Non c'è modo di fare un confronto mele-mele con altre nazioni senza accurate informazioni credibili sulla spesa militare totale di ogni nazione, ma è estremamente sicuro presumere che nessun'altra nazione al mondo stia spendendo $ 500 miliardi in più rispetto a quello indicato nella classifica SIPRI.

Mentre la Corea del Nord spende quasi certamente una percentuale molto più alta del suo prodotto interno lordo sui preparativi di guerra di quanto non facciano gli Stati Uniti, quasi certamente spende meno del 1 per cento di quanto spendono gli Stati Uniti.

Danno fatto:

Guerra e causa della violenza trilioni di dollari di distruzione ogni anno. I costi per l'aggressore, per quanto enormi, possono essere piccoli rispetto a quelli della nazione attaccata. Ad esempio, la società e le infrastrutture irachene sono state distrutto. Vi sono ingenti danni ambientali, una crisi di rifugiati e violenze che durano ben oltre la guerra. I costi finanziari di tutti gli edifici e delle istituzioni, delle case, delle scuole, degli ospedali e dei sistemi energetici distrutti sono quasi incommensurabili.

Spese indirette:

Le guerre possono costare anche a una nazione aggressore che combatte guerre lontane dalle sue coste, tanto nelle spese indirette quanto nelle spese dirette. Gli economisti calcolano che le guerre degli Stati Uniti su Iraq e Afghanistan sono costate, non i $ 2 trilioni spesi dal governo degli Stati Uniti, ma un totale di $ 6 trilioni quando si considerano le spese indirette, inclusa la cura futura dei veterani, l'interesse sul debito, l'impatto sui costi del carburante, le opportunità perse, ecc. Questo non include il costo molto maggiore dell'aumento delle spese militari di base che accompagnava quelle guerre, o dei costi indiretti di quella spesa, o il danno ambientale.

La spesa di guerra aumenta la disuguaglianza:

La spesa militare dirotta i fondi pubblici verso industrie sempre più privatizzate attraverso l'impresa pubblica meno responsabile e estremamente redditizia per i proprietari e gli amministratori delle società coinvolte. Di conseguenza, la spesa bellica lavora per concentrare la ricchezza in un piccolo numero di mani, da cui una parte può essere utilizzata per corrompere il governo e aumentare o mantenere ulteriormente la spesa militare.

Eirene (Pace) recante Ploutos (Ricchezza), copia romana dopo la statua votiva greca di Kephisodoto (circa 370 BCE).

Articoli recenti:

Motivi per porre fine alla guerra:

Cerca in WorldBeyondWar.org

Iscriviti a notizie contro la guerra e email di azione

Traduci in qualsiasi lingua