La guerra è immorale

Il militarismo è una grave minaccia per la salute pubblica, una causa significativa di morte, lesioni, senzatetto e malattie, a epidemia completamente prevenibile che consiste nell'uccidere su larga scala, ferire, impoverire, fare senza tetto, orfano e traumatizzante di persone.

Se l' miti sulla guerra erano veri, se la guerra fosse inevitabile, necessario, benefico, o ad appena, allora potremmo pensare che l'omicidio che costituisce la guerra sia diverso dagli omicidi su piccola scala che chiamiamo omicidio. Poiché i miti non sono veri, siamo costretti a concordare con Harry Patch, l'ultimo soldato sopravvissuto della prima guerra mondiale, che "La guerra è un omicidio organizzato e nient'altro".

La guerra uccide principalmente attraverso il diversione di risorse da dove sono necessari. È anche un grande distruttore del naturale ambiente, un eroder superiore di libertà, un grande promotore di bigottismo, un impoverisher delle società e un'istituzione quella mette in pericolo piuttosto che protegge. Sono stati una guerra particolare per raggiungere l'impossibile e soddisfare gli standard di Giustizia da solo, non potrebbe mai superare tutti i danni causati dall'istituzione della guerra.

Le vittime delle guerre combattute dalle nazioni ricche contro quelle povere sono schiaccianti da un latoe la maggioranza di loro civili secondo la definizione di tutti. Il principale assassino di membri delle forze armate statunitensi è suicidio. Le vittime di guerra sono sproporzionatamente anziani e giovanissimi. In molte recenti guerre, la violenza ha causato direttamente il maggior numero di morti e feriti, ma le guerre uccidono anche un numero enorme di persone indirettamente attraverso la distruzione di ambienti e infrastrutture con conseguente epidemie di malattia e fame.

Le vittime di guerre cambiano ciclicamente lontano ancora di più numerose di quanto spesso si immagini. Nel film The Ultimate Wish: Ending the Nuclear Age, un sopravvissuto di Nagasaki incontra un sopravvissuto di Auschwitz. È difficile guardarli incontrarsi e parlare insieme per ricordare o preoccuparsi di quale nazione ha commesso quell'orrore. La guerra è immorale non a causa di chi la impegna ma per quello che è. A giugno 6, 2013, NBC News ha intervistato un ex pilota di droni statunitensi di nome Brandon Bryant che era profondamente depresso per il suo ruolo nell'uccidere su persone 1,600:

Brandon Bryant dice di essere seduto su una sedia presso una base dell'Air Force del Nevada che operava con la telecamera quando la sua squadra ha sparato due missili dal loro drone a tre uomini che percorrevano una strada a metà del mondo in Afghanistan. I missili colpiscono tutti e tre i bersagli e Bryant afferma di poter vedere le conseguenze sullo schermo del suo computer, comprese le immagini termiche di una crescente pozza di sangue caldo.

"Il ragazzo che correva in avanti, gli mancava la gamba destra", ha ricordato. "E guardo questo ragazzo sanguinare e, voglio dire, il sangue è caldo." Mentre l'uomo moriva, il suo corpo divenne freddo, disse Bryant, e la sua immagine termica cambiò fino a diventare lo stesso colore del terreno.

'Posso vedere ogni piccolo pixel', ha detto Bryant, a cui è stato diagnosticato un disturbo da stress post-traumatico, "se chiudo gli occhi".

"La gente dice che gli attacchi di droni sono come attacchi di mortai", ha detto Bryant. "Be ', l'artiglieria non lo vede. L'artiglieria non vede i risultati delle loro azioni. È molto più intimo per noi, perché vediamo tutto. ...

Non è ancora sicuro se i tre uomini in Afghanistan fossero davvero ribelli talebani o solo uomini armati in un paese dove molte persone portano armi. Gli uomini erano a cinque miglia dalle forze americane che litigavano tra loro quando il primo missile li colpiva. ...

Ricorda anche di essere convinto di aver visto un bambino correre sul suo schermo durante una missione poco prima che un missile colpisse, nonostante le assicurazioni di altri che la figura che aveva visto fosse davvero un cane.

Dopo aver partecipato a centinaia di missioni nel corso degli anni, Bryant ha detto di aver "perso il rispetto per la vita" e ha iniziato a sentirsi un sociopatico. ...

In 2011, mentre la carriera di Bryant come operatore di droni si avvicinava alla fine, ha detto che il suo comandante gli ha presentato quello che equivaleva a una scorecard. Ha dimostrato di aver partecipato a missioni che hanno contribuito alla morte di persone 1,626.

"Sarei stato felice se non mi avessero nemmeno mostrato il pezzo di carta", ha affermato. 'Ho visto i soldati americani morire, persone innocenti muoiono e gli insorti muoiono. E non è carino. Non è qualcosa che voglio avere, questo diploma. "

Ora che è uscito dall'Aeronautica Militare e tornato a casa nel Montana, Bryant ha detto che non vuole pensare a quante persone in quella lista possano essere state innocenti: "È troppo straziante". ...

Quando ha detto a una donna che stava vedendo che era un operatore di droni e ha contribuito alla morte di un gran numero di persone, lo interruppe. "Mi ha guardato come se fossi un mostro", disse. "E non ha mai voluto toccarmi di nuovo."

Articoli recenti:

Motivi per porre fine alla guerra:

Cerca in WorldBeyondWar.org

Iscriviti a notizie contro la guerra e email di azione

Traduci in qualsiasi lingua