"Abbiamo ucciso delle persone" a Guantanamo

Di David Swanson

Assassinio a Camp Delta è un nuovo libro di Joseph Hickman, ex guardia di Guantanamo. Non è né finzione né speculazione. Quando il presidente Obama dice "Abbiamo torturato alcune persone", Hickman fornisce almeno tre casi - oltre a molti altri di cui siamo a conoscenza da siti segreti in tutto il mondo - in cui la dichiarazione deve essere modificata in "Abbiamo ucciso alcune persone". Ovviamente, l'omicidio dovrebbe essere accettabile in guerra (e in qualunque cosa tu chiami ciò che Obama fa con i droni) mentre la tortura dovrebbe essere, o essere stata, uno scandalo. Ma per quanto riguarda le torture a morte? E la mortale sperimentazione umana? Ha un suono abbastanza nazista da disturbare qualcuno?

Dovremmo essere in grado di rispondere presto a questa domanda, almeno per quel segmento della popolazione che cerca aggressivamente le notizie o che effettivamente - non me lo sto inventando - legge libri. Assassinio a Camp Delta è un libro di, di e per veri credenti nel patriottismo e nel militarismo. Puoi iniziare a considerare Dick Cheney come un uomo di sinistra e non essere mai offeso da questo libro, a meno che i fatti documentati che l'autore stesso è stato profondamente turbato nello scoprire ti offendano. La prima riga del libro è "Sono un americano patriottico". L'autore non lo ritrae mai. A seguito di una rivolta a Guantanamo, di cui ha guidato la soppressione, osserva:

“Per quanto incolpi i detenuti per la rivolta, ho rispettato quanto duramente avessero combattuto. Erano pronti a combattere quasi fino alla morte. Se avessimo gestito una buona struttura di detenzione, avrei pensato che fossero motivati ​​da forti ideali religiosi o politici. La triste verità era che probabilmente hanno combattuto così duramente perché le nostre strutture scadenti e il trattamento misero li avevano spinti oltre i normali limiti umani. La loro motivazione potrebbe non essere stata affatto l'Islam radicale, ma il semplice fatto che non avevano niente per cui vivere e niente da perdere ".

Per quanto ne so, Hickman non ha ancora applicato la stessa logica per sfatare l'assurda pretesa che le persone reagiscano in Afghanistan o in Iraq perché la loro religione è omicida o perché ci odiano per le nostre libertà. Hickman sarà ospite Talk Nation Radio presto, quindi forse glielo chiederò. Ma prima lo ringrazierò. E non per il suo "servizio". Per il suo libro.

Descrive un orribile campo di sterminio in cui le guardie sono state addestrate a considerare i prigionieri come sub-umani e molta più cura è stata presa per proteggere il benessere delle iguane rispetto all'homo sapiens. Il caos era la norma e l'abuso fisico dei prigionieri era standard.  Berretto o sciarpa. Mike Bumgarner ha reso una priorità assoluta che tutti stessero in formazione quando è entrato nel suo ufficio la mattina al suono della Quinta di Beethoven o "Bad Boys". Hickman racconta che ad alcuni furgoni era permesso entrare e uscire dal campo senza essere controllati, deridendo gli elaborati tentativi di sicurezza. Non conosceva il ragionamento alla base di ciò finché non scoprì un accampamento segreto non incluso in nessuna mappa, un luogo che chiamava Campo No ma la CIA chiamava Penny Lane.

A peggiorare le cose a Guantanamo sarebbe necessario un particolare tipo di idiozia che apparentemente aveva l'ammiraglio Harry Harris. Ha iniziato a distruggere il Banner a forma di stella nelle gabbie dei prigionieri, cosa che prevedibilmente ha portato le guardie ad abusare dei prigionieri che non si sono levati in piedi e fingevano di adorare la bandiera degli Stati Uniti. Crescevano le tensioni e la violenza. Quando Hickman è stato chiamato a condurre un assalto a prigionieri che non avrebbero permesso la perquisizione del loro Corano, ha proposto che un interprete musulmano facesse la ricerca. Bumgarner e la banda non ci avevano mai pensato, e funzionò a meraviglia. Ma la suddetta rivolta ebbe luogo in un'altra parte della prigione dove Harris rifiutò l'idea dell'interprete; e le bugie che i militari hanno detto ai media sulla rivolta hanno avuto un impatto sulla visione delle cose di Hickman. Così ha fatto la disponibilità dei media a gettare bugie assurde e prive di fondamento: “La metà dei giornalisti che si occupano dei militari avrebbero dovuto arruolarsi; sembravano ancora più ansiosi di credere alle cose che i nostri comandanti dicevano di noi. "

Dopo la rivolta, alcuni prigionieri hanno iniziato lo sciopero della fame. A giugno 9, 2006, durante lo sciopero della fame, Hickman era responsabile delle guardie di guardia dalle torri, ecc., Che sovrintendevano al campo quella notte. Lui e ogni altra guardia osservarono che, proprio come avrebbe riferito in seguito il rapporto del Servizio investigativo criminale della Marina, alcuni prigionieri furono portati fuori dalle loro celle. In effetti, il furgone che ha portato i prigionieri a Penny Lane ha portato tre prigionieri, in tre viaggi, fuori dal loro campo. Hickman osservò ogni prigioniero essere caricato nel furgone e la terza volta seguì il furgone abbastanza lontano da vedere che era diretto a Penny Lane. In seguito ha osservato il ritorno del furgone e il ritorno alle strutture mediche, dove un suo amico lo ha informato che tre corpi sono stati portati con calzini o stracci imbalsamati in gola.

Bumgarner ha riunito il personale e ha detto loro che tre prigionieri si erano suicidati ficcandosi degli stracci in gola nelle loro celle, ma che i media lo avrebbero segnalato in modo diverso. A tutti era severamente vietato dire una parola. La mattina dopo i media hanno riferito, come da istruzioni, che i tre uomini si erano impiccati nelle loro celle. I militari hanno definito questi "suicidi" una "protesta coordinata" e un atto di "guerra asimmetrica". Anche James Risen, nel suo ruolo di New York Times stenografo, ha trasmesso questa assurdità al pubblico. Nessun reporter o editore apparentemente riteneva utile chiedere come i prigionieri avrebbero potuto impiccarsi in gabbie aperte in cui sono sempre visibili; come avrebbero potuto acquisire abbastanza fogli e altri materiali per creare presumibilmente dei manichini di se stessi; come avrebbero potuto passare inosservati per almeno due ore; come in effetti si erano presumibilmente legati le caviglie e i polsi, si erano imbavagliati, si erano messi le maschere e poi si erano impiccati contemporaneamente; perché non c'erano video o foto; perché nessuna guardia è stata disciplinata o addirittura interrogata per i successivi rapporti; perché presumibilmente radicalmente rilassato e un trattamento preferenziale era stato dato a tre prigionieri che erano in sciopero della fame; come presumibilmente i cadaveri avevano subito il rigor mortis più velocemente di quanto fosse fisicamente possibile, ecc.

Tre mesi dopo il ritorno negli Stati Uniti, Hickman ha sentito la notizia di un altro “suicidio” molto simile a Guantanamo. A chi poteva rivolgersi Hickman con ciò che sapeva? Trovò un professore di diritto di nome Mark Denbeaux presso il Center for Policy and Research della Seton Hall University Law School. Con il suo aiuto e quello dei suoi colleghi, Hickman ha cercato di segnalare la questione attraverso canali appropriati. Dipartimento di Giustizia di Obama, NBC, ABC e di 60 minuti tutti hanno espresso interesse, sono stati informati dei fatti e si sono rifiutati di fare qualcosa al riguardo. Ma Scott Horton lo ha scritto in Harpers, di cui Keith Olbermann ha riferito, ma il resto dei media aziendali ha ignorato.

I ricercatori di Hickman e Seton Hall hanno scoperto che la CIA stava somministrando enormi dosi di un farmaco chiamato meflochina ai prigionieri, compresi i tre uccisi, che un medico dell'esercito ha detto a Hickman avrebbe indotto terrore e che equivaleva a "waterboarding psicologico". Alle Truthout.org Jason Leopold e Jeffrey Kaye hanno riferito che a ogni nuovo arrivato a Guantanamo veniva somministrata la meflochina, presumibilmente per la malaria, ma veniva somministrata solo a ogni prigioniero, mai a una singola guardia oa qualsiasi personale di paesi terzi proveniente da paesi ad alto rischio di malaria, e mai ai rifugiati haitiani ospitati a Guantanamo nel 1991 e nel 1992. Hickman aveva iniziato il suo "servizio" a Guantanamo credendo che i prigionieri fossero "il peggio del peggio", ma da allora aveva appreso che almeno la maggior parte di loro non era niente del genere , essendo stato scelto per i premi con poca conoscenza di ciò che avevano fatto. Perché, si chiese,

“Gli uomini di poco o nessun valore venivano tenuti in queste condizioni e persino interrogati ripetutamente, mesi o anni dopo che erano stati presi in custodia? Anche se avessero avuto un'intelligenza quando sono entrati, che importanza avrebbe avuto anni dopo? . . . Una risposta sembrava risiedere nella descrizione che i principali generali [Michael] Dunlavey e [Geoffrey] Miller avevano entrambi fatto domanda per Gitmo. Lo chiamavano "laboratorio di battaglia d'America". "

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Festival del cinema WBW 2024
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua