Rusty Whistles: i limiti del whistleblowing

Di David Swanson, World BEYOND War, 17 dicembre 2021

Sto leggendo un libro chiamato Denunciare il cambiamento, a cura di Tatiana Bazzichelli, un volume splendidamente articolato con numerosi articoli sul whistleblowing, sull'arte e sul whistleblowing, e sulla costruzione di una cultura del whistleblowing: di sostenere gli informatori e di far conoscere meglio gli oltraggi su cui hanno denunciato. Voglio concentrarmi qui sulle sezioni di questo libro scritte da informatori (o in un caso dalla madre di un informatore).

La prima lezione che traggo (che suppongo di aver appena appreso dal feed Twitter di Chelsea Manning) è che gli stessi informatori non sono necessariamente le migliori fonti per un'analisi saggia delle informazioni che hanno coraggiosamente e generosamente messo a disposizione. Possono esserlo, ovviamente, e spesso lo sono, anche in questo libro, ma chiaramente non sempre. Abbiamo loro un enorme debito di gratitudine. Dobbiamo loro sforzi sempre maggiori per essere ricompensati piuttosto che puniti. Ma dovremmo essere chiari su come leggere una raccolta dei loro scritti, vale a dire come intuizioni nel pensiero di persone che hanno fatto qualcosa di orribilmente sbagliato e poi qualcosa di tremendamente giusto - che possono essere da geniali a completamente incompetenti nello spiegare perché o nell'analizzare come la società dovrebbe essere strutturata in modo diverso per evitare ulteriori orribili errori. Sfortunatamente, i saggi di informatori che trovo migliori - alcuni dei quali valgono il prezzo di 1,000 libri - sono collocati verso la fine di questo libro, preceduti da quelli che trovo più problematici.

Il primo capitolo di questo libro è stato scritto non da un informatore, ma dalla madre di un informatore, presumendo che qualcuno che, per le migliori ragioni e con grande rischio personale, intende rendere pubbliche informazioni utili ma avanza inconsapevolmente propaganda militaristica, sia un informatore. La madre di Reality Winner racconta con grande orgoglio come sua figlia abbia rifiutato una borsa di studio per entrare a far parte dell'Air Force, dove ha identificato circa 900 località in cui far saltare in aria chissà quante persone. La madre di Winner sembra pensare contemporaneamente a questo come un grande servizio al "paese in cui credevo un tempo" (la convinzione chiaramente non è stata completamente superata) e una sorta di orribile "devastazione" e "danno" - che suona come se sua figlia aveva fatto esplodere edifici vuoti. Billie Jean Winner-Davis continua informandoci che Reality Winner non solo ha fatto esplodere molte persone ma - presumibilmente lungo la stessa ammirevole linea di quell'attività - ha fatto volontariato locale, è diventato vegano per il clima e (apparentemente credendo onestamente alla storia ) donato ai Caschi Bianchi. Né Winner-Davis né l'editore del libro, Bazzichelli, hanno mai fatto notare che bombardare le persone potrebbe non essere un'impresa filantropica, o che i White Helmets erano (è?) uno strumento di propaganda. Invece è direttamente nelle affermazioni del Russiagate a piena voce su ciò che Winner ha trapelato, nonostante la conoscenza disponibile che ciò che ha trapelato non ha dimostrato niente e faceva parte di una campagna piena di menzogne ​​per alimentare l'ostilità tra i due governi che possiedono la maggior parte delle armi nucleari sulla Terra. Questa non è una storia su come siamo venuti a conoscenza del malvagio Dr. Putin che priva Hillary del suo legittimo trono. Questa è la storia di una cultura in cui una giovane donna intelligente e sua madre possono credere che uccidere un gran numero di persone sia più umanitario che andare al college, che uno strumento di propaganda astuto per rovesciare il governo della Siria sia giusto e che le storie di furti elettorali, minzione e servitù presidenziale si basano su una realtà di piccole dimensioni. È anche una storia di segretezza assurda e punizione sadica. Che a Reality Winner piaccia o meno ascoltarlo, molti di noi hanno chiesto la sua libertà che credevano che avesse fatto del male e certamente non alcun tipo di servizio.

Il secondo capitolo del libro si attiene a fonti messe a rischio dalla stessa coppia di cronisti del Intercettare, in questo caso John Kiriakou, che si apre con lodi della CIA e descrive spudoratamente prendere a calci le porte e far saltare in aria le armi automatiche come il buon lavoro dell'"antiterrorismo". Dopo un racconto eroico (presunto copione cinematografico?) di rintracciare un uomo di nome Abu Zubaydah facendo irruzione in 14 luoghi diversi contemporaneamente, Kiriakou scrive: "Abbiamo identificato Abu Zubaydah confrontando il suo orecchio con quello di un passaporto di sei anni foto e, rendendosi conto che era davvero lui, lo abbiamo portato d'urgenza in ospedale per un intervento chirurgico d'urgenza per fermare l'emorragia”. Gli avevano sparato tre volte. Non è chiaro se si sarebbero presi la briga di provare a fermare l'emorragia se la loro fantastica identificazione all'orecchio avesse mostrato che era la persona sbagliata, o a quante altre persone hanno sparato quel giorno. Kiriakou scrive che in seguito ha rifiutato di partecipare alla tortura e ha protestato contro il programma di tortura della CIA attraverso canali interni, anche se altrove ha detto che non si era opposto internamente. Quindi afferma di essere andato in TV e di aver detto la verità sul waterboarding, anche se cosa ha detto in TV (e presumibilmente quello che credeva) era che un rapido waterboarding avesse ottenuto informazioni utili da Abu Zubaydah, mentre abbiamo appreso che in realtà 83 waterboarding (prevedibilmente) non hanno ottenuto nulla da lui. Kiriakou ha anche detto a ABC News in quell'intervista che aveva approvato il waterboarding, ma in seguito ha cambiato idea. Kiriakou ha scritto un sacco di cose fantastiche, e alcune discutibili, da quando è stato perseguitato e perseguito dal governo degli Stati Uniti (non per tortura ma per aver parlato fuori dagli schemi), e ha offerto alcuni ottimi consigli a potenziali informatori. Ma l'omicidio non è più accettabile della tortura, la CIA non ha alcun diritto di impegnarsi in violenze illegali in tutto il mondo e il waterboarding non diventerebbe accettabile se "funzionasse" una volta. Dovremmo essere grati per le informazioni sulla CIA, aggiungerle alla nostra scorta di ragioni per cui quell'agenzia dovrebbe essere abolita (non fissata), e non necessariamente chiedere al fornitore delle informazioni cosa dovrebbe essere fatto con essa.

Il capitolo 3 è dell'informatore di droni Brandon Bryant. Come tutte queste storie, è un resoconto della sofferenza morale che porta al whistleblowing e della risposta scandalosamente capovolta con cui viene ricompensato. Questo capitolo fa anche alcune cose giuste per cambiare. Piuttosto che elogiare l'Air Force o la CIA, spiega la pressione della leva della povertà. E chiama omicidio omicidio: “Sono sicuro di aver visto bambini correre in un edificio che avrei dovuto far saltare in aria. I miei superiori mi hanno detto che non avevo visto bambini. Ti fanno uccidere indiscriminatamente. È stata la peggiore sensazione che abbia mai avuto, come se la mia anima mi fosse stata strappata via. Il tuo paese fa di te un assassino". Ma Bryant rimane intento a distinguere l'omicidio dal buon e corretto far saltare in aria le persone con i missili, se fatto bene, e distinguere la guerra dei droni in generale da forme di guerra più appropriate: “La guerra dei droni fa l'opposto di prevenire e contenere la guerra. Rimuove la comprensione e il giudizio del guerriero. E come operatore di droni, il mio ruolo era quello di premere un pulsante, per eseguire obiettivi al di fuori del combattimento, obiettivi etichettati come sospetti senza ulteriori giustificazioni, spiegazioni o prove. È la forma di guerra più codarda”. La parola "codardo" è una delle parole più usate nel saggio (come se l'omicidio andasse bene se qualcuno coraggiosamente si assumesse dei rischi per farlo): "Cosa c'è di più codardo che essere in grado di uccidere qualcuno dall'altra parte del mondo e non avere pelle nel gioco?" "Questo è ciò che fa questa tecnologia quando non viene utilizzata con responsabilità". "Se l'America è il più grande paese del mondo, ci viene data la responsabilità di non abusare di questo tipo di tecnologia". (E se fosse uno dei paesi più schifosi e distruttivi del mondo, e allora?) Bryant si rivolge alla religione per chiedere aiuto, invano, e si arrende, dichiarando che non c'è proprio nessuno che possa aiutarlo. Potrebbe avere ragione. Come potevo affermare di sapere se qualcuno poteva aiutarlo? (E perché dovrebbe volere l'aiuto di un idiota che si lamenta di dare ancora dignità alla guerra?) Ma il fallimento della nostra società nel far conoscere al grande pubblico che ci sono al suo interno migliaia di persone estremamente intelligenti, morali e pacifiche disposte a provare a l'aiuto sembra in linea con il problema della leva della povertà e della campagna pubblicitaria militare miliardaria che non trova riscontro nel movimento pacifista. La maggior parte dei whistleblower militari è entrata bene nel significato militare e ne è uscita dopo aver realizzato dolorosamente qualcosa che milioni di persone avrebbero potuto dire loro quando avevano otto anni, ma non hanno creduto o non sono stati creduti.

Il capitolo 4 è dell'informatore dell'MI5 Annie Machon, ed è un'indagine sullo stato del whistleblowing da cui si può imparare molto e avere poche lamentele, anche se avrei preferito leggere su cosa Machon ha denunciato: spie britanniche che spiano I legislatori britannici, mentendo al governo, permettendo che avvenissero attentati dell'IRA, false condanne, un tentativo di omicidio, ecc. Per alcune grandi osservazioni video di Machon e molti altri, tra cui Kiriakou, clicca qui.

Più avanti nel libro c'è un capitolo di informatori di droni Lisa Ling e Cian Westmoreland che esamina in modo molto utile lo stato della guerra dei droni, la tecnologia, la moralità, senza mai suggerire che la guerra sarebbe accettabile se fatta diversamente. Questo è un modello ideale di scrittura per informatori. È accessibile a chi ha poca conoscenza dei droni, aiuta a sfatare quel poco di "conoscenza" che qualcuno potrebbe aver acquisito da Hollywood o dalla CNN e usa la conoscenza e le intuizioni di persone che facevano parte del problema per esporlo per l'orrore che è, mentre collocandolo in un contesto appropriato.

Nel libro c'è anche l'informatore di droni Daniel Hale's dichiarazione al giudice, che insieme al suo lettera al giudice dovrebbe essere richiesta la lettura per ogni membro della specie umana, incluso questo pezzo: “Vostro Onore, mi oppongo alla guerra dei droni per le stesse ragioni per cui mi oppongo alla pena di morte. Credo che la pena capitale sia un abominio e un assalto totale alla comune decenza umana. Credo che sia sbagliato uccidere, indipendentemente dalle circostanze, ma credo che sia particolarmente sbagliato uccidere gli indifesi». Hale fa notare, per coloro che vogliono ancora uccidere esseri umani ma forse non quelli “innocenti”, che la pena di morte negli Stati Uniti uccide innocenti ma gli omicidi dei droni statunitensi uccidono una percentuale molto più alta: “In alcuni casi, ben 9 su 10 individui uccisi non sono identificabili. In un caso particolare, al figlio di origine americana di un imam americano radicale è stato assegnato un numero pin di Terrorist Identities Datamark Environment o TIDE, rintracciato e ucciso in un attacco di droni insieme a 8 membri della sua famiglia mentre pranzavano insieme per 2 settimane intere. dopo che suo padre è stato ucciso. Alla domanda sul perché il sedicenne Abdul Rahman TPN16 avesse bisogno di morire, un funzionario della Casa Bianca ha detto: "Avrebbe dovuto avere un padre migliore".

Risposte 2

  1. Come ha detto il gruppo WAR nella loro canzone, "WAR, A COSA SERVE? NIENTE TUTTI. HUMPP.”

    Bene, quell'affermazione e la tua sull'articolo sono così vere. Continuo a chiedermi come umano e contribuente: "COSA HANNO FATTO GLI ULTIMI 21 ANNI DI GUERRA IN IRAQ E AFGHANISTAN PER MIGLIORARE LA VITA DEGLI AMERICANI O DI QUELLE NAZIONI CHE ABBIAMO INVASO E DISTRUTTO?"

    RISPOSTA: ASSOLUTAMENTE NULLA.

  2. David,

    Ora sono il membro anziano degli informatori federali attivi - 30 anni e oltre nel Dipartimento dell'Energia. Robert Scheer mi ha intervistato di recente per il suo podcast settimanale, "Scheer Intelligence", - siamo andati avanti per un'ora, ben oltre il suo normale di circa 30 minuti. Chiunque ascolti i podcast può trovarlo facilmente.

    A questo punto, mi vedo come "l'ingegnere zero nella 'rivolta degli ingegneri, secondo round', con la civiltà in gioco". Il primo round si è concluso circa 2 anni fa, con l'etica legale che "possiede" l'etica ingegneristica (c'è un libro "rivolta degli ingegneri" che dettaglia).

    Suggerisco che valgo 15-20 minuti del tuo tempo poiché percepisco che le nostre agende si sovrappongono in modo significativo e percepisco che tu/la tua organizzazione non stai attivamente cercando e creando le relazioni di "strani compagni di letto" di cui hai bisogno per fare cose come fare più di basta sopravvivere come informatore di un'agenzia federale per 30 anni o addirittura spostare l'orologio del giorno del giudizio lontano dalla mezzanotte nella nostra civiltà in pericolo.

    La tua chiamata, grazie per qualsiasi considerazione la mia offerta possa giustificare.

    Joseph (Joe) Carson, PE
    Knoxville, TN

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Articoli Correlati

Le nostre campagne

Come porre fine alla guerra

Corsi on-line
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Prossimi eventi
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua