E se la Nuova Zelanda dovesse abolire le sue forze armate?

Di David Swanson, World BEYOND War, 7 dicembre 2023

Il mondo dovrebbe leggere un nuovo libro dalla Nuova Zelanda intitolato Abolire l'esercito. La Nuova Zelanda decisamente non ha ancora seguito la Costa Rica e ha nascosto i suoi militari in un museo. E se così fosse, posso praticamente garantirvi che la CNN non menzionerebbe mai l’atto. Ma l’argomentazione a favore di ciò è esposta con forza in questo libro e – che gli autori lo vogliano o no – si applica con lievissime modifiche a qualsiasi nazione sulla Terra.

Prima di tutto, lasciatemi augurare a tutti un felice felice Giornata di Pearl Harbor. Il mito secondo cui il militarismo previene, piuttosto che causare, attacchi come quello a Pearl Harbor è fondamentale per mantenere e aumentare la spesa militare. Negli Stati Uniti miti eroici sulla seconda guerra mondiale occupano un posto speciale nel cuore di ogni trafficante d'armi, ma in Nuova Zelanda l'origine mitica dell'orgoglioso stato nazionale risiede nella prima guerra mondiale. Ciò potrebbe sembrare piuttosto patetico, considerando i pochi sforzi che Hollywood ha fatto per giustificare la prima guerra mondiale. , ma hanno appena eretto il monumento alla Prima Guerra Mondiale a Washington DC, senza un accenno di ironia, e non c'è dubbio che sarebbe stato messo al centro della scena nel Mall se la Parte 2 non fosse mai stata gestita. Alcuni canadesi hanno un’idea simile del fatto che la loro nazione abbia acquisito per la prima volta l’orgoglioso status di violento distruttore sulla scena globale durante la prima guerra mondiale.

Nuova Zelanda - come gli autori di Abolire l'esercito (Griffin Manawaroa Leonard [Te Arawa], Joseph Llewellyn e Richard Jackson) sottolineano – non è minacciato di invasione. Né è plausibile alcuna invasione. La Nuova Zelanda ha una lunga costa piena di rocce e scogliere, sottolineano. Ma la maggior parte delle nazioni ha confini difficili. E alcuni, come gli Stati Uniti, hanno enormi quantità di territorio e numero di persone. L’idea che un missile nordcoreano sia una minaccia alla “libertà” degli Stati Uniti è presumibilmente solo raramente intesa come indicativa della minaccia che la Corea del Nord occuperà gli Stati Uniti e limiterà i diritti delle persone utilizzando presumibilmente qualcosa che supera il 100% della sua popolazione come occupanti armati. Mentre la Cina ha le persone per fare una cosa del genere, il mondo nel suo insieme non ha le risorse per sostenere i costi che ciò costerebbe. Il fatto è che quasi ovunque non esiste alcuna minaccia di invasione militare, e in un mondo smilitarizzato ciò sarebbe completamente ovunque.

La Nuova Zelanda potrebbe essere attaccata in una guerra simile alla maggior parte delle guerre moderne. Vale a dire, potrebbe essere bombardato. Ma perché una nazione dovrebbe spendere quello che costa e rendersi disprezzata quanto il governo israeliano o quello statunitense, senza alcun guadagno, se non per odio verso la Nuova Zelanda? E perché qualcuno dovrebbe odiare la Nuova Zelanda a meno che non aumenti, anziché eliminare, le sue attività militari?

Se la Nuova Zelanda venisse invasa, i suoi militari potrebbero fare poco al riguardo. Sebbene costoso pro capite, l’esercito della Nuova Zelanda è ancora minuscolo rispetto al mega-esercito degli Stati Uniti o anche a quello di Cina, Arabia Saudita, Russia, India, Regno Unito, Germania, ecc.

Allora perché la Nuova Zelanda ha un esercito, oltre al fatto che ha una cultura militare e vacanze militari? Ebbene, in cosa consiste questo esercito e cosa fa? Consiste in gran parte di armi prodotte negli Stati Uniti e di truppe addestrate a operare in collaborazione con l’esercito americano. Non combatte guerre in Nuova Zelanda, ma combatte guerre principalmente per volere degli Stati Uniti e soprattutto in Medio Oriente. Il nome “Forze di difesa della Nuova Zelanda” è uno scherzo interno, sulla falsariga delle “Forze di difesa israeliane” o del “Dipartimento della difesa” statunitense.

Tuttavia, in misura minore, l’esercito neozelandese è impegnato nel cosiddetto mantenimento della pace per le Nazioni Unite La Nuova Zelanda ha fatto bella mostra a Bougainville che la pacificazione nelle zone di conflitto violento è meglio fatta senza armi (e a Timor Est e nelle Isole Salomone è stato dimostrato che è peggio con le armi).

In misura ancora minore, l’esercito neozelandese svolge attività di aiuto umanitario per il quale non è adeguatamente addestrato ed equipaggiato e che potrebbe essere svolto meglio da un’agenzia appositamente progettata. Naturalmente, i militari non tentano nemmeno di affrontare le minacce non facoltative del collasso climatico, della povertà, delle malattie, dei senzatetto, ecc.

Abolire l'esercito documenta approfonditamente che la guerra raramente funziona alle sue condizioni, che la repressione militarizzata funziona raramente alle sue condizioni, che il terrorismo non statale funziona raramente alle sue condizioni e che l’azione nonviolenta funziona meglio. Fatti fastidiosi!

Cosa ne pensano gli autori Abolire l'esercito consigliare? Sviluppando difesa civile non armatae spostare i soldi dal militarismo ai bisogni umani e ambientali. Un numero crescente di libri aiuta a sostenere il caso:

La collezione per l'abolizione della guerra:

Abolire l'esercito, di Griffin Manawaroa Leonard (Te Arawa), Joseph Llewellyn, Richard Jackson, 2023.
La guerra è un inferno: studi sul diritto alla violenza legittima, di C. Douglas Lummis, 2023.
Il più grande male è la guerra, di Chris Hedges, 2022.
Abolire la violenza di stato: un mondo oltre le bombe, i confini e le gabbie di Ray Acheson, 2022.
Contro la guerra: costruire una cultura di pace di Papa Francesco, 2022.
Etica, sicurezza e macchina da guerra: il vero costo dell'esercito di Ned Dobos, 2020.
Capire l'industria bellica di Christian Sorensen, 2020.
Niente più guerra di Dan Kovalik, 2020.
Forza attraverso la pace: come la smilitarizzazione ha portato alla pace e alla felicità in Costa Rica e cosa il resto del mondo può imparare da una minuscola nazione tropicale, di Judith Eve Lipton e David P. Barash, 2019.
Difesa sociale di Jørgen Johansen e Brian Martin, 2019.
Murder Incorporated: Book Two: America's Favorite Passatime di Mumia Abu Jamal e Stephen Vittoria, 2018.
Waymakers for Peace: i sopravvissuti di Hiroshima e Nagasaki parlano di Melinda Clarke, 2018.
Prevenire la guerra e promuovere la pace: una guida per gli operatori sanitari a cura di William Wiist e Shelley White, 2017.
Il piano industriale per la pace: costruire un mondo senza guerra di Scilla Elworthy, 2017.
La guerra non è mai solo di David Swanson, 2016.
Un sistema di sicurezza globale: un'alternativa alla guerra di World Beyond War, 2015, 2016, 2017.
Un potente caso contro la guerra: ciò che l'America ha perso nella lezione di storia degli Stati Uniti e ciò che (tutti) possiamo fare ora di Kathy Beckwith, 2015.
Guerra: un crimine contro l'umanità di Roberto Vivo, 2014.
Il realismo cattolico e l'abolizione della guerra di David Carroll Cochran, 2014.
Guerra e illusione: un esame critico di Laurie Calhoun, 2013.
Shift: The Beginning of War, the Ending of War di Judith Hand, 2013.
War No More: The Case for Abolition di David Swanson, 2013.
La fine della guerra di John Horgan, 2012.
Transizione alla pace di Russell Faure-Brac, 2012.
Dalla guerra alla pace: una guida per i prossimi cento anni di Kent Shifferd, 2011.
La guerra è una bugia di David Swanson, 2010, 2016.
Oltre la guerra: il potenziale umano per la pace di Douglas Fry, 2009.
Vivere oltre la guerra di Winslow Myers, 2009.
Il collasso del sistema bellico: sviluppi nella filosofia della pace nel ventesimo secolo di John Jacob English, 2007.
Abbastanza sangue versato: 101 soluzioni alla violenza, al terrore e alla guerra di Mary-Wynne Ashford con Guy Dauncey, 2006.
Pianeta Terra: L'ultima arma di guerra di Rosalie Bertell, 2001.
I ragazzi saranno ragazzi: rompere il legame tra mascolinità e violenza di Myriam Miedzian, 1991.

Una Risposta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Festival del cinema WBW 2024
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua