Denis Halliday: una voce della ragione in un mondo folle 

Di Nicolas JS Davies, World BEYOND WarAprile 14, 2021
Photo credit: indybay.org
 
Denis Halliday è una figura eccezionale nel mondo della diplomazia. Nel 1998, dopo una carriera di 34 anni con le Nazioni Unite, anche come Segretario generale aggiunto e Coordinatore umanitario delle Nazioni Unite in Iraq, si è dimesso quando il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha rifiutato di revocare le sanzioni contro l'Iraq.
 
Halliday ha visto in prima persona l'impatto devastante di questa politica che aveva portato alla morte di over Bambini 500,000 sotto i cinque anni e centinaia di migliaia di bambini più grandi e adulti, e ha definito le sanzioni un genocidio contro il popolo iracheno.
 
Dal 1998 Denis è una potente voce per la pace e per i diritti umani in tutto il mondo. Ha navigato in Flottiglia della libertà a Gaza nel 2010, quando 10 dei suoi compagni su una nave turca sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco in un attacco delle forze armate israeliane.
 
Ho intervistato Denis Halliday dalla sua casa in Irlanda.
 
Nicolas Davies: Quindi, Denis, vent'anni dopo che ti sei dimesso dall'ONU per le sanzioni all'Iraq, gli Stati Uniti ora stanno imponendo simili "massima pressioneSanzioni contro Iran, Venezuela, Cuba e Corea del Nord, che negano alla loro gente l'accesso a cibo e medicinali nel bel mezzo di una pandemia. Cosa vorresti dire agli americani sull'impatto nel mondo reale di queste politiche?
 
Denis Halliday: Vorrei iniziare spiegando che le sanzioni imposte dal Consiglio di sicurezza contro l'Iraq, guidate in gran parte da Stati Uniti e Gran Bretagna, erano uniche nel senso che erano complete. Erano a tempo indeterminato, il che significava che richiedevano una decisione del Consiglio di sicurezza per porvi fine, cosa che ovviamente non è mai avvenuta - e sono seguite immediatamente alla Guerra del Golfo.
 
La Guerra del Golfo, guidata principalmente dagli Stati Uniti ma sostenuta dalla Gran Bretagna e da alcuni altri, ha intrapreso il bombardamento dell'Iraq e ha preso di mira le infrastrutture civili, il che è una violazione delle Convenzioni di Ginevra, e hanno distrutto tutte le reti elettriche del paese.
 
Ciò ha minato completamente il sistema di trattamento e distribuzione dell'acqua dell'Iraq, che dipendeva dall'elettricità per guidarlo, e ha spinto le persone a utilizzare l'acqua contaminata del Tigri e dell'Eufrate. Quello fu l'inizio della campana a morto per i bambini piccoli, perché le madri non allattavano al seno, stavano allattando i loro figli con latte artificiale, ma mescolandolo con l'acqua sporca del Tigri e dell'Eufrate.
 
Quel bombardamento delle infrastrutture, compresi i sistemi di comunicazione e l'energia elettrica, ha spazzato via la produzione di cibo, l'orticoltura e tutte le altre necessità di base della vita. Hanno anche chiuso le esportazioni e le importazioni e si sono assicurati che l'Iraq non fosse in grado di esportare il suo petrolio, che all'epoca era la principale fonte di entrate.
 
In aggiunta a ciò, hanno introdotto una nuova arma chiamata uranio impoverito, che è stata utilizzata dalle forze statunitensi che guidano l'esercito iracheno fuori dal Kuwait. Questo è stato usato di nuovo nel sud dell'Iraq, nell'area di Bassora, e ha portato a un massiccio accumulo di detriti nucleari che ha portato alla leucemia nei bambini, e ci sono voluti tre, quattro o cinque anni per diventare evidente.
 
Così, quando sono arrivato in Iraq nel 1998, gli ospedali di Baghdad, e ovviamente anche di Bassora e di altre città, erano pieni di bambini affetti da leucemia. Nel frattempo gli adulti avevano contratto il proprio cancro, principalmente non una diagnosi di cancro del sangue. Quei bambini, stimiamo forse 200,000 bambini, sono morti di leucemia. Allo stesso tempo, Washington e Londra hanno negato alcune delle componenti del trattamento che la leucemia richiede, ancora una volta, sembrava, in modo genocida, negando ai bambini iracheni il diritto di rimanere in vita.
 
E come hai citato 500,000 bambini, questa era una dichiarazione fatta da Madeleine Albright, l'allora ambasciatore americano presso le Nazioni Unite che, vive sulla CBS, fu posta la domanda sulla perdita di 500,000 bambini, e lei disse che la perdita di 500,000 bambini era "ne e 'valsa la pena, "In termini di abbattimento di Saddam Hussein, cosa che non è avvenuta fino all'invasione militare del 2003.
 
Quindi il punto è che le sanzioni irachene erano unicamente punitive, crudeli, prolungate e complete. Sono rimasti al loro posto, non importa come persone come me o altri, e non solo io da solo, ma l'UNICEF e le agenzie del sistema delle Nazioni Unite - molti stati tra cui Francia, Cina e Russia - si sono lamentati amaramente delle conseguenze sulla vita umana e sulla vita di Bambini e adulti iracheni.
 
Il mio desiderio di dimettermi era di rendere pubblico, cosa che feci. Entro un mese, ero a Washington per il mio primo briefing congressuale sulle conseguenze di queste sanzioni, guidato da Washington e Londra.
 
Quindi penso che gli Stati Uniti e la loro popolazione, che votano questi governi, debbano capire che i bambini e il popolo iracheno sono proprio come i bambini degli Stati Uniti e dell'Inghilterra e il loro popolo. Hanno gli stessi sogni, le stesse ambizioni di istruzione, occupazione, alloggio, vacanze e tutte le cose a cui tengono le brave persone. Siamo tutte le stesse persone e non possiamo sederci e pensare in qualche modo: “Non sappiamo chi sono, sono afgani, sono iraniani, sono iracheni. E allora? Stanno morendo. Beh, non lo sappiamo, non è un nostro problema, questo accade in guerra ". Voglio dire, tutto quel genere di logica sul perché questo non è importante.
 
E penso che quell'aspetto della vita nel mondo delle sanzioni continui, sia che si tratti del Venezuela, sia che si tratti di Cuba, che è in corso ormai da 60 anni. Le persone non sono consapevoli o non pensano in termini di vita di altri esseri umani identici a noi qui in Europa o negli Stati Uniti.
 
È un problema spaventoso e non so come risolverlo. Ora abbiamo sanzioni contro l'Iran e la Corea del Nord. Quindi la difficoltà è far vivere che uccidiamo le persone con le sanzioni. Non sono un sostituto della guerra: sono una forma di guerra.
Nicolas Davies: Grazie, Denis. Penso che questo ci porti a un'altra domanda, perché mentre le sanzioni contro l'Iraq sono state approvate dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ciò a cui guardiamo oggi nel mondo sono, per la maggior parte, gli Stati Uniti che usano il potere del loro sistema finanziario per imporre assedi unilaterali su questi paesi, anche se gli Stati Uniti stanno ancora dichiarando guerra in almeno una mezza dozzina di paesi, principalmente nel Grande Medio Oriente. Medea Benjamin e io di recente documentata che gli Stati Uniti ei loro alleati hanno sganciato 326,000 bombe e missili su altri paesi in tutte queste guerre, solo dal 2001 - senza contare la prima guerra del Golfo.
 
Hai lavorato per l'ONU e l'UNDP per 34 anni e l'ONU è stata concepita come un forum e un'istituzione per la pace e per affrontare le violazioni della pace da parte di qualsiasi paese del mondo. Ma come possono le Nazioni Unite affrontare il problema di un paese potente e aggressivo come gli Stati Uniti che viola sistematicamente il diritto internazionale e poi abusa del suo potere di veto e diplomatico per evitare la responsabilità?
 
Denis Halliday: Sì, quando parlo agli studenti, cerco di spiegare che ci sono due Nazioni Unite: c'è una delle Nazioni Unite del Segretariato, guidata dal Segretario generale e composta da persone come me e da 20,000 o 30,000 in tutto il mondo, attraverso UNDP e le agenzie. Operiamo in tutti i paesi e la maggior parte è a fini di sviluppo o umanitari. È un buon lavoro, ha un impatto reale, sia che si tratti di nutrire i palestinesi o che si tratti del lavoro dell'UNICEF in Etiopia. Questo continua.
 
Dove crolla l'ONU è nel Consiglio di sicurezza, a mio avviso, e questo perché, a Yalta nel 1945, Roosevelt, Stalin e Churchill, avendo notato il fallimento della Società delle Nazioni, decisero di istituire un'ONU che avrebbe un'entità di controllo, che hanno poi chiamato il Consiglio di sicurezza. E per assicurarsi che funzionasse, direi nel loro interesse, hanno istituito questo gruppo di veto a cinque potenze, hanno aggiunto la Francia e hanno aggiunto la Cina. E quel cinque è ancora al suo posto.
 
Questo è il 1945 e questo è il 2021, e sono ancora al potere e stanno ancora manipolando le Nazioni Unite. E fintanto che rimangono lì e manipolano, penso che l'ONU sia condannata. La tragedia è che i cinque poteri di veto sono gli stessi stati membri che violano la Carta, violano le convenzioni sui diritti umani e non consentiranno l'applicazione della CPI ai loro crimini di guerra e altri abusi.
 
Inoltre, sono i paesi che producono e vendono armi, e sappiamo che le armi da guerra sono forse il prodotto più redditizio che puoi produrre. Quindi il loro interesse acquisito è il controllo, è la capacità militare, è l'interferenza. È uno sforzo neocoloniale, un impero in realtà, controllare il mondo come vogliono vederlo. Fino a quando ciò non cambierà e quei cinque Stati membri non accetteranno di diluire il loro potere e svolgere un ruolo onesto, penso che siamo condannati. L'ONU non ha la capacità di fermare le difficoltà che dobbiamo affrontare in tutto il mondo.
 
Nicolas Davies: Questa è una prognosi piuttosto dannosa. In questo secolo, stiamo affrontando problemi così incredibili, tra il cambiamento climatico e la minaccia di una guerra nucleare che incombe ancora su tutti noi, forse più pericolosi che mai, a causa della mancanza di trattati e della mancanza di cooperazione tra le potenze nucleari , in particolare gli Stati Uniti e la Russia. Questo è davvero un file crisi esistenziale per l'umanità.
 
Ora c'è anche, ovviamente, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, e hanno intensificato le armi nucleari con il nuovo Trattato per la proibizione delle armi nucleari (TPNW), che è ora ufficialmente entrato in vigore. E ogni anno, quando si riunisce, l'Assemblea Generale regolarmente e quasi all'unanimità condanna il regime di sanzioni degli Stati Uniti contro Cuba.
 
Quando ho scritto il mio libro sulla guerra in Iraq, le mie raccomandazioni finali erano che gli alti criminali di guerra americani e britannici responsabili della guerra dovessero essere ritenuti penalmente responsabili e che gli Stati Uniti e il Regno Unito dovessero pagare i risarcimenti all'Iraq per la guerra. L'Assemblea generale potrebbe forse essere un luogo per costruire il sostegno all'Iraq per richiedere riparazioni da Stati Uniti e Regno Unito, o c'è un altro luogo in cui sarebbe più appropriato?
 
Denis Halliday: Penso che tu abbia ragione sul bersaglio. La tragedia è che le decisioni del Consiglio di Sicurezza sono decisioni vincolanti. Ogni stato membro deve applicare e rispettare tali decisioni. Quindi, se violate un regime di sanzioni imposto dal Consiglio come Stato membro, siete nei guai. Le risoluzioni dell'Assemblea Generale non sono vincolanti.
 
Hai appena accennato a una decisione molto importante, ovvero la decisione sulle armi nucleari. Abbiamo preso molte decisioni in merito al divieto di vari tipi di armi nel corso degli anni. Qui in Irlanda siamo stati coinvolti in mine antiuomo e altre cose del genere, ed è stato da un gran numero di stati membri, ma non i colpevoli, non gli americani, non i russi, non i cinesi, non gli inglesi. . Quelli che controllano il gioco del potere di veto sono quelli che non si conformano. Proprio come Clinton era uno dei proponenti, penso, della Corte penale internazionale (ICC), ma alla fine della giornata, gli Stati Uniti non accettano di avere un ruolo nei loro confronti e i loro crimini di guerra Lo stesso vale per altri grandi stati che sono i colpevoli in quei casi.
 
Quindi vorrei tornare al tuo suggerimento sull'Assemblea Generale. Potrebbe essere migliorato, non c'è motivo per cui non possa essere cambiato, ma richiede un enorme coraggio da parte degli Stati membri. Richiede anche l'accettazione da parte delle cinque potenze di veto che il loro giorno sia giunto al termine, perché, in realtà, l'ONU oggi ha ben poco prestigio per inviare una missione ONU in un paese come il Myanmar o l'Afghanistan.
 
Penso che non abbiamo più potere, non abbiamo alcuna influenza, perché sanno chi dirige l'organizzazione, sanno chi prende le decisioni. Non è il Segretario generale. Non sono persone come me. Siamo dettati dal Consiglio di Sicurezza. Mi sono dimesso, effettivamente, dal Consiglio di Sicurezza. Erano i miei capi in quel particolare periodo della mia carriera.
 
Ho una conferenza che faccio sulla riforma del Consiglio di sicurezza, rendendolo un organo rappresentativo nord-sud, che troverebbe in situ l'America Latina e l'Africa subsahariana, e prenderesti decisioni molto diverse, otterresti il ​​tipo di decisioni che prendiamo in Assemblea Generale: molto più equilibrate, molto più consapevoli del mondo e del suo Nord e Sud e di tutte quelle altre variazioni. Ma ovviamente, ancora una volta, non possiamo riformare il Consiglio fino a quando i cinque poteri di veto non lo accettano. Questo è l'enorme problema.
 
Nicolas Davies: Sì, infatti, quando quella struttura fu annunciata nel 1945 con il Consiglio di sicurezza, i cinque membri permanenti e il veto, Albert Camus, che era l'editore del quotidiano della Resistenza francese Combat, scrisse un editoriale in prima pagina dicendo questo era la fine di ogni idea di democrazia internazionale.
 
Quindi, come per tante altre questioni, viviamo in questi paesi nominalmente democratici, ma alle persone di un paese come gli Stati Uniti viene detto solo ciò che i nostri leader vogliono che sappiamo su come funziona il mondo. Quindi la riforma del Consiglio di Sicurezza è chiaramente necessaria, ma è un enorme processo di educazione e riforma democratica nei paesi di tutto il mondo per costruire effettivamente un movimento popolare sufficiente per richiedere quel tipo di cambiamento. Nel frattempo, i problemi che dobbiamo affrontare sono enormi.
 
Un'altra cosa che è molto sottostimata negli Stati Uniti è che, per disperazione dopo vent'anni di guerra in Afghanistan, il Segretario Blinken ha finalmente ha chiesto all'ONU guidare un processo di pace per un cessate il fuoco tra il governo sostenuto dagli Stati Uniti ei talebani e una transizione politica. Ciò potrebbe spostare il conflitto nel regno politico e porre fine alla guerra civile risultante dall'invasione e dall'occupazione degli Stati Uniti e dalla campagna di bombardamenti senza fine.
 
Allora cosa ne pensate di quell'iniziativa? Ci dovrebbe essere un incontro tra un paio di settimane a Istanbul, guidato da un esperto negoziatore delle Nazioni Unite, Jean Arnault, che ha contribuito a portare la pace in Guatemala alla fine della sua guerra civile, e poi tra la Colombia e le FARC. Gli Stati Uniti hanno chiesto espressamente anche a Cina, Russia e Iran di partecipare a questo processo. Entrambe le parti in Afghanistan hanno deciso di venire a Istanbul e almeno vedere cosa possono concordare. Quindi è un ruolo costruttivo che le Nazioni Unite possono svolgere? Questo offre una possibilità di pace per il popolo afghano?
 
Denis Halliday: Se fossi un membro dei talebani e mi chiedessero di negoziare con un governo che è al potere solo perché sostenuto dagli Stati Uniti, mi chiederei se è un equilibrio. Siamo ugualmente potenti, possiamo parlarci uno a uno? La risposta, credo, è no.
 
Il tizio delle Nazioni Unite, chiunque sia, pover'uomo, avrà la stessa difficoltà. Rappresenta le Nazioni Unite, un Consiglio di sicurezza dominato dagli Stati Uniti e da altri, come gli afgani sanno perfettamente. I talebani combattono da molto tempo e non fanno progressi a causa dell'interferenza delle truppe statunitensi, che sono ancora sul campo. Semplicemente non penso che sia un campo di gioco uniforme.
 
Quindi sarei molto sorpreso se funzionasse. Spero assolutamente che possa farlo. Penso che, a mio avviso, se vuoi una relazione duratura all'interno di un paese, deve essere negoziata all'interno del paese, senza interferenze militari o di altro tipo o paura di ulteriori bombardamenti o attacchi o tutto il resto. Non credo che abbiamo alcuna credibilità, come ONU, in quelle circostanze. Sarà uno slog molto duro.
 
Nicolas Davies: Esatto. L'ironia è che gli Stati Uniti mettere da parte la Carta delle Nazioni Unite quando ha attaccato la Jugoslavia nel 1999 per ritagliarsi quello che ora è il semi-riconosciuto paese del Kosovo, e poi per attaccare l'Afghanistan e l'Iraq. Il Carta delle Nazioni Unite, proprio all'inizio, in fondo, vieta la minaccia o l'uso della forza da parte di un paese contro un altro. Ma questo è ciò che gli Stati Uniti hanno messo da parte.
 
Denis Halliday: E poi, devi ricordare, gli Stati Uniti stanno attaccando un altro stato membro delle Nazioni Unite, senza esitazione, senza rispetto per la Carta. Forse la gente dimentica che Eleanor Roosevelt ha guidato, ed è riuscita a stabilire, la Dichiarazione dei diritti umani, un risultato straordinario, che è ancora valido. È uno strumento biblico per molti di noi che lavorano nelle Nazioni Unite.
 
Quindi l'abbandono della Carta e dello spirito della Carta e della formulazione della Carta, da parte dei cinque membri del veto, forse in Afghanistan era la Russia, ora sono gli Stati Uniti, gli afgani hanno avuto un intervento straniero fino al collo e oltre , e gli inglesi vi sono coinvolti fin quasi dal XVIII secolo. Quindi hanno la mia più profonda comprensione, ma spero che questa cosa possa funzionare, speriamo che possa funzionare.
 
Nicolas Davies: Ne ho parlato perché gli Stati Uniti, con la loro potenza militare dominante dopo la fine della Guerra Fredda, hanno fatto una scelta molto consapevole che invece di vivere secondo la Carta delle Nazioni Unite, sarebbero vissuti di spada, secondo la legge di la giungla: "potrebbe fa bene".
 
Ha preso quelle azioni perché poteva, perché nessun'altra forza militare era lì per resistere. Al momento della prima guerra del Golfo, a Consulente del Pentagono ha detto al New York Times che, con la fine della Guerra Fredda, gli Stati Uniti potrebbero finalmente condurre operazioni militari in Medio Oriente senza preoccuparsi di iniziare la Terza Guerra Mondiale. Così hanno preso la fine dell'Unione Sovietica come semaforo verde per queste azioni sistematiche e diffuse che violano la Carta delle Nazioni Unite.
 
Ma ora, ciò che sta accadendo in Afghanistan è che i talebani controllano ancora una volta metà del paese. Ci stiamo avvicinando alla primavera e all'estate quando i combattimenti tradizionalmente peggiorano, e quindi gli Stati Uniti chiamano l'ONU per disperazione perché, francamente, senza un cessate il fuoco, il loro governo di Kabul lo farà perdere più territorio. Quindi gli Stati Uniti hanno scelto di vivere di spada, e in questa situazione si trovano ora ad affrontare la morte di spada.
 
Denis Halliday: La cosa tragica, Nicolas, è che, nella nostra vita, gli afgani hanno gestito il proprio paese. Avevano una monarchia, un parlamento - ho incontrato e intervistato i ministri dell'Afghanistan a New York - e ci sono riusciti. È stato quando i russi hanno interferito, e poi gli americani, e poi Bin Laden ha allestito il suo campo lì, e questa era una giustificazione per distruggere ciò che restava dell'Afghanistan.
 
E poi Bush, Cheney e alcuni dei ragazzi decisero, sebbene non ci fosse alcuna giustificazione, di bombardare e distruggere l'Iraq, perché volevano pensare che Saddam Hussein fosse coinvolto con Al Qaeda, il che ovviamente era una sciocchezza. Volevano pensare che avesse armi di distruzione di massa, il che era anche una sciocchezza. Gli ispettori delle Nazioni Unite lo hanno ripetuto più volte, ma nessuno gli avrebbe creduto.
 
È una deliberata negligenza dell'ultima speranza. La Società delle Nazioni ha fallito e l'ONU è stata la seconda migliore speranza e le abbiamo deliberatamente voltato le spalle, trascurato e diffidato. Quando avremo un bravo Segretario generale come Hammarskjold, lo uccidiamo. È stato definitivamente ucciso, perché stava interferendo nei sogni degli inglesi in particolare, e forse dei belgi, nel Katanga. È una storia molto triste e non so dove andiamo da qui.
 
Nicolas Davies: Giusto, beh, il punto in cui sembriamo andare da qui è una perdita del potere americano nel mondo, perché gli Stati Uniti hanno abusato del suo potere. Negli Stati Uniti, continuiamo a sentire che questa è una Guerra Fredda tra Stati Uniti e Cina, o forse Stati Uniti, Cina e Russia, ma penso che tutti noi speriamo di poter lavorare per un mondo più multipolare.
 
Come dici tu, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha bisogno di riforme e, si spera, il popolo americano sta capendo che non possiamo governare unilateralmente il mondo, che l'ambizione di un impero globale degli Stati Uniti è un sogno irrealizzabile incredibilmente pericoloso che ci ha davvero portato a un vicolo cieco.
 
Denis Halliday: Forse l'unica cosa buona che esce dal Covid-19 è la lenta consapevolezza che, se non tutti ricevono un vaccino, falliamo, perché noi, ricchi e potenti con i soldi e i vaccini, non saremo al sicuro fino a quando non ci assicureremo che il resto del mondo sia al sicuro, da Covid e dal prossimo che sta arrivando lungo la pista senza dubbio.
 
E questo implica che se non commerciamo con la Cina o altri paesi su cui abbiamo delle riserve, perché non ci piace il loro governo, non ci piace il comunismo, non ci piace il socialismo, qualunque cosa sia, semplicemente dobbiamo conviverci, perché senza l'altro non possiamo sopravvivere. Con la crisi climatica e tutte le altre questioni ad essa collegate, forse abbiamo bisogno l'uno dell'altro più che mai, e abbiamo bisogno di collaborazione. È solo un senso comune di base che lavoriamo e viviamo insieme.
 
Gli Stati Uniti hanno qualcosa come 800 basi militari in tutto il mondo, di varie dimensioni. La Cina è certamente circondata e questa è una situazione molto pericolosa, del tutto inutile. E ora il riarmo con nuove fantasiose armi nucleari quando abbiamo già armi nucleari venti volte più grandi di quella che ha distrutto Hiroshima. Perchè mai? È solo una sciocchezza irrazionale continuare questi programmi, e semplicemente non funziona per l'umanità.
 
Spero che gli Stati Uniti inizino forse a ritirarsi e risolvere i propri problemi interni, che sono piuttosto sostanziali. Ogni giorno, quando guardo la CNN qui a casa mia, mi viene in mente le difficoltà della gara e tutte le altre cose di cui sei ben consapevole che devono essere affrontate. Essere poliziotto per il mondo è stata una pessima decisione.
 
Nicolas Davies: Assolutamente. Quindi il sistema politico, economico e militare in cui viviamo non è solo genocida a questo punto, ma anche suicida. Grazie, Denis, per essere una voce della ragione in questo mondo folle.
Nicolas JS Davies è un ricercatore per CODEPINK, uno scrittore freelance e autore di Sangue nelle nostre mani: l'invasione americana e la distruzione dell'Iraq.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Muoviti per la sfida della pace
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua