Le aziende produttrici di armi in tutto il Canada stanno facendo fortuna con la carneficina di Gaza e l’occupazione della Palestina.
Questo è un invito all'azione. È ora di smettere di lasciare che queste compagnie produttrici di armi traggano profitto dal massacro di migliaia di palestinesi.
Trova un luogo vicino a te, esploralo e ricercalo, riunisci amici e alleati e interrompi i loro affari come al solito chiedere che smettano di vendere armi e tecnologia militare a Israele. Guarda la decine di esempi di azioni che hanno avuto luogo negli ultimi 4 mesi, e questo toolkit pensare di agire presso un'azienda produttrice di armi.
È tempo che il Canada renda reale la sua richiesta di cessate il fuoco mettendo in atto subito un embargo sulle armi. Fino a quando il governo canadese non fermerà il flusso di armi da e verso Israele, le persone in tutto il paese saranno costrette a intraprendere tutte le azioni possibili per fermare un genocidio.

Nota sulla mappa sopra e sull’elenco sotto: Il commercio di armi tra Canada e Israele è estremamente segreto. Questo è un elenco incompleto delle aziende produttrici di armi coinvolte nell'armamento dell'esercito israeliano e include sia impianti di produzione che uffici. Comprende aziende coinvolte nell’armamento dell’esercito israeliano attraverso strutture e divisioni in altri paesi, ma per i quali non disponiamo ancora di informazioni per confermare se le loro filiali canadesi siano direttamente coinvolte. Sono disponibili i dati canadesi sulle esportazioni militari nel 2022 qui. Non nomina le aziende coinvolte. Hai altro da aggiungere? Fatecelo sapere inviandoci un'e-mail a canadastoparmingisrael@riseup.net  Sei un funzionario pubblico, un membro delle forze armate canadesi, un appaltatore privato o chiunque altro abbia informazioni rilevanti sul sostegno del Canada all’esercito israeliano? Ecco come condividerlo con noi in modo sicuro e confidenziale.

Informazioni sulle aziende produttrici di armi coinvolte nell'armamento dell'esercito israeliano elencate nella mappa sopra:
Industrie Apex

Azienda canadese che produce componenti strutturali per l'F-35 nel suo stabilimento di Moncton. Le versioni israeliane di questi aerei da combattimento, noti come F35I Adir, vengono utilizzate dall'aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

Arconic

Arconic produce beni vitali utilizzati negli aerei militari, in particolare elicotteri Boeing Apache e aerei da caccia Lockheed Martin F-35. Entrambi vengono forniti all’occupazione militare israeliana, che li utilizza abitualmente negli attacchi aerei su Gaza.

ASCO Aerospace Canada

Azienda canadese che produce componenti strutturali per l'F-35. Gli F-35 dell’esercito israeliano, noti come F35I Adir, sono attualmente utilizzati dall’aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

ATP/Veryon

ATP produce software per gli F-35. Gli aerei da combattimento F35 della Lockheed Martin vengono abitualmente utilizzati in crimini di guerra contro civili palestinesi e sono stati ampiamente utilizzati nel bombardamento di Gaza del 2014 e del 2021. Il Ministero della Difesa israeliano ha stipulato un accordo da 3 miliardi di dollari in Luglio per acquistare altri 25 F-35.

BAE

BAE Systems fornisce sistemi d'arma e componenti alla flotta di aerei da combattimento F-15, F-16 e F-35 dell'aeronautica israeliana.

Campana Textron

Bell Textron Canada Ltd ha uno stabilimento di produzione e assistenza per elicotteri a Mirabel QC e un centro di fornitura a Calgary. Almeno due modelli dei loro elicotteri da caccia sono utilizzati dall'aeronautica israeliana.

Prodotti Ben Machine

Azienda canadese che fornisce componenti del sistema di attuazione elettroidraulico al programma F-35. Gli F-35 dell’esercito israeliano, noti come F35I Adir, sono attualmente utilizzati dall’aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

Boeing/Jeppesen/Aviall

Boeing è la terza compagnia militare più grande del mondo. Produce molteplici sistemi d’arma venduti all’esercito israeliano che vengono abitualmente utilizzati nei crimini di guerra contro i civili palestinesi, inclusi aerei da combattimento, elicotteri d’attacco, missili, bombe e kit di bombe a guida di precisione. Jeppesen e Aviall sono di proprietà della Boeing.

Boeing ha precedentemente osservato che “i partner canadesi forniscono parti aerospaziali per tutti i modelli di aerei commerciali Boeing e quasi tutti i programmi di difesa, inclusi gli aerei da caccia AH-64 Apache e F-15”. Entrambi sono attualmente utilizzati da Israele per bombardare Gaza.

Bruco

Per decenni, Bruco ha fornito a Israele il bulldozer corazzato D9, fornito dall'esercito israeliano utilizza abitualmente demolire le case palestinesi e le infrastrutture civili nella Cisgiordania occupata e imporre il blocco di Gaza. Ora, i loro bulldozer sono stati cruciali nell’invasione di terra, accompagnando le truppe combattenti e aprendo loro la strada sgombrando strade e demolendo edifici, e negli attuali raid contro le città della Cisgiordania. Israele posto un ordine urgente per dozzine di bulldozer corazzati D9, alcuni dei quali sono stati convertito in veicoli telecomandati o semiautonomi affinché possano circolare senza conducente in aree “complesse” e “ad alto rischio”. A novembre, la Israel Aerospace Industries, la società che converte i bulldozer, ha modificato altre unità per l'esercito israeliano per le sue operazioni a Gaza.

elettronica cmc

Una società di avionica, fondata in Canada, che ha chiesto una licenza di esportazione nel 2018 per “Sistema di gestione del volo dimostrativo CMA-9000” destinato a Elbit Systems. Elbit è la più grande compagnia di armi israeliana.

Comunicazioni aerospaziali di Cobham

La società madre di Cobham Aerospace Communications, Cobham, fa parte di Programma F-35. Gli F-35 dell'esercito israeliano, noti come F35I Adir, sono attualmente utilizzati dall'aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

Collins Aerospace

Collins Aerospace è una filiale di RTX (ex Raytheon). Collins Aerospace ha collaborato con Elbit Systems per fornire Sistemi di visualizzazione montati su casco per il programma F-35. Collins partecipa anche alla produzione di elicotteri F-16 e Apache. Le flotte israeliane di aerei da combattimento F-35 e F-16, così come i suoi elicotteri Apache, vengono utilizzate nell'assalto a Gaza.

Puledro

Colt ha prodotto l'M16, il fucile d'assalto standard utilizzato dall'esercito israeliano dagli anni '1990 all'inizio degli anni 2010. Nel novembre 2023, Israele ha ordinato a Colt circa 18,000 fucili d’assalto M4 e MK18 per “squadre di sicurezza” civili in dozzine di città e paesi, compresi gli insediamenti israeliani illegali nella Cisgiordania occupata. Lo stabilimento Colt di Kitchener è considerato l'unica fabbrica significativa di mitragliatrici del Canada.

Curtiss-Wright

Una compagnia aerospaziale quella supporta Il programma F-35 della Lockheed Martin, che fornisce attrezzature legate alla gestione di armamenti e missili su questi aerei da combattimento. IL azienda fornisce anche l'elettronica agli elicotteri Apache. Curtiss-Wright è stata elencata da Lockheed Martin nel 2019 come una delle società canadesi che contribuiscono al programma F-35. Le flotte israeliane di aerei da combattimento F-35 ed elicotteri Apache vengono utilizzate nell'assalto a Gaza.

Produzione di cicloni

Costruisce parti di precisione per Lockheed Martin F35s da diversi GTA strutture.

Eccellenza

Crea optoelettronica per una gamma di usi civili e militari e ha esportati vari prodotti in Israele.

guado

Ford Motor Company è una casa automobilistica statunitense i cui camioncini commerciali sono blindati e adattati per l'esercito israeliano. Il camioncino Ford Super Duty F-350 XL, ad esempio, funge da base per il veicolo corazzato leggero SandCat di Plasan. Il 6 dicembre, un aereo cargo statunitense consegnato Veicoli SandCat verso Israele.

FTG

FTG è un fornitore al programma F-35.

Gastop

Azienda canadese che fornisce il monitoraggio dello stato dei motori per il programma F-35. Gli F-35 dell'esercito israeliano, noti come F35I Adir, sono attualmente utilizzati dall'aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

General Dynamics

Il sesto produttore mondiale di armi, General Dynamics
fornisce all’esercito israeliano un’ampia varietà di armi, comprese munizioni di artiglieria e bombe per gli aerei d’attacco attualmente utilizzati nell’assalto israeliano a Gaza. Le tecnologie dell’azienda sono anche integrate nei principali sistemi d’arma israeliani, inclusi aerei da combattimento e veicoli corazzati da combattimento.

La Dinamica Generale è la unica compagnia negli Stati Uniti che produce i corpi metallici della serie di bombe MK-80, il tipo di arma principale utilizzata da Israele per bombardare Gaza, e Proiettili di artiglieria calibro 155 mm, che sono stati ampiamente utilizzati per attaccare Gaza. Maggiori informazioni tramite AFSC qui ed qui.

General Dynamics Land Systems 

Una filiale di General Dynamics, GDLS fornisce componenti e kit per veicoli blindati e altri sistemi d'arma all'esercito israeliano. 

General Electric/GE

Una delle più grandi aziende produttrici di armi al mondo, GE produce motori per molteplici sistemi d'arma che vengono abitualmente utilizzati nei crimini di guerra contro i palestinesi, inclusi gli elicotteri Apache e gli aerei da combattimento F-15 della Boeing e F-16 della Lockheed Martin.

General Motors

Fornisce motori e unità di trasmissione per molteplici veicoli utilizzati dall'esercito israeliano. In Giugno 2022, il Dipartimento di Produzione e Approvvigionamento del Ministero della Difesa israeliano ha firmato un ordine di 100 milioni di shekel da parte delle Israel Aerospace Industries (IAI) per diverse centinaia di veicoli fuoristrada con motori a benzina prodotti dalla General Motors. I veicoli sono destinati a unità speciali dell'esercito israeliano.

Tecnologie GeoSpectrum (Canada)

GeoSpectrum è un filiale dell'Elbit. Elbit è la più grande compagnia militare e di armi israeliana.

Heroux-Devtek

Heroux-Devtek possiede APPH, che produce tecnologia militare e carrelli di atterraggio per i droni di Elbit. I droni di Elbit vengono abitualmente utilizzati per bombardare e sorvegliare i palestinesi. Heroux-Devtek è anche fornitore del programma di aerei da caccia F-35.

Hikvision

Hikvision vende telecamere di sorveglianza all’esercito, alla polizia e alle agenzie di sicurezza israeliane, anche negli insediamenti illegali nei territori palestinesi occupati. Maggiori informazioni tramite AFSC.

Honeywell aerospaziale

Ha fornito motori a reazione e servizi correlati al Ministero della Difesa israeliano, compresi aerei da caccia da addestramento. Suo Ontario operazioni di fornitura di componenti per gli aerei F-35 della Lockheed Martin.

Horstmann Canada

Horstman Canada è una società di veicoli da combattimento e una divisione della società tedesca del gruppo Renk che produce motori e sistemi di trasmissione per i principali carri armati e veicoli corazzati israeliani.

Incas

Produce veicoli blindati e ha fornito al governo israeliano più unità di comando e controllo di qualsiasi altro fornitore nella storia.

Robotica Kraken

Kraken fornisce il suo sistema sonar trainato KATFISH a Elbit Systems Ltd., la più grande azienda di armi israeliana.

L3 Harris

Nono produttore di armi al mondo, i componenti L3Harris sono integrati in molteplici sistemi d'arma utilizzati dall'esercito israeliano, comprese le bombe aria-terra israeliane, nonché i suoi principali aerei da guerra, carri armati e navi da guerra. Nello specifico, i componenti di L3Harris sono integrati nei kit JDAM della Boeing, nell'aereo da guerra F-35 della Lockheed Martin, nelle navi da guerra Sa'ar 5 della Northrop Grumman, nelle navi da guerra Sa'ar 6 della ThyssenKrupp e nei carri armati israeliani Merkava.

Latecuore

Precedentemente chiamata Avcorp, Latecoere produce componenti strutturali per l'F35 nel proprio sito a Delta, BC. Gli F-35 dell'esercito israeliano, noti come F35I Adir, sono attualmente utilizzati dall'aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

Leidos

Ha fornito a Israele tecnologie di screening utilizzate in diversi posti di blocco militari nei territori palestinesi occupati. I body scanner SafeView dell'azienda sono stati installati ai checkpoint di Qalandia, Betlemme e Sha'ar Efraim (Irtach) nella Cisgiordania occupata. Inoltre, gli scanner SafeView e ProVision sono stati installati al checkpoint di Erez nella Striscia di Gaza.

Leonardo SpA/DRS

Leonardo realizza i cannoni navali installati sulle navi da guerra Sa'ar della Marina israeliana, utilizzate per colpire Gaza negli ultimi mesi. Producono anche sistemi di puntamento per l'aereo da caccia F-35 e vari componenti per gli elicotteri d'attacco Apache che sono stati schierati a Gaza.

Lockheed Martin

La più grande compagnia militare del mondo. Produce molteplici sistemi d’arma che vengono abitualmente utilizzati nei crimini di guerra contro civili palestinesi, inclusi gli aerei da combattimento F16 e F35, aerei da guerra ampiamente utilizzati nel bombardamento di Gaza del 2014 e 2021 e utilizzati anche dall’IDF nel 2023-2024. Lockheed Martin produce missili Hellfire AGM-114 per gli elicotteri Apache israeliani. Questi missili, uno dei principali tipi di armi utilizzati negli attacchi aerei su Gaza, sono stati ampiamente utilizzati nel 2023.

Magellano aerospaziale

La Magellan di Winnipeg produce “assiemi critici di volo” per la Lockheed Martin per la produzione dei loro aerei da caccia F-35.

Lo stabilimento Magellan di Kitchener ha ricevuto un premio pluriennale contratto nel 2022 da Lockheed Martin per complessi componenti in titanio lavorato per tutte e tre le varianti dell'aereo F-35.

Gli F35 vengono abitualmente utilizzati in crimini di guerra contro civili palestinesi e sono stati ampiamente utilizzati nel bombardamento di Gaza del 2014 e del 2021. Il Ministero della Difesa israeliano ha stipulato un accordo da 3 miliardi di dollari Luglio per acquistare altri 25 F-35.

Mecaer Aviation

Produce componenti del carrello di atterraggio per l'aereo da caccia F-35. Gli F-35 dell'esercito israeliano, noti come F35I Adir, sono attualmente utilizzati dall'aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

Northrop Grumman

Northrop Grumman è il sesto produttore di armi al mondo e fornisce all'aeronautica israeliana il sistema di lancio di missili Longbow per i suoi elicotteri d'attacco Apache e sistemi di lancio di armi laser per i suoi aerei da combattimento. Ha inoltre fornito alla Marina israeliana le navi da guerra Sa'ar 5, che hanno partecipato all'assalto a Gaza.

Palantir

Palantir ha fornito il suo sistema di polizia predittiva basato sull’intelligenza artificiale alle forze di sicurezza israeliane da utilizzare nella sorveglianza della popolazione civile palestinese nei territori palestinesi occupati. Il sistema ha lo scopo di identificare gli individui che si ritiene possano lanciare attacchi terroristici da “lupo solitario” e viene utilizzato per giustificarli arresto preventivo.

La Royal Bank of Canada è uno dei principali investitori in Palantir, con una proprietà di 2,380,700 azioni al 30 giugno 2023.

PCC Centro Aerostrutture

Una società canadese che produce componenti per l'F-35. I componenti canadesi prodotti per il programma F-35 vengono fabbricati in Canada ed esportati a Fort Worth, in Texas, per essere integrati nell'aereo sulla catena di montaggio finale. Gli F-35 dell'esercito israeliano, noti come F35I Adir, sono attualmente utilizzati dall'aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

Pratt e Whitney

Una filiale di RTX, ex Raytheon Technologies, Pratt & Whitney ha una lunga storia di vendite al Ministero della Difesa israeliano.

L'aeronautica israeliana utilizza aerei con motore Pratt & Whitney da oltre 65 anni. Pratt & Whitney ha attualmente un contratto di 15 anni con l'IMOD per la manutenzione dell'intera flotta di F-15 e F-16 della IAF, quest'ultimo essendo il più importante aereo da caccia della IAF.

Inoltre, il motore F135 di Pratt & Whitney alimenta l'aereo da caccia Lockheed Martin F35. Le versioni israeliane, note come F35I Adir, vengono utilizzate dall'aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

La filiale canadese di Pratt & Whitney produce il motore turboelica PT6A che alimenta i droni Heron TP/Eitan della IAI. Questi droni da combattimento possono essere armati di missili e Israele li utilizza negli attacchi aerei, nella sorveglianza, nella raccolta di informazioni e nell’acquisizione di obiettivi. Israele li sta usando nel suo attuale attacco a Gaza.

Maggiori informazioni qui.

Raytheon/RTX

La seconda azienda militare più grande del mondo, RTX (ex Raytheon) produce missili, bombe, componenti per aerei da combattimento e altri sistemi d'arma utilizzati dall'esercito israeliano contro i civili palestinesi. In particolare, RTX fornisce all’aeronautica israeliana missili guidati aria-superficie per i suoi aerei da caccia F-16, nonché bombe a grappolo e anti-bunker, che sono stati costantemente utilizzati contro la popolazione civile e le infrastrutture di Gaza.

Reinmetall Canada

Il più grande produttore di armi della Germania, Rheinmetall è attualmente fornitura Israele con 10,000 colpi di munizioni per carri armati di precisione da 120 mm.

Anche Rheinmetall è partner di Elbit. Elbit è la più grande compagnia militare e di armi israeliana.

Roshel

Un produttore di veicoli blindati con sede a Brampton, Ontario, che ha richiesto i permessi di esportazione per inviare una trentina di veicoli blindati da pattuglia al governo israeliano poco dopo il 7 ottobre 2023. Roshel's sito web pubblicizza la loro partnership con Israeli Aerospace Industries, un colosso israeliano di armi di proprietà statale.

Gruppo Safran

Il Gruppo Safran ha un accordo con il governo israeliano per fornirgli apparecchiature di telemetria che serviranno a testare il suo sistema antimissile, in particolare il sistema Arrow 3, nonché un accordo con il produttore di armi israeliano Rafael Advanced Defense Systems per integrare Safran Vectronix Moskito Ti di AG con Fire Weaver di Rafael per creare tecnologia di targeting sul campo di battaglia.

Senstar

Un'azienda israeliana specializzata in sistemi di sicurezza ad alta tecnologia per recinzioni e muri. Il suo sistema di rilevamento delle intrusioni perimetrali è installato nei muri della Cisgiordania e di Gaza.

Gruppo Smiths

Una società britannica che fornisce una serie di componenti al programma di aerei da caccia F35.

Stelia aerospaziale

Produce componenti strutturali per l'aereo da caccia F-35 Lunenberg facilità. Gli F-35 dell'esercito israeliano, noti come F35I Adir, sono attualmente utilizzati dall'aeronautica israeliana nella sua mortale campagna di bombardamenti su Gaza.

Thales

Thales è coinvolta da decenni nella catena di fornitura militare israeliana, fornendo vari sistemi e componenti per l'aeronautica, la marina e le forze di terra israeliane. Thales fornisce anche materiali per gli aerei da combattimento israeliani, come l'F-15 e l'F-35. Inoltre, Thales fornisce a Israele radar, missili, sistemi di guerra elettronica, sistemi di comunicazione e attrezzature navali. Thales collabora con Elbit, la più grande azienda di armi israeliana, e possiede congiuntamente una società controllata UAV Tactical Systems (U-TacS), che produce droni killer.

Thyssenkrupp

Una società di costruzioni navali tedesca quella vanta circa decenni di cooperazione con il Ministero della Difesa israeliano e la Marina israeliana. Recentemente ha firmato un accordo da 3 miliardi di dollari per fornire nuovi sottomarini all'IDF.

I migliori assi

Top Aces fornisce "addestramento avversario avanzato" alle forze aeree. Recentemente hanno acquistato 29 ex aerei da combattimento israeliani (F-16).

Tecnologie TTM

TTM Technologies ha esportato circuiti stampati dalla sua sede canadese destinati ai destinatari Elbit Systems & Artem Technologies Ltd, due società israeliane, secondo documenti parzialmente oscurati inclusi in un documento Studio 2020-2021 dal Comitato permanente canadese per gli affari esteri e lo sviluppo internazionale (FAAE). Secondo i documenti e a Analisi dei vomeri di tali record, i circuiti stampati verrebbero utilizzati "per la flotta israeliana di aerei F-15 e V-22, componenti per radio, veicoli da trasporto e altri beni militari".

Altre società in Canada che supportano l'esercito israeliano:
Amazon

Con Google realizza Project Nimbus, un contratto da 1.22 miliardi di dollari per fornire tecnologia cloud all'esercito e al governo israeliani.

Awz Ventures

Awz Ventures è un fondo di venture capital. Per anni, l’azienda ha investito, almeno in totale $350 milioni-nelle aziende high-tech che sostenere l’industria della sicurezza israeliana. Nel 2021, Awz ha lanciato un acceleratore di start-up a Tel Aviv collabora con il Ministero della Difesa israelianodell'ala di ricerca e sviluppo di e di altre agenzie israeliane, tra cui l'agenzia di intelligence Mossad, l'agenzia di sicurezza Shin Bet e l'unità d'élite di cyber intelligence delle Forze di Difesa Israeliane (IDF). Stephen Harper è uno dei principali partner dell'azienda e presidente del suo comitato consultivo.
Maggiori informazioni sui collegamenti di Awz Ventures con l'esercito israeliano in questo articolo sulla violazione.

Cisco

Dal 2020 Cisco è edificio un sistema di comunicazione unificato per l'esercito israeliano, che centralizza il trasferimento di video, voce e dati tra le unità e migliora i tempi di risposta dell'esercito.

David Kirsch Spedizionieri

Una grande compagnia di spedizioni canadese che non sposta merci ma svolge un ruolo nella logistica della spedizione di merci legate alla difesa in Israele. David Kirsch Forwarders Ltd è nominato nel Ministero della Difesa israeliano documento contenente "istruzioni di spedizione per merci di origine canadese". Coloro che effettuano spedizioni sia via aerea che via mare devono contattare questa azienda prima che la merce sia disponibile per la spedizione. Ciò include istruzioni sull'invio di esplosivi.

Google

Con Amazon, Google crea Project Nimbus, un contratto da 1.22 miliardi di dollari per fornire tecnologia cloud all’esercito e al governo israeliani.

HP

Forniscono hardware informatico all'esercito israeliano e mantengono i data center attraverso i loro server per la polizia israeliana. Forniscono i server Itanium per far funzionare il Sistema Aviv, il database computerizzato dell'Autorità israeliana per la popolazione e l'immigrazione. Ciò costituisce la spina dorsale della segregazione razziale e dell'apartheid in Israele.

Scotia Bank

Non una compagnia di armi, ma nota per il suo investimento di 500 milioni di dollari in Elbit, la più grande compagnia militare e di armi israeliana.

Zim

Zim è la più grande compagnia di navigazione israeliana e fornisce armi all'esercito israeliano.

Maggiori informazioni sul commercio di armi tra Canada e Israele

Secondo lo stesso governo canadese, an embargo sulle armi è una sanzione che “mira a impedire che armi e attrezzature militari lascino o raggiungano un paese preso di mira”. Un embargo sulle armi può essere emanato immediatamente e unilateralmente dai funzionari canadesi, e questo processo non è né senza precedenti né insolito. Negli ultimi anni, le autorità canadesi hanno bloccato le esportazioni di armi verso alcuni paesi a seguito di violazioni dei diritti umani; negli anni ’1980, ha imposto un embargo bilaterale sulle armi a Israele come risposta alla violenza di stato contro i palestinesi. Non c’è motivo per cui oggi non possa essere emanato un embargo contro Israele. 

Lunedì 18 marzo la maggioranza dei parlamentari ha votato a favore di una mozione non vincolante che includeva la richiesta al Canada di smettere di esportare armi verso Israele (un embargo unidirezionale sulle armi).

Nei due giorni successivi, il ministro Joly e Global Affairs Canada hanno dichiarato che il Canada darà seguito alla mozione sospendendo l'approvazione di qualsiasi ulteriore permesso per le esportazioni militari verso Israele.

Si tratta di un enorme allontanamento dal sostegno di lunga data del Canada a Israele, ed è davvero un grosso problema. La pressione dei movimenti ha spinto con successo il governo canadese a impegnarsi a sospendere queste esportazioni di armi. Una volta adottata questa politica, costringeremo il Canada a compiere un passo davvero storico per un paese del G7 e uno dei principali alleati di Israele. Questa notizia sta già suscitando l’indignazione della lobby filo-israeliana e facendo scalpore a livello internazionale.

Questo è un grosso problema, ma non è ancora un embargo sulle armi. 

Sebbene il governo canadese stia promettendo di non approvare ulteriori permessi di armi a Israele, non si è impegnato a fermare effettivamente il trasporto di armi per quei permessi che sono stati precedentemente approvati. Qualsiasi sospensione che escluda il numero record di approvazioni di armi per Israele che il nostro governo ha imposto tra ottobre e dicembre si fa beffe della nostra richiesta collettiva di un embargo sulle armi. Inoltre non si sono impegnati a porre fine all’importazione di armi da Israele.

Questi sono i passi che il governo deve ora compiere – e che organizzeremo e mobiliteremo per assicurarci che li facciano – per attuare un vero e proprio embargo sulle armi contro Israele.

✔️ Impegnarsi a fermare l’approvazione dei permessi di esportazione militare verso Israele

🔲 Pubblicare un aggiornamento politico che sospende tutti i nuovi permessi di esportazione verso Israele sul sito web Global Affairs Canada

🔲 Interrompere il trasferimento di armi già approvate per l'esportazione in Israele

🔲 Colmare la scappatoia vietando che le armi arrivino a Israele attraverso gli Stati Uniti

🔲 Rendere l'embargo bidirezionale fermando l'acquisto di armi da Israele.

Questo progresso non sarebbe mai avvenuto senza la potente e crescente organizzazione di base in tutto il paese che chiedeva un embargo sulle armi. Ma questo non è il momento di dichiarare vittoria e andare avanti, anzi.

È un momento critico per aumentare la pressione per rendere tutto ciò reale e fermare effettivamente il flusso di tutti i beni militari da e verso Israele.

Le aziende produttrici di armi in tutto il Canada stanno armando – e ricavando una fortuna – la carneficina di Gaza e il massacro di migliaia di palestinesi vendendo armi e tecnologia militare a Israele.

Per cinque mesi, l’esercito israeliano ha bombardato indiscriminatamente i quartieri civili e le infrastrutture di Gaza, uccidendo oltre 30,000 persone, quasi la metà delle quali bambini. Scuole, ospedali, sistemi di comunicazione, fonti d’acqua, agricoltura, nonché medici e giornalisti sono stati annientati in attacchi mirati e cibo e carburante sono stati bloccati, portando a una catastrofe inimmaginabile trasmessa in diretta streaming sui nostri telefoni. Quasi 2 milioni di persone sono state sfollate, costrette a marciare da un’estremità all’altra della Striscia di Gaza mentre le bombe vengono sganciate nelle “zone sicure”.

Sebbene il governo canadese abbia finalmente votato a favore di un cessate il fuoco, il Canada continua a sostenere gli attacchi dell’esercito israeliano a Gaza, in particolare trasferendo armi a Israele a livelli record.

Chiediamo al Canada di imporre un embargo sulle armi a Israele, con effetto immediato. Ciò significa che il Canada fermerebbe immediatamente tutti i trasferimenti di armi a Israele. Ciò include l’annullamento dei contratti esistenti per la vendita di armi, componenti o servizi militari a Israele, la revoca delle licenze di esportazione esistenti, la mancata emissione di nuovi contratti o licenze di esportazione e l’immediata interruzione del trasferimento delle licenze precedentemente approvate.

È tempo che il Canada renda reale la sua richiesta di cessate il fuoco, interrompendo il flusso di armi verso Israele e mettendo in atto subito un embargo sulle armi.

Il valore del commercio di armi del Canada con Israele è stato accelerando negli ultimi anni e nel 2022 è stato al terzo livello più alto mai registrato. Infatti, secondo il governo canadese Esportazioni 2022 di beni militari rapporto, mentre Israele non era la principale destinazione di esportazione del Canada in termini di valore di beni militari, c'erano più permessi di esportazione militare lo scorso anno dal Canada a Israele più che a qualsiasi altro paese. Il Canada ha concesso 315 permessi per un totale di beni e tecnologia militare esportati in Israele nel 21.3 per un valore totale di 2022 milioni di dollari, inclusi 3.2 milioni di dollari in bombe, siluri, razzi, missili e altri ordigni esplosivi. Sfortunatamente i dati rilasciati dal governo canadese escludono gran parte dei beni militari che il Canada fornisce a Israele escludendo tutti i componenti di armi che vengono spediti negli Stati Uniti, in particolare compresi i componenti di fabbricazione canadese che attualmente vengono utilizzati negli aerei da caccia F-35i. utilizzato dall’IDF per bombardare Gaza.

Documenti ottenuti da L'acero attraverso una richiesta di accesso alle informazioni è emerso che da ottobre a dicembre il Canada ha autorizzato una quantità record di permessi di esportazione verso Israele – almeno 28.5 milioni di dollari, più che in tutto il 2021 o 2022.

Per esportare beni militari, i produttori canadesi devono ottenere i permessi previsti dal Legge sui permessi di esportazione e importazione (EIPA). Ogni anno, Global Affairs Canada deve consegnare un rapporto al Parlamento per fornire informazioni sull’esportazione di beni e tecnologie militari dal Canada in un dato anno solare.

Chiediamo al Canada di imporre un embargo sulle armi a Israele, con effetto immediato. Ciò significa che il Canada interromperà immediatamente tutti i trasferimenti di armi a Israele. Ciò include la cancellazione dei contratti esistenti per la vendita di armi, componenti o servizi militari a Israele, la revoca delle licenze di esportazione esistenti e la mancata emissione di nuovi contratti o licenze di esportazione.

Un embargo sulle armi può essere adottato immediatamente e ci sono precedenti in merito. Il governo canadese ha attivato molto rapidamente l’interruttore sui permessi di esportazione e intermediazione verso la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina, nonostante i contratti preesistenti e le relative passività. Il Canada ha smesso di rilasciare nuovi permessi e ha annullato quelli esistenti. (Vedere qui per maggiori informazioni.)

E hanno fatto qualcosa di simile con Turkiye nel 2021, annullando i permessi di esportazione esistenti e adottando una politica di presunto rifiuto contro l'autorizzazione di nuovi, a causa della fornitura illecita da parte di Turkiye di beni militari di fabbricazione canadese all'Azerbaigian, utilizzati negli attacchi dell'Azerbaigian contro gli armeni nel Nagorno-Karabakh. 

Anche il Canada ha imposto un embargo bilaterale sulle armi a Israele alla fine degli anni ’1980 come risposta alla violenza israeliana contro i palestinesi durante la prima Intifada. 

Il Ministro degli Affari Esteri Mélanie Joly ha l’autorità legale, ai sensi della legge canadese sui permessi di esportazione e importazione, e la responsabilità, ai sensi del Trattato sul commercio di armi, di negare i permessi di esportazione di armi a Israele per motivi di diritti umani. Può farlo oggi.

Nello stesso momento in cui il Canada esporta armi in Israele, il Canada le importa $130 milioni di armi da Israele tra il 2018 e il 2022, rendendo il Canada il sesto maggiore cliente di armi di Israele. Ciò significa che il nostro governo sta acquistando armi che sono state “testate in battaglia” contro i civili palestinesi, e che i soldi dei nostri contribuenti stanno finanziando la macchina da guerra israeliana.

Il Canada sta finanziando l'industria bellica israeliana nello stesso momento in cui le armi canadesi vengono utilizzate dall'esercito israeliano.

Questa vergognosa complicità deve finire adesso. 

Per questo motivo chiediamo un embargo totale sulle armi che fermi tutti i militari importazioni ed esportazioni tra Israele e Canada.

Il Canada ha la responsabilità giuridica, ai sensi del Trattato sul commercio delle armi (ATT) e della sua legislazione nazionale armonizzata (Canada's Export and Import Permits Act, EIPA), di garantire che le sue esportazioni di armi non vengano utilizzate per commettere gravi violazioni del diritto internazionale, o gravi violenza contro donne e bambini. Il Trattato sul commercio delle armi, di cui il Canada è firmatario, sottolinea l’importanza del rispetto del diritto internazionale umanitario, dei diritti umani e della regolamentazione del commercio globale di armi. Articolo 6.3 vieta i trasferimenti di armi da parte degli Stati contraenti se sanno che le armi potrebbero essere utilizzate per genocidi, crimini contro l'umanità, gravi violazioni delle convenzioni di Ginevra, attacchi diretti contro civili o altri crimini di guerra. C'è ampio prova precisamente che le armi vengono attualmente utilizzate da Israele di queste modi. 

Il 26 gennaio il Lo ha stabilito la Corte internazionale di giustizia che il Sudafrica ha dimostrato in modo plausibile che Israele sta commettendo un genocidio a Gaza. In effetti, la grande maggioranza dei giudici della Corte Internazionale di Giustizia ha concluso che i palestinesi di Gaza corrono un “rischio reale e imminente” di genocidio. La corte ha inoltre ordinato a Israele di rispettare sei misure provvisorie per proteggere i palestinesi di Gaza dalla violenza genocida. Questa sentenza ha implicazioni reali e urgenti per il Canada, che come parte della convenzione sul genocidio, ha l'obbligo di prevenire il genocidio non appena sarà consapevole che esiste il rischio che venga perpetrato. La sentenza della Corte Internazionale di Giustizia ha reso chiarissimi gli obblighi del Canada. Un passo ovvio e immediato che il Canada deve compiere per adempiere ai propri obblighi ai sensi del diritto internazionale è imporre un embargo sulle armi a Israele e smettere di consentire la vendita o il trasferimento di armi e componenti a Israele. Dovrebbe inoltre fermare tutte le vendite e i trasferimenti di armi e componenti fabbricati in Canada agli Stati Uniti o ad altre società internazionali per l’inclusione in sistemi d’arma destinati a Israele.

Il 23 febbraio gli esperti delle Nazioni Unite hanno rilasciato una dichiarazione di emergenza dichiarazione intitolato “Le esportazioni di armi verso Israele devono cessare immediatamente” che evidenziava la complicità del Canada e il commercio di armi con Israele. Ha osservato che “i funzionari statali coinvolti nelle esportazioni di armi possono essere individualmente responsabili penalmente per favoreggiamento e complicità in crimini di guerra, crimini contro l’umanità o atti di genocidio” e che le società di armi che contribuiscono alla produzione e al trasferimento di armi a Israele e le imprese che investono in tali le aziende rischiano anche di essere complici di violazioni del diritto internazionale umanitario e del diritto penale internazionale. 

Il governo canadese sta sentendo un’enorme pressione in questo momento per rispondere al motivo per cui il Canada continua a inviare armi a Israele. Invece di impegnarsi con la richiesta di un embargo sulle armi avanzata da decine di migliaia di persone in tutto il paese e da centinaia di organizzazioni della società civile e gruppi comunitari, hanno scelto di fare dichiarazioni profondamente fuorvianti e in alcuni casi categoricamente false riguardo al commercio di armi. .

Secondo un dichiarazione pubblicato il 29 febbraio da Project Ploughshares, i principali esperti canadesi di controllo degli armamenti:

Funzionari canadesi, compreso il Ministro degli Affari Esteri, hanno recentemente affermato che il Canada non esporta armi in Israele, ma ha invece esportato solo attrezzature “non letali” verso quel paese. Inoltre, il 14 febbraio 2024 il Primo Ministro ha dichiarato davanti al Parlamento che dal 7 ottobre 2023 non sono stati rilasciati permessi di esportazione per i trasferimenti di armi canadesi a Israele.

L'affermazione del ministro degli Esteri è fuorviante. L'affermazione del Primo Ministro è palesemente falsa.

I documenti recentemente rilasciati da Global Affairs Canada mostrano che i funzionari canadesi hanno autorizzato quasi 30 milioni di dollari in beni militari destinati a Israele dal 7 ottobre 2023. Queste recenti autorizzazioni all'esportazione di armi si aggiungono agli oltre 140 milioni di dollari (CAD costanti) in beni militari canadesi. si è trasferito in Israele negli ultimi dieci anni.

Nel regime di controllo delle esportazioni canadese non esiste alcuna categoria per le esportazioni di armi “non letali”. La questione rilevante è se il Canada abbia autorizzato l’esportazione di beni militari controllati in Israele – e lo ha fatto.

Dato che il governo del Canada riconosce tutte queste esportazioni proposte come beni militari, l’affermazione secondo cui il Canada esporta solo attrezzature “non letali” verso Israele è fuorviante. Non è necessario che la tecnologia sia letale per consentire altrimenti operazioni letali.

Ulteriori informazioni:

  • Leggi questo articolo pubblicato da The Maple sugli sforzi del governo per evitare la trasparenza sulle esportazioni di armi canadesi.
  • Ecco un documento preparato dai membri di Labour Against the Arms Trade, Labour 4 Palestine e World BEYOND War che vivono nella sede del deputato Dzerowicz per rispondere alla disinformazione proveniente da lei e dal suo ufficio qui.

Inviare un messaggio urgente per chiedere al Canada di smettere di armarsi e finanziare la violenza genocida di Israele attuando un immediato embargo sulle armi al vostro Deputato, al Primo Ministro e ai Ministri degli Affari Esteri, del Commercio Internazionale e della Difesa.

Toolkit: come agire contro le aziende produttrici di armi nella tua comunità

Aggiornamenti sulle azioni in tutto il Paese

Gli attivisti hanno bloccato i binari della CN utilizzati per il trasporto di armi in Israele tramite navi ZIM il giorno in cui una nave ZIM è arrivata a Kjipuktuk (Halifax) da Haifa.

I manifestanti di Vancouver hanno occupato il centro di Scotiabank il 9 novembre. La Scotia Bank detiene la maggiore quota estera di Elbit Systems, il più grande produttore di armi israeliano.

Protesta guidata da una famiglia di oltre un centinaio di persone presso gli uffici della Lockheed Martin a Esquimalt/Victoria BC. (13 novembre) Sull'edificio sono state lasciate immagini incollate di grano di bambini martiri e impronte di mani insanguinate.

Gli attivisti hanno coperto l'ingresso di un impianto di armi di Toronto con "schizzi di sangue". L3Harris produce componenti vitali per molti dei sistemi d’arma utilizzati dall’esercito israeliano, comprese le bombe aria-terra che cadono su Gaza in questo momento. Clicca sulla foto per saperne di più.

2 febbraio 2024 - Un picchetto alla Kraken Robotics di Terranova, una società che fornisce Elbit Systems, la più grande azienda di armi israeliana.

13 gennaio 2024 – Gli abitanti di Montreal si sono radunati a casa del ministro degli Affari esteri Melanie Joly, chiedendo la fine del sostegno militare e diplomatico del Canada al genocidio israeliano.

5 dicembre: un gruppo di cittadini si è riunito davanti alla fabbrica di armi della General Dynamics a Saint-Augustin-de-Desmaures, nel Quebec, per denunciare le spedizioni di armi dal Canada a Israele.

Guardate questo eccellente servizio giornalistico della CBC sul nostro blocco della INKAS, una compagnia di Toronto che arma Israele. E grazie a questo dirigente dell'INKAS per averci fatto sapere che la nostra azione ha funzionato così bene: “questa situazione sta facendo perdere denaro e profitti alla nostra azienda”.

Al monumento ai caduti a London, Ontario: cessate il fuoco adesso! Porre fine alla vendita di armi canadesi a Israele.

Gli attivisti hanno fatto visita a Leidos a Ottawa per far loro sapere che li vediamo trarre profitto dal massacro dei palestinesi. LEIDOS: #STOPARMINGISRAELE.

Gli attivisti hanno installato uno striscione in un ufficio della Lockheed Martin, Dipartimento della Difesa Nazionale e Victoria Shipyards. Clicca sulla foto per maggiori informazioni.

Pronti ad agire? Fatecelo sapere così possiamo supportare.

Possiamo aiutarti invitando gli alleati a unirsi a te, pubblicizzando i tuoi piani (se sono pubblici), attirando l'attenzione dei media, fornendo maggiori informazioni sui produttori di armi e diffondendo foto. Email canadastoparmingisrael@riseup.net entrare in contatto. E per favore inviateci successivamente le foto o taggateci sui social (@worldbeyondwarcanada su IG, @wbwcanada su Twitter) in modo da poter compilare e amplificare le azioni in tutto il paese.

In collaborazione con Labour for Palestine, Canadian Foreign Policy Institute, Just Peace Advocates, Labour Against the Arms Trade e la coalizione canadese BDS.

Per favore aiutaci a diffondere. Grafica condivisibile disponibile qui.
Si prega di indirizzare eventuali richieste dei media a canada@worldbeyondwar.org

Traduci in qualsiasi lingua