Porre fine a tutte le guerre significa chiudere tutte le basi militari. Un ovvio punto di partenza è con le basi mantenute da nazioni al di fuori dei loro confini. Di queste basi militari straniere, la stragrande maggioranza appartiene a una nazione, gli Stati Uniti. World BEYOND War lavora a livello globale per bloccare la creazione e l'espansione delle basi e per chiudere le strutture esistenti. Essere coinvolto, segno il nostro impegno di pace o contatti di noi.

Prova il nostro nuovo strumento per visualizzare le basi straniere degli Stati Uniti su un globo.

Questo è anche una campagna per proteggere una bellissima montagna abitata in Montenegro dall'essere trasformata in una base militare per la NATO.

Risorse per la chiusura di tutte le basi

  1. Aumentano la tensione. La presenza di quasi 200,000 truppe statunitensi, enormi arsenali e migliaia di aerei, carri armati e navi in ​​ogni angolo della Terra rappresenta una minaccia molto reale per le nazioni circostanti. La loro presenza è un ricordo permanente della capacità militare degli Stati Uniti e sono una provocazione per altre nazioni. Ancora peggio per le tensioni accresciute, le risorse ospitate su queste basi sono utilizzate per "esercitazioni" militari, che sono essenzialmente pratiche per la guerra.
  2. Facilitano la guerra. Il preposizionamento di armi, truppe, apparecchiature di comunicazione, aerei, carburante, ecc. Rende la logistica per l'aggressione degli Stati Uniti più rapida ed efficiente. Poiché gli Stati Uniti creano continuamente piani per azioni militari in tutto il mondo, e poiché l'esercito americano ha sempre alcune truppe "pronte", l'avvio delle operazioni di combattimento è molto semplice.
  3. Incoraggiano il militarismo. Piuttosto che scoraggiare potenziali avversari, le basi statunitensi antagonizzano altri paesi con maggiori spese militari e aggressioni. La Russia, ad esempio, giustifica i suoi interventi in Georgia e Ucraina puntando a invadere le basi statunitensi nell'Europa orientale. La Cina si sente circondata dalle oltre 250 basi statunitensi nella regione, il che porta a una politica più assertiva nel Mar Cinese Meridionale.
  4. Provocano il terrorismo. In Medio Oriente, in particolare, le basi e le truppe statunitensi hanno provocato minacce terroristiche, radicalizzazione e propaganda anti-americana. Le basi vicino ai luoghi sacri musulmani in Arabia Saudita erano un importante strumento di reclutamento per al-Qaeda.
  5. Mettono in pericolo i paesi ospitanti.  I paesi che hanno risorse militari statunitensi di stanza su di loro diventano bersagli per attaccare essi stessi in risposta a qualsiasi aggressione militare statunitense.
  6. Ospitano armi nucleari. A partire dal 22 gennaio 2020 entrerà in vigore il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari (TPNW). Le armi nucleari degli Stati Uniti sono posizionate in cinque paesi europei che non hanno armi nucleari di per sé: Belgio, Germania, Italia, Paesi Bassi e Turchia, più uno che ne ha: il Regno Unito. La possibilità di un incidente o di diventare un bersaglio potrebbe essere catastrofica.
  7. Sostengono dittatori e regimi repressivi e antidemocratici. Decine di basi statunitensi si trovano in più di 40 paesi autoritari e poco democratici, tra cui Bahrain, Turchia, Thailandia e Niger. Queste basi sono un segno di sostegno ai governi implicati in omicidi, torture, soppressione dei diritti democratici, oppressione di donne e minoranze e altre violazioni dei diritti umani. Lungi dal diffondere la democrazia, le basi all'estero spesso bloccano la diffusione della democrazia.
  8. Causano danni ambientali irreparabili. La maggior parte degli accordi dei paesi ospitanti sono stati stipulati negli anni prima che fossero in vigore molte normative ambientali e anche adesso gli standard e le leggi che sono stati creati per gli Stati Uniti non si applicano alle basi militari straniere statunitensi. Non ci sono meccanismi di applicazione per i paesi ospitanti da applicare per garantire il rispetto delle normative ambientali locali e potrebbe non essere nemmeno consentito di fare ispezioni a causa degli accordi sullo stato delle forze (SOFA) tra i paesi. Inoltre, quando una base viene restituita al paese ospitante non ci sono requisiti per gli Stati Uniti per ripulire il danno che ha causato, o addirittura rivelare la presenza di alcune tossine come l'Agente Orange o l'uranio impoverito. Il costo per pulire il carburante, la schiuma antincendio, ecc. Può costare miliardi. A seconda del SOFA, gli Stati Uniti potrebbero non dover finanziare affatto la pulizia. Anche la costruzione delle basi ha causato danni ecologici permanenti. La costruzione di una nuova struttura attualmente in costruzione a Henoko, Okinawa, sta distruggendo le barriere coralline molli e l'ambiente per le specie in via di estinzione. Isola di Jeju, Corea del Sud, un'area designata come "Area di conservazione assoluta" e Conservazione della biosfera dell'UNESCO, e nonostante la forte opposizione degli abitanti dell'isola di Jeju, è in costruzione un porto in acque profonde per gli Stati Uniti che ha causato danni irreparabili.
  9. Causano inquinamento.Lo scarico di aerei e veicoli statunitensi causa un significativo degrado della qualità dell'aria. Le sostanze chimiche tossiche provenienti dalle basi entrano nelle fonti d'acqua locali e i getti creano un enorme inquinamento acustico. L'esercito americano è il singolo più grande consumatore di combustibili fossili e produttore di emissioni di gas a effetto serra nel mondo, ma questo è raramente riconosciuto durante la discussione sul cambiamento climatico. In effetti, gli Stati Uniti hanno insistito per un'esenzione per la segnalazione delle emissioni militari nel protocollo di Kyoto del 1997.
  10. Costano una cifra esorbitante. Le stime del costo annuale delle basi militari straniere statunitensi vanno da 100 a 250 miliardi di dollari. Secondo le Nazioni Unite, la fame nel mondo potrebbe finire per un costo di soli 30 miliardi di dollari all'anno; immagina solo cosa si potrebbe fare con altri $ 70 miliardi.
  11. Negano la terra alle popolazioni indigene. Da Panama a Guam a Porto Rico a Okinawa a dozzine di altre località in tutto il mondo, i militari hanno sottratto terre preziose alle popolazioni locali, spesso allontanando gli indigeni nel processo, senza il loro consenso e senza riparazioni. Ad esempio, tra il 1967 e il 1973, l'intera popolazione delle Isole Chagos - circa 1500 persone, è stata rimossa con la forza dall'isola di Diego Garcia dal Regno Unito in modo che potesse essere affittata agli Stati Uniti per una base aerea. I chagossiani furono portati via dalla loro isola con la forza e trasportati in condizioni paragonabili a quelle delle navi di schiavi. Non potevano portare nulla con sé ei loro animali venivano uccisi davanti ai loro occhi. I Chagossiani hanno presentato più volte petizioni al governo britannico per il ritorno della loro casa e la loro situazione è stata affrontata dalle Nazioni Unite. Nonostante un voto schiacciante dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite e un parere consultivo della Corte internazionale di giustizia dell'Aia secondo cui l'isola dovrebbe essere restituita ai Chagossiani, il Regno Unito ha rifiutato e gli Stati Uniti continuano oggi le operazioni da Diego Garcia.
  12. Causano problemi economici per i paesi "ospitanti". L'aumento delle tasse sulla proprietà e dell'inflazione nelle aree circostanti le basi statunitensi è noto per spingere la gente del posto fuori dalle loro case per cercare aree più economiche. Molte delle comunità che ospitano basi all'estero non vedono mai i guadagni economici che i leader statunitensi e locali promettono regolarmente. Alcune aree, soprattutto in comunità rurali povere, hanno visto boom economici a breve termine innescati dalla costruzione di basi. A lungo termine, tuttavia, la maggior parte delle basi raramente crea economie locali sostenibili e sane. Rispetto ad altre forme di attività economica, rappresentano usi improduttivi della terra, impiegano relativamente poche persone per le distese occupate e contribuiscono poco alla crescita economica locale. La ricerca ha costantemente dimostrato che quando le basi finalmente si chiudono, il file impatto economico is generalmente limitato e in alcuni casi effettivamente positivo - cioè, le comunità locali possono finire meglio quando scambiano basi per alloggi, scuole, complessi commerciali e altre forme di sviluppo economico.
  13. Stazionano le truppe americane che commettono crimini. Durante decenni di presenza militare permanente degli Stati Uniti all'estero, l'esercito e il suo personale hanno commesso molte atrocità. In modo schiacciante, i crimini passano inosservati e gli autori rimangono impuniti. Piuttosto che una raccolta di incidenti isolati, comprendono un modello di violazioni dei diritti umani e, in alcuni casi, crimini di guerra. La mancanza di rispetto per le vite ei corpi delle popolazioni indigene è un altro prodotto delle disparità di rapporti di potere tra le forze armate statunitensi e le persone di cui occupano la terra. Alle truppe americane all'estero viene spesso concessa l'impunità per ferire e uccidere coloro che si ritiene siano inferiori a loro. Questi crimini commessi direttamente dal personale statunitense sono subiti da popolazioni impotenti che non hanno possibilità di ottenere giustizia. Anche le loro narrazioni sono insabbiate e ignorate. Le truppe americane commettono crimini anche in uniforme. C'è una lunga storia sull'isola giapponese di Okinawa della popolazione locale che ha subito crimini violenti per mano dell'esercito americano, inclusi rapimenti, stupri e omicidi di donne e ragazze. La prostituzione è spesso pervasiva intorno alle basi statunitensi.

Vedi basi mappato in tutto il mondo, insieme ad altre misure di guerra e di pace.

Novità sulla campagna chiudi tutte le basi

Video sulla campagna Chiudi tutte le basi

Immagini dalla campagna Close All Bases

#NoBases #NoWar #WorldBEYONDWar

Traduci in qualsiasi lingua