B-61 Armi nucleari tattiche in Polonia: un'idea davvero negativa

L'ambasciatrice degli Stati Uniti d'America in Polonia, Georgetta Mosbacher, parla alle truppe polacche a Nowy Glinnik, in Polonia, il 05 dicembre 2018. [EPA-EFE / GRZEGORZ MICHALOWSKI]
L'ambasciatrice degli Stati Uniti d'America in Polonia, Georgetta Mosbacher, parla alle truppe polacche a Nowy Glinnik, in Polonia, il 05 dicembre 2018. [EPA-EFE / GRZEGORZ MICHALOWSKI]
Una lettera aperta al primo ministro polacco, Mateusz Moraviecki, al ministro degli esteri polacco, Jacek Czaputowicz e al ministro della difesa polacco, Antoni Macierewicz

Di John Hallam, 22 maggio 2020

Caro Primo Ministro, Ministro degli Esteri e Ministro della Difesa della Polonia,
Cari parlamentari polacchi ai quali viene copiata questa lettera,

Prima di tutto perdonami per aver scritto in inglese. L'inglese è la mia lingua madre, ma sono sposato da 37 anni (dal 1983) con una donna polacca. Ho visitato la Polonia molte volte, soprattutto a Cracovia, una città che amo molto e che è una specie di seconda casa per me. Mia moglie è originaria di Chorzow / Katowice, ma anche lei trascorre molto tempo a Cracovia.

Negli ultimi 20 anni ho trascorso la mia vita lavorando per il disarmo nucleare come Campagna delle Nazioni Unite per il disarmo nucleare per People for Nuclear Disarmament e come co-convenor del Gruppo di lavoro sull'abolizione del 2000 sulla riduzione del rischio nucleare.

Sto scrivendo sul possibile stazionamento di armi nucleari tattiche B-61 statunitensi in Polonia.

Semplicemente non riesco a immaginare un passo più propenso ad aumentare, (aumentare non diminuire) il rischio, già molto più grande di quanto dovrebbe essere, del fatto che la Polonia diventi un deserto radioattivo e, in tal modo, scatenando ciò che sarebbe ovviamente, essere l'apocalisse.

I politici tedeschi della coalizione di governo di Angela Merkel vogliono sbarazzarsi delle bombe a gravità B-61 a Buchel, giustamente, perché vedono l'esistenza stessa di quelle armi come provocatoria. Non è assolutamente loro intenzione imporli alla Polonia. Se, come giustamente credono, la presenza di quelle armi in Germania minaccia la sicurezza tedesca, la loro presenza in Polonia minaccerà la sicurezza polacca.

È abbastanza certo che quelle armi siano già prese di mira dai missili Iskander russi, a loro volta armati con testate nucleari da 200-400 Kt. Se esiste la possibilità che possano essere caricati sugli ormai antichi bombardieri Tornado della Germania e effettivamente utilizzati, è sicuramente chiaro che il loro uso sarebbe anticipato da quei missili Iskander. L'uso su larga scala delle testate con cui si pensa che gli Iskander siano puntati devasterebbe la Germania o la Polonia.

L'uso di armi nucleari, contro obiettivi tedeschi o polacchi, costituirebbe un trampolino di lancio per un olocausto globale il cui progresso sarebbe difficilmente possibile impedire. Ogni gioco di simulazione (gioco di guerra) giocato dal Pentagono o dalla NATO finisce allo stesso modo, con una guerra termonucleare globale totale in cui gran parte della popolazione mondiale muore in un tempo molto breve. Il modo in cui è probabile che gli eventi procedano è mostrato graficamente in 'Piano A ', una simulazione fatta dall'Università di Princeton. Mostra una guerra nucleare globale che inizia con l'uso di missili Iskander contro obiettivi in ​​Polonia.

I politici tedeschi che hanno sollecitato la rimozione delle armi tattiche statunitensi B61 dalla Germania, sembrano essere ben consapevoli di tale rischio e averne preso le conseguenze. Indipendentemente dai diritti e dai torti delle politiche russe, comprendono che si tratta di un rischio che non dovrebbe essere preso da nessuno. Pertanto vogliono che le armi vengano rimosse. Secondo i politici tedeschi:

“Se gli americani ritirano le loro truppe […] allora dovrebbero portare con sé le loro armi nucleari. Portateli a casa, ovviamente, e non in Polonia, il che sarebbe un'escalation drammatica nelle relazioni con la Russia ".

L'ambasciatore degli Stati Uniti in Polonia (15 maggio) ha tuttavia twittato che se le armi fossero rimosse dalla Germania potrebbero essere installate in Polonia.

L'ambasciatrice degli Stati Uniti in Polonia, Georgette Mosbacher, ha suggerito che nel caso in cui la Germania dovesse tentare di "ridurre il suo potenziale nucleare e indebolire la NATO", "forse la Polonia, che paga la sua giusta quota, comprende i rischi e si trova sul fianco orientale della NATO, potrebbe ospitare le capacità ”. La possibilità è stata discussa da dicembre 2015 dall'allora vice ministro della Difesa e attuale ambasciatore della Polonia presso la NATO, Tomasz Szatkowski. Queste discussioni dovrebbero cessare.

Le ragioni che si applicano alla Germania si applicano ancora di più alla Polonia, tranne per il fatto che la Polonia è molto più vicina sia a Iskander e altri missili a raggio intermedio a Kaliningrad, sia molto più vicina alla Russia. Se 20 bombe a gravità B61 sono una responsabilità non un vantaggio per la sicurezza tedesca, lo sono ancora di più per la sicurezza polacca.

Lo stazionamento di quelle "bombe a gravità" B-61, presumibilmente ora con sistemi di guida "intelligenti", sarebbe "massicciamente provocatorio" - più provocatorio anche delle loro attuali posizioni a Buchel, già Dio lo sa, abbastanza provocatorio.

Secondo l'analista statunitense ed ex ispettore delle armi Scott Ritter: "... Lungi dal dissuadere una guerra con la Russia, qualsiasi dispiegamento di armi nucleari da parte degli Stati Uniti sul suolo polacco aumenta solo la probabilità dello stesso conflitto che la NATO pretende di cercare di evitare". https://www.rt.com/op-ed/489068-nato-nuclear-poland-russia/

Davvero così. La presenza di bombe B61 in Polonia renderebbe ogni decollo di un cacciabombardiere a capacità nucleare dagli aeroporti polacchi in una potenziale minaccia esistenziale per la Russia alla quale sarebbe probabile rispondere di conseguenza - che l'aereo fosse nucleare - armato o no. Con conseguenze devastanti.

Nel 1997, i membri della NATO dichiararono che: "non hanno alcuna intenzione, nessun piano e nessuna ragione per dispiegare armi nucleari sul territorio di nuovi membri [NATO]". Lo hanno incorporato nel "Atto istitutivo" che ha stabilito relazioni tra NATO e Russia.

L'ipotesi che le armi nucleari statunitensi possano essere posizionate sul suolo polacco viola chiaramente tale impresa.
La Russia ha già detto che: "... Questa sarebbe una diretta violazione dell'Atto istitutivo sulle relazioni reciproche tra Russia e NATO, in cui la NATO si è impegnata a non collocare armi nucleari nel territorio di nuovi membri dell'Alleanza nordatlantica, né a in quel momento o in futuro ... dubito che questi meccanismi saranno implementati in termini pratici ",

Secondo lo stesso diplomatico russo, intervenendo in risposta a questo suggerimento, “Ci auguriamo che Washington e Varsavia riconoscano la pericolosità di tali dichiarazioni, che esacerbano un già difficile periodo di relazioni tra Russia e NATO, e minacciano le basi stesse della sicurezza europea , indebolito a seguito di passi unilaterali da parte degli Stati Uniti, in primo luogo attraverso la loro uscita dal Trattato INF ",

“Gli Stati Uniti potrebbero dare un contributo reale al rafforzamento della sicurezza europea restituendo le testate nucleari americane in territorio statunitense. La Russia lo ha fatto molto tempo fa, restituendo tutte le sue armi nucleari al suo territorio nazionale ",

È già abbastanza grave, e abbastanza pericoloso, che ci siano armi nucleari "tattiche" statunitensi in Germania.

La loro presenza è ritenuta pericolosa dalla maggior parte dei tedeschi e dai sostenitori del controllo degli armamenti e della riduzione del rischio nucleare. Lungi dal rafforzare la sicurezza tedesca, la mettono in pericolo.

La soluzione non è, enfaticamente, spostare le armi in Polonia dove saranno molto più vicine alla Russia e a Kaliningrad, ma eliminarle completamente.

Collocati in Polonia, saranno più un tripwire per l'apocalisse di quanto lo fossero anche in Germania, e il loro uso inizierà la completa e totale distruzione non solo della Polonia ma del mondo.

Giovanni Hallam

Persone per il disarmo nucleare / Progetto di sopravvivenza umana
Attivista delle Nazioni Unite per il disarmo nucleare
Co-Convenor, gruppo di lavoro per la riduzione del rischio nucleare di abolizione 2000
johnhallam2001@yahoo.com.au
jhjohnhallam@gmail.com
giovanni@pnnd.org
61-411-854-612
kontakt@kprm.gov.pl
bprm@kprm.gov.pl
sbs@kprm.gov.pl
sbs@kprm.gov.pl
press@msz.gov.pl
informacja.konsularna@msz.gov.pl
kontakt@mon.gov.pl

Risposte 2

  1. È difficile per me capire perché la premessa della lettera dell'ex ambasciatore non sia accettata con tutto il cuore dai leader polacchi e dal popolo polacco. Mi sembra abbastanza semplice e molto plausibile. Alcune nazioni che avrebbero potuto avere armi nucleari molti decenni fa, hanno deciso di non farlo proprio per questo motivo, ad esempio il Canada.

  2. Durante la guerra fredda, i generali americani puntarono i missili nucleari sulla Germania orientale; Non rendendosi conto che la Germania occidentale sarebbe stata distrutta dagli stessi missili nucleari statunitensi. DOH !!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Traduci in qualsiasi lingua