Mito: la guerra è giusta

Fatto: nessuno dei precetti della venerabile "teoria della guerra giusta" regge al controllo moderno, e il suo requisito che la guerra sia usata solo come ultima risorsa è impossibile in un'epoca in cui le alternative non violente si stanno dimostrando praticamente illimitate.

L'idea che le guerre a volte, almeno da un lato, possano essere considerate "giuste" è promossa nella cultura occidentale dalla teoria della guerra giusta, un insieme di dogmi antichi e imperialisti che non reggono al controllo.

Se la guerra fosse in grado di soddisfare tutti i criteri della teoria della guerra giusta, per essere effettivamente giusta, dovrebbe anche superare tutti i danni causati mantenendo l'istituzione della guerra. Sarebbe inutile, infine, avere una guerra giusta se i preparativi per le guerre e tutte le guerre indiscutibilmente motivate da questi preparativi hanno fatto più danni di quanto non abbia fatto la guerra giusta. L'istituzione della guerra, naturalmente, genera il rischio di apocalisse nucleare. È la più grande causa dei cambiamenti climatici. È il più grande distruttore dell'ambiente naturale. Infligge molti più danni attraverso la diversione dei finanziamenti dai bisogni umani e ambientali piuttosto che attraverso la sua violenza. È l'unico posto in cui è possibile reperire fondi sufficienti per compiere un serio tentativo di passare a pratiche sostenibili. È una delle principali cause dell'erosione delle libertà civili e un importante generatore di violenza, odio e fanatismo nella cultura circostante. Il militarismo militarizza le forze di polizia locali, oltre che le menti. Una guerra giusta avrebbe un peso pesante da superare.

Ma nessuna guerra giusta è effettivamente possibile. Alcuni criteri della teoria della guerra giusta sono puramente retorici, non possono essere misurati affatto e non possono quindi essere soddisfatti in modo significativo. Questi includono "retta intenzione", "giusta causa" e "proporzionalità". Altri non sono affatto fattori morali. Questi includono "dichiarato pubblicamente" e "intrapreso da un'autorità legittima e competente". Tuttavia altri semplicemente non sono possibili per nessuna guerra. Questi includono "ultima risorsa", "ragionevole prospettiva di successo", "non combattenti immuni da attacchi", "soldati nemici rispettati come esseri umani" e "prigionieri di guerra trattati come non combattenti". Ogni criterio è discusso nel libro di David Swanson La guerra non è mai giusta. Parliamo qui solo di uno, il più popolare: "ultima risorsa", estratto da quel libro.

Last Resort

Ovviamente è un passo nella giusta direzione quando una cultura si sposta dal desiderio aperto di Theodore Roosevelt per una nuova guerra per amore della guerra, alla pretesa universale che ogni guerra è e deve essere l'ultima risorsa. Questa finzione è così universale ora, che il pubblico degli Stati Uniti semplicemente la assume senza nemmeno essere informata. Uno studio accademico ha recentemente scoperto che l'opinione pubblica statunitense crede che ogni volta che il governo degli Stati Uniti propone una guerra, ha già esaurito tutte le altre possibilità. Quando a un gruppo campione è stato chiesto se sostenevano una particolare guerra, e a un secondo gruppo è stato chiesto se sostenevano quella particolare guerra dopo che gli era stato detto che tutte le alternative non erano buone, e a un terzo gruppo è stato chiesto se sostenevano quella guerra anche se c'erano buone alternative, i primi due gruppi hanno registrato lo stesso livello di sostegno, mentre il sostegno alla guerra è diminuito in modo significativo nel terzo gruppo. Ciò ha portato i ricercatori alla conclusione che se le alternative non sono menzionate, le persone non presumono che esistano, piuttosto, le persone presumono che siano già state provate.[I]

Per anni ci sono stati grandi sforzi a Washington, DC, per iniziare una guerra contro l'Iran. Alcune delle maggiori pressioni sono arrivate nel 2007 e nel 2015. Se quella guerra fosse iniziata in qualsiasi momento, sarebbe stata senza dubbio descritta come l'ultima risorsa, anche se la scelta di non iniziare quella guerra è stata scelta in numerose occasioni. . Nel 2013, il presidente degli Stati Uniti ci ha detto dell'urgente "ultima risorsa" di lanciare una grande campagna di bombardamenti sulla Siria. Quindi ha annullato la sua decisione, in gran parte a causa della resistenza pubblica ad essa. Si è rivelata l'opzione di non era anche disponibile il bombardamento della Siria.

Immaginate un alcolizzato che riuscisse ogni notte a consumare enormi quantità di whisky e che ogni mattina giurasse che bere whisky era stata la sua ultima risorsa, non aveva scelta. Facile da immaginare, senza dubbio. Un tossicodipendente si giustificherà sempre, per quanto insensato debba essere fatto. Ma immagina un mondo in cui tutti gli credessero e si dicessero solennemente “Non aveva davvero altra scelta. Aveva davvero provato tutto il resto. " Non è così plausibile, vero? Quasi inimmaginabile, in effetti. E ancora:

È opinione diffusa che gli Stati Uniti siano in guerra in Siria come ultima risorsa, anche se:

  • Gli Stati Uniti hanno trascorso anni sabotando i tentativi delle Nazioni Unite di pace in Siria.[Ii]
  • Gli Stati Uniti hanno respinto inavvertitamente una proposta russa di pace per la Siria in 2012.[Iii]
  • E quando gli Stati Uniti dichiararono che una campagna di bombardamenti era necessaria immediatamente come "ultima risorsa" in 2013, ma il pubblico americano era selvaggiamente contrario, altre opzioni furono portate avanti.

Nel 2015, numerosi membri del Congresso degli Stati Uniti hanno sostenuto che l'accordo nucleare con l'Iran doveva essere respinto e l'Iran attaccato come ultima risorsa. Non è stata fatta menzione dell'offerta dell'Iran del 2003 di negoziare il suo programma nucleare, un'offerta che era stata rapidamente disprezzata dagli Stati Uniti.

È opinione diffusa che gli Stati Uniti stiano uccidendo persone con droni come ultima risorsa, anche se in quella minoranza di casi in cui gli Stati Uniti conoscono i nomi delle persone a cui mirano, molti (e probabilmente tutti) di loro avrebbe potuto essere abbastanza facilmente arrestato.[Iv]

Era opinione diffusa che gli Stati Uniti avessero ucciso Osama bin Laden come ultima risorsa, finché le persone coinvolte non ammisero che la politica "uccidi o cattura" non includeva effettivamente alcuna opzione di cattura (arresto) e che bin Laden era stato disarmato quando era ucciso.[V]

Era opinione diffusa che gli Stati Uniti avessero attaccato la Libia nel 2011, rovesciato il suo governo e alimentato la violenza regionale come ultima risorsa, anche se nel marzo 2011 l'Unione Africana aveva un piano per la pace in Libia ma è stata impedita dalla NATO, attraverso la creazione di una “no fly zone” e l'inizio dei bombardamenti, recarsi in Libia per discuterne. Ad aprile, l'Unione africana ha potuto discutere il suo piano con il leader libico Muammar Gheddafi, che ha espresso il suo accordo.[Vi] La NATO aveva ottenuto l'autorizzazione delle Nazioni Unite per proteggere i libici ritenuti in pericolo, ma non aveva l'autorizzazione per continuare a bombardare il paese o rovesciare il governo.

Praticamente chiunque lavori per, e desidera continuare a lavorare, un importante sbocco mediatico americano, afferma che gli Stati Uniti hanno attaccato l'Iraq in 2003 come ultima risorsa o sorta di significato, o qualcosa del genere, anche se:

  • Il presidente degli Stati Uniti stava elaborando schemi di cockamamie per iniziare una guerra.[Vii]
  • Il governo iracheno aveva contattato Vincent Cannistraro della CIA con un'offerta di lasciare che le truppe statunitensi perquisissero l'intero paese.[Viii]
  • Il governo iracheno si è offerto di tenere elezioni monitorate a livello internazionale entro due anni.[Ix]
  • Il governo iracheno ha fatto un'offerta al funzionario di Bush Richard Perle per aprire l'intero paese alle ispezioni, per consegnare un sospetto nell'attentato al 1993 World Trade Center, per aiutare a combattere il terrorismo e per favorire le compagnie petrolifere statunitensi.[X]
  • Il presidente iracheno offrì, nel resoconto che il presidente della Spagna era stato dato dal presidente degli Stati Uniti, di lasciare semplicemente l'Iraq se potesse mantenere $ 1 miliardi.[Xi]
  • Gli Stati Uniti hanno sempre avuto la possibilità di non iniziare un'altra guerra.

Quasi tutti suppongono che gli Stati Uniti abbiano invaso l'Afghanistan nel 2001 e da allora siano rimasti lì come una serie di "ultimi ricorsi", anche se i talebani si sono offerti ripetutamente di consegnare bin Laden a un paese terzo per essere processato, al Qaeda non ha avuto presenza significativa in Afghanistan per la maggior parte della durata della guerra e il ritiro è stato un'opzione in qualsiasi momento.[Xii]

Molti sostengono che gli Stati Uniti entrarono in guerra con l'Iraq nel 1990-1991 come "ultima risorsa", anche se il governo iracheno era disposto a negoziare il ritiro dal Kuwait senza guerra e alla fine si offrì di ritirarsi semplicemente dal Kuwait entro tre settimane senza condizioni. Il Re di Giordania, il Papa, il Presidente della Francia, il Presidente dell'Unione Sovietica e molti altri hanno sollecitato una soluzione così pacifica, ma la Casa Bianca ha insistito sulla sua "ultima risorsa".[Xiii]

Anche mettendo da parte le pratiche generali che aumentano l'ostilità, forniscono armi e danno potere ai governi militaristi, così come i falsi negoziati intesi a facilitare piuttosto che evitare la guerra, la storia della guerra americana può essere fatta risalire attraverso i secoli come una storia di una serie infinita di opportunità per la pace accuratamente evitate a tutti i costi.

Il Messico era disposto a negoziare la vendita della sua metà settentrionale, ma gli Stati Uniti volevano farcela attraverso un atto di massacro. La Spagna voleva la questione del Maine per andare all'arbitrato internazionale, ma gli Stati Uniti volevano la guerra e l'impero. L'Unione Sovietica ha proposto negoziati di pace prima della guerra di Corea. Gli Stati Uniti hanno sabotato le proposte di pace per il Vietnam da vietnamiti, sovietici e francesi, insistendo incessantemente sulla sua "ultima risorsa" su qualsiasi altra opzione, dal giorno in cui l'incidente del Golfo del Tonchino ha imposto la guerra nonostante non fosse mai realmente avvenuta.[Xiv]

Se guardi attraverso un numero sufficiente di guerre, troverai incidenti quasi identici usati in un'occasione come scusa per una guerra e in un'altra occasione come niente del genere. Il presidente George W. Bush ha proposto al primo ministro britannico Tony Blair che sparare a un aereo degli U2 avrebbe potuto portarli in una guerra che volevano.[Xv] Tuttavia, quando l'Unione Sovietica abbatté un aereo U2, il presidente Dwight Eisenhower non iniziò la guerra.

Sì, sì, sì, si potrebbe rispondere, centinaia di guerre reali e ingiuste non sono l'ultima risorsa, anche se i loro sostenitori rivendicano questo status per loro. Ma una guerra giusta teorica sarebbe l'ultima risorsa. Lo sarebbe? Non ci sarebbe davvero altra opzione moralmente equivalente o superiore? Allman e Winright citano Papa Giovanni Paolo II sul "dovere di disarmare questo aggressore se tutti gli altri mezzi si sono dimostrati inefficaci". Ma "disarmare" è davvero l'equivalente di "bombardare o invadere"? Abbiamo visto guerre lanciate presumibilmente per disarmare, e il risultato è stato più armi che mai. Che dire cessando di armare come un possibile metodo di disarmo? Che dire di un embargo internazionale sulle armi? Che dire degli incentivi economici e di altro tipo per disarmare?

Non c'era momento in cui bombardare il Ruanda sarebbe stata una "ultima risorsa" morale. C'è stato un momento in cui la polizia armata avrebbe potuto aiutare, o tagliare un segnale radio utilizzato per provocare uccisioni avrebbe potuto aiutare. Ci sono stati molti momenti in cui operatori di pace disarmati avrebbero aiutato. C'è stato un momento in cui chiedere la responsabilità per l'assassinio del presidente avrebbe aiutato. Ci sono stati tre anni prima che l'astenersi dall'armare e finanziare gli assassini ugandesi avrebbe aiutato.

Le affermazioni di "ultima istanza" sono di solito piuttosto deboli quando si immagina di viaggiare indietro nel tempo fino al momento della crisi, ma ancora drammaticamente più deboli se si immagina di viaggiare un po 'più indietro. Molte più persone cercano di giustificare la seconda guerra mondiale rispetto alla prima guerra mondiale, anche se una di esse non sarebbe mai potuta accadere senza l'altra o senza il modo stupido di terminarla, il che portò numerosi osservatori all'epoca a prevedere la seconda guerra mondiale con notevole precisione . Se attaccare l'ISIS in Iraq ora è in qualche modo una "ultima risorsa" è solo a causa della guerra che si è intensificata nel 2003, che non sarebbe potuta accadere senza la precedente Guerra del Golfo, che non sarebbe potuta avvenire senza armarsi e sostenere Saddam Hussein nella guerra Iran-Iraq, e così via nel corso dei secoli. Ovviamente le cause ingiuste delle crisi non rendono ingiuste tutte le nuove decisioni, ma suggeriscono che qualcuno con un'idea diversa dalla guerra dovrebbe intervenire in un ciclo distruttivo di generazione di crisi che si auto-giustifica.

Anche nel momento della crisi, è davvero una crisi così urgente come affermano i sostenitori della guerra? Davvero un orologio ticchetta qui più che negli esperimenti mentali sulla tortura? Allman e Winright suggeriscono questo elenco di alternative alla guerra che deve essere stata esaurita affinché la guerra sia l'ultima risorsa: "sanzioni intelligenti, sforzi diplomatici, negoziati con terze parti o un ultimatum".[Xvi] Questo è tutto? Questo elenco è per l'elenco completo delle alternative disponibili ciò che il programma della National Public Radio "All Things Considered" è per tutte le cose. Dovrebbero rinominarlo "Two Percent of Things Considered". Più tardi, Allman e Winright citano l'affermazione che rovesciare i governi è più gentile che "contenerli". Questo argomento, sostengono gli autori, sfida "i teorici della guerra giusta pacifisti e contemporanei allo stesso modo". Lo fa? Quale opzione presumibilmente favorivano quei due tipi? "Contenimento"? Non è un approccio molto pacifico e certamente non è l'unica alternativa alla guerra.

Se una nazione fosse effettivamente attaccata e scegliesse di contrattaccare in difesa, non avrebbe il tempo per le sanzioni e per ciascuna delle altre opzioni elencate. Non avrebbe nemmeno il tempo per il supporto accademico dei teorici di Just War. Si sarebbe semplicemente ritrovato a reagire. L'area in cui la teoria della guerra giusta deve lavorare è, quindi, almeno in gran parte, quelle guerre che sono qualcosa di meno che difensive, quelle guerre che sono "preventive", "preventive", "protettive", ecc.

Il primo passo da fare effettivamente sulla difensiva è una guerra lanciata per prevenire un attacco imminente. L'amministrazione Obama, negli ultimi anni, ha ridefinito "imminente" per significare teoricamente possibile un giorno. Hanno poi affermato di aver ucciso con i droni solo persone che costituivano "una minaccia imminente e continua per gli Stati Uniti". Certo, se fosse imminente secondo la solita definizione, non sarebbe continuativo, perché accadrebbe.

Ecco un passaggio critico del "Libro bianco" del Dipartimento di giustizia che definisce "imminente":

“[L] a condizione che un leader operativo presenti una minaccia 'imminente' di attacco violento contro gli Stati Uniti non richiede che gli Stati Uniti abbiano una chiara evidenza che un attacco specifico alle persone e agli interessi statunitensi avrà luogo nell'immediato futuro. "[Xvii]

L'amministrazione di George W. Bush ha visto le cose in modo simile. La strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti del 2002 afferma: "Riconosciamo che la nostra migliore difesa è un buon attacco".[Xviii] Certo, questo è falso, poiché le guerre offensive suscitano ostilità. Ma è anche ammirevolmente onesto.

Quando parliamo di proposte di guerra non difensive, di crisi in cui si ha tempo per sanzioni, diplomazia e ultimatum, si ha tempo anche per ogni sorta di altre cose. Le possibilità includono: difesa a base civile non violenta (disarmata): annuncio dell'organizzazione della resistenza nonviolenta a qualsiasi tentativo di occupazione, proteste e dimostrazioni globali, proposte di disarmo, dichiarazioni unilaterali di disarmo, gesti di amicizia compreso l'aiuto, portare una controversia all'arbitrato o alla corte, convocazione una commissione per la verità e la riconciliazione, dialoghi riparatori, leadership con l'esempio aderendo a trattati vincolanti o alla Corte penale internazionale o attraverso la democratizzazione delle Nazioni Unite, la diplomazia civile, le collaborazioni culturali e la nonviolenza creativa di infinita varietà.

Ma cosa succederebbe se immaginassimo una vera guerra difensiva, o la tanto temuta ma ridicolmente impossibile invasione degli Stati Uniti, o una guerra americana vista dall'altra parte? È stato solo per i vietnamiti reagire? Era solo per gli iracheni reagire? Eccetera. (Intendo questo per includere lo scenario di un attacco alla terra reale degli Stati Uniti, non un attacco, ad esempio, alle truppe statunitensi in Siria. Mentre scrivo, il governo degli Stati Uniti sta minacciando di "difendere" le sue truppe in Siria dovrebbe il governo siriano "attaccarli".)

La risposta breve a questa domanda è che se l'aggressore si fosse astenuto, non sarebbe stata necessaria alcuna difesa. Trasformare la resistenza alle guerre statunitensi in giustificazione per ulteriori spese militari statunitensi è troppo distorto anche per un lobbista di K Street.

La risposta un po 'più lunga è che generalmente non è il ruolo appropriato per chi è nato e vive negli Stati Uniti consigliare alle persone che vivono sotto le bombe statunitensi di sperimentare la resistenza nonviolenta.

Ma la risposta giusta è un po 'più difficile di entrambe. È una risposta che diventa più chiara se guardiamo sia alle invasioni straniere che alle rivoluzioni / guerre civili. Ci sono più di questi ultimi da guardare e ci sono esempi più forti a cui puntare. Ma lo scopo della teoria, inclusa la teoria contro la guerra giusta, dovrebbe essere quello di aiutare a generare più esempi nel mondo reale di risultati superiori, come nell'uso della nonviolenza contro le invasioni straniere.

Studi come quello di Erica Chenoweth hanno stabilito che la resistenza nonviolenta alla tirannia ha molte più probabilità di avere successo, e il successo è molto più probabile che sia duraturo, rispetto alla resistenza violenta.[Xix] Quindi, se guardiamo a qualcosa come la rivoluzione nonviolenta in Tunisia nel 2011, potremmo scoprire che soddisfa tanti criteri come qualsiasi altra situazione per una guerra giusta, tranne che non era affatto una guerra. Non si tornerebbe indietro nel tempo e non si discuterà per una strategia che ha meno probabilità di successo ma che potrebbe causare molto più dolore e morte. Forse così facendo potrebbe costituire un argomento di guerra giusta. Forse si potrebbe anche sostenere, anacronisticamente, un argomento di guerra giusta per un "intervento" statunitense del 2011 per portare la democrazia in Tunisia (a parte l'ovvia incapacità degli Stati Uniti di fare una cosa del genere e la catastrofe garantita che ne sarebbe derivata). Ma una volta che hai fatto una rivoluzione senza tutte le uccisioni e le morti, non ha più senso proporre tutte le uccisioni e le morti, non se fossero state create migliaia di nuove Convenzioni di Ginevra, e indipendentemente dalle imperfezioni del successo non violento.

Nonostante la relativa scarsità di esempi fino ad ora di resistenza non violenta all'occupazione straniera, ci sono quelli che stanno già iniziando a rivendicare un modello di successo. Ecco Stephen Zunes:

"La resistenza nonviolenta ha anche sfidato con successo l'occupazione militare straniera. Durante la prima intifada palestinese negli 1980s, gran parte della popolazione soggiogata divenne in effetti un'entità autonoma attraverso la massiccia collaborazione e la creazione di istituzioni alternative, costringendo Israele a consentire la creazione dell'Autorità palestinese e l'autogoverno per la maggior parte delle città aree della Cisgiordania. La resistenza nonviolenta nel Sahara Occidentale occupato ha costretto il Marocco ad offrire una proposta di autonomia che, pur restando ben al di sotto dell'obbligo del Marocco di concedere ai Sahrawi il loro diritto all'autodeterminazione, almeno riconosce che il territorio non è semplicemente un'altra parte del Marocco.

“Negli ultimi anni dell'occupazione tedesca della Danimarca e della Norvegia durante la seconda guerra mondiale, i nazisti non controllavano più la popolazione. Lituania, Lettonia ed Estonia si sono liberate dall'occupazione sovietica attraverso la resistenza non violenta prima del crollo dell'URSS. In Libano, una nazione devastata dalla guerra per decenni, trent'anni di dominazione siriana si sono conclusi con una rivolta non violenta su larga scala nel 2005. E lo scorso anno, Mariupol è diventata la città più grande ad essere liberata dal controllo dei ribelli appoggiati dalla Russia in Ucraina. , non dai bombardamenti e dagli attacchi di artiglieria da parte dei militari ucraini, ma quando migliaia di lavoratori siderurgici disarmati hanno marciato pacificamente nelle sezioni occupate del centro cittadino e hanno cacciato i separatisti armati ".[Xx]

Si potrebbe cercare il potenziale in numerosi esempi di resistenza ai nazisti, e in Germania la resistenza all'invasione francese della Ruhr in 1923, o forse nel successo di una volta delle Filippine e il successo continuo dell'Ecuador nello sfrattare le basi militari statunitensi e, naturalmente, l'esempio gandhiano di far uscire gli inglesi dall'India. Ma gli esempi ben più numerosi di successo non violento rispetto alla tirannia domestica forniscono anche una guida per l'azione futura.

Per essere moralmente giusti, la resistenza non violenta a un attacco reale non sembra avere più probabilità di successo di una risposta violenta. Ha solo bisogno di apparire un po 'vicino al più probabile. Perché se ha successo lo farà con meno danni e il suo successo sarà più probabile che duri.

In assenza di un attacco, mentre si afferma che una guerra dovrebbe essere lanciata come "ultima risorsa", le soluzioni non violente devono solo apparire ragionevolmente plausibili. Anche in quella situazione, devono essere tentati prima di lanciare una guerra può essere etichettato come "ultima risorsa". Ma poiché sono di varietà infinita e possono essere provati più e più volte, con la stessa logica, non si arriverà mai al punto in cui attaccare un altro paese è l'ultima risorsa.

Se riuscissi a farlo, una decisione morale richiederebbe comunque che i benefici immaginati della tua guerra superino tutti i danni causati dal mantenimento dell'istituzione di guerra.

[I] David Swanson, "Study Finds People Assume War Is Only Last Resort", http://davidswanson.org/node/4637

[Ii] Nicolas Davies, AlterNet, "Ribelli armati e giochi di potere mediorientali: come gli Stati Uniti stanno aiutando a uccidere la pace in Siria", http://www.alternet.org/world/armed-rebels-and-middle-eastern-power-plays-how- noi-aiutando-uccidere-la-pace-siria

[Iii] Julian Borger e Bastien Inzaurralde, "L'Occidente ha ignorato l'offerta russa nel 2012 di far mettere da parte Assad in Siria", https://www.theguardian.com/world/2015/sep/15/west-ignored-russian-offer-in -2012-per-farsi-da-parte-della-siria-assad

[Iv] Farea Al-muslimi testimonianza al Comitato per il Senato di Drone Wars Hearing, https://www.youtube.com/watch?v=JtQ_mMKx3Ck

[V] Lo specchio, "Il Navy Seal Rob O'Neill che ha ucciso Osama bin Laden afferma che gli Stati Uniti non avevano intenzione di catturare terroristi", http://www.mirror.co.uk/news/world-news/navy-seal-rob-oneill-who- 4612012 Vedi anche: ABC News, "Osama Bin Laden disarmato quando ucciso, afferma la Casa Bianca"

http://abcnews.go.com/Blotter/osama-bin-laden-unarmed-killed-white-house/story?id=13520152

[Vi] Il Washington Post, "Gheddafi accetta la road map per la pace proposta dai leader africani"

https://www.washingtonpost.com/world/african-leaders-arrive-in-libya-in-attempt-to-broker-cease-fire-gaddafi-hopes-for-sympathy/2011/04/10/AF0VH6ED_story.html

[Vii] Vedi http://warisacrime.org/whitehousememo

[Viii] Julian Borger a Washington, Brian Whitaker e Vikram Dodd, The Guardian, "Le offerte disperate di Saddam per scongiurare la guerra", https://www.theguardian.com/world/2003/nov/07/iraq.brianwhitaker

[Ix] Julian Borger a Washington, Brian Whitaker e Vikram Dodd, The Guardian, "Le offerte disperate di Saddam per scongiurare la guerra", https://www.theguardian.com/world/2003/nov/07/iraq.brianwhitaker

[X] Julian Borger a Washington, Brian Whitaker e Vikram Dodd, The Guardian, "Le offerte disperate di Saddam per scongiurare la guerra", https://www.theguardian.com/world/2003/nov/07/iraq.brianwhitaker

[Xi] Memo dell'incontro: https://en.wikisource.org/wiki/Bush-Aznar_memo e notizia: Jason Webb, Reuters, "Bush pensava che Saddam fosse pronto a fuggire: rapporto", http://www.reuters.com/article/us-iraq-bush-spain-idUSL2683831120070926

[Xii] Rory McCarthy, The Guardian, "Nuova offerta su Bin Laden", https://www.theguardian.com/world/2001/oct/17/afghanistan.terrorism11

[Xiii] Clyde Haberman, New York Times, "Pope Denounces the Gulf War as 'Darkness'", http://www.nytimes.com/1991/04/01/world/pope-denounces-the-gulf-war-as-darkness.html

[Xiv] David Swanson, La guerra è una bugia, http://warisalie.org

[Xv] Memo della Casa Bianca: http://warisacrime.org/whitehousememo

[Xvi] Mark J. Allman e Tobias L. Winright, After the Smoke Clears: The Just War Tradition e Post War Justice (Maryknoll, NY: Orbis Books, 2010) p. 43.

[Xvii] White paper del Dipartimento di giustizia, http://msnbcmedia.msn.com/i/msnbc/sections/news/020413_DOJ_White_Paper.pdf

[Xviii] Strategia di sicurezza nazionale 2002, http://www.globalsecurity.org/military/library/policy/national/nss-020920.pdf

[Xix] Erica Chenoweth e Maria J. Stephan, Perché la resistenza civile funziona: la logica strategica del conflitto non violento (Columbia University Press, 2012).

[Xx] Stephen Zunes, "Alternatives to War from the Bottom Up", http://www.filmsforaction.org/articles/alternatives-to-war-from-the-bottom-up/

Dibattiti:

Articoli recenti:

Quindi hai sentito che la guerra è ...

Cerca in WorldBeyondWar.org

Iscriviti a notizie contro la guerra e email di azione

Traduci in qualsiasi lingua