Alternative all'intervento militare in Siria

Di David Cortright

A giugno l'influente Centro per la New American Security (CNAS) ha emesso un rapporto che sollecita un maggiore coinvolgimento militare degli Stati Uniti in Siria per sconfiggere l'ISIS e rafforzare i gruppi di opposizione siriani. Il rapporto richiede più bombardamenti americani, lo spiegamento di ulteriori truppe statunitensi sul terreno, la creazione di cosiddette zone "senza bombardamenti" nel territorio dei ribelli e una serie di altre misure militari coercitive che aumenterebbero significativamente la scala del coinvolgimento degli Stati Uniti.

Sempre a giugno un gruppo di più di diplomatici statunitensi 50 ha usato il "canale di dissenso" del Dipartimento di Stato per emettere un appello pubblico per attacchi aerei statunitensi contro il governo della Siria, sostenendo che gli attacchi contro il regime di Assad avrebbero aiutato a raggiungere un accordo diplomatico.

Molti di coloro che sostengono un maggiore coinvolgimento militare in Siria sono consiglieri anziani di Hilary Clinton, tra cui l'ex sottosegretario alla difesa Michele Flournoy, che ha presieduto la task force CNAS. Se Clinton vince la presidenza, dovrà affrontare pressione significativa per approfondire l'intervento militare americano in Siria.

Concordo sul fatto che gli Stati Uniti dovrebbero fare di più per cercare di porre fine alla guerra in Siria e ridurre la minaccia da ISIS e gruppi estremisti violenti, ma un maggiore intervento militare americano non è la risposta. I piani proposti per ulteriori schieramenti di bombe e truppe creerebbero più guerra nella regione non meno. Aumenterebbe il rischio di uno scontro militare con la Russia, porterebbe a più vittime americane e potrebbe degenerare in un'altra importante guerra terrestre degli Stati Uniti in Medio Oriente.

Sono disponibili approcci alternativi, che devono essere perseguiti con forza per contribuire a risolvere le crisi nella regione e isolare ISIS e gruppi estremisti violenti.

Piuttosto che immergersi più profondamente nella guerra in Siria, gli Stati Uniti dovrebbero:

  • porre molta più enfasi sulla ricerca di soluzioni diplomatiche, sulla collaborazione con la Russia e gli Stati della regione per rilanciare e rafforzare i cessate il fuoco locali e creare soluzioni politiche,
  • continuare e intensificare gli sforzi per imporre sanzioni all'ISIS e bloccare il flusso di combattenti stranieri in Siria,
  • sostenere i gruppi locali nella regione che perseguono il dialogo per la costruzione della pace e soluzioni nonviolente,
  • aumentare l'assistenza umanitaria e accettare i rifugiati in fuga dal conflitto.

Gli attuali sforzi diplomatici sotto l'egida delle Nazioni Unite dovrebbero essere sostenuti e rafforzati, nonostante le numerose battute d'arresto del processo. Gli Stati Uniti dovrebbero collaborare direttamente con Russia, Iran, Turchia e altri stati confinanti per rilanciare e rafforzare i cessate il fuoco locali e creare un piano a lungo termine per la transizione politica e una governance più inclusiva in Siria. L'Iran dovrebbe essere invitato a co-presiedere il processo diplomatico e ha chiesto di usare la sua vasta influenza con la Siria e l'Iraq per facilitare soluzioni diplomatiche e politiche.

La risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite 2253 adottata lo scorso dicembre richiede agli Stati di criminalizzare il supporto per ISIS e adottare misure energiche per impedire ai loro cittadini di viaggiare per combattere con il gruppo terrorista e le sue affiliate. Sono necessari maggiori sforzi per attuare queste misure e arginare il flusso di combattenti stranieri in Siria.

Molti gruppi locali in Siria stanno utilizzando metodi nonviolenti per opporsi all'ISIS e perseguire dialoghi di costruzione della pace e sforzi di riconciliazione. Maria Stephan dell'Istituto di pace statunitense ha proposto una serie di opzioni per aver usato la resistenza civile per sconfiggere l'ISIS. Questi sforzi delle donne siriane, dei giovani e dei leader religiosi hanno bisogno del sostegno internazionale. Diventeranno criticamente importanti quando alla fine i combattimenti diminuiranno e le comunità affrontano la massacrante sfida della ricostruzione e dell'apprendimento a vivere di nuovo insieme.

Gli Stati Uniti sono stati leader nell'assistenza umanitaria internazionale per i migranti in fuga dai combattimenti in Siria e Iraq. Questi sforzi dovrebbero essere continuati e ampliati. Washington deve anche seguire l'esempio della Germania nell'accettare un maggior numero di rifugiati di guerra negli Stati Uniti e fornire assistenza ai governi locali e ai gruppi religiosi e comunitari che desiderano ospitare e sostenere i rifugiati.

È anche necessario sostenere gli sforzi a più lungo termine per risolvere i problemi politici sottostanti in Siria e in Iraq che hanno spinto così tante persone a prendere le armi e ricorrere a metodi estremisti violenti. Ciò richiederà una governance più inclusiva e responsabile in tutta la regione e maggiori sforzi per migliorare le opportunità economiche e politiche per tutti.

Se vogliamo prevenire più guerre, dobbiamo dimostrare che la pace è il modo migliore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

Termine è esaurito. Ricarica CAPTCHA.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Cerca in WorldBeyondWar.org

Iscriviti a notizie contro la guerra e email di azione

Traduci in qualsiasi lingua