Mentre Rafah Burns, centinaia di persone si confrontano con rappresentanti militari e di aziende produttrici di armi alla fiera delle armi CANSEC di Ottawa

By World BEYOND War, Maggio 29, 2024

Ottawa – Una grande protesta sta bloccando gli ingressi al CANSEC, la più grande convention militare e sulle armi del Nord America. Centinaia di manifestanti si stanno confrontando con i rappresentanti delle forze armate israeliane e canadesi e delle aziende produttrici di armi per la loro complicità nell'uccisione di oltre 36,000 palestinesi a Gaza mentre Israele ha effettuato un prolungato assalto dall'aria, dal mare e dalla terra negli ultimi sette anni. un mese e mezzo. La criminalità delle azioni di Israele, e della complicità del Canada con esse, è sottolineata dall'orribile uccisione di 45 palestinesi da parte di un attacco aereo israeliano su un campo per sfollati a Rafah. Almeno 23 donne e bambini sono morti nell'attacco, molti dei quali sono morti bruciati mentre il fuoco ha inghiottito le loro tende.

“Decine di persone sono state bruciate vive durante gli attacchi israeliani contro un campo profughi a Rafah questa settimana, un luogo che Israele ha designato come zona 'sicura'. E le persone che traggono profitto da questa atrocità, che hanno fornito le armi per il massacro di decine di migliaia di palestinesi, sono proprio qui al CANSEC”, ha detto Rachel Small, organizzatrice di World BEYOND War. “Oggi stiamo rendendo impossibile a chiunque avvicinarsi a questa fiera delle armi senza affrontare i crimini di guerra e il devastante spargimento di sangue di cui questi trafficanti di armi e rappresentanti militari sono complici”.

Molte delle aziende produttrici di armi che attualmente armano l'assalto dell'esercito israeliano a Gaza espongono e presentano al CANSEC, tra cui: Elbit Systems, Lockheed Martin, Raytheon, Boeing, L3Harris, Leonardo e dozzine di altre. Era prevista la partecipazione anche di rappresentanti del governo e dell'esercito israeliani. Il ministro della Difesa canadese Bill Blair avrebbe dovuto tenere il discorso programmatico durante la colazione ufficiale di apertura del CANSEC a partire dalle 7:45 di mercoledì. Blair ha recentemente supervisionato l'acquisto da parte di DND di missili Spike LR32.2 per un valore di 2 milioni di dollari, prodotti dal gigante statale israeliano delle armi Rafael Advanced Defense System e utilizzati da Israele a Gaza.

La protesta era stata pianificata per condannare il profitto di guerra in solidarietà con i palestinesi e le persone nelle zone di conflitto di tutto il mondo che sono stati uccisi, sfollati e mutilati dalle armi spacciate e vendute al CANSEC. I produttori di armi che espongono al CANSEC hanno racimolato profitti record grazie alla violenza militare che quest’anno ha portato miseria a milioni di persone – dalla Palestina al Sudan, dal Congo all’Ucraina, dall’Afghanistan e dalla Papua occidentale all’Etiopia.

"Ci rifiutiamo di restare in silenzio mentre le aziende che traggono profitto dal genocidio del nostro popolo vengono ospitate anno dopo anno al CANSEC e mentre il nostro governo continua a mantenere contratti con queste aziende", ha detto Sarah Abdul-Karim, membro del Movimento giovanile palestinese. “Mentre assistiamo al genocidio in corso a Gaza, sappiamo che il commercio di armi alimenta questo genocidio. Ogni volta che Israele prende di mira Gaza, le azioni dei produttori di armi israeliani come i sistemi Elbit salgono alle stelle. Usano la gente di Gaza come un modo per pubblicizzare le loro armi. Testano anche nuove armi sulla nostra gente, poi partecipano al CANSEC proprio qui a Ottawa e pubblicizzano queste stesse armi come "testate sul campo". Chiediamo immediatamente un’inchiesta popolare sul commercio delle armi!”

Mercoledì a mezzogiorno si terrà una seconda protesta a Parliament Hill per condannare il commercio di armi tra Canada e Israele e chiedere un'inchiesta sul commercio di armi.

"Abbiamo bisogno di un'inchiesta popolare sul commercio di armi per dimostrare che le persone che vivono in Canada non vogliono che i soldi dei loro contribuenti vadano verso un'escalation di guerre e genocidi in tutto il mondo", ha affermato Adrian She, vicepresidente dell'ILPS in Canada.

30 membri del Parlamento dei partiti Liberale, NDP e Verde si sono ora uniti a più di 250 sindacati, organizzazioni ambientaliste e per i diritti umani, istituzioni religiose e gruppi comunitari, che insieme rappresentano milioni di canadesi, nel chiedere un accordo completo e immediato sulle armi. embargo su Israele. Parallelamente, il Bloc Québecois ha inviato una lettera al ministro degli Esteri Melanie Joly chiedendo che “il governo del Canada sospenda temporaneamente ogni commercio di armi e tecnologia militare con Israele”.

Le aziende canadesi producono ed esportano componenti cruciali per gli aerei da combattimento, le navi da guerra, i droni e gli elicotteri d’attacco che l’esercito israeliano utilizza per portare a termine il suo assalto a Gaza. A marzo, il ministro degli Affari esteri Melanie Joly si è impegnato verbalmente a sospendere l’approvazione dei futuri permessi di esportazione di attrezzature militari destinate a Israele, dopo che il Parlamento ha approvato una mozione non vincolante che includeva una clausola che richiedeva al Canada di “cessare ulteriori autorizzazioni e trasferimenti di esportazioni di armi in Israele”. Tuttavia, non è pubblicamente verificabile che il governo abbia adottato misure concrete per onorare la volontà del Parlamento e Global Affairs Canada ha confermato di aver continuato a consentire l’esportazione di materiali militari in Israele con permessi autorizzati prima dell’8 gennaio 2024.

Inoltre, il Canada continua a firmare contratti per acquistare armi da aziende produttrici di armi israeliane e per mettere in mostra e promuovere la tecnologia militare di potenziali fornitori israeliani. In particolare, questo lunedì 27 maggio ha segnato l’apertura di un evento “sandbox” della durata di quattro settimane ospitato dalle forze armate canadesi in Alberta in cui le aziende produttrici di armi, tra cui due aziende israeliane, presenteranno la tecnologia progettata per “rilevare e/o sconfiggere” droni per il potenziale acquisto e integrazione nei sistemi dell'esercito canadese. Come ha riportato The Maple, almeno uno dei sistemi d'arma di quelle società israeliane viene utilizzato dall'esercito israeliano nel suo assalto a Gaza. E le armi robotiche basate sull’intelligenza artificiale di Smart Shooter sono state testate sui palestinesi nella Cisgiordania occupata, dove vengono utilizzate per tracciare e colpire i manifestanti con gas lacrimogeni o proiettili con punta di spugna.

“Continuando ad armare, finanziare e collaborare con l’esercito israeliano e con le aziende israeliane di proprietà statale e incubate che lo riforniscono, il Canada è stato direttamente complice e ha tratto profitto dal massacro di oltre 15,000 bambini palestinesi a Gaza, e dalla sottomissione e dominazione della vita palestinese in tutto il territorio occupato”, ha affermato Niall Clapham Ricardo di Independent Jewish Voices Canada. “E per porre fine finalmente a questa complicità, il Canada deve interrompere il commercio di armi con Israele”.

Ci sono diverse dozzine di aziende espositrici al CANSEC 2024 che stanno attualmente armando la violenza genocida dell'esercito israeliano a Gaza, tra cui:

  • Elbit Systems – fornisce l’85% dei droni e delle attrezzature militari terrestri utilizzate dall’esercito israeliano
  • Boeing – produce molteplici sistemi d’arma venduti all’esercito israeliano che vengono abitualmente utilizzati in crimini di guerra contro civili palestinesi, inclusi aerei da combattimento, elicotteri d’attacco, missili, bombe e kit di bombe a guida di precisione.
  • General Dynamics – fornisce all'esercito israeliano un'ampia varietà di armi, comprese munizioni di artiglieria e bombe per gli aerei d'attacco attualmente utilizzati nell'assalto israeliano a Gaza. Le tecnologie dell'azienda sono anche integrate nei principali sistemi d'arma israeliani, inclusi aerei da combattimento e veicoli corazzati da combattimento.
  • Tecnologie L3Harris: i loro componenti sono integrati in molteplici sistemi d'arma utilizzati dall'esercito israeliano, comprese le bombe aria-terra israeliane, nonché i suoi principali aerei da guerra, carri armati e navi da guerra.
  • Lockheed Martin – di gran lunga il più grande produttore di armi al mondo, si vanta di armare oltre 50 paesi, inclusi molti dei governi e delle dittature più oppressivi. Producono molteplici sistemi d’arma che vengono utilizzati per decimare Gaza in questo momento.
  • Raytheon Technologies – La seconda azienda militare più grande al mondo, RTX produce missili, bombe, componenti per aerei da combattimento e altri sistemi d'arma utilizzati dall'esercito israeliano contro i civili palestinesi. Costruisce anche i missili che armeranno i nuovi aerei da guerra Lockheed Martin F-35 canadesi.
  • BAE Systems: fornisce sistemi d'arma e componenti alla flotta di aerei da combattimento F-15, F-16 e F-35 dell'aeronautica israeliana.

Altre foto e video sono disponibile per il download qui. Seguire su Diretta Instagram @worldbeyondwarcanada qui.

Risposte 2

  1. Splendida questa protesta – tutta la vita – questioni umane, questo mondo è tutto popolo e rispetto, tutti uguali. Nessuno è al di sopra della legge – punto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Muoviti per la sfida della pace
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua