Dichiarazione degli scienziati contro il genocidio e a sostegno della Palestina

Dalla Convenzione internazionale contro la guerra e l’uso distruttivo della scienza, World BEYOND War, 10 dicembre 2023

Noi sottoscritti, membri della comunità scientifica internazionale, condanniamo fermamente i continui attacchi genocidi dello stato israeliano contro i palestinesi, che sono originari della Palestina. Per generazioni, i palestinesi sono stati costretti a vivere in sottomissione e ineguale trattamento in un regime di apartheid [1,2,3]. Riconosciamo che questa grave violazione dei diritti umani è la causa principale della guerra in corso a Gaza, che ha già provocato un numero spaventoso di vittime, tra cui quasi la metà sono bambini [4]. Piangiamo tutte le morti violente e deploriamo le atrocità contro tutti i non combattenti di qualsiasi etnia e nazionalità, compresi gli attacchi del 7 ottobre contro i non combattenti israeliani e i cittadini stranieri. Tuttavia, questa violenza è avvenuta nel contesto di decenni di politica di apartheid da parte di Israele e del suo disumano assedio di Gaza. Condanniamo le azioni di Israele che includono il bombardamento indiscriminato delle aree civili di Gaza, il taglio di elettricità, carburante, acqua e forniture mediche, la distruzione di ospedali, scuole, università e campi profughi a Gaza, e la violenza sia dello Stato israeliano che dei coloni contro i palestinesi. Questi atti sono crimini di guerra, crimini contro l’umanità, pulizia etnica e genocidio come definiti dalla Convenzione sul genocidio e dalla Corte penale internazionale [5,6,7].

Come scienziati, siamo profondamente preoccupati per la crescente militarizzazione della scienza e della tecnologia, con un effetto devastante sull’umanità. C’è un aumento incessante dei finanziamenti alla ricerca scientifica e tecnologica per fini militaristici. Il complesso militare-industriale è alla base delle economie di molte nazioni [8], guidando un circolo vizioso di aumento dei budget militari, dei profitti dei produttori di armi e del commercio di armi, con scarsa responsabilità o beneficio per la società pubblica [9,10]. Le vendite globali di armi hanno portato alla militarizzazione delle società, alla normalizzazione della guerra e all’espansione dei conflitti armati. In diverse parti del globo si combatte una guerra costante, istigando le nazioni che consentono questi crimini contro l’umanità, sia per il loro coinvolgimento diretto o indiretto, sia per la commercializzazione di armi sofisticate, munizioni e altre armi di distruzione. Il genocidio a Gaza rischia di espandere le ostilità – tra attori pesantemente armati – in una guerra regionale o mondiale. In questo contesto di escalation della guerra globale e di massacri sempre più sfacciati, ci opponiamo fermamente all’arma della ricerca scientifica e tecnologica. Facciamo appello agli scienziati di tutti i paesi affinché alzino la voce contro le guerre e la distruzione dell’umanità.

Chiediamo un cessate il fuoco immediato e permanente a Gaza [11], affinché i palestinesi siano trattati con gli stessi diritti umani di tutte le persone e per il sostegno internazionale alla ricostruzione di Gaza. Chiediamo il boicottaggio accademico e scientifico nonché altre azioni pacifiche in linea con gli appelli degli scienziati palestinesi e delle organizzazioni israeliane anti-apartheid. Queste misure sono necessarie per porre fine all’occupazione e all’apartheid. Affermiamo il diritto dei palestinesi a resistere all'oppressione, il loro diritto a tornare in patria, e chiediamo una soluzione politica duratura affinché sia ​​gli israeliani che i palestinesi possano vivere insieme pacificamente, fianco a fianco, in dignità, con uguali diritti. Solo allora sarà possibile raggiungere una pace duratura per i palestinesi, gli israeliani e tutti i popoli che vivono nella regione e, per estensione, per il mondo in generale.

Infine, ci impegniamo a sostenere i nostri colleghi e studenti palestinesi, che rimangono risoluti nel costruire la ricerca scientifica e l’istruzione in Palestina e all’estero in condizioni incredibilmente difficili. Crediamo che la scienza e gli scienziati abbiano un ruolo chiave da svolgere nel garantire la libertà per tutti, oggi e in una Palestina libera del futuro.

Riferimenti
1. L'apartheid di Israele contro i palestinesi. Amnesty International
https://www.amnesty.org/en/latest/campaigns/2022/02/israels-system-of-apartheid/ (2022).
2. Non una “democrazia vibrante”. Questo è l'apartheid. B'Tselem
https://www.btselem.org/publications/202210_not_a_vibrant_democracy_this_is_apartheid.
3. Shakir, O. Una soglia superata.
https://www.hrw.org/report/2021/04/27/threshold-crossed/israeli-authorities-and-crimes-apartheid-and-persecu
zione (2021).
4. Gaza: "Migliaia di bambini uccisi" in poche settimane, dice Guterres dell'ONU. Notizie dell'ONU
https://news.un.org/en/story/2023/11/1143772 (2023).
5. Statuto di Roma della Corte penale internazionale. ICC-PIOS-LT-03-002/15_Ita (1998).
6. Nazioni Unite. Convenzione sulla prevenzione e la repressione del crimine di genocidio. (1948).
7. Gaza/Palestina: gli Stati hanno il dovere di prevenire il genocidio. Commissione Internazionale dei Giuristi
https://www.icj.org/gaza-occupied-palestinian-territory-states-have-a-duty-to-prevent-genocide/ (2023).
8. Discorso di addio del presidente Dwight Eisenhower.
https://www.c-span.org/video/?15026-1/president-dwight-eisenhower-farewell-address (White House, 2010).
9. Sorensen, C. Comprendere l'industria bellica. (Clarity Press, 2020).
10. Rufanges, JC Spesa militare e sicurezza globale: prospettive umanitarie e ambientali.
(Routledge, 2020).
11. Gaza/Territori palestinesi occupati: necessario un cessate il fuoco immediato per prevenire ulteriori vittime civili
e crimini di diritto internazionale. Commissione Internazionale dei Giuristi
https://www.icj.org/gaza-occupied-palestinian-territory-immediate-ceasefire-necessary-to-prevent-further-civili
an-casualties-and-crimes-under-international-law/ (2023).

Una Risposta

  1. È inconcepibile che non abbiamo ancora fermato questo genocidio e che gli Stati Uniti continuino a sostenerlo – contro la volontà della popolazione nel modo più antidemocratico – anche aggirando il Congresso per inviare munizioni per carri armati per un valore di oltre 100 milioni di dollari a Israele per continuare a uccidere innocenti. palestinesi, e di essere soli a porre il veto alla risoluzione delle Nazioni Unite sul cessate il fuoco a Gaza. Anche prima del 7 ottobre i palestinesi non erano solo sotto occupazione ma anche una risorsa per “testare in battaglia” le armi e la tecnologia di sorveglianza che Israele poi vende ad altri stati e ad attori non statali. Ti consiglio di leggere The Palestine Laboratory: How Israel Exports the Technology of Occupation Around the World di Anthony Loewenstein. Si prega di fare riferimento anche a questa dichiarazione di oltre 55 studiosi di genocidio e Olocausto https://contendingmodernities.nd.edu/global-currents/statement-of-scholars-7-october/ per ulteriori raccomandazioni su come fermare il genocidio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Festival del cinema WBW 2024
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua