Abolizione della guerra e problema dell’Ucraina

Di David Swanson, World BEYOND WarNovembre 9, 2023

Osservazioni alla cena annuale dei premi annuali del Columbus Free Press, 9 novembre 2023

La tipica risposta negli Stati Uniti alla graduale preparazione di una guerra, o anche allo scoppio di una guerra, o anche allo scoppio di una guerra che viene riportata dai media aziendali statunitensi, non è assolutamente diversa: lavoro, scuola, shopping, sport , film, ecc.

Tra coloro che hanno avuto una risposta, questa si basa tipicamente sulla loro comprensione della guerra in questione, modellata in gran parte dai media aziendali, dal partito politico del presidente degli Stati Uniti in quel momento (che rende ancora più strano condurre guerre in nome della democrazia), da i mesi o decenni accumulati di propaganda correlata nella cultura in generale, e dalla natura della guerra stessa – tipicamente intesa come se la storia umana fosse iniziata il giorno in cui è iniziata la guerra.

Alcuni hanno pensato che fosse particolarmente avido quando, qualche settimana fa, il presidente Biden ha chiesto al Congresso montagne insondabili di denaro per quattro guerre particolari contemporaneamente, anche se ogni anno chiede 10 volte tanto per la preparazione di guerre non specificate. Pensavo che avesse perfettamente senso. Le possibilità che un particolare membro del Congresso trovi la decenza, si opponga ai media, si opponga alle tangenti legalizzate, chiuda la porta girevole e dica no a una singola guerra sono molto piccole. Le possibilità che un membro del Congresso dica no a quattro guerre contemporaneamente sono drammaticamente minori. Anche un membro del Congresso che afferma di opporsi a tre guerre su quattro probabilmente voterebbe sì a un disegno di legge per finanziare quattro guerre, perché il suo sostegno alla guerra è in genere molto più forte della sua opposizione alla guerra.

Se vi state chiedendo quali quattro guerre, sono state Ucraina, Israele e (anche se non è ancora una guerra) Taiwan, oltre a quella che potrebbe anche essere una guerra nel sistema di infotainment statunitense, il confine americano del Messico.

In genere, i sondaggi d'opinione pubblica insistono su un sì o un no, anche se la gente non ne ha la più pallida idea e non gli interessa davvero. E in genere, i sondaggi sono formulati a favore delle guerre. Ma, per quello che valgono, nei sondaggi di solito si vede una maggioranza negli Stati Uniti sostenere qualsiasi nuova guerra per alcuni mesi, anche un anno e mezzo circa, dopo di che la maggioranza dice che la guerra non avrebbe mai dovuto iniziare. Quando ci sono truppe americane in guerra, la maggioranza può dire che non avrebbe mai dovuto iniziare e allo stesso tempo dire che dovrebbe essere continuata indefinitamente, perché attraverso una logica distorta aiuta la piccola percentuale di quelli già morti che provenivano dagli Stati Uniti a ottenere uccise più persone provenienti dagli Stati Uniti. Ma nei casi in cui le guerre coinvolgono solo montagne di armi americane pagate dai contribuenti americani, allora quando la maggioranza dice che una guerra non avrebbe mai dovuto iniziare, dice anche che dovrebbe essere terminata. Nel caso dell’Iraq e dell’Afghanistan, ci sono voluti molti anni prima che “Non avrebbe mai dovuto iniziare” diventasse “Dovrebbe essere finito”. Con l’ultima esplosione di violenza in Israele e Palestina, la maggioranza degli Stati Uniti si è opposta all’invio di armi fin dal primo giorno, almeno in alcuni sondaggi che chiedevano armi piuttosto che aiuti. Nel caso dell’Ucraina, la maggioranza ha sostenuto l’invio di armi dopo l’invasione russa, da quando ci siamo lentamente spostati verso un numero sempre minore di persone che volevano continuare a inviare più armi (anche se le armi sono spesso combinate con gli aiuti umanitari e chiamate semplicemente aiuti). Ma nulla di tutto ciò indica una crescita profonda nella comprensione del motivo per cui una particolare guerra era ed è sbagliata, tanto meno del motivo per cui ogni guerra è sbagliata.

L’impresa di propaganda più impressionante che abbia mai visto, più dei giorni successivi all’9 settembre, più dei video dell’Isis, più del Russiagate, è stata quella fatta nei giorni successivi all’invasione russa dell’Ucraina. Ovviamente non è servito alcuno sforzo per descrivere un’invasione malvagia, immorale, illegale e omicida di massa come qualcosa di brutto. E non è stato affatto difficile realizzare quella che chiamano “umanizzazione” delle vittime della guerra. Dopo due decenni di guerre infinite, qualcuno avrebbe potuto essere perdonato se se lo fosse chiesto, ma no, non è stato affatto un problema raccontare le storie delle vittime come avevamo implorato di fare i media aziendali per tutti questi anni. Ma la copertura mediatica è andata oltre questi principi fondamentali. Ha cancellato con grande forza tutto il contesto e la storia, ha applicato l’etichetta “La guerra non provocata” alla guerra più evidentemente provocata da qualche tempo, costruita sul Russiagate per demonizzare la Russia come unico individuo hitlerizzato con un nome, Putin, e – soprattutto – ha creato l’urgenza morale di fare qualcosa, combinata con la dottrina consolidata secondo cui l’unica cosa che si può fare quando è necessario “fare qualcosa” è la guerra. Nel giro di pochi giorni gli Stati Uniti si sono trasformati da un luogo in cui uno sconosciuto a caso difficilmente sarebbe stato in grado di dirti qualcosa sull’Ucraina a un luogo in cui sconosciuti a caso ti si avvicinavano riguardo all’urgenza di sostenere lo sforzo bellico in Ucraina. È impressionante. È impressionante il modo in cui i nazisti furono influenzati dalla lettura dei libri americani sulle pubbliche relazioni; puoi star certo che tutti i manipolatori di opinione stanno guardando e imparando. E oltre a ciò, le prime voci ammesse nei media aziendali che si opponevano all’invio di pile di armi gratuite in Ucraina erano voci di destra che volevano che le armi andassero in altre guerre o che volevano accumulare egoisticamente ricchezza nel proprio angolo di globo piuttosto che fare ciò che si sono uniti nel chiamare “aiutare” l’Ucraina. I media hanno rapidamente definito il sostegno alla pace come l’essere d’accordo con quelle persone. Quindi, quando Henry Kissinger disse, sapete, state diventando tutti un po' troppo pazzi per la guerra per me, non si trattava di un gigantesco allarme antincendio in una sala studio; era solo la conferma che la pace era territorio dei guerrafondai di destra.

Il marketing bellico per l’ultima guerra a Gaza ha avuto radicalmente meno successo del marketing della guerra in Ucraina. Nel giro di poche ore si sono svolte nelle strade degli Stati Uniti manifestazioni per la pace in Palestina più grandi di quante ce ne fossero state per la pace in Ucraina in oltre un anno e mezzo.

Coloro che erano d’accordo con tutti i media aziendali statunitensi sull’Ucraina immaginavano che l’Ucraina non avesse altra scelta che la guerra. Che si ignorino o meno gli anni di preparazione alla guerra e all’avvio di una guerra su scala minore, che si presti o meno attenzione alle proposte di pace perfettamente ragionevoli avanzate dalla Russia, bruscamente respinte dal governo degli Stati Uniti, compresa quella di dicembre 2021 , la Russia ora stava invadendo e c'era bisogno di fare qualcosa, e "fare qualcosa" significa guerra.

Naturalmente, “fare qualcosa” potrebbe significare resistenza civile disarmata. L’Ucraina era lontana un milione di chilometri dal fare qualcosa del genere. Sarebbe stato del tutto irragionevole, irrealistico, insolito, scioccante e per niente rispettabile menzionare in qualsiasi istituzione ben finanziata il fatto che l’Ucraina avesse impiegato una massiccia resistenza disarmata. Ma sarebbe stato più saggio. Anche senza gli anni di investimenti e preparazione che sarebbero stati ideali e avrebbero potuto scoraggiare l’invasione, per il governo ucraino e i suoi alleati impegnarsi in una resistenza disarmata al momento dell’invasione sarebbe stata la mossa intelligente.

È stata usata la resistenza non armata. Colpi di stato e dittatori sono stati estromessi in modo nonviolento in dozzine di luoghi. Un esercito disarmato ha contribuito a liberare l’India. Nel 1997 le forze di pace disarmate di Bougainville riuscirono laddove quelle armate avevano fallito. Nel 2005 in Libano la dominazione siriana si è conclusa con una rivolta nonviolenta. Nel 1923 l'occupazione francese di parte della Germania terminò grazie alla resistenza nonviolenta. Tra il 1987 e il 91 la resistenza non violenta scacciò l’Unione Sovietica da Lettonia, Estonia e Lituania – e quest’ultima stabilì piani per una futura resistenza non armata. L’Ucraina aveva posto fine in modo nonviolento al dominio sovietico nel 1990. Alcuni degli strumenti di resistenza non armata sono familiari dal 1968, quando i sovietici invasero la Cecoslovacchia.

Infatti, nei sondaggi in Ucraina, prima dell’invasione russa, non solo le persone sapevano cosa fosse la resistenza non armata, ma erano più favorevoli ad un’invasione che a favore della resistenza militare. Quando è avvenuta l’invasione, ci sono stati centinaia di episodi di ucraini che hanno usato resistenza disarmata, fermato carri armati, ecc. Civili disarmati hanno tenuto l’esercito russo lontano dall’impianto nucleare di Zaporizhzhya, senza una sola morte, mentre affidare quel compito alla Guardia Nazionale ha portato a una presa di potere immediata da parte dei russi, che hanno sparato anche su un impianto nucleare una volta che c’erano truppe armate su cui sparare.

C’è stato quasi un silenzio da parte dei media sui primi tentativi non organizzati e non supportati di resistenza non armata. E se l’attenzione rivolta agli eroi di guerra ucraini fosse stata rivolta agli eroi della resistenza ucraina disarmata? E se il mondo delle persone che vogliono la pace fosse stato invitato a unirsi alla resistenza non armata, e i miliardi spesi per le armi fossero stati spesi per questo? E se agli ucraini fosse stato chiesto di ospitare protettori internazionali, persone come noi con e senza alcuna formazione, piuttosto che fuggire dal proprio paese o unirsi alla guerra?

Probabilmente le persone sarebbero state uccise e, per qualche motivo, quelle morti sarebbero state considerate molto peggiori. Ma molto probabilmente sarebbero stati molto meno. Finora nella storia mondiale, i massacri degli oppositori disarmati sono una goccia nel mare rispetto alle morti in guerra. Il percorso scelto in Ucraina ha portato a oltre mezzo milione di vittime, 10 milioni di rifugiati, a un aumento del rischio di guerra nucleare, a una rottura della cooperazione internazionale che ci condanna al collasso climatico, a una deviazione di risorse a livello globale verso il militarismo. , oltre alla distruzione ambientale, alla carenza di cibo e al rischio di disastro in una centrale nucleare.

È importante comprendere la ragione principale per cui i governi non investono nella resistenza civile disarmata, nell’addestramento di intere popolazioni a disobbedire agli ordini, a sabotare le infrastrutture e ad esercitare pressioni non violente per ottenere ciò che vogliono. È perché nessun governo sulla Terra vuole che la propria popolazione sia in grado di resistere ai propri abusi di potere. Non è perché bombardare e sparare funzioni meglio.

Naturalmente non c’era assolutamente bisogno di arrivare al punto dell’invasione russa. Stati Uniti e altri Occidentale diplomatici, spie e teorici previsto per 30 anni che il mancato rispetto di una promessa e l’espansione della NATO avrebbero portato alla guerra con la Russia. Il presidente Barack Obama ha rifiutato di armare l’Ucraina, prevedendo che così facendo ci avrebbe portato dove siamo ora – come Obama ancora visto nell’aprile 2022. Prima della cosiddetta “Guerra non provocata” ci sono stati commenti pubblici da parte di funzionari statunitensi che sostenevano che le provocazioni non avrebbero provocato nulla. "Non credo a questa argomentazione secondo cui, fornendo agli ucraini armi difensive, provocheremo Putin", ha detto il senatore Chris Murphy (D-Conn.) Si può ancora leggere un RAND rapporto sostenendo la creazione di una guerra come questa attraverso il tipo di provocazioni che secondo i senatori non avrebbero provocato nulla.

E una volta arrivato a questo punto, non c’era bisogno di continuare a peggiorare le cose. Secondo Media ucraini, affari esteri, Bloomberg e israeliani, Tedesco, funzionari turchi e francesi, gli Stati Uniti fecero pressioni sull’Ucraina affinché impedisse un accordo di pace nei primi giorni dell’invasione. Da allora, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno fornito montagne di armi gratuite per far andare avanti la guerra. I governi dell’Europa orientale si sono espressi preoccupazione che se gli Stati Uniti rallentassero o interrompessero il flusso di armi, l’Ucraina potrebbe diventare disposta a negoziare la pace.

Negli ambienti di sinistra e presumibilmente pacifisti, non poche persone erano a conoscenza di tutti questi fatti, che non erano tanto segreti quanto proibiti. Ma un numero preoccupante di loro è immediatamente giunto alla conclusione che, se il governo degli Stati Uniti e quello ucraino non erano innocenti e immacolati, allora meritavano il 100% della colpa mondiale, e la cosa da fare era difendere e giustificare la Russia. guerra.

La Russia, secondo troppi, non avrebbe avuto altra scelta se non quella di invadere l’Ucraina in maniera massiccia per respingere la minaccia della NATO. Ma non solo non vi era alcuna minaccia immediata per la Russia da parte dell’Ucraina o della NATO (e le preoccupazioni a lungo termine, come quelle relative alla crescente ostilità e agli armamenti della NATO, consentono tutti i tipi di opzioni), ma anche l’osservatore più distratto (per non menzionare l’istigatore occidentale) poteva, e lo fece, prevedere con precisione che un’invasione russa avrebbe rafforzato la NATO e i guerrafondai nel governo ucraino. Se dovessimo accettare che la Russia non avesse altra scelta, su quali basi potremmo dire che la Cina ha altra scelta se non quella di attaccare immediatamente Taiwan, Giappone, Australia e Corea del Sud?

La Russia avrebbe potuto scegliere la nonviolenza. La Russia avrebbe potuto continuare a deridere le previsioni quotidiane di un’invasione e creare ilarità mondiale, invece di invadere e rendere le previsioni semplicemente sbagliate nel giro di pochi giorni, avrebbe potuto inviare nel Donbas molte migliaia di volontari e i migliori formatori del mondo nella resistenza civile non violenta, avrebbe potuto presentare una mozione per un voto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per fermare la guerra ucraina nel Donbass o per democratizzare l’organismo e abolire il veto, chiedere alle Nazioni Unite di supervisionare un nuovo voto in Crimea sull’eventuale ricongiungimento alla Russia, aderire all’Internazionale tribunale penale e gli ha chiesto di indagare sul Donbas, ecc. La Russia avrebbe potuto interrompere il commercio piuttosto che costringere l’Occidente a farlo.

Che entrambe le parti avessero bisogno solo di uno sforzo limitato per raggiungere un accordo soddisfacente è dimostrato dal fatto che ne avevano avuto uno a Minsk II, e dal fatto che furono esercitate pressioni esterne per impedirne uno nei primi giorni della guerra e che da allora.

La strada disastrosa scelta da entrambe le parti potrebbe sfociare in un’apocalisse nucleare o in un accordo di compromesso. Nel caso altamente improbabile che finisca con il rovesciamento del governo ucraino o russo, o anche con linee territoriali che non corrispondono approssimativamente a ciò per cui i residenti locali avrebbero potuto votare senza la guerra, non finirà affatto.

A questo punto, alcune azioni osservabili devono precedere i negoziati. Entrambe le parti potrebbero annunciare un cessate il fuoco e chiedere che venga rispettato. Entrambe le parti potrebbero annunciare la volontà di concordare un accordo particolare. La Russia lo fece prima dell’invasione e fu ignorata. Un simile accordo includerebbe la rimozione di tutte le truppe straniere, la neutralità dell’Ucraina, l’autonomia della Crimea e del Donbass, la smilitarizzazione e la revoca delle sanzioni. Tale proposta da entrambe le parti sarebbe rafforzata dall’annuncio che utilizzeranno e rafforzeranno la propria capacità di resistenza non armata contro qualsiasi violazione del cessate il fuoco.

Alcune persone hanno fatto un lavoro migliore opponendosi a entrambe le parti in conflitto in Palestina, senza necessariamente capire dove questa saggezza dovrebbe portare. L’ossessione occidentale per la Seconda Guerra Mondiale, erroneamente interpretata come una giustificazione per la guerra, in realtà ha fatto di più per sostenere la guerra ucraina che quella israeliana. Vladimir Putin è stato trasformato così attentamente nell’ultimo Hitler, che si è sviluppata la convinzione che chiunque abbia mai combattuto contro i russi fosse dalla parte del Bene, anche se questo include i nazisti che hanno combattuto per l’Hitler originale. Nel mio libro Lasciando alle spalle la seconda guerra mondiale, sfato molti dei miti che circondano la Seconda Guerra Mondiale e che quindi alimentano il militarismo oggi.

Con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu determinato al genocidio, le persone continuano a condividere un articolo scandaloso del 2015 intitolato “Netanyahu: Hitler non voleva sterminare gli ebrei”. Temo che possa dare alla gente un'idea sbagliata. La menzogna di Netanyahu era che un religioso musulmano palestinese avesse convinto Hitler a uccidere gli ebrei. Ma quando Netanyahu disse che Hitler originariamente voleva espellere gli ebrei, non ucciderli, stava dicendo la verità indiscutibile. Il problema è che non fu un religioso musulmano a convincere Hitler del contrario. E non è un segreto chi fosse. Sono stati i governi del mondo. È incredibile che ciò rimanga sconosciuto, così come resta sconosciuto che la Seconda Guerra Mondiale avrebbe potuto essere facilmente evitata con una conclusione più saggia della Prima Guerra Mondiale; o che il nazismo trasse ispirazione dagli Stati Uniti per l’eugenetica, la segregazione, i campi di concentramento, i gas velenosi, le pubbliche relazioni e il saluto con un braccio solo; o che le multinazionali statunitensi armarono la Germania nazista durante la guerra; o che l’esercito statunitense assunse molti importanti nazisti alla fine della guerra; o che il Giappone abbia tentato di arrendersi prima dei bombardamenti nucleari; o che negli Stati Uniti ci fu una forte resistenza alla guerra; o che i sovietici abbiano contribuito in gran parte alla sconfitta dei tedeschi – o che l’opinione pubblica americana all’epoca sapesse cosa stavano facendo i sovietici, il che creò una pausa momentanea in due secoli di ostilità verso la Russia nella politica statunitense.

L’opposizione alla guerra in Ucraina oggi non è una questione minore. Niente nella mia vita ha contribuito ad aumentare il rischio di un’apocalisse nucleare tanto quanto la guerra in Ucraina. Niente sta facendo di più per impedire la cooperazione globale sul clima, sulla povertà o sui senzatetto. Poche cose stanno causando così tanti danni diretti in quelle aree, devastando il ambiente, sconvolgente grano spedizioni, creando milioni di rifugiati. Anche se per anni le vittime dell'Iraq sono state oggetto di accesi dibattiti da parte dei media americani, la cosa è ampiamente accettata vittime in Ucraina sono già oltre mezzo milione. Non c’è modo di contare con precisione quante vite avrebbero potuto essere salvate nel mondo investendo centinaia di miliardi in qualcosa di più saggio di questa guerra, ma una frazione di quella cifra potrebbe fine alla fame sulla terra.

Non importa cosa pensi di come è iniziata la guerra in Ucraina, o quando è iniziata, o quale delle due parti merita, come in un fumetto, tutta la colpa, ora noi avere senza fine stallo, con anni di omicidi ancora a venire, o di guerra nucleare, o di compromesso. Le persone ben intenzionate vogliono fare quello che possono per “aiutare” l’Ucraina, ma il milioni degli ucraini che sono fuggiti e di quelli che lo hanno fatto rimasto per affrontare un processo per attivismo pacifista, sembra ogni giorno più saggio. Ci viene detto di ascoltare gli ucraini, di rispettare il diritto degli ucraini a difendersi e di consentire l'azione degli ucraini. Ma come possiamo conoscere il punto di vista degli ucraini quando così tanti sono fuggiti e tutti gli altri possono essere perseguiti penalmente se sostengono la pace? Ma il governo americano nega al governo ucraino il diritto di fare la pace.

Gerhard Schröder, ex cancelliere tedesco, afferma, in accordo con numerosi altri rapporti, che “Durante i colloqui di pace del marzo 2022 a Istanbul. . . , gli ucraini non hanno accettato la pace perché non gli era stato permesso. Dovevano prima coordinare tutto ciò di cui parlavano con gli americani”.

Mentre il governo degli Stati Uniti può forse negare all’Ucraina vari diritti, io certamente non posso. Posso solo offrirgli un consiglio e vederlo respinto gridando che sto negando i diritti di qualcuno. E, per quanto riguarda l’agenzia, perché non consentire all’Ucraina di produrre le proprie armi? Perché non consentire a Israele, Egitto e al resto del mondo la stessa agenzia? La pace potrebbe arrivare più rapidamente di quanto abbiamo sognato se iniziassimo a distribuire così tanta libertà d'azione.

La pace è vista da alcuni su entrambi i lati della guerra in Ucraina (molti dei quali piuttosto lontani dai combattimenti), non come una cosa positiva, ma addirittura peggiore dei massacri e della devastazione in corso. Entrambe le parti insistono sulla vittoria totale. Ma quella vittoria totale non è in vista, come ammettono tranquillamente altre voci da entrambe le parti. E qualsiasi vittoria di questo tipo non sarebbe duratura, poiché la parte sconfitta tramerebbe la vendetta il prima possibile.

Il compromesso è un'abilità difficile. Lo insegniamo ai bambini, ma non ai governi. Tradizionalmente il rifiuto del compromesso (anche se ci uccide) ha più appeal sulla destra politica. Ma il partito politico significa tutto nella politica statunitense, e il presidente è un democratico. Quindi, cosa deve fare una persona dal pensiero liberale? Suggerirei una forte dose di pensiero indipendente. Quasi due anni di proposte di pace provenienti da tutto il mondo includono quasi tutte gli stessi elementi: rimozione di tutte le truppe straniere, neutralità per l’Ucraina, autonomia per Crimea e Donbass, smilitarizzazione e revoca delle sanzioni.

Entrambe le parti potrebbero annunciare un cessate il fuoco e chiedere che venga rispettato. Entrambe le parti potrebbero annunciare la volontà di concordare un accordo particolare che includa gli elementi di cui sopra. Se il cessate il fuoco non viene rispettato, il massacro potrà riprendere rapidamente. Se un cessate il fuoco serve per radunare truppe e armi per la prossima battaglia, ebbene, anche il cielo è azzurro e lo fa un orso nel bosco. Nessuno immagina che nessuna delle due parti sia in grado di chiudere così rapidamente il business della guerra. Per i negoziati è necessario un cessate il fuoco e per un cessate il fuoco è necessaria la fine delle spedizioni di armi. Questi tre elementi devono unirsi. Potrebbero essere abbandonati insieme se i negoziati fallissero. Ma perché non provarci?

Consentire al popolo della Crimea e del Donbass di determinare il proprio destino è il vero punto critico per l’Ucraina, ma questa soluzione mi sembra una vittoria per la democrazia almeno altrettanto grande quanto l’invio di più armi americane all’Ucraina nonostante la opposizione della maggioranza delle persone negli Stati Uniti. Perché non è un trionfo per la democrazia consentire alle persone di determinare il proprio futuro, invece di intraprendere guerre per impedirlo?

Perché la guerra stessa non è nemica della democrazia piuttosto che la sua protettrice? Se entrambe le parti di ogni guerra sono impegnate in atti immorali, se il problema non è la parte che sei stato addestrato a odiare, ma la guerra stessa, e se la guerra stessa è il più grande drenaggio delle risorse disperatamente necessarie, uccidendo così più persone indirettamente che direttamente , e se la guerra stessa è la ragione per cui corriamo il rischio di un Armageddon nucleare, e se la guerra stessa è una delle principali cause di bigottismo, e l’unica giustificazione per la segretezza del governo, e una delle principali cause di distruzione ambientale, e il grande ostacolo alla cooperazione globale , e se hai capito che i governi non addestrano le loro popolazioni alla difesa civile disarmata non perché non funzioni bene quanto il militarismo ma perché hanno paura delle loro stesse popolazioni, allora sei un abolizionista della guerra, ed è tempo ci siamo messi al lavoro, non risparmiando le nostre armi per una guerra più adeguata, non armando il mondo per proteggerci da un club di oligarchi che diventa più ricco di un altro club di oligarchi, ma liberando il mondo dalle guerre, dai piani di guerra, dagli strumenti di guerra e dalla guerra pensiero.

Durante una recente esplosione di copertura mediatica sulla Palestina, alcune voci di coscienza sono sgattaiolate oltre le interviste di proiezione e sono state ascoltate per l’ultima volta per ciascuno di quegli ospiti sui media aziendali. Un ospite mi ha incoraggiato moltissimo perché non solo ha detto la verità, ma lo ha fatto con sarcasmo - e la gente lo ha capito e apprezzato. L'ho trovato notevole, perché ricevo tante e-mail arrabbiate per l'uso della scrittura satirica quante ne ricevo per oppormi alle opinioni degli altri sulle guerre. Così incoraggiato, vorrei concludere leggendovi un breve brano che ho scritto recentemente utilizzando il pericoloso espediente della satira. Spero che non ti offenda, o almeno che il mio uso della satira non ti offenda tanto quanto l'uso degli omicidi di massa da parte dei governi.

Molti anni fa mi venne in mente di provare a insegnare la politica estera nella scuola dell’infanzia.

In una tipica scuola materna, ovunque sulla Terra, quando i bambini litigano, possono esserci spinte, spintoni, pianti, urla e ogni sorta di disagio. L'insegnante non può sempre sapere cosa è successo dall'inizio. Lui o lei potrebbe vedere solo il finale. La teoria generale è che prima bisogna fermare ogni alterco fisico, poi confortare ogni bambino e infine, quando le cose si sono calmate, insegnare a ogni bambino a usare le parole invece della violenza, a scusarsi, a scendere a compromessi, a fare amicizia e a trovare una soluzione. modo per condividere un giocattolo desiderato da entrambi o comunque per andare d'accordo in futuro. In fondo alla lista delle priorità c'è capire chi ha iniziato tutto o chi ha fatto il peggio.

Ciò mi è sembrato estremamente fuorviante e ho deciso invece di provare ad applicare la politica estera. Con l'accordo di una struttura eccellente, ho iniziato a insegnare una lezione con uno stile nuovo. Ogni volta che c’era una disputa tra due bambini, sceglievo il bambino che mi piaceva di più e lo incoraggiavo a picchiare più forte. Tenevo sempre in mano una mazza da baseball di plastica, giusto per essere preparato, e la davo al bambino favorito, esortandolo a colpire con quella la testa dell'altro bambino. Mentre lo facevano, radunavo tutti i bambini che non erano coinvolti e li informavo che se non avessero iniziato a cantare "Morte a Bobby" (o come si chiamava il secondo bambino) non avrebbero mai più visto uno spuntino nei loro panni. vite.

In questo modo, le controversie venivano rapidamente risolte, con un bambino ridotto a singhiozzare impotente, e l'altro bambino che otteneva ciò che voleva (uso totale del giocattolo o altro). Poi riunivo l'intera classe e rivedevo con loro le nostre lezioni chiave: il bambino che ho sostenuto non aveva fatto nulla di male ed era stato aggredito innocentemente; le parole non funzionano così come la violenza; il compromesso è tradimento; e le armi fanno la differenza.

C'era resistenza ai miei nuovi metodi, come di solito c'è per progredire. Mi è stato detto che stavo andando contro i valori più basilari di quasi tutta l’umanità. Per un po’ ho tenuto a bada gli oppositori sottolineando loro il completo allineamento dei miei metodi con quelli del Dipartimento di Stato americano. Stavo dando lezioni, ho detto, degne di quelle che un primo ministro britannico potrebbe dare a un presidente dell’Ucraina. Ma la sfortuna ha rovinato la mia scuola. Alcuni bambini si ammalarono. Un paio di famiglie si trasferirono. Ci sono state alcune cause legali assurde. Una madre si è uccisa.

Anni dopo, i piccoli alunni della mia unica incursione nell’insegnamento della scuola materna erano tutti cresciuti e sparsi per gli Stati Uniti. Ho provato a cercarne alcuni su Facebook e sono rimasto piuttosto sbalordito da quello che ho trovato. Penso che ciò che ho trovato giustifichi tutto ciò che ho fatto. Ho effettuato una ricerca approfondita e ho scoperto che l’82% degli ex alunni ancora in vita della mia scuola materna di politica estera sono ora membri del Congresso degli Stati Uniti.

La fine

 

 

Una Risposta

  1. Questo discorso si conclude, naturalmente, con la conclusione che dobbiamo porre fine all’istituzione della guerra.
    Tutti i tuoi saggi terminano con questa conclusione… e sono felice che lo facciano!
    In ogni pezzo mi porti a questa conclusione in modo intelligente, elegante, divertente e, direi, dotato.
    Grazie…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Festival del cinema WBW 2024
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua