Il 3% prevede di porre fine alla fame

Ecco una proposta che potrebbe porre fine alla fame in tutto il mondo. Mai più bisogno di un essere umano privo del cibo per vivere. Mai più bisogno di un solo bambino o adulto subire gli orrori della fame. La fame come pericolo per chiunque può diventare un ricordo del passato. Tutto ciò che serve, a parte le competenze di base nella distribuzione delle risorse, è il 3 percento del bilancio militare degli Stati Uniti, o l'1.5 percento di tutti i bilanci militari del mondo.

Negli ultimi anni, il bilancio militare degli Stati Uniti è stato aumentato notevolmente. Questo piano lo ridimensionerebbe al 97 percento del suo livello attuale, una differenza molto inferiore a quella che va non giustificato ogni anno. Le spese militari statunitensi rimarrebbero oltre due volte quello dei nemici più comuni designati dal governo degli Stati Uniti - Cina, Russia e Iran - messi insieme.

Ma il cambiamento nel mondo sarebbe tremendo se la fame fosse eliminata. La gratitudine provata verso coloro che l'avevano fatto sarebbe stata potente. Immagina cosa penserebbe il mondo degli Stati Uniti, se fosse conosciuto come il paese che ha posto fine alla fame nel mondo. Immagina più amici in tutto il mondo, più rispetto e ammirazione, meno nemici. I vantaggi per le comunità assistite sarebbero trasformativi. Le vite umane salvate dalla miseria e dall'incapacità costituirebbero un enorme dono per il mondo.

Ecco come il 3 percento della spesa militare USA potrebbe farlo. Nel 2008, le Nazioni Unite disse che $ 30 miliardo all'anno potrebbe porre fine alla fame sulla terra, come riportato nel New York Times, Los Angeles Timese molti altri punti vendita. L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) ci dice che il numero è ancora aggiornato.

A partire dal 2019, il bilancio annuale del Pentagono di base, oltre al bilancio di guerra, oltre alle armi nucleari nel Dipartimento dell'Energia, oltre alle spese militari del Dipartimento per la sicurezza interna, oltre agli interessi sulla spesa militare in deficit e altre spese militari ammontavano a oltre $ 1 trilione di dollari, infatti $ 1.25 trilioni. Il tre percento di un trilione è di 30 miliardi.

La spesa militare globale è $ 1.8 trilioni, calcolato dall'Istituto internazionale per la ricerca sulla pace di Stoccolma, che comprende solo 649 miliardi di dollari di spese militari statunitensi a partire dal 2018, per un totale complessivo di oltre 2 trilioni di dollari. L'uno e mezzo percento di 2 trilioni è di 30 miliardi. Ad ogni nazione sulla terra che ha un esercito può essere chiesto di spostare la sua parte per alleviare la fame.

La matematica

3% x $ 1 trilione = $ 30 miliardi

1.5% x $ 2 trilione = $ 30 miliardi

Cosa proponiamo

La nostra proposta è che il Congresso degli Stati Uniti e una futura amministrazione degli Stati Uniti, dedicati all'obiettivo di sradicare la fame, inizino ponendo fine alle sanzioni su altre nazioni che aumentano la fame e attuando una riduzione annuale della spesa militare di almeno $ 30 miliardi. Un certo numero di think tank ha proposto vario modi in quale militare spesa potrebbe essere ridotto di tale importo o più. Questi risparmi dovrebbero essere specificamente deviati verso programmi progettati per ridurre la fame in tutto il mondo e i compromessi diretti tra tagli militari ed eradicazione della fame dovrebbero essere esplicitamente presentati ai contribuenti statunitensi e al mondo.

Il modo in cui questi fondi sarebbero spesi richiede un'analisi dettagliata e probabilmente cambierebbe ogni anno in caso di necessità alimentari specifiche. In primo luogo, gli Stati Uniti potrebbero aumentare la propria assistenza internazionale, sia per aiuti umanitari immediati che per lo sviluppo agricolo a più lungo termine, a un livello pro capite paragonabile ad altri importanti donatori, come il Regno Unito, la Germania e un certo numero di scandinavi paesi. A breve termine, gli Stati Uniti dovrebbero aumentare i loro contributi agli appelli del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite per i fondi necessari per rispondere alle crisi umanitarie in tutto il mondo (molti dei quali sono dovuti a conflitti alimentati dalle vendite di armi statunitensi e / o dalle azioni di l'esercito americano).

Parte di questo finanziamento dovrebbe inoltre essere dedicata al miglioramento sostenibile a lungo termine dell'agricoltura e dei sistemi del mercato alimentare nei paesi vulnerabili, attraverso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, nonché vari istituti di ricerca e fondazioni specializzate in questi settori. Sebbene la Banca mondiale e le altre istituzioni finanziarie internazionali abbiano risultati contrastanti in termini di benefici per i più bisognosi, si dovrebbe prendere in considerazione l'aumento dei contributi statunitensi specificamente legati all'assistenza ai ministeri dell'agricoltura di alcuni paesi selezionati, come mezzo per migliorare la sicurezza alimentare a lungo termine in questi paesi.

Le uniche stringhe associate a queste donazioni sarebbero che l'uso dei fondi deve essere completamente trasparente, con tutte le spese registrate pubblicamente, e che i fondi dovrebbero essere distribuiti esclusivamente sulla base delle necessità, influenzati in alcun modo da ordini del giorno politicamente guidati.

I passi sopra descritti potrebbero essere intrapresi con nuove minime autorità legislative o riorganizzazione del governo americano. Una futura amministrazione americana potrebbe avanzare richieste di bilancio del Congresso, e indipendentemente dal fatto che il Congresso possa emanare bilanci, che aumentano notevolmente i programmi di assistenza gestiti dal Dipartimento di Stato (esclusi quelli relativi all'assistenza militare). Ciò dovrebbe comportare anche un cambiamento nelle priorità di assistenza, concentrarsi sui paesi più bisognosi e abbandonare i programmi motivati ​​politicamente. Le iniziative già esistenti, come il programma Feed the Future, creato durante l'amministrazione Obama ma che continuano ancora oggi, dovrebbero ricevere maggiori finanziamenti. Ciò che è richiesto è sufficiente volontà di agire.

FAQ

La FAO delle Nazioni Unite non afferma che sono necessari $ 265 miliardi per porre fine alla fame, non $ 30 miliardi?

No non lo fa. In un Relazione 2015, la FAO delle Nazioni Unite ha stimato che 265 miliardi di dollari all'anno per 15 anni sarebbero necessari per eliminare definitivamente l'estrema povertà - un progetto molto più ampio della prevenzione della fame un anno alla volta. Il portavoce della FAO ha spiegato in una e-mail a World BEYOND War: "Sarebbe errato confrontare le due cifre [$ 30 miliardi all'anno per porre fine alla fame contro $ 265 miliardi in 15 anni] poiché i 265 miliardi sono stati calcolati prendendo in considerazione una serie di iniziative tra cui trasferimenti di denaro di protezione sociale finalizzati all'estrazione di persone dall'estrema povertà e non solo dalla fame. "

Il governo degli Stati Uniti spende già $42 miliardi all'anno per gli aiuti. Perché dovrebbe spendere altri $ 30 miliardi?

Come un percentuale del reddito nazionale lordo o pro capite, gli Stati Uniti offrono molto meno aiuti di altri paesi. Più, 40 per cento dell'attuale "aiuto" americano non è in realtà un aiuto in senso ordinario; sono armi mortali (o denaro con cui acquistare armi mortali da società statunitensi). Inoltre, gli aiuti statunitensi non sono mirati esclusivamente sulla base delle necessità, ma in gran parte sugli interessi militari. Il più grandi destinatari sono Afghanistan, Israele, Egitto e Iraq, i luoghi che gli Stati Uniti ritengono più bisognosi di armi, non i luoghi che un'istituzione indipendente ritiene più bisognosi di cibo o altri aiuti.

Gli individui negli Stati Uniti già offrono donazioni di beneficenza private a tassi elevati. Perché abbiamo bisogno del governo degli Stati Uniti per fornire aiuti?

Perché i bambini muoiono di fame in un mondo inondato di ricchezza. Non ci sono prove che la carità privata diminuisca quando aumenta la carità pubblica, ma ci sono molte prove che la carità privata non è tutto ciò che è stato spezzato per essere. La maggior parte della carità degli Stati Uniti va alle istituzioni religiose ed educative negli Stati Uniti e solo un terzo va ai poveri. Solo una piccola parte va all'estero, solo il 5% per aiutare i poveri all'estero, solo una parte di ciò verso la fine della fame, e gran parte di ciò è perso per spese generali. La detrazione fiscale per le donazioni di beneficenza negli Stati Uniti sembra arricchire il ricco. Ad alcuni piace contare le "rimesse", ovvero i soldi inviati a casa dai migranti che vivono e lavorano negli Stati Uniti o l'investimento di denaro americano all'estero per qualsiasi scopo, come aiuto straniero. Ma semplicemente non vi è alcun motivo per cui la beneficenza privata, non importa in che cosa credi sia composta, non potrebbe rimanere la stessa o aumentare se gli aiuti pubblici statunitensi fossero avvicinati al livello delle norme internazionali.

La fame nel mondo e la malnutrizione non stanno diminuendo comunque? 

No. Gli aumenti dei conflitti in tutto il mondo e i fattori legati al clima hanno contribuito a un aumento di 40 milioni di persone malnutrite  in anni recenti. Sebbene negli ultimi 30 anni ci siano stati lenti progressi nella riduzione della malnutrizione, le tendenze non sono incoraggianti e circa 9 milioni di persone muoiono ogni anno per fame.

Qual è il piano per farlo?

  • Educare il pubblico
  • Costruisci un movimento
  • Richiedere assistenza dai principali uffici congressuali
  • Introdurre risoluzioni di supporto alle Nazioni Unite, al Congresso degli Stati Uniti, agli organi di governo di altri paesi, alle legislazioni statali degli Stati Uniti, ai consigli comunali e alle organizzazioni civili, di beneficenza e basate sulla fede

Cosa si può fare

Approvare il piano del 3 per cento per porre fine alla fame per conto della tua organizzazione.

Aiutaci a sopportare cartelloni in posizioni chiave negli Stati Uniti e nel mondo di contribuendo qui. Non puoi permetterti un cartellone pubblicitario? Usa biglietti da visita: Docx, PDF.

Partecipa o inizia un capitolo di World BEYOND War nella tua zona che può contenere eventi educativi, fare pressione sui legislatori e spargere la voce.

Assistenza World BEYOND War con una donazione qui.

Contattaci World BEYOND War essere coinvolti in questa campagna.

Scrivi un editoriale o una lettera all'editore usando le informazioni di questa pagina, le tue parole e questi suggerimenti.

Stampa questo volantino in bianco e nero su carta colorata: PDF, Docx. O stampa questo volantino.

Chiedi al tuo governo locale di passare questa risoluzione.

Se vieni dagli Stati Uniti, invia questa e-mail al tuo rappresentante e senatori.

Indossa il messaggio sul tuo camicia:

Utilizza adesivi e tazze:

Condividi su Facebook e Twitter.

Usa queste grafiche sui social media:

Facebook:

Twitter:

Cerca in WorldBeyondWar.org

Iscriviti a notizie contro la guerra e email di azione

Traduci in qualsiasi lingua