20 cose che non dovresti sapere sulla guerra a Gaza

 

Di David Swanson, World BEYOND WarNovembre 29, 2023

  1. È una guerra degli Stati Uniti contro il modello preferito dal governo statunitense.

La guerra ideale per il governo degli Stati Uniti e per i trafficanti di armi che ne hanno il controllo è una guerra combattuta con armi statunitensi da combattenti non statunitensi. La guerra in Ucraina, la guerra saudita nello Yemen, l’attuale guerra a Gaza: mettono a rischio direttamente poche vite americane ma arricchiscono sostanzialmente gli oligarchi statunitensi. L'unico miglioramento sarebbe una guerra simile Siria, Iraq, Libia, la Guerra Iran-Iraq, la Guerra della droga messicana, Seconda Guerra Mondiale, e tanti altri che hanno avuto armi di fabbricazione statunitense da entrambe le parti. Il vantaggio propagandistico nel non usare le truppe americane è quello di evitare un sacco di bare americane, ma è anche uno svantaggio perché quando le persone negli Stati Uniti si rivoltano contro una guerra che usa poche truppe americane, non sentono il bisogno grottesco di mandarla avanti per poterla salvare. vendicare chiunque sia già morto.

  1. È una guerra contro, non a favore, di un ordine basato su regole.

Più di un mese fa l'opposizione del governo americano ha bloccato una risoluzione delle Nazioni Unite per un cessate il fuoco nel massacro di Gaza. Negli anni precedenti, gli Stati Uniti hanno posto il veto a 46 risoluzioni su Israele, 34 delle quali relative ai crimini commessi in Palestina e alla necessità di pace. Il presidente degli Stati Uniti può parlare di un ordine basato su regole, ma è il principale abusatore del veto a livello mondiale, il principale commerciante di armi, il principale oppositore dei diritti umani fondamentali e dei trattati sul disarmo e il principale oppositore dei tribunali internazionali. Israele uccide con le armi americane e con la protezione americana dallo stato di diritto. Non molto tempo fa, il presidente dell’Ucraina ha affermato che le Nazioni Unite dovrebbero abolire il veto. Anche se aveva in mente la Russia, immagino che il suo trafficante d’armi a Washington gli abbia spiegato rapidamente perché aveva bisogno di tacere e di far scorrere la carne da cannone. La guerra a Gaza è ovviamente pubblicizzata come un’azione di polizia da parte dei poliziotti del mondo contro i crimini di Hamas, ma bombardare le persone è una violazione della legge, non l’applicazione della legge. Proclamando questo “911” il governo israeliano stava dichiarando che non avrebbe perseguito alcun crimine ma si sarebbe sentito libero di commetterli.

  1. È una guerra. È un genocidio. E la maggior parte delle guerre sono genocidi.

Finora a Gaza e in Israele, dall'inizio di ottobre, la proporzione delle vittime israeliane non è così piccola come la percentuale delle vittime statunitensi in Iraq o Afghanistan. La velocità degli omicidi, la retorica dei funzionari, la presenza degli utenti dei social media, l’ampiezza dell’opposizione di base in tutto il mondo: sono tutti elementi diversi ed estremi. Ma la guerra atipica è quella dell’Ucraina, non di Gaza. Per oltre un secolo, la maggior parte delle guerre non sono avvenute sui campi di battaglia, né hanno ucciso per lo più soldati, né somigliavano a ciò che la gente pensa sia una guerra tipica. Genocidio significa uccidere o altrimenti agire con l'intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso in quanto tale. La maggior parte delle guerre sono massacri unilaterali di civili, e qualsiasi argomento secondo cui una guerra non è un genocidio deve concentrarsi sulla retorica piuttosto che sull’azione. In questo caso, la retorica è semplicemente palesemente genocida. Dall'altra parte di questa guerra c'è una retorica che è anch'essa genocida, e gran parte della quale viene erroneamente interpretata come genocida, ma questa non è legalmente, moralmente e altrimenti nessuna scusa. Bombardare una nazione perché una frazione delle persone uccise sono membri del governo non è legittimo perché quel governo ha commesso dei crimini, o perché il presidente degli Stati Uniti dichiara legittimo eliminare un governo attraverso l'omicidio. Non lo è, e il governo degli Stati Uniti non penserebbe che lo sia se qualcuno bombardasse gli Stati Uniti per eliminare il Congresso americano.

  1. Questa guerra non è separata dalla creazione di Israele nel 1948, ma ne è la continuazione.

Continua ad essere importante, decennio dopo decennio, il fatto che la maggior parte degli studenti statunitensi non incontri mai la parola Nakba. È importante che Israele sia stato creato nel 1948 attraverso la guerra/terrorismo, massacrando famiglie, cacciando circa 750,000 persone dalle loro case e demolendo oltre 400 villaggi. Non è difficile saperlo. Molti libri - anche fumetti - sono stato pubblicato, attraverso sono stati fatti, app per il tuo telefono può localizzare villaggi scomparsi, ecc. Ma una massiccia industria promuove l'inconsapevolezza, sostituisce altre storie e miti, avverte di non leggere quei libri e di non usare quelle app.

  1. La guerra non viene condotta umanamente e non esiste una cosa del genere.

L’idea che si possa commettere un omicidio di massa su vasta scala e poi rimediare inviando cibo sufficiente a sfamare una frazione delle persone ancora a rischio di omicidio è utile quanto l’idea di New York City secondo cui in caso di un attacco nucleare bomba che cade su New York dovresti andare in casa. Fermarsi per consentire la pulizia etnica e pianificare i prossimi attacchi non rende umana la guerra. I gruppi per i diritti umani che chiedono all’esercito israeliano di dare il giusto avvertimento prima di far saltare in aria ogni casa stanno sostenendo qualcosa di diverso dai diritti umani. I gruppi per i diritti umani che stanno proponendo emendamenti ad un disegno di legge al Congresso per ulteriori armi, emendamenti che stabilirebbero che le armi siano usate legalmente e che particolari armi illegali non vengano usate, stanno mettendo il rossetto avvelenato su un maiale. Se le armi gratuite per un genocidio non possono essere semplicemente contrastate, piuttosto che abbellite, c’è qualcosa che possa farlo?

  1. Israele sta mentendo e non importa.

Raccontare storie di bambini decapitati, esagerare il conteggio dei morti israeliani, nascondere il fuoco amico israeliano (come viene perversamente chiamato), fingere che ci sia un quartier generale militare sotto un ospedale e così via. C'è una logorrea infinita di bugie. Ma se fossero tutte vere, non sposterebbero l’ago della bilancia verso la legalizzazione o la giustificazione del genocidio. Non si arriva e non si dovrebbe voler uccidere uomini, donne, bambini e neonati perché il loro governo ha fatto o non ha fatto qualcosa. Non si arriva e non si dovrebbe voler dire alle persone quale governo avere, a meno che non le si inviti a unirsi equamente in un governo condiviso.

  1. Non va bene uccidere i non civili.

Si sente parlare così tanto di quella che la gente chiama guerra di propaganda su chi sta o non sta uccidendo civili, che sembra quasi scortese sottolinearlo, ma non è accettabile uccidere dei non civili. Non se si sono offerti volontari con entusiasmo e non se sono stati reclutati sotto la minaccia delle armi, non se sono persone adorabili e affettuose e non se sono odiosi e colpevoli di atrocità. Non se si trattasse di una percentuale significativa delle vittime, e nemmeno se – come nella maggior parte delle guerre moderne – rappresentano una piccola frazione delle vittime. La guerra è un crimine e un orrore che include sempre, sempre, sempre cose a cui le persone si oppongono come la tortura, lo stupro, la distruzione di case e la fame. Anche noi dovremmo opporci all'omicidio.

  1. La guerra e il bigottismo non sono avversari ma partner.

L’opposizione alla guerra da parte del governo israeliano ti fa etichettare con l’etichetta ormai quasi priva di significato di “antisemita”. Nel frattempo le persone che odiano gli ebrei o vogliono che gli ebrei contribuiscano a provocare la distruzione del mondo e il trasporto dei cristiani nella terra magica vengono considerati non antisemiti perché sono a favore della guerra. Ma in realtà la guerra è alimentata dal bigottismo di tipo religioso, razzista e nazionalista, e quel bigottismo è alimentato dalla guerra. Guardate la violenza e l’odio diretti negli Stati Uniti contro musulmani ed ebrei. Censurare, punire e denunciare i sostenitori della pace non fa altro che gettare benzina sul fuoco – sapete, il carburante, quella roba che sembra sempre essere vicina alle guerre e che Israele sta già progettando di risucchiare dal fondale oceanico vicino a Gaza.

  1. Il cessate il fuoco dimostra che la diplomazia funziona, delegittimando la ripresa.

Se puoi parlare, fermare il massacro e scambiare i prigionieri, allora devi smettere di fingere che l’altra parte capisca solo la violenza. Non puoi riprendere il folle attacco dell'omicidio di massa e affermare di non avere altra scelta.

  1. L’illusione dei due Stati non aiuta.

Non solo non c’è più terra per uno stato non israeliano in Palestina, e gran parte del territorio è coperto di macerie, ma c’è sempre stata un’incoerenza nell’idea di due stati amichevolmente coesistenti, uno dei quali è uno stato di apartheid dedito alla discriminando tutti i gruppi religiosi tranne uno. A meno che i due Stati non siano intesi come un passo verso una confederazione e poi uno Stato senza apartheid con diritti fondamentali per tutti, continuare a dire “Sono per una soluzione a due Stati” non è utile.

  1. Gli Stati Zero saranno presto possibili in un deserto surriscaldato.

La Palestina si sta riscaldando due volte più velocemente del mondo nel suo insieme, ha visto un calo delle precipitazioni del 3% negli ultimi 30 anni e può aspettarsi un calo del 30% entro il 2100. Parti della costa, forse gran parte o tutta Gaza, stanno andando andare sott'acqua. Il fiume verso il mare sarà un alveo asciutto verso un mare in crescita, riscaldamento e morte.

  1. La guerra è una distrazione, una divisione, una deviazione, un’illusione e un disastro.

Ci siamo tutti dimenticati della guerra in Ucraina, anche se coloro che la gestiscono ammettono bugie e ammettono la necessità di porvi fine. A maggior ragione ci siamo dimenticati delle crisi non facoltative. Ecco la COP28: quanto hai sentito parlare dei piani per essa? Lo sforzo cooperativo di ritirarsi a tutto campo necessario per affrontare a livello globale le catastrofi umane e ambientali può essere impedito mantenendo in vigore l’istituzione della guerra e insistendo sul fatto che le nazioni competono e combattono piuttosto che collaborare. Puoi definire la pace una fantasia, ma la guerra non può durare a lungo e l'umanità sopravvive.

  1. Ogni giorno di guerra rischia una guerra più ampia e una guerra nucleare.

Le guerre non sono controllabili, in parte perché altri partiti intervengono – partiti in Iran o Iraq o Yemen o Libano, e poi più lontano. I guerrieri stanno giocando con l'apocalisse.

  1. Finanziare quattro guerre è segno di una società degenerata ma anche di disperazione.

La proposta di Genocide Joe di finanziare quattro guerre contemporaneamente (Israele, Ucraina, Taiwan e il confine del Messico) – non tutte ancora esattamente guerre – è un’indicazione di quanto sia diventata normalizzata la guerra nel governo degli Stati Uniti, di quanto sia difficile è opporsi. Ma è anche un segno di disperazione, perché le divisioni all’interno del Congresso rendono difficile finanziare le guerre una alla volta. Ciò significa che abbiamo possibilità di fermare il flusso di armi più vicine a quelle che avremmo se avessimo dei veri rappresentanti pubblici al Congresso.

  1. Siamo tanti, loro sono pochi.

I sondaggi – per quanto limitati sotto molti aspetti – mostrano che l’opposizione a continuare la guerra in Ucraina con più armi sta crescendo, e che già dal primo giorno abbiamo avuto una buona maggioranza per porre fine alla guerra a Gaza, e una maggioranza di democratici se non tra tutti per aver posto fine alle spedizioni di armi verso Israele.

  1. L’attivismo porta a termine il lavoro.

Il cessate il fuoco a Gaza è dovuto all’attivismo, che è dovuto all’organizzazione e all’educazione a lungo termine. Se il cessate il fuoco verrà mantenuto o rinnovato, sarà grazie all’attivismo. Abbiamo bisogno di più attivismo non violento, meno apatia e meno ossessione per le elezioni in un sistema elettorale marcio. Ma abbiamo bisogno che coloro che si oppongono alla guerra a Gaza trovino solidarietà con coloro che si oppongono alla guerra in Ucraina con coloro che si oppongono alla militarizzazione dei confini con coloro che si oppongono alla costruzione di una guerra con la Cina in un modo molto simile a come veniva affrontata la guerra con la Russia in passato. decenni passati. Insieme siamo più forti e la nostra comprensione del problema è più forte quando il problema non è una guerra particolare ma la malattia della guerra stessa.

  1. Dobbiamo dare priorità alla smilitarizzazione e alla denuclearizzazione.

Se l’obiettivo è la sopravvivenza, dobbiamo dare priorità alla cessazione della produzione e della spedizione, della cessione e della vendita, dell’uso e dell’accumulo di armi omicide, soprattutto quelle nucleari. Questo non fa notizia per tutti i soliti motivi. Anche una manifestazione per la pace è chiamata – e in alcuni casi lo è – una manifestazione a favore di una parte di una guerra o, nella migliore delle ipotesi, contro una guerra particolare. Ma dobbiamo opporre ogni guerra all’intera industria bellica.

  1. I governi non cercano di porre fine alle guerre.

I governi che intraprendono guerre di solito lo fanno perché pensano che ne tragga vantaggio politicamente. Non pensano che porre fine alle guerre li aiuti. E non pensano che qualcuno oserebbe sostituirli durante una guerra. Non si cambia cavallo nel mezzo di un'apocalisse, come diceva Cindy Sheehan. Ma le persone mettono fine alle guerre. E le persone mettono fine ai governi. E Johnson, Nixon, Bush il Vecchio e innumerevoli altri riconsidererebbero le loro strategie politiche se ne avessero la possibilità e l’inclinazione.

  1. La Dottrina Monroe dovrebbe essere richiamata dopo decine di milioni di vittime.

Quando sabato la Dottrina Monroe compirà 200 anni, gli eventi in diversi paesi la seppelliranno simbolicamente. Ma abbiamo bisogno che venga effettivamente sepolto, insieme all’arroganza, all’ipocrisia e all’ostilità che lo accompagnano da due secoli.

  1. L'abolizione è la via.

Come nel caso della prova attraverso la prova, del duello, della schiavitù e di altre strutture apparentemente permanenti di stabilità e bontà, la guerra deve essere abolita. Il movimento per la pace ha alleati e consiglieri nei movimenti per l’abolizione della polizia, delle carceri e di altre istituzioni problematiche, e viceversa. È tempo di a world beyond war.

Risposte 12

  1. Questo è il commento più significativo e veritiero che ho visto in 50 anni sulle corporazioni militari, sui guerrafondai e sugli esseri oscuri psicopatici disumani (inumani? 🦖) che alla fine falliranno, come evidenziato dalla loro disperazione sempre più rivelatrice.

  2. Mi chiedo quanto dell’adulatore americano nei confronti di Israele sia legato agli israeliani danzanti trovati in una strada laterale di New York durante il fiasco dell’9 settembre. Secondo i cani antidroga, il loro furgone noleggiato trasportava residui esplosivi. Sono stati presi in custodia e rapidamente rilasciati da una fascia salariale più alta.

  3. Quando una donna “cristiana” ha dichiarato che “non esistono palestinesi innocenti”, sono rimasta stupita dall’audacia dei bugiardi…, vedendoli da vicino e sapendo che Netanyahu non è l’unico che usa le Scritture per giustificare l’omicidio di innocenti – “uccidi ogni uomo, donna, bambino e lattante...” era angosciante.

  4. Assolutamente d'accordo con tutto quanto sopra. Come infermiera in pensione (incluso il Vietnam) e insegnante, mi oppongo alla guerra come attivista e scrittrice ai mass media e recentemente ho compilato e distribuito un libro di storia a tutte le nostre scuole superiori sulla storia della partecipazione e della resistenza della Nuova Zelanda alla guerra internazionale, inclusa quella senza nucleare. movimento (finanziato dal risarcimento francese per il bombardamento della Rainbow Warrior). Ciò mostra agli studenti in un mondo in guerra che alla guerra si può resistere, ed è sempre stata combattuta; sfida l'etica e la legalità della guerra, le dinamiche dell'industria degli armamenti, la competizione in ricerca e sviluppo, ecc. Ha contribuito un poeta veterano di guerra. Buoni riscontri da parte degli insegnanti, ma ci sono anche dozzine di “Accademie di servizio [militari]” nelle scuole, specialmente nelle aree a basso SES, finanziate dalla NZDF.

  5. Un brillante riassunto che non fa altro che aumentare il mio senso di disperazione: perché stiamo portando avanti le celebrazioni natalizie con tutti questi omicidi in corso!!! Non riesco a sopportare la follia di tutto questo entusiasmo!!

  6. Perché chi è al potere non riesce a capire che i conflitti militari (basati sulla produzione dispendiosa di armi e sul loro avido utilizzo al fine di produrne sempre di più) accelerano drammaticamente il cambiamento climatico e rendono probabile che il tipo di assalto che sta accadendo a Gaza in questo momento prefigura ciò che probabilmente accadrà in tutto il mondo???

  7. Che articolo parziale! Dopo che l'Impero Ottomano, alleato della Germania, perse la Prima Guerra Mondiale, gli inglesi governarono l'area geografica della Palestina, che era la patria di musulmani, ebrei e cristiani. (Molti cristiani furono sfollati e non gli fu permesso di tornare, dopo la prima guerra mondiale. Vedi il genocidio armeno portato avanti dalla Turchia.) Sostennero una soluzione a due stati, con uno stato per gli ebrei e uno stato per gli abitanti musulmani di questo territorio precedentemente controllato dai turchi. la zona. I vicini paesi musulmani non erano d’accordo con la soluzione dei due Stati. Quando gli ebrei dichiararono uno Stato indipendente di Israele nel maggio 1948, i paesi musulmani vicini attaccarono Israele. Vincendo questa guerra difensiva, lo Stato israeliano si ingrandì grazie alla terra conquistata in questa Guerra d’Indipendenza. Se i musulmani avessero accettato la soluzione dei due Stati, le dimensioni di Israele sarebbero rimaste più piccole. Un trattato per la creazione di due stati è stato elaborato con l’aiuto degli Stati Uniti ma, all’ultimo minuto della diplomazia, i palestinesi lo hanno respinto. L'attuale guerra tra Hamas e Israele è stata iniziata da Hamas con un'atrocità in un'area pacifica di Israele, con bambini bruciati vivi nelle loro culle, e con atrocità atroci, inclusa ancora la detenzione di ostaggi. Hamas potrebbe fermare questo terribile omicidio consegnando gli ostaggi e arrendendosi a Israele. Ma invece vogliono riorganizzarsi, riarmarsi e prepararsi per il prossimo attacco contro Israele. Non c’è da stupirsi che Israele non sosterrà un cessate il fuoco che aiuterebbe solo Hamas. Attendo con ansia la creazione di un secondo stato per i palestinesi, in Cisgiordania, la rimozione degli insediamenti ebraici dal nuovo stato e la pace tra Israele e Palestina, supervisionata da una forza internazionale, per prevenire il terrorismo e le azioni aggressive da parte dei palestinesi. entrambi i lati.

  8. Ogni giorno che passa diventa sempre più chiaro che Israele vuole uccidere o scacciare fino all’ultimo palestinese da Gaza e dalla Cisgiordania. Gaza è già stata quasi completamente rasa al suolo e Israele non ha intenzione di ricostruirla. Tutto ciò che vogliono è l’accesso ai giacimenti di gas e petrolio al largo della costa di Gaza, da aggiungere a quelli che già possiedono.
    Tutte le sciocchezze che si dicono sulla “soluzione dei due Stati” sono semplici decorazioni di facciata da parte di USA, UE, Regno Unito e dei media addomesticati ai quali riversano la loro propaganda menzognera.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Muoviti per la sfida della pace
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua