Biden sta commettendo un suicidio diplomatico per l'accordo sul nucleare iraniano?


Di Medea Benjamin e Nicolas JS Davies, World BEYOND WarFebbraio 15, 2021

Mentre il Congresso lotta ancora per approvare a Rilievo COVID Bill, il resto del mondo è nervoso riservandosi il giudizio sul nuovo presidente americano e sulla sua politica estera, dopo che le successive amministrazioni statunitensi hanno provocato shock inaspettati e dannosi al mondo e al sistema internazionale.

Il cauto ottimismo internazionale nei confronti del presidente Biden si basa in gran parte sul suo impegno per il successo diplomatico di Obama, il JCPOA o accordo nucleare con l'Iran. Biden ei Democratici hanno criticato Trump per essersi ritirato e hanno promesso di rientrare prontamente nell'accordo se eletto. Ma Biden ora sembra proteggere la sua posizione in un modo che rischia di trasformare quella che dovrebbe essere una vittoria facile per la nuova amministrazione in un fallimento diplomatico evitabile e tragico.

Mentre sono stati gli Stati Uniti sotto Trump a ritirarsi dall'accordo nucleare, Biden sta assumendo la posizione che gli Stati Uniti non si uniranno nuovamente all'accordo o lo abbandoneranno sanzioni unilaterali fino a quando l'Iran non tornerà in regola. Dopo il ritiro dall'accordo, gli Stati Uniti non sono in grado di avanzare tali richieste e il ministro degli Esteri Zarif ha chiaramente ed eloquentemente li ha respinti, ribadendo il fermo impegno dell'Iran che tornerà alla piena conformità non appena gli Stati Uniti lo faranno.

Biden avrebbe dovuto annunciare il rientro degli Stati Uniti come uno dei suoi primi ordini esecutivi. Non ha richiesto rinegoziazione o dibattito. Sulla scia della campagna, Bernie Sanders, il principale concorrente di Biden per la nomination democratica, semplicemente promesso, "Rientrerei nell'accordo il primo giorno della mia presidenza."

L'allora candidato senatore Kirsten Gillibrand ha detto durante le primarie democratiche: "Dobbiamo unirci ai nostri alleati per tornare all'accordo, a condizione che l'Iran accetti di rispettare l'accordo e intraprenda misure per invertire le sue violazioni ..." Gillibrand ha detto che l'Iran deve "accettare" di prendere quelle misure, non che devono prenderli per primi, anticipando prescientemente e rifiutando implicitamente la posizione autodistruttiva di Biden secondo cui l'Iran deve tornare completamente a conformarsi al PACG prima che gli Stati Uniti si riuniscano.

Se Biden si ricongiungesse al JCPOA, tutte le disposizioni dell'accordo torneranno in vigore e funzioneranno esattamente come prima che Trump si ritirasse. L'Iran sarà soggetto alle stesse ispezioni e rapporti dell'AIEA di prima. Se l'Iran sarà conforme o meno sarà determinato dall'AIEA, non unilateralmente dagli Stati Uniti. È così che funziona l'accordo, come hanno convenuto tutti i firmatari: Cina, Francia, Germania, Iran, Russia, Regno Unito, Unione europea e Stati Uniti.

Allora perché Biden non sta intascando avidamente questa facile prima vittoria per il suo dichiarato impegno per la diplomazia? A dicembre 2020 lettera sostenere il JCPOA, firmato da 150 House Democrats, avrebbe dovuto rassicurare Biden che ha un sostegno schiacciante per resistere ai falchi di entrambe le parti.

Ma invece Biden sembra ascoltare gli oppositori del PACG dicendogli che il ritiro di Trump dall'accordo gli ha dato "leva" negoziare nuove concessioni dall'Iran prima di rientrare. Piuttosto che dare a Biden influenza sull'Iran, che non ha motivo di fare ulteriori concessioni, questo ha dato agli avversari del JCPOA una leva su Biden, trasformandolo nel calcio, invece che nel quarterback, in questo Super Bowl diplomatico.

Neocon e falchi americani, inclusi quelli dentro la sua stessa amministrazione sembra stia mostrando i muscoli per sopprimere l'impegno di Biden per la diplomazia alla nascita, e le sue stesse opinioni di politica estera da falco lo rendono pericolosamente suscettibile alle loro argomentazioni. Questo è anche un test del suo rapporto in precedenza sottomesso con Israele, il cui governo si oppone con veemenza al PACG e i cui funzionari hanno persino minacciato lanciare un attacco militare contro l'Iran se gli Stati Uniti si uniscono di nuovo, una minaccia palesemente illegale che Biden deve ancora condannare pubblicamente.

In un mondo più razionale, l'appello al disarmo nucleare in Medio Oriente si concentrerebbe su Israele, non sull'Iran. Come ha scritto l'arcivescovo Desmond Tutu sul Guardian il 31 dicembre 2020, il possesso di Israele di dozzine - o forse centinaia - delle armi nucleari è il peggio tenuto segreto nel mondo. L'articolo di Tutu era una lettera aperta a Biden, chiedendogli di riconoscere pubblicamente ciò che il mondo intero già sa e di rispondere come richiesto dalla legge statunitense all'effettiva proliferazione di armi nucleari in Medio Oriente.

Invece di affrontare il pericolo delle vere armi nucleari di Israele, le successive amministrazioni statunitensi hanno scelto di gridare "Wolf!" su armi nucleari inesistenti in Iraq e Iran per giustificare l'assedio dei loro governi, l'imposizione di sanzioni mortali al loro popolo, l'invasione dell'Iraq e la minaccia dell'Iran. Un mondo scettico sta guardando per vedere se il presidente Biden ha l'integrità e la volontà politica per rompere questo schema insidioso.

Il Weapons Intelligence, Nonproliferation and Arms Control Center (WINPAC) della CIA, che alimenta le paure degli americani di immaginarie armi nucleari iraniane e alimenta infinite accuse su di loro all'AIEA, è la stessa entità che ha prodotto le bugie che hanno spinto l'America alla guerra in Iraq in 2003. In quell'occasione, il direttore di WINPAC, Alan Foley, ha detto al suo staff, "Se il presidente vuole andare in guerra, il nostro lavoro è trovare l'intelligence che gli permetta di farlo" - anche se in privato ha ammesso al suo collega in pensione della CIA Melvin Goodman che le forze statunitensi alla ricerca di armi di distruzione di massa in Iraq avrebbero trovato, " non molto, semmai. "

Ciò che rende lo stallo di Biden per placare Netanyahu ei neoconservatori diplomaticamente suicida in questo momento è che a novembre il parlamento iraniano ha approvato una legge ciò costringe il suo governo a fermare le ispezioni nucleari e ad aumentare l'arricchimento dell'uranio se le sanzioni statunitensi non saranno allentate entro il 21 febbraio.

A complicare ulteriormente le cose, l'Iran terrà le proprie elezioni presidenziali il 18 giugno 2021 e la stagione elettorale - quando la questione sarà oggetto di accesi dibattiti - inizierà dopo il capodanno iraniano il 21 marzo. Il vincitore dovrebbe essere un intransigente sostenitore della linea dura. La politica fallita di Trump, che Biden sta ora proseguendo per impostazione predefinita, ha screditato gli sforzi diplomatici del presidente Rouhani e del ministro degli Esteri Zarif, confermando per molti iraniani che negoziare con l'America è una commissione da pazzi.

Se Biden non si ricongiungerà presto al PACG, il tempo sarà troppo breve per ripristinare la piena conformità sia da parte dell'Iran che degli Stati Uniti, inclusa la revoca delle sanzioni pertinenti, prima delle elezioni iraniane. Ogni giorno che passa riduce il tempo a disposizione degli iraniani per vedere benefici dalla rimozione delle sanzioni, lasciando poche possibilità che votino per un nuovo governo che supporti la diplomazia con gli Stati Uniti.

Il calendario attorno al JCPOA era noto e prevedibile, quindi questa crisi evitabile sembra essere il risultato di una deliberata decisione di Biden di cercare di placare neocon e guerrafondai, nazionali e stranieri, prepotendo l'Iran, un partner in un accordo internazionale che sostiene di sostegno, per fare ulteriori concessioni che non fanno parte dell'accordo.

Durante la sua campagna elettorale, il presidente Biden ha promesso di "elevare la diplomazia come strumento principale del nostro impegno globale". Se Biden fallisce questo primo test della sua diplomazia promessa, le persone in tutto il mondo concluderanno che, nonostante il suo sorriso tipico e la sua personalità affabile, Biden non rappresenta più un autentico impegno per la partnership americana in un "mondo basato sulle regole" cooperativo di Trump o Obama l'ha fatto.

Ciò confermerà la costante crescita internazionale pubblica che, dietro la routine buona poliziotta cattiva dei repubblicani e dei democratici, la direzione generale della politica estera degli Stati Uniti rimane fondamentalmente aggressiva, coercitiva e distruttiva. Persone e governi di tutto il mondo continueranno a declassare le relazioni con gli Stati Uniti, come hanno fatto sotto Trump, e anche i tradizionali alleati degli Stati Uniti tracceranno una rotta sempre più indipendente in un mondo multipolare dove gli Stati Uniti non sono più un partner affidabile e certamente non un leader.

C'è così tanto in bilico, per il popolo iraniano che soffre e muore sotto l'impatto di Sanzioni statunitensi, per gli americani che desiderano relazioni più pacifiche con i nostri vicini in tutto il mondo e per le persone di tutto il mondo che desiderano un ordine internazionale più umano ed equo per affrontare gli enormi problemi che tutti noi dobbiamo affrontare in questo secolo. L'America di Biden può essere parte della soluzione? Dopo solo tre settimane in carica, sicuramente non può essere troppo tardi. Ma la palla è nel suo campo e il mondo intero sta guardando.

Medea Benjamin è cofondatrice di CODEPINK per la pacee autore di numerosi libri, tra cui Inside Iran: The Real History and Politics della Repubblica islamica dell'Iran. È membro del gruppo di scrittori Collective20.

Nicolas JS Davies è un giornalista indipendente, un ricercatore di CODEPINK e autore di Sangue nelle nostre mani: l'invasione americana e la distruzione dell'Iraq.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Articoli Correlati

La nostra teoria del cambiamento

Come porre fine alla guerra

Muoviti per la sfida della pace
Eventi contro la guerra
Aiutaci a crescere

I piccoli donatori ci fanno andare avanti

Se scegli di effettuare un contributo ricorrente di almeno $ 15 al mese, puoi selezionare un regalo di ringraziamento. Ringraziamo i nostri donatori ricorrenti sul nostro sito web.

Questa è la tua occasione per reimmaginare a world beyond war
Negozio WBW
Traduci in qualsiasi lingua